Cos’è l’indicatore Qstick e come si usa?

L'indicatore QStick fonda il suo algoritmo su una elaborazione quantitativa del principo delle candele giapponesi. In questo post vedremo cos'è l'indicatore Qstick e come si usa.

Indicatore Qstick: definizione

L'indicatore Qstick è un indicatore fondamentalmente applicato ai grafici a candele, al fine di identificare se il mercato è in una fase rialzista (candele bianche) o in una fase ribassista (candele nere). Questo indicatore è stato sviluppato da Tushar Chande e Stanley Kroll che ne hanno scritto un libro nel 1994 ,The New Technical Trader.

Indicatore Qstick nell'analisi tecnica

Lindicatore Qstick è un indicatore di momentum simile al Moving Average Convergence Divergence (MACD) ampiamente utilizzato nell'analisi tecnica, in quanto è costruito utilizzando la differenza tra i prezzi di apertura e di chiusura delle candele formate in precedenza e viene visualizzato sotto forma di istogramma. I valori positivi indicano che gli acquirenti hanno il controllo e quelli negativi che i venditori hanno il controllo. Qui di seguito troverete maggiori informazioni su questo indicatore.

Interpretazione dell'indicatore Qstick

Per lo più, i valori dell'indicatore sopra lo zero indicano un mercato rialzista o in crescita e i valori sotto lo zero indicano un mercato ribassista o discendente. Il mercato può anche essere interpretato come segue:

  • Croci: una croce all'inizio della linea dello zero significherà la possibilità dell'inizio di un mercato in aumento, una croce alla fine della linea dello zero indicherà che il mercato si sta indebolendo e, quindi, la possibilità di un calo dei prezzi . I movimenti intorno alla linea dello zero indicheranno un movimento laterale o una tendenza indefinita.
  • Segnali di acquisto e vendita: generalmente si verificano in valori esterni. Il segnale di acquisto compare quando dopo aver raggiunto i valori minimi l'indicatore ruota verso l'alto e la successiva correzione non raggiunge il valore minimo precedente. Da parte sua, il segnale di vendita sorge quando, dopo aver raggiunto i valori massimi, l'indicatore si abbassa e la successiva correzione non riesce a raggiungere il massimo precedente. Pertanto, è importante confermare i segnali con una media a breve termine (da 1 a 3 sessioni) in modo che l'incrocio al rialzo della media confermi il segnale di acquisto e l'incrocio al ribasso del segnale di vendita.
  • Divergenze: un segnale di forza o debolezza del mercato si verifica quando l'oscillatore raggiunge determinati valori ei prezzi si muovono nella direzione opposta. Quindi, quando l'indicatore raggiunge massimi successivi, non vengono abbinati al movimento dei prezzi e, viceversa, quando l'oscillatore raggiunge minimi consecutivi, i prezzi attenuano la tendenza. Va tenuto presente che l'affidabilità dei segnali è maggiore nelle aree di mercato ipercomprato o ipervenduto.

Calcolo dell'indicatore Qstick

Il calcolo dell'indicatore Qstick dipende dal time frame del grafico desiderato, dalla durata della media mobile e dal tipo di media mobile.

  • Grafico temporale: un time frame comunemente utilizzato è quello giornaliero. 
  • Lunghezza della media mobile: una media mobile più corta è più adatta ai trader a breve termine, mentre una media mobile più lunga è più adatta agli investitori a lungo termine. Ciò è dovuto al ritardo associato alla lunghezza della media mobile.
  • Tipo di media mobile: i tipi di medie mobili comprendono la media mobile semplice (SMA), la media mobile esponenziale (EMA), la media mobile smussata (SMMA) e la media mobile ponderata lineare (LWMA).

L'indicatore Qstick viene calcolato prendendo una media mobile di “n” periodi della differenza tra i prezzi di chiusura e di apertura di un titolo. Il calcolo dell'indicatore è meglio comprensibile attraverso un esempio, riportato di seguito.

Costruzione

Il QStick risulta dalla media mobile della differenza tra i prezzi di apertura e i prezzi di chiusura della sessione, dettagliati di seguito, secondo i dati forniti dalla seguente tabella:

Vediamo, per una certa sessione, come quella indicata il 2 gennaio, ad esempio, Prima colonna evidenziata in blu, si osserva quanto segue:

  • Nella seconda e terza colonna ci sono i prezzi di apertura e chiusura della sessione corrente. In questo caso, rispettivamente 62.0000 e 61.6250.
  • La quarta colonna mostra la differenza tra il prezzo di chiusura e il prezzo di apertura della sessione corrente, mantenendo il segno, quindi, 61.6250 – 62.0000 = -0.3750.
  • La quinta colonna determina la somma del risultato precedente della seduta corrente e dei precedenti considerati (di default 7): il risultato, per puro caso, era 0,3750.
  • Infine, nella sesta colonna c'è il Qstick come segue: risultato precedente diviso per le sessioni scelte. Per impostazione predefinita, 8. Pertanto, 0,3750 / 8 = 0,0469. Il valore, in base a questo risultato, non sembra mostrare un trend definito. Aspetta le sessioni successive prima di confermare se la virata sarà su o giù.

Il Qstick deriva dalla media mobile della differenza tra i prezzi di apertura e di chiusura della sessione. La sua formula è quindi

Qstick = media mobile n (chiusura – apertura)

In questo caso, Tushar consiglia di utilizzare una configurazione a 5 giorni per l'analisi dei futures a breve termine e una configurazione a 20 giorni per l'analisi a medio termine.

Esempio di indicatore Qstick

Di seguito sono riportati i grafici a candele giornalieri e il set di dati associato per il titolo A:

qstick indicator

Figura: Candela giornaliera (periodo di 10 giorni).

calcolo qstick

Figura: Set di dati

Di seguito viene illustrata la costruzione dell'indicatore Qstick:

qstick analisi tecnica

Risultato:

analisi tecnica

Vantaggi dell'uso dell'indicatore Qstick

Tra i vantaggi dell'uso di questo indicatore troviamo

  • Il QStick permette di misurare la pressione di acquisto e di vendita facendo una media della differenza tra il prezzo di chiusura e quello di apertura. Quando il prezzo, in media, chiude più in basso rispetto all'apertura, l'indicatore si sposta verso il basso. Quando il prezzo, in media, chiude più in alto dell'apertura, l'indicatore si sposta verso l'alto.
  • Permette di verificare quando si verificano segnali di trading quando il Qstick supera la linea dello zero. Il passaggio sopra lo zero viene utilizzato come segnale di acquisto perché indica che la pressione di acquisto sta aumentando, mentre i segnali di vendita si verificano quando l'indicatore si sposta sotto lo zero.
  • Con questo indicatore è possibile tracciare una media mobile a ‘n' periodi dei valori di Qstick che funge da linea di segnale. I segnali di trading vengono quindi generati quando il valore del Qstick supera la linea di attivazione. Tre è un periodo ‘n' comune per la linea di segnale.
  • L'indicatore può anche evidenziare una divergenza. Quando il prezzo sale, ma il QStick scende, indica che il momentum potrebbe rallentare. Quando il prezzo è in calo e il QStick è in aumento, indica che il momento di acquisto del prezzo potrebbe verificarsi presto. 

Limiti dell'indicatore Qstick

L'indicatore è fondamentalmente utile in valori estremi e, quindi, per identificare divergenze tra il movimento dei prezzi e i valori dell'indicatore. Il fatto che ci siano incroci con la linea dello zero non implica necessariamente che l'indicatore stia anticipando un trend, ma piuttosto che stia confermando un trend. Per questo motivo, è importante completare l'interpretazione dei segnali con altri oscillatori poiché potrebbero essere generati falsi segnali, come il Commodity Channel Index (o CCI), il Relative Strength Index o l'R-squared.

Conclusione

Per concludere, facciamo un riassunto attraverso i punti importanti da ricordare, l'indicatore Qstick indica un mercato rialzista o in aumento quando i valori dell'indicatore sono sopra la linea dello zero e ribassista o discendente quando i valori sono al di sotto del valore zero.

Un incrocio al rialzo della linea dello zero significa la possibilità dell'inizio di un mercato in aumento, mentre un incrocio al ribasso della linea dello zero indica che il mercato si sta indebolendo.

Un segnale di acquisto appare quando dopo aver raggiunto i valori minimi il Qstick si alza e la successiva correzione non raggiunge il valore minimo precedente. E un segnale di vendita si verifica quando dopo aver raggiunto i valori massimi, l'indicatore gira verso il basso e la successiva correzione non riesce a raggiungere il massimo precedente.

Un segnale di forza o debolezza del mercato si verifica quando il Qstick raggiunge determinati valori ei prezzi si muovono nella direzione opposta. L'indicatore Qstick risulta dalla media mobile della differenza tra i prezzi di apertura e i prezzi di chiusura della sessione.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Required)

Guida Analisi Tecnica

Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:

  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica

Articoli correlati

Storia della Borsa Italiana
Borsa Italiana è la società che gestisce i mercati finanziari in Italia. I titoli quotati in borsa vengono scambiati sulla piattaforma telematica che raccoglie gli ordini di vendita e di acquisto di azioni, obbligazioni e derivati. In questo artic...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy