Strategia: Buy & Hold Blue Chips Europa, Global y USA | Rankia: Comunità finanziaria

Strategia: Buy & Hold Blue Chips Europa, Global y USA

Fino a questo fine settimana non avevo avuto modo di leggere la serie di post su Buy&Hold (I, II, III) del Lancastergate rankiano. Raccomando di leggere tutti e 3 i post perché sottolinea diverse sfumature in ognuno di essi. Quello che mi è piaciuto di più è che non è dogmatico come altri che ho letto che pensano di comprare e dimenticare e non vendere mai, non importa cosa succede, e lo riassume molto bene così: se vedo che iniziano a fare cose che non mi piacciono per un certo periodo di tempo, non ho problemi a vendere. Mantiene anche una mente aperta accettando che ci possano essere altre strategie redditizie anche se ha una preferenza per B&H.

Sono a favore di una strategia buy and hold e ho scritto prima che il lungo termine è la migliore alternativa se conosciamo il Dove e il Come, sempre che conosciamo il Dove e il Come:

  • Viene fatta una revisione periodica completa (valutazione, moat, cash&growth, ecc.), cercando di distruggere le nostre migliori idee come dice Munger.
  • Non inventare un'opportunità migliore e più sicura.
  • Non innamorarsi di una singola azione o di un paese, perché smetteremo di essere obiettivi e anche l'azienda non sa e non saprà che ne siamo innamorati.
  • I guadagni di capitale, i flussi, i dividendi o l'accumulazione dovrebbero adattarsi al mio orizzonte temporale e alle mie esigenze economiche, che si tratti di reddito o di esigenze a medio/lungo termine.
  • Siate flessibili e siate disposti e pronti a rompere alcune regole e ad adattarvi per evitare di cadere nel dogmatismo.
  • E infine, dato che non sono nonno Buffett né sono vicino ad esserlo, aggiungerei anche un po' di diversificazione, sia attraverso un indice (con fondi o ETF) o tenendo almeno 7 aziende il cui fatturato e reddito non sono concentrati in un solo paese.

Tornando ai post di Lancastergate, l'ultimo (che è stato il primo che ho letto) mi ha sorpreso perché avevo appena fatto all'inizio dell'anno una piccola analisi su una strategia basata sull'acquisto delle società a maggiore capitalizzazione o blue chip in Europa, USA e nel mondo. Avevo dimenticato i risultati, ma penso che sia un buon momento per mostrarli e completare la grande idea di Lancastergate e cercare di generalizzarla a più scenari.

Metodologia

Ho fatto lo studio perché volevo sapere quali risultati aveva dato la strategia di comprare la Blue Chip per vari mercati, indipendentemente dall'anno di inizio o da quali aziende compravo, purché fossero quelle con la maggiore capitalizzazione.

Per fare questo ho scelto il percentile inferiore di ogni mercato (Europa*, Globale** e USA) usando i dati e le classifiche del professor French. Questo significa il Top 1% delle aziende a maggiore capitalizzazione. La strategia non è 100% Buy&Hold, perché ogni anno c'è un riequilibrio, non solo perché l'ultimo percentile è ponderato dalla capitalizzazione (il peso di ogni azienda cambierà ogni anno), ma anche perché alcune aziende possono uscire/entrare alla fine dell'anno, il che aumenta le commissioni.

Nonostante questo la strategia è abbastanza simile a un Buy&Hold indicizzato, perché il rapporto di turnover per tutti e tre i mercati è stato inferiore al 3%, in Europa e nel mondo dal 1991 e negli USA dal 1926. Il numero medio di partecipazioni per ciascuno dei tre portafogli è stato rispettivamente di 16, 52 e 12.

Qui vediamo che c'è un piccolo problema e cioè che per il portafoglio BigCaps Global le partecipazioni sono troppe o almeno troppe per un piccolo investitore. So e chiarisco che questo non è al 100% uguale a una strategia di B&H delle 10 più grandi aziende di cap, ma è il più vicino che ho potuto costruire per avere un'idea generale. Il problema è che non esiste un indice simile (o non ne conosco uno) né ho accesso a informazioni più disaggregate prima del 2000.

I seguenti grafici mostrano la performance di un investimento iniziale di 1 dollaro nella strategia Blue Chips (percentile superiore) rispetto ai rispettivi benchmark per Europa, Globale e USA. Non sto scontando l'inflazione, né i costi di transazione, ma sto prendendo in considerazione i dividendi, anche se non tutte le aziende del portafoglio pagano dividendi.

Come si può vedere la strategia Blue Chips B&H (o quanto più vicino sono stato in grado di replicarla) funziona bene per l'Europa e gli Stati Uniti perché batte i rispettivi benchmark anche se non di molto, ma non nel portafoglio globale dove sottoperforma. La seguente tabella mostra la media (semplice e composta) delle medie mobili a 10 anni per ogni portafoglio e i loro benchmark.


Avg. Rolli11.88%ng 10yr TR SimpleAvg. Rolling 10yr TR Compound
US BigCap11.88%10.36%
DJIA11.55%10.10%
Europe BigCap11.51%9.12%
Europe Total Market11.94%8.99%
Global BigCap9.19%7.31%
Global Total Market9.88%7.57%

La strategia ha funzionato e può funzionare per un portafoglio pigro in Europa e negli Stati Uniti, per gli investitori che non hanno tempo o non amano analizzare le aziende, i fondi o gli ETF e si sentono tranquilli e comodi comprando le aziende più grandi, ma devono sapere che la performance passata non garantisce quella futura e come ogni strategia di investimento, anche questa ha i suoi svantaggi.

Lancastergate ne ha già menzionato alcuni, come comprare Enron o Pescanova (anche se né EnronPescanova sono arrivate al 100° percentile per capitalizzazione). Infatti se avessimo iniziato questa strategia nel 2003 in Spagna e non avessimo applicato il consiglio che lo stesso Lancastergate ha dato sul vendere se vediamo che le cose non vanno più bene (la revisione periodica di cui parlo) allora avremmo comprato le seguenti aziende e non le avremmo mai vendute:

  • TEF SM Equity
  • BBVA SM Equity
  • SAN SM Equity
  • REP SM Equity
  • EAD SM Equity
  • Equità ELE SM
  • IBE SM Equity
  • POP SM Equity
  • BTO SM Equity
  • GAS SM Equity

Oggi avremmo un tasso di rendimento composto di circa il 7,9% tenendo conto dei dividendi, mentre l'ETF EWP che segue l'MSCI Spain aveva il 9,88%. La strategia ha funzionato perché non ha perso soldi nonostante tutti i problemi e le forti cadute, ma possiamo vedere chiaramente due cose: (i) non era la migliore strategia; (ii) e non possiamo applicarla dogmaticamente e dimenticare il nostro portafoglio e non vendere mai.

Naturalmente, ci sono anche tre sfumature: (i) sono passati solo 11 anni e non 20 come gli esempi di Lancastergate, quindi dovremmo aspettare un po' di più; (ii) se seguiamo il consiglio di Lancastergate di vendere se le cose non vanno più bene e i punti che ho scritto all'inizio allora potremmo aver accumulato liquidità o riequilibrato con altre aziende spagnole o straniere con migliori prospettive e fondamentali e grande capitalizzazione come Inditex; (iii) avremmo anche potuto vendere società con cattivi fondamentali e accumulare società con buoni fondamentali il cui prezzo è sceso al di sotto del loro valore indipendentemente dalla loro capitalizzazione o anche spostare parte della nostra liquidità in un ETF/Fondo che segue una strategia diversa e complementare al nostro portafoglio totale.

Le lezioni qui sono molto importanti: Essere pazienti e disciplinati con la strategia che abbiamo scelto (finché ha funzionato storicamente), ma allo stesso tempo essere flessibili e adattarsi quando i fondamentali indicano altrimenti. Inoltre possiamo comprare di più se vediamo che il prezzo è sceso più in basso del valore e c'è una buona possibilità di recupero, questo è il caso delle Blue Chips americane alla fine del 2008.

Infatti seguendo la prima tabella dove confronto le Blue Chips di Europa, Globale e USA possiamo aggiungere quasi un punto percentuale se ogni volta che il nostro portafoglio Blue Chips (anche se funziona anche per il Mercato) scende del 20% compriamo più azioni, l'equivalente del 10% del nostro patrimonio di portafoglio. Questo può essere fatto con le chiamate, con i risparmi o con la leva finanziaria, anche se non consiglio l'ultima.

Un altro svantaggio di questa strategia che chiamerei comparativa è che anche se dà buoni risultati, ci sono strategie che danno risultati migliori come le SmallCaps che quasi due punti percentuali in più, naturalmente con lo svantaggio che sono aziende con cui un investitore non può sentirsi né tranquillo né comodo, più sono aziende illiquide e anche se possono essere acquistati attraverso ETF o fondi, la verità è che sono più volatili.

Sono sicuro che incorporando filtri come dividendi, flussi di cassa, forza finanziaria e moat, avremmo risultati migliori in questa strategia Blue Chips B&H. L'importante è seguirlo a lungo termine e farlo in modo flessibile e diversificato, facendo contributi periodici e ancora meglio comprando di più quando il prezzo è sotto il valore.

Non è necessario che il nostro portafoglio batta l'IBEX o l'SP500 anno dopo anno, l'importante è batterlo assolutamente a lungo termine, cosa che i grafici mostrano essere possibile. Non è necessario che la strategia che seguiamo sia la migliore o la più nuova, l'importante è che sia quella con cui ci sentiamo più a nostro agio e tranquilli, quella che siamo in grado di dominare le nostre emozioni e che sappiamo che non la abbandoneremo al primo ostacolo. Come disse il Gran Margravio:

“Non gioco in serie A. Ma mi basta per vincere nel mio, Margravio (Rankia 14nov13)”

Come ho detto prima, questa strategia ben applicata e flessibile potrebbe essere un'alternativa per coloro che non vogliono o non hanno tempo di fare analisi di aziende o ETF e si trovano bene con le Blue Chips, non saranno i prossimi Buffett, ma sicuramente con pazienza e disciplina saranno migliori della maggior parte degli investitori che alla fine perdono soldi nel lungo termine.

Un vantaggio che vedo in questa strategia è che non è ampiamente applicata e onestamente se ne parla poco, quindi i suoi benefici o il suo premio si diffondono tra meno investitori. Le strategie che sono conosciute da tutti come SmallCap o Value by factors tendono a ridurre il loro premio più la gente le applica e alla fine il profitto sopra il benchmark alla fine scompare.

Quindi meno persone vogliono seguire questa strategia B&H Blue Chips, le probabilità di continuare a performare bene sono alte e se si applicano un paio di filtri le probabilità di migliorare i rendimenti crescono. Non saranno rendimenti spettacolari e potrebbero non essere migliori di altre strategie che hanno bisogno di più analisi, ma per l'investitore medio che non è nel business o in una competizione, la chiave è quella di resistere alla tempesta dei mercati orso e non voler superare l'indice nei mercati toro.

Penso che questo sia uno dei pochi casi in cui essere mediocri (non per sembrare peggiorativo) paga nel lungo periodo o per parafrasare nonno Buffett, è quando il denaro stupido diventa denaro intelligente.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy