Biografia di J.P. Morgan

Se ti piace il mondo della finanza, probabilmente hai sentito parlare della titanica banca J.P. Morgan, ma chi fu il suo fondatore e chi la trasformò nel mostro che conosciamo oggi? Era J.P. Morgan. E in questo post esamineremo la biografia e la vita di J.P. Morgan.

Chi era J.P. Morgan? Tutta la sua storia

John Pierpont (J.P.) Morgan è nato a Hartford, Connecticut, il 17 aprile 1837. Suo padre Junius Spencer Morgan, un uomo d'affari con attività sia negli Stati Uniti che in Europa, allevò suo figlio fin dalla tenera età per imparare a gestire i beni di famiglia che John avrebbe un giorno ereditato.

J.P. Morgan studiò all' “English College” di Boston e in Svizzera, dove fu un ottimo studente, e in seguito si iscrisse alla prestigiosa “Università di Gottinga” in Germania, dove ottenne un eccellente record in tutte le materie matematiche. All'età di 15 anni iniziò a viaggiare per l'Europa e fu qui che iniziò ad ammirare le opere d'arte, che poi diventarono la sua vera passione.

Quando compì 20 anni si laureò e si trasferì a New York, dove iniziò la sua carriera nell'eccitante mondo della finanza, lavorando in un'istituzione finanziaria (Duncan, Sherman & Co) che era la rappresentanza americana della George Peabody & Co, di proprietà di suo padre, un lavoro che gli diede una buona base per lavorare in seguito come agente, e attraverso la sua propria società (J.P. Morgan & Co) delle istituzioni di suo padre.

Da Dabney, Morgan & Co a Drexel, Morgan & Co

Nel 1864 J.P. Morgan strinse un accordo con Charles Dabney, un importante uomo d'affari dell'epoca, creando l'entità finanziaria Dabney, Morgan & Co. Ma nel 1871 Dabney si ritirò e Anthony J. Drexel divenne il nuovo socio di John, fondando la società Drexel, Morgan & Co. A quel tempo Anthony era il proprietario di una grande banca d'investimento, e dopo la fusione diventarono la più grande e fortunata società d'investimento di Wall Street, essendo la principale fonte di finanziamento del governo degli Stati Uniti. In quel periodo il nostro protagonista stava pensando di lasciare il mondo delle banche e ritirarsi a una vita più tranquilla, fino a quando suo padre lo presentò a Anthony Drexel, che gli fece una succulenta offerta della sua azienda, oltre ad acquisire una grande esperienza nel mondo degli affari.

Nel 1890 morì suo padre e lui fu lasciato a capo di tutti gli affari di famiglia, con banche a Londra e Parigi. Tre anni dopo morì anche il suo socio Anthony Drexel, rendendolo amministratore unico della signoria finanziaria che allora si estendeva oltre i confini americani, il che lo aiutò anche a realizzare importanti e redditizie operazioni finanziarie, iniziando l'egemonia del più grande banchiere di tutti i tempi, che fu conosciuto come The Master of Money“.

Man mano che la sua fortuna cresceva, Morgan continuò a fare investimenti e acquisizioni, sempre concentrandosi su aziende di nuova generazione, al punto che durante gli anni '70 e '80 permise allo stesso Thomas Edison di lavorare nei suoi locali, sperimentando nuovi progetti, sostenendolo finanziariamente in ogni momento, permettendo alla società di Thomas di fondersi con la “Thomson Houston Electrical Corporation”, dando origine all'ormai nota General Electric.

Gli investimenti di John Pierpont nelle ferrovie

Dopo la guerra civile, molte piccole compagnie ferroviarie stavano attraversando brutti momenti e iniziò una feroce guerra nel settore da parte dei grandi finanzieri dell'epoca per acquisirle. Nel 1900, J. P. Morgan, che possedeva 5.000 miglia di ferrovia, ristrutturò l'industria e ripristinò nuovi regolamenti che nemmeno il governo stesso era stato in grado di scrivere.

Una delle principali spese che John dovette affrontare alla guida delle compagnie ferroviarie fu la fornitura di acciaio. Per risolvere questo problema, acquistò diverse imprese siderurgiche, finché nel 1901 fondò la U.S. Steel Company, una delle operazioni più importanti della sua vita, dove acquisì l'azienda del signor Andrew Carnegie, un altro dei più importanti uomini d'affari dell'epoca, formando la prima impresa degli Stati Uniti valutata più di un miliardo di dollari.

Il ruolo di J.P. Morgan nelle crisi finanziarie dell'epoca

Dopo il panico finanziario del 1893, le riserve d'oro furono drasticamente ridotte, scuotendo la stabilità del tesoro americano. Per far fronte a questa situazione, Morgan si riunì con altri banchieri e si accordò per comprare 200 milioni di dollari di buoni del tesoro, pagandoli in oro. Questa operazione preservò naturalmente il credito degli Stati Uniti, ma John e i suoi colleghi furono denunciati pubblicamente al Congresso per la somma che avevano intascato in commissioni.

Nel marzo 1907 la situazione si ripeté e ancora una volta ci fu un crollo del mercato azionario, le case di intermediazione chiusero e i tassi di interesse salirono alle stelle, circostanze che costrinsero il governo dell'epoca a chiedere aiuto a Morgan per alleviare la crisi del mercato azionario. Come altre volte, John si incontra con Rockefeller, Harrigan, Frick, Schiff e Rodgers, decidendo di iniettare sufficiente liquidità nel sistema finanziario per impedirne il collasso.

L'opinione pubblica ha sempre messo in dubbio le grandi quantità di denaro che Morgan intascava grazie a tutti questi aiuti governativi, ma il presidente Cleveland ha sempre sottolineato il bene pubblico e il servizio che questi contributi rappresentavano, minimizzando l'importanza del reddito extra che gli aiuti fornivano a J. P. Morgan.

Nel 1912, quando controllava i due terzi delle fonti di finanziamento del paese e le sue imprese erano valutate più di 25 miliardi di dollari, fu sottoposto a un'indagine, volta a dimostrare che il banchiere più appariscente di tutti i tempi monopolizzava molti settori, oltre a impegnarsi in pratiche economiche di mutuo beneficio. Ma alla fine del processo fu dimostrato che non c'era stata alcuna intenzione di creare un monopolio e l'impero che aveva fondato era il frutto della nuova economia che stava nascendo.

Il 31 marzo 1913, John Pieport Morgan morì all'età di 79 anni, lasciandosi alle spalle il più grande impero finanziario mai visto, guadagnandosi il rispetto di tutti coloro che all'inizio lo liquidarono come avido, rappresentando l'inizio della nuova economia moderna degli Stati Uniti, fondando aziende che oggi sono veri e propri giganti nei loro settori, come General Electric e AT&T.

Morgan era descritto da tutti coloro che lo conoscevano come un uomo dall'aspetto assassino e dal naso sfigurato, oltre ad essere un po' sovrappeso, il che gli dava un grande effetto fisico su chiunque lo conoscesse personalmente, ma nonostante le sue apparenze si sposò due volte.

A differenza di altri uomini d'affari dell'epoca come Andrew Carnegie, Morgan crebbe in una famiglia di banchieri, suo nonno Joseph Morgan fu il primo imprenditore della famiglia, fondando diverse compagnie di linea a vapore.

Morgan aveva una visione diversa del capitalismo rispetto a quella dei suoi contemporanei, che si sforzavano dalla loro posizione competitiva di guadagnare quote di mercato, cosa che lui odiava, facendo del loro meglio per assorbirli e creare monopoli per controllare i prezzi, sviluppando vere e proprie reti commerciali a volontà, cosa che lo portò a presiedere le seguenti aziende:

  • – The Nacional Bank of Comerse.
  • – The New York Central and Hudson River Railroad.
  • – The Lake Shore and Michigan Southern Railroad.
  • – The West Shore Railroad.
  • – The New York, New Haven and Hartford Railroad.
  • – The Pullman Palace Car Company.
  • – The Mexican Telegraph Company.
  • – The Western Union Telegraph Company.
  • – The Manufacturing Investment Company.
  • – The Federal Steel Company.
  • – The general Electric Company.
  • – The Madison Square Garden Company.
  • – The Metropolitan Opera House Company.

I difensori di Morgan hanno sempre sostenuto che non ha mai abusato del suo potere, ma la domanda che molti si pongono è se un uomo, in un'epoca in cui c'erano enormi scappatoie in una democrazia in cui pochi milionari vivevano una vita di lusso mentre l'80% delle famiglie americane guadagnava meno di 500 dollari all'anno, un uomo solo poteva controllare più della metà del capitale americano, e sostenne in numerose occasioni che la sua banca aveva contribuito allo sviluppo della nazione e grazie a lui si stava inaugurando la nuova era capitalista.

Una delle sue grandi passioni durante la sua vita fu la collezione di quadri, libri, yacht e case. Quando morì, la maggior parte delle sue opere d'arte furono donate al Metropolitan Museum di New York.

Fece anche importanti opere di beneficenza, donando grandi somme di denaro a ospedali, chiese e università, essendo sempre molto impegnato nella causa umanitaria.

Le migliori frasi nella vita del banchiere titanico

Come tutti i grandi personaggi storici, ha delle frasi che sono rimaste ai posteri e che sono quelle che compileremo qui di seguito.”

Andate fino a dove potete vedere. Quando arriverete lì, sarete in grado di vedere meglio.”

Non si può scegliere con le spalle all'albero.”

L'oro è denaro. Tutto il resto è credito.”

Che ogni leone faccia il suo dovere.”

Il primo passo per arrivare da qualche parte è decidere che non rimarrai dove sei.”

Quando ho degli affari in sospeso, penso che sia meglio farlo in fretta.”

Se devi alla banca cento dollari, hai un problema. Se devi alla banca un milione di dollari, hanno un problema.”

Quando si aspetta che le cose accadano, stranamente accadono.”

Mai, nella storia del mondo, nessun uomo ha ottenuto qualcosa di valido e di valore supplicando e supplicando.”


miniatura bolsa etoro
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy