Comprendere cosa sono gli aumenti di capitale | Rankia: Comunità finanziaria

Comprendere cosa sono gli aumenti di capitale

Quando una società effettua un aumento di capitale, aumenta il valore del proprio patrimonio netto o del patrimonio netto. Così facendo, l'azienda raccoglie fondi per poter investire in progetti o pagare i debiti. Per realizzare l'aumento ci sono due alternative: emettere nuove azioni o aumentare il valore nominale delle azioni esistenti. Di norma, l'aumento di capitale viene effettuato mediante emissione di nuove azioni.

Tipi di aumento di capitale:

Alla pari: le azioni sono emesse per un importo pari al valore nominale (capitale sociale rappresentato da ciascuna azione).

Con sovrapprezzo: le azioni sono emesse per l'ammontare del valore nominale + un sovrapprezzo deciso dalla società.

Scioglimento: sono emessi da riserve, quindi non ci sono esborsi per gli azionisti e nessun aumento di capitale per la società.

Sul mercato azionario, le società di solito eseguono aumenti di capitale gratuiti per distribuire azioni come dividendi ai loro azionisti anche se non si tratta di una vera e propria remunerazione.

Anche gli aumenti di capitale con sovrapprezzo sono molto comuni in borsa. Normalmente, questo sovrapprezzo pagato dagli azionisti è destinato a pagare i debiti (nella maggior parte dei casi) e ad investire in nuovi progetti. Infine, le emissioni alla pari sono rare in borsa in quanto le azioni sono solitamente quotate al di sopra del valore contabile.

Aumento di capitale

In un aumento di capitale, alla pari o con sovrapprezzo, la società aumenta il proprio capitale sociale (patrimonio netto). Tali fondi saranno presi dagli azionisti precedenti, se esercitano il loro diritto, o da nuovi azionisti. In ogni caso, l'azionista interessato a partecipare ad un aumento di capitale deve avere il necessario diritto di opzione.

A seconda delle nuove azioni da emettere per ottenere una nuova azione sarà necessario un certo numero di diritti di sottoscrizione in opzione . A titolo di esempio, se una società possiede 1.000 azioni e decide di effettuare un aumento di capitale mediante l'emissione di 200 nuove azioni, sono necessari 5 diritti di opzione per ottenere 1 nuova azione.

Una volta che abbiamo i diritti di prelazione necessari per acquistare le azioni di un aumento di capitale, dobbiamo pagare il prezzo delle azioni, che sarà fissato dalla società . Questi soldi andranno sui conti dell'azienda con i quali l'azienda potrà rimborsare il debito o investire in nuovi affari.

Il prezzo teorico del titolo dopo l'aumento di capitale dovrebbe essere il seguente

Tuttavia, il titolo è negoziato nei giorni in cui il diritto non è incorporato e le nuove azioni sono emesse, quindi il prezzo teorico non deve coincidere.

Diritti di abbonamento preferiti (PSD)

Gli azionisti di una società ricevono tanti diritti di prelazione quanti sono i loro titoli . Gli azionisti prima di un aumento di capitale hanno il diritto di sottoscrivere le nuove azioni prima che lo facciano i nuovi azionisti perché, in questo modo, non perdono la loro percentuale di partecipazione all'aumento.

Per farlo, devono scambiare i loro diritti con le nuove azioni e pagarne il prezzo se l'aumento non viene rilasciato.

I diritti di prelazione sono negoziati in borsa per un periodo di tempo, di norma 15 giorni.

Durante questo periodo un azionista può decidere di fare una delle seguenti:

  • Non vendere i tuoi diritti, andate all' estensione ed esercitate i PSD assegnati, mantenendo così la percentuale di partecipazione.
  • Vendere tutti o parte dei DSP riducendo la loro quota. In cambio vi verrà addebitato il prezzo dei diritti.
  • Acquistare più diritti per esercitarli e aumentate la vostra percentuale di partecipazione.

Se la decisione non è quella di vendere i diritti o di acquistarne altri per ampliare la partecipazione, dovremo pagare il prezzo delle nuove azioni che acquisiremo. Ovvero, in un aumento di capitale dovremo pagare i diritti (se non li abbiamo) necessari per scambiarli con un'azione e poi pagare il prezzo dell'azione. Una formula intermedia è l' operazione bianca . In esso, una parte del DSP viene venduta in modo da poter acquistare le azioni a cui abbiamo diritto con il DSP invenduto. In questo modo non si paga, ma in cambio della perdita della quota.

Per quanto riguarda il prezzo dei diritti di prelazione, quando le negoziazioni iniziano separatamente dai diritti e dalle azioni, queste ultime diminuiscono di valore in quanto non incorporano più un diritto, il diritto di prelazione.

In teoria, il prezzo al quale le azioni cadono a causa della mancata incorporazione del diritto è ciò che il diritto stesso vale. Pertanto, il prezzo teorico dei diritti è il seguente:

Tuttavia, i diritti sono quotati per 15 giorni e il loro prezzo dipende dal prezzo delle azioni:

Aumento di capitale gratuito

Un aumento di capitale (interamente) versato non modifica il capitale sociale o il patrimonio netto di una società. In questo senso è come uno split (diminuisce il valore delle azioni). L'unica cosa che varia è il numero di azioni. Quando una società annuncia un aumento gratuito delle azioni, emette nuove azioni dalle riserve della società, quindi c'è semplicemente una riclassificazione contabile del patrimonio netto. Pertanto, quando il numero delle azioni aumenta e il patrimonio netto rimane invariato, il valore contabile di ciascuna azione diminuisce.

Per questo motivo non dovremo versare denaro quando andremo ad un aumento di capitale gratuito, dovremo solo avere i diritti necessari per poterli scambiare con azioni. Questi diritti sono quotati in borsa e, come nel caso precedente, possono essere acquistati e venduti.

Esempio aumento di capitale:

Un azionista ha 1.000 azioni della società A e ci sono 10.000 azioni di questa società, il nostro azionista ha il 10% delle azioni totali .

La società A annuncia ora un aumento di capitale mediante emissione di 2.000 nuove azioni. Il nostro azionista aveva 1.000 azioni e quindi ha diritto a 1.000 diritti di opzione per l'aumento di capitale.

In questo caso, il rapporto di cambio è di 5 x 1: per ottenere una nuova azione sono necessari cinque diritti di prelazione. Se il nostro azionista scambia tutti i suoi diritti di opzione ottiene 200 nuove azioni (in un normale aumento di capitale deve anche pagare le azioni a un prezzo stabilito dalla società). In questo modo si troverebbe con 1.200 azioni sulle 12.000 azioni totali della società, mantenendo la percentuale di partecipazione al 10%.

Se invece l'azionista decidesse di vendere tutti i suoi diritti, continuerebbe a detenere 1.000 azioni su un totale di 12.000, pari a una quota dell'8,3%, ma avrebbe ricevuto in guadagno dalla vendita dei diritti.

È conveniente partecipare ad un aumento di capitale?

In un aumento di capitale gratuito è sempre consigliabile partecipare se si desidera mantenere la percentuale di partecipazione alla società. Se decidiamo di vendere i diritti, dobbiamo essere chiari sul fatto che è come se vendessimo parte delle nostre azioni. Se abbiamo 1.000 azioni e non decidiamo di andare all'emissione di azioni gratuite, manterremo il numero di azioni, ma l'APP per azione sarà inferiore, poiché ora ci sono più azioni in circolazione, quindi il profitto a cui abbiamo diritto diminuirà. In altre parole, la partecipazione diminuisce.

In un aumento di capitale tradizionale la differenza è che la società raccoglie risorse: se la società ha 1.000 azioni e un utile di 100 e dopo l'aumento, la società ha 1.200 azioni. Se il profitto sale a 120, l'EPS per azione viene mantenuto. In questo caso, andare all'aumento è come acquistare più azioni in una situazione normale. Ciò che è veramente complicato è sapere se le risorse raccolte nell'espansione permetteranno al profitto di aumentare nella stessa proporzione.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy