Quali sono le origini del mercato azionario | Rankia: Comunità finanziaria

Quali sono le origini del mercato azionario

Quando entriamo nel mondo della finanza, degli investimenti e del mercato azionario, è normale che siamo interessati a molti argomenti, ti sei chiesto, quali sono le origini del mercato azionario? Come è iniziato tutto? Nelle prossime righe scoprirete insieme a noi la risposta a questa domanda.

Quali sono le origini del mercato azionario

Origine del termine “Borsa”

Ci sono molte ipotesi, una delle quali piuttosto carina: “A Bruges, in Belgio. Nel XVI secolo, l'edificio di proprietà della famiglia Vander Buërse (famiglia nobile dell'epoca), fu identificato davanti alla sua facciata con 3 borse in pelle a forma di “borsa”. Col tempo, anche a causa del cognome “Buërse”, i coloni iniziarono a chiamare questo luogo come una borsa ”.

La prima Borsa

La prima borsa valori ufficiale era conosciuta nel 1602, oggi considerata la più antica del mondo; La Borsa di Amsterdam.

Questa è stata fondata dalla “Società Olandese delle Indie Orientali” ed è stata la prima a fungere da attuale mercato azionario. L'azienda aveva il controllo sugli affari tra i Paesi Bassi e l'Asia. L'obiettivo di fondare lo scambio era quello di raccogliere fondi per futuri viaggi di lavoro. Così, crebbe a poco a poco e divenne popolare in altri paesi, dando origine alle Borse di New York (1792), Parigi (1794) e Tokyo (1878).

La Compagnia Olandese delle Indie Orientali decretò tra il 1630 e il 1637 che le loro azioni potessero essere liquidate solo alla Borsa di Amsterdam, che produsse enormi speculazioni, scatenando “La crisi dei tulipani” (il primo crollo della borsa della storia).

Termini simpatici come “Bull” sono stati usati per definire i mercati con un trend rialzista, “Bear” per gli orsi, “Lovers” per ottimisti e pessimisti sono stati chiamati “Peepers”.

Un'altra delle grandi speculazioni della storia avvenne in Francia nel 1717, quando la legge sui banchieri scozzesi “Law” lanciato sul mercato le prime azioni al portatore appartenenti ad un'altra società indiana. Questo fatto portò a violente negoziazioni alla Borsa di Parigi con numerose operazioni fraudolente, sfociando nella promulgazione della “prima legge delle borse” nel 1724. Considerato il “certificato di nascita” del moderno mercato azionario.

Con l'arrivo della rivoluzione industriale, fu segnata una nuova era per l'economia mondiale, poiché la produzione industriale divenne il suo primo motore.

Il boom industriale in Inghilterra ha permesso la fondazione della Borsa di Londra, tra il 1760 e il 1775. Consentendo lo sviluppo di aziende bisognose di grandi capitali, come ferro e acciaio, macchinari industriali o spedizioni.

La funzione principale dei mercati azionari in crescita dell'epoca era svolta dal collocamento di prestiti statali, per finanziare progetti di colonizzazione”.

Il mercato azionario dal XIX secolo ad oggi

Con l'ingresso del XIX secolo e la rapida crescita degli Stati Uniti, cresce l'interesse degli investitori che ha permesso la creazione della Borsa di New York nel 1865. Facendo muovere la Borsa di Londra come centro di riferimento per il mercato azionario, rimanendo tale con i maggiori movimenti di capitali dell'epoca.

Per il ventesimo secolo, “la grande depressione” e “Il crollo del 29“, hanno significato il primo grande avvertimento sull'importanza dei mercati azionari nell'economia globale.

Per mitigare il rapporto tra economia e mercati azionari, poiché questo rapporto può trascinare l'intera economia di un paese in tempi di declino, lo Stato si pone come sostituto dell'iniziativa privata come motore della crescita.

Nella sfera economica, le dottrine economiche “keynesiane” assumono un ruolo guida rafforzando il debito pubblico e le politiche fiscali, lasciando al mercato azionario un ruolo molto più modesto.

Il più grande mercato azionario, la Borsa di Tokyo

La Borsa di Tokyo è diventata il più grande mercato azionario del mondo, sia per capitalizzazione di mercato che per volume di contratti.

La borsa di oggi

Il neoliberismo di Ronald Reagan e Margaret Thatcher ha rilanciato i mercati azionari negli anni '70 e '80. Negli ultimi venti, il consolidamento di nuovi mercati come il “Nasdaq”, legato a Internet e ai settori tecnologici all'avanguardia, nonché l'accesso rapido e facile ai mercati ha notevolmente facilitato l'ingresso nel mercato azionario consentendo l'ingresso massiccio di singoli investitori.

La Borsa in Italia, la Borsa di Milano

La Borsa Italiana è stata fondata nel 1808 da Eugene Beauharnais, da allora la Borsa Italiana è rimasta un ente pubblico fino al 1998. È stata privatizzata ed è stata venduta a un istituto bancario italiano in quella stessa data, fino al 2007.

La borsa italiana si fonde con la borsa di Londra (2007), che fa parte della borsa inglese fino ad oggi.

Per concludere, la storia del mercato azionario è un argomento appassionante, le sue origini, l'ipotesi dell'origine del termine mercato azionario e la sua crescita nel corso della storia, indica che proprio come crescono le istituzioni, normative, leggi e regolamenti fanno le metodologie di utilizzo. L'inclusione di nuove tecnologie come Internet, hanno reso l'ingresso di investitori privati ​​in modo più amichevole.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy