12 pregiudizi psicologici che influenzano gli investimenti e come evitarli | Rankia: Comunità finanziaria

12 pregiudizi psicologici che influenzano gli investimenti e come evitarli

Sapevi che ci sono modelli comportamentali nell'investimento che ci impediscono di essere razionali? Molte persone di solito non tengono conto che nel mondo degli investimenti, ci sono anche, le emozioni, i fattori sociali, i pregiudizi…

12 pregiudizi psicologici che influenzano gli investimenti e come evitarli

 

I modelli comportamentali o pregiudizi comportamentali, che vedremo chiaramente in questo video, sono ciò che spesso ci fanno prendere decisioni sbagliate. 

Oggi parleremo dell'importanza della psicologia finanziaria e daremo una breve panoramica dei pregiudizi cognitivi e degli errori che possiamo fare quando investiamo.

Se volete seguire questo articolo in formato video, ve lo lasciamo qui sotto:

Cosa sono i pregiudizi cognitivi e come ci influenzano?

Tradizionalmente, si presume che gli esseri umani siano esseri razionali, che prendono decisioni in modo logico dopo aver analizzato tutte le informazioni a disposizione.  Ma nel corso degli anni, la ricerca ha capito che la realtà non è affatto così. Robert Kanheman, uno psicologo che ha vinto il premio Nobel per l'economia per i suoi studi sulla finanza comportamentale, sostiene che da un punto di vista economico, le persone non agiscono affatto come pensavamo.

La maggior parte delle decisioni sono prese secondo processi intuitivi e automatici piuttosto che analitici e controllati. Pertanto, in tempi di incertezza, non sempre agiamo razionalmente quando prendiamo decisioni.

La finanza comportamentale studia come ci comportiamo di fronte a problemi finanziari.

Quando si tratta di prendere decisioni finanziarie migliori o peggiori, entrano sempre in gioco due fattori.

In primo luogo, la nostra capacità di analisi. Cioè la nostra capacità di valutare e comprendere il contesto in cui viene presa una decisione e il suo potenziale impatto.

In secondo luogo, le emozioni. Lo stato psicologico in cui ci troviamo quando prendiamo una decisione.

Usando questi due fattori, possiamo parlare di quali sono i pregiudizi più comuni.

1. Eccesso di fiducia

Questa caratteristica si verifica quando pensiamo di avere la conoscenza necessaria e crediamo che la nostra tesi sia corretta. Rilassati Einstein, non si trasforma in oro tutto ciò che si tocca. Questo è il tipico amico che sa tutto in una conversazione da bar, si può parlare di astrofisica o di addestramento dei leoni marini, lui sa tutto. Molti investitori sopravvalutano la loro conoscenza ed esperienza personale. In questo caso, è spesso necessario fare un esercizio di autocritica. Non è la stessa cosa conoscere veramente qualcosa e pensare di conoscerla. Possiamo anche pensare che la probabilità che un investimento fallisca sia inferiore al guadagno atteso da esso.

2. L'illusione del controllo

Questo pregiudizio serve a riconoscere che molti investitori credono di avere il controllo su qualcosa che oggettivamente non possono avere. Non abbiamo superpoteri, non dimentichiamolo. Non puoi semplicemente fissare uno schermo e chiudere gli occhi e dire “salirà”, “salirà”, non sei un Jedi amico mio, non succederà. Non prendiamo rischi inutili e supponiamo che il mercato abbia alti e bassi, e non importa quante informazioni hai, non tutto è prevedibile.

3. Confermare

Questo è quando un investitore ha un'idea e cerca una conferma. Quello che fa è cercare ovunque qualcosa che confermi la sua teoria. È come quando discuti con qualcuno e cerchi la risposta su Google, ma cerchi già i risultati che confermano la tua teoria e scarti il resto. La terra è piatta? Ti dico che l'ho visto su Google. Naturalmente, probabilmente vuoi rafforzare la tua teoria e stai cercando “prove che la terra è piatta” invece di cercare “la terra è davvero piatta?

4. Un altro pregiudizio è l'ancoraggio

Questo succede quando la prima informazione è quella che pensiamo sia quella buona. E poi non ci interessa quello che ci viene detto dopo. Ho letto che questa azienda farà bene e può piovere, nevicare o cadere meteore che nessuno può farvi scendere dall'asino. Il nome di questo bias deriva dal fatto che a volte queste idee precedenti sono vere e proprie ancore da cui è difficile staccarsi. Spesso guardiamo la redditività di un prodotto e non consideriamo altri rischi. Prendiamo questo riferimento di crescita e pensiamo che sarà sempre così. 

5. Autorità

Se l'ha detto qualcuno che dovrebbe essere una persona rilevante, pensiamo che abbia abbastanza credibilità per essere una buona idea. Può succedere che si faccia un investimento solo perché è raccomandato da un parente o un amico, senza alcuna analisi supplementare e senza considerare le necessità e il profilo di rischio. Naturalmente, se è il tuo collega che conosce l'atrofia e i leoni marini, allora dici…. come può fallire se questo tizio sa tutto?

6. C'è anche quello che viene chiamato “effetto alone”

Questo bias è molto comune e si verifica quando tendiamo a valutare positivamente o negativamente un'azienda sulla base di una singola informazione, prendendo in considerazione quella informazione e dimenticando tutte le altre. Leggiamo qualcosa di buono o di cattivo e non andiamo oltre il fatto che sono passati 10 anni da quando l'azienda X è fallita, ma tu sei ancora in giro.

7. Prova sociale

Si verifica quando imitiamo ciò che qualcun altro sta facendo e pensiamo che sia la cosa giusta da fare. Spesso non si ha un'idea precisa e ci si lascia guidare da ciò che fanno gli altri, presumendo che abbiano più conoscenze. Alla fine, prendi decisioni che non sono tue. Questo pregiudizio ha molto a che fare con l'effetto gregge.

8. Sconto iperbolico

Questa è la tendenza a scegliere piccole ricompense immediate rispetto a ricompense più grandi e forse più a lungo termine. Certo, tutto ciò che è una ricompensa immediata è sempre più attraente. Ma qual è il problema? Che alcuni investitori sbloccheranno un investimento a lungo termine che si adatta al loro profilo di rischio e finiranno in un investimento a breve termine più attraente, che può cambiare i loro obiettivi originali.

9. Avversione alla perdita

Questo pregiudizio si riferisce a quando assumiamo che le perdite superino i guadagni. Alla fine, per evitare di farsi prendere dalle perdite, potremmo rimanere in una posizione senza prospettive di miglioramento e finire per perdere tutto. 

10. Status quo

Quando pensiamo che tutto rimarrà così com'è, che nulla cambierà, e investiamo in base alla situazione attuale.

11. Predisposizione all'ottimismo

Dato che a nessuno piacciono le cose brutte…. Tendiamo a pensare che le probabilità ci porteranno sempre a situazioni positive. Quindi questo bias ci dice che per molti investitori l'ottimismo è più importante del realismo. 

12. Fallacia dei costi sommersi

È la paura di uscire da qualcosa che non funziona e di conseguenza rimanere bloccati lì. “Ho investito 10.000 euro, non posso tirarmi indietro ora e perdere tutto” Questo comportamento vi suona familiare, vero?

I pregiudizi cognitivi negli investimenti sono centinaia, vi abbiamo mostrato alcuni che il CNMV ha evidenziato nella loro guida “Psicologia per gli investitori”. 

5 consigli per evitare gli errori di investimento

Infine, diamo un'occhiata a cinque consigli per evitare questi comuni errori di investimento.

Educazione finanziaria

In primo luogo, quanto sia importante avere una buona educazione finanziaria. Questo vi aiuterà a conoscere il vostro profilo di rischio, sapere come contrastare le informazioni, conoscere i pregiudizi cognitivi, riconoscerli e imparare ad evitarli. Il solo fatto di conoscerli vi aiuterà a riconoscerli nei vostri prossimi investimenti.

Ci sono diversi articoli molto interessanti in Rankia sui bias cognitivi e su come influenzano le decisioni di investimento.

Analizzare i pro e i contro

Il secondo consiglio è quello di imparare a guardare sempre i pro e i contro di qualsiasi decisione. È necessario considerare le alternative e studiare quante più informazioni possibili da un punto di vista critico.

Analisi premorte

In terzo luogo, l'analisi premorte. Tendiamo ad essere ottimisti, ma proviamo a pensare il contrario. Cioè, prima di prendere una decisione, viaggiamo mentalmente nel futuro e supponiamo che sia fallita. Anche se è nella nostra mente, gli esseri umani sono più bravi a spiegare ciò che è successo quando è già successo che a prevedere ciò che succederà.

Avere un processo decisionale

Quarto, sviluppare un processo decisionale. Quindi, la cosa migliore da fare prima è fare una lista di controllo in cui ci si pone una serie di domande prima di investire. Puoi modificarlo in base ai tuoi errori passati, ma potrebbe essere qualcosa del genere:

Ho letto tutte le informazioni sul prodotto?

Le informazioni sono complete?

Ho capito le caratteristiche del prodotto?

Ho capito i rischi?

Il prodotto si adatta al mio profilo di investimento?

L'orizzonte temporale corrisponde al mio profilo?

Infine, ricordate che le decisioni possono essere prese solo in condizioni ottimali. Dobbiamo essere consapevoli dei fattori che possono giocare contro di noi, che sia la stanchezza, lo stress… siamo umani e ovviamente tutti abbiamo giorni cattivi e giorni buoni. Devi conoscere te stesso e riconoscere tutto ciò che ti può influenzare negativamente. Se il vostro umore o il vostro stato fisico non è quello giusto, parcheggiate la decisione e la prenderete un'altra volta.

Se vuoi raccontarci un errore che hai fatto investendo a causa di questi pregiudizi, lascialo nei commenti e saremo felici di leggerlo per noi e per gli altri utenti.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy