Cos'è l'investimento nel commercio equo e solidale? Principi e prezzi | Rankia: Comunità finanziaria

Cos’è l’investimento nel commercio equo e solidale? Principi e prezzi

Oggi, il mercato sta generando diversi tipi di investimenti che sono innovativi e incorporano diversi criteri di investimento. In questo articolo scoprirete cos'è l'investimento nel commercio equo e solidale? Principi e prezzi.

Commercio equo e solidale

Il commercio equo e solidale”o “Fair Tradein inglese è un tipo di investimento che è stato creato negli anni '50 come misura per combattere la povertà e l'emarginazione. Attraverso una strategia innovativa, “il commercio equo e solidale” è stato adottato in Italia nel 1999 attraverso la “carta del commercio equo e solidale”: questo tipo di investimento è direttamente collegato allo sviluppo sostenibile e all'investimento sociale basato sui seguenti aspetti:

Approcci

  1. Il rispetto dei diritti umani attraverso il pagamento di salari decenti, evitando comportamenti come lo sfruttamento del lavoro, lo sfruttamento dei bambini e la ricerca della parità di diritti.
  2. Pratiche eque attraverso relazioni equanime in cui il produttore e l'investitore hanno le stesse garanzie e un prezzo competente per entrambi.
  3. Protezione dell'ambiente attraverso politiche giuste e pratiche ecologiche che non distruggono l'ambiente.

Affinché esista un investimento nel commercio equo, è necessaria non solo l'esistenza dei fattori di cui sopra, ma anche l'applicazione dei seguenti principi:

Principi

Creare opportunità per i produttori economicamente svantaggiati.

Questo principio cerca di ridurre la povertà sostenendo i piccoli produttori in condizioni di emarginazione attraverso associazioni e cooperative che generano occupazione.

Trasparenza e responsabilità

Gli investimenti dovrebbero essere fatti in modo trasparente e attraverso processi democratici che permettono la partecipazione di tutte le parti.

Pratiche commerciali giuste ed eque

Questo si traduce e si concentra sul benessere sociale, economico e ambientale, in cui il fornitore deve consegnare in tempo e rispettare i suoi obblighi, e l'acquirente deve pagare prezzi equi senza ritardi nei pagamenti, comprendendo che i piccoli produttori sono in condizioni marginali.

Pagamento equo

I prezzi devono essere fissati equamente attraverso un dialogo partecipativo e continuo, che richiede la conoscenza degli standard di mercato, del salario minimo in ogni paese e delle condizioni di lavoro dei produttori.

Proibire il lavoro minorile e il lavoro forzato.

Gli investitori e le aziende devono essere soggetti alla proibizione del lavoro minorile in conformità con la “Convenzione delle Nazioni Unite” sui diritti dell'infanzia e del lavoro minorile.

Impegno per la non discriminazione, l'uguaglianza di genere, l' “empowerment” economico delle donne e la libertà di associazione

Tali investimenti dovrebbero evitare la discriminazione sulla base di razza, religione, disabilità, sesso, orientamento sessuale, convinzioni politiche ed età.

Garantire buone condizioni di lavoro

Questo principio dovrebbe rispettare salari equi, assicurare un ambiente di lavoro sano e sicuro e rispettare le leggi locali sul lavoro.

Garantire lo sviluppo delle capacità

Tenendo conto che l'obiettivo è la lotta contro la povertà, si devono promuovere progetti che permettano lo sviluppo delle capacità di gestione e di produzione e l'accesso a nuovi mercati.

Promozione del commercio equo e solidale

Dovrebbero essere create attività per aumentare la consapevolezza dell'importanza dei prezzi equi e della necessità di una maggiore giustizia sociale.

Rispetto per l'ambiente

L'obiettivo è che le entità che producono beni o servizi lo facciano attraverso uno sviluppo sostenibile, cercando nuove forme di energia e produzione.

Tuttavia, il commercio equo implica anche un prezzo equo.

Il prezzo giusto

Il prezzo equo” è una delle peculiarità del commercio equo e solidale che, secondo i criteri dell' IFAT (International Fair Trade Association), è considerato equo quando è concordato tra le parti attraverso il dialogo e la partecipazione, garantendo una giusta remunerazione ai produttori e la sostenibilità nel mercato.

In altre parole:

  • Laddove esistono prezzi minimi equi fissati a livello internazionale, devono essere rispettati.
  • Un prezzo equo, così come gli altri criteri del commercio equo, si ottiene attraverso il confronto.

D'altra parte, “i prezzi di mercato equi corrispondono a ciascun investitore e all'azienda che riceverà l'investimento”, quindi questo fattore deve essere determinato in modo consensuale in applicazione dei principi del commercio equo e solidale, per questo speriamo che abbiate capito Cos'è l'investimento equo e solidale? Principi e prezzi.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy