Migliori azioni sottovalutate: come investire

In finanza si considera sottovalutato un titolo o a un altro tipo di investimento che viene venduto sul mercato a un prezzo presumibilmente inferiore al suo reale valore intrinseco. Il valore intrinseco viene usualmente determinato sulla base di una stima dei flussi cassa attesi che un’impresa o un titolo può generare attualizzati ad un tasso appropriato.

azioni sottovalutate 2018

Il value investing è una strategia di investimento che si prefigge l’obiettivo di acquistare azioni o titoli sottovalutati sul mercato con l'obiettivo di conseguire un guadagno nel momento in cui le quotazioni di mercato si riallineano con il valore intrinseco.

Cosa sono le azioni sottovalutate o undervalued stocks?

Un'azione viene considerata sottovalutata se la sua quotazione di mercato è inferiore al suo valore intrinseco. Il concetto di valore intrinseco non è tuttavia definito in modo obiettivo e universale, ma costituisce di fatto una valutazione, in parte soggettiva, formulata da parte dell’investitore. 

Quando si dice che un'azione è sottovalutata, si dice essenzialmente che si ritiene che l'azione valga di più dell'attuale prezzo di mercato, ma si tratta di un'affermazione in qualche misura soggettiva, che può basarsi o meno su un'argomentazione razionale basata sui fondamentali del business.

Come trovare azioni sottovalutate 

Esistono diversi criteri per stabilire se un’azione è sottovalutata e hanno tutti a che fare con l'analisi fondamentale. Di seguito riportiamo una breve rassegna dei più diffusi.

CriteriRatio
1Price Earnings RatioP/E o PER
2Price Book RatioP/B
3Dividend yieldDividendo/prezzo
4Price – sales ratioP/S ratio o PSR
5Price-to-cash flow ratioP/CF

Price Earnings Ratio

Il Price Earnings Ratio, noto anche come rapporto P/E o PER, è calcolato dividendo il prezzo delle azioni di una società e gli utili pagati per ogni azione. Essendo il rapporto tra un titolo (prezzo dell'azione) e un flusso (utili per azione), il rapporto P/E ha l'unità di misura del tempo. Può essere interpretato quindi come l'arco di tempo in cui l'azienda dovrebbe sostenere i suoi guadagni attuali per guadagnare abbastanza da ripagare il prezzo corrente dell'azione. Sebbene in linea di principio il rapporto P/E possa essere espresso in termini di qualsiasi unità di tempo, nella pratica viene essenzialmente sempre riportato implicitamente in anni. 

Il rapporto prezzo/utile (PER) è uno dei metodi più utilizzato per determinare se le azioni sono valutate “correttamente” l'una rispetto all'altra. In genere si confronta questo indicatore calcolato con la media del mercato o di uno specifico settore industriale o di altre aziende ritenute comparabili. 

Il PER di un'azione di una società quotata in borsa è il risultato della percezione collettiva del mercato su quanto sia rischiosa la società e quali siano le sue prospettive di crescita degli utili rispetto a quelle di altre società. Gli investitori utilizzano il PER per confrontare la propria percezione del rischio e della crescita di una società con la percezione collettiva del rischio e della crescita del mercato, riflessa nel PER corrente. Se gli investitori ritengono che la loro percezione sia superiore a quella del mercato, possono decidere di acquistare o vendere di conseguenza.

Price Book Ratio

Il rapporto prezzo/valore contabile, o rapporto P/B, è un rapporto finanziario utilizzato per confrontare l'attuale valore di mercato di una società con il suo valore contabile (dove il valore contabile è il valore di tutte le attività meno le passività di una società). Il calcolo può essere effettuato in due modi, ma il risultato dovrebbe essere lo stesso. 

Nel primo modo, la capitalizzazione di mercato della società può essere divisa per il valore contabile totale della società, ricavato dal suo bilancio. Il secondo modo, utilizzando i valori per azione, consiste nel dividere il prezzo corrente delle azioni della società per il valore contabile per azione (cioè il valore contabile diviso per il numero di azioni in circolazione). Questo rapporto è noto anche come “market-to-book ratio” e “price-to-equity ratio” (da non confondere con il “price-to-earnings ratio”), mentre il suo inverso è chiamato “book-to-market ratio”.

Come per la maggior parte dei rapporti, varia molto a seconda del settore. I settori che richiedono più capitale infrastrutturale (per ogni dollaro di profitto) di solito scambiano con rapporti P/B molto più bassi rispetto, ad esempio, alle società di consulenza. I rapporti P/B sono frequentemente utilizzati per confrontare banche, intermediari finanziari o altre imprese per le quali la maggior parte delle attività e delle passività delle banche sono costantemente valutate ai valori di mercato. 

Questo rapporto dà anche un'idea del fatto che un investitore stia pagando troppo per ciò che rimarrebbe se l'azienda fallisse immediatamente. Per le aziende in difficoltà, il valore contabile viene solitamente calcolato senza le attività immateriali che non avrebbero alcun valore di rivendita. In questi casi, il P/B dovrebbe essere calcolato anche su base “diluita”, perché le stock option potrebbero maturare in caso di vendita dell'azienda, di cambio di controllo o di licenziamento del management.

Dividend yield

Il rapporto dividendo-prezzo di un'azione è il dividendo per azione diviso per il prezzo per azione. È anche il totale dei dividendi annuali di una società diviso per la sua capitalizzazione di mercato, supponendo che il numero di azioni sia costante. Spesso viene espresso in percentuale. Questo indicatore viene per calcolare il guadagno sull'investimento (azioni) considerando solo i rendimenti sotto forma di dividendi totali dichiarati dalla società nel corso dell'anno.

Price-sales ratio

Il rapporto prezzo/vendite, P/S ratio o PSR si calcola dividendo la capitalizzazione di mercato dell'azienda per il fatturato dell'anno più recente o, equivalentemente, dividendo il prezzo dell'azione per azione per il fatturato per azione. Se non diversamente indicato, il P/S è “trailing twelve months” (TTM), ovvero le vendite riportate nei quattro trimestri precedenti, anche se ovviamente si possono esaminare periodi di tempo più lunghi.

Più il rapporto è basso più il titolo analizzato è considerato conveniente, poiché l'investitore paga meno per ogni unità di vendita. Tuttavia, le vendite non rivelano l'intero quadro, in quanto l'azienda potrebbe non essere redditizia con un rapporto P/S basso. A causa delle limitazioni, questo rapporto viene solitamente utilizzato solo per le società non redditizie, in quanto non dispongono di un rapporto prezzo/utili (P/E).[2] La metrica può essere utilizzata per determinare il valore di un'azione in relazione alla sua performance passata. Può anche essere utilizzata per determinare la valutazione relativa di un settore o del mercato nel suo complesso.

I PSR variano notevolmente da settore a settore, quindi sono più utili per confrontare titoli simili all'interno di un settore o di un sotto-settore.

Price-to-cash flow ratio

Il rapporto P/CF si calcola dividendo il valore di mercato della società per il flusso di cassa operativo dell'ultimo anno fiscale (o degli ultimi quattro trimestri fiscali); o, equivalentemente, dividendo il prezzo dell'azione per azione per il flusso di cassa operativo per azione. In teoria, quanto più basso è il rapporto prezzo/flusso di cassa di un'azione, tanto migliore è il suo valore.

Ad esempio, se il prezzo delle azioni di due società è di 25 dollari/azione e una società ha un flusso di cassa di 5 dollari/azione (25⁄5=5) e l'altra società ha un flusso di cassa di 10 dollari/azione (25⁄10=2,5), se tutto il resto è uguale, la società con il flusso di cassa più elevato (rapporto più basso, P/CF=2,5) ha il valore migliore.

Vantaggi di investire in azioni sottovalutate 2022: perché comprarle

Gli investitori che ricercano azioni sottovalutate come strategia di investimento operano sul presupposto che, le quotazioni di mercato delle azioni possano divergere dal valore reale delle aziende che rappresentano, solo in via temporanea e che le operazioni di acquisto e vendita concluse tra gli investitori tendano a riallineare i due valori. Ne consegue che un operatore in grado di stimare correttamente il valore di un’azienda può sfruttare i momenti nei quali il valore di mercato delle azioni scende al di sotto del valore intrinseco e conseguire dei guadagni.

Una versione meno rigida di questo approccio, che non necessita di stime puntuali del valore intrinseco di una società, si limita a costatare che, nel tempo, i mercati finanziari fluttuano e anche le azioni di società solide, con ottime prospettive di crescita in futuro, tendono periodicamente a scendere in modo irragionevole. 

Azioni americane sottovalutate 

Le azioni americane hanno registrato nel corso dell’estate un ribalzo di breve durata. Il terzo trimestre si è concluso con un calo del 4% del Morningstar US Market Index. Per sapere quali sono le azioni Usa sottovalutate leggi questo articolo.

Azioni italiane sottovalutate: Borsa italiana

Alcuni analisti ritengono che alcune azioni del Vecchio Continente siano ancora in parte sottovalutate. Ecco una top 5 di titoli italiani sottovalutati.

SocietàTickerPrezzo/Fair valueSettore
Infrastrutture Wireless Italiane SpAINW0,83Comunicazioni
Nexi SpANEXI0,70Tecnologia
Saipem SpASPM0,48Energia
Leonardo SpA Az nom Post raggruppamentoLDO0,51Beni industriali
Enel SpAENEL0,73Pubblica utilità

Azioni Europee sottovalutate

SocietàTickerSettore
RenaultRNOMotori
Imperial BrandsIMBTabacco
LeonardoLDOBeni industriali

Renault (RNO) Sconto del 61% 

La francese Renault (RNO) è la società più sottovalutata d'Europa, secondo le stime di Morningstar. L'azienda fa parte della più ampia alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, che produce quasi 8 milioni di veicoli all'anno: Renault possiede il 43,7% di Nissan, mentre Nissan possiede circa il 15% di Renault e il 34% di Mitsubishi (e anche la giapponese Nissan ha una valutazione 5 Stelle Morningstar).

La società ha registrato rendimenti negativi per diversi anni. Quest'anno è scesa del 4,08%, che è comunque meglio del deludente rendimento del -15,22% del 2020. Negli ultimi 5 anni, Renault ha registrato un calo del 9,33% su base annua. Come altre aziende automobilistiche, è stata colpita dalla carenza di chip e il management ritiene che 500.000 unità andranno perse di conseguenza. La maggioranza degli analisti ritiene tuttavia che venti contrari legati ai chip e al Covid-19 siano temporanei. Per gli investitori pazienti di lungo termine, questo titolo a ha una valutazione interessante.

Imperial Brands (IMB) – Sconto del 47% 

Quarta azienda internazionale di tabacco al mondo (esclusa China National Tobacco), con un volume totale di 239 miliardi di sigarette vendute nell'anno fiscale 2020, IMB opera in oltre 160 Paesi. La società è in cima alla lista stilata da Morningstar delle società che pagano dividendi per il secondo mese consecutivo, con un rendimento dell'8,82%. Inoltre, è una delle tre società britanniche coperte da Morningstar con un ampio moat e cinque stelle.

La determinante principale del suo vantaggio competitivo risiede nella fedeltà ai suoi marchi da parte dei fumatori (mentre la natura stessa del prodotto crea una “fedeltà” di tipo diverso). Inoltre, la rigida regolamentazione del settore del tabacco tiene a bada i concorrenti e le quote di mercato sono stabili. Sebbene imperial sia in calo del 6,66% su base annua a 5 anni, quest'anno ha reso il 6,72%.

Leonardo (LDO) – Sconto del 48% 

Leonardo è una delle maggiori aziende europee del settore della difesa e il 30% delle sue azioni è di proprietà del governo italiano. Le divisioni del gruppo comprendono elicotteri, difesa, elettronica, sistemi di sicurezza e aeronautica. L'azienda ha una storia piuttosto travagliata, afflitta da corruzione, ingerenze politiche e un programma di ristrutturazione apparentemente costante, che ha pesato sul suo potenziale di produrre margini interessanti.

L'azienda si sta inoltre riprendendo dal 2020, quando le sue azioni erano scese del 42,11%. Quest'anno Leonardo è in rialzo del 12,15%. Dopo una serie di cessioni e di razionalizzazioni del portafoglio, il gruppo è in grado di concentrarsi sui suoi mercati principali e si ritiene che, nonostante le turbolenze esterne di breve periodo, il gruppo sarà in grado di generare utili economici nei prossimi 10 anni. Il suo rendimento annualizzato a 5 anni è pari a -9,89%.

Broker per l'acquisto di azioni

Qui ti lasciamo una selezione dei broker per comprare azioni.

Fineco

Fineco Bank è una banca italiana fondata nel 1999. È regolamentata dalla Banca d'Italia, dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob) e soggetta anche alla regolamentazione limitata della Financial Conduct Authority (FCA) e della Prudential Regulation Authority (PRA) del Regno Unito.

Ha una licenza bancaria, è quotata alla Borsa Italiana ed è un componente dell'indice azionario STOXX Europe 600.

Fineco Bank, per queste ragioni, è considerata sicura: perché ha un lungo curriculum, è quotata in borsa, ha un background bancario e divulga i propri dati finanziari in modo trasparente.

eToro

Fondata in Israele da un gruppo di investitori locali, eToro è regolamentata da diverse autorità di regolamentazione di alto livello, a seconda del paese in cui si opera. La sua solidità finanziaria e la supervisione della IPO ci permettono di considerarlo un broker sicuro e protetto. eToro si rivolge ai millennials e ai principianti che vogliono accedere ai mercati finanziari in modo semplice e avere a disposizione in un'app il maggior numero di prodotti finanziari. Sono anche leader mondiali nel copytrading e hanno migliaia di Popular Investor che sono i loro principali ambasciatori del marchio. eToro si è posizionato per catturare l'interesse degli investitori in cripto-asset, CFD e recentemente azioni ed ETF senza commissioni.

Interactive Brokers

Interactive Brokers è uno dei più grandi broker al mondo, fondato oltre 42 anni fa negli Stati Uniti, in particolare a Greenwich, nel Connecticut. L'azienda ha un capitale azionario di oltre 10,6 miliardi di dollari, più di 2.650 dipendenti e uffici in tutto il mondo in Australia, Canada, Cina, Estonia, Hong Kong, Ungheria, India, Giappone, Russia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Inoltre, la società è stata quotata in borsa nel 2007 e da allora possiamo acquistare le sue azioni sul NASDAQ con il codice IBKR.

L'offerta di prodotti e mercati è incredibilmente ampia e offre anche azioni frazionarie.

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia, Australia

Broker affidabile con 1.54M di conti clienti e un capitale di 10.01 miliardi di dollari, quotato al Nasdaq.

Commissioni basse e migliore esecuzione dei prezzi possibile grazie al sistema IB SmartRoutingSM.

Piattaforme e strumenti di trading gratuiti - abbastanza potenti per i trader professionisti, ma progettati per tutti.

Deposito minimo:

$0.00

Scalable Capital

Con la sua soluzione di brokeraggio online, Scalable Capital offre una piattaforma di investimento digitale che consente ai singoli investitori di gestire autonomamente i propri investimenti. Offre la possibilità di negoziare e impostare piani di investimento in azioni, criptovalute e oltre 1.900 ETF, senza alcuna commissione e a partire da un risparmio mensile di 1 euro.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Obbligatorio)

Guida Analisi Tecnica

Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:

  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica


Articoli correlati

Calendario dei dividendi di Borsa italiana
I dividendi rappresentano una fonte importante di reddito per gli investitori in azioni. In Italia, il mercato azionario offre opportunità interessanti per i dividend yield, ovvero il rendimento generato dalle distribuzioni di dividendi. Analizzar...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy