Cosa ho imparato perdendo 1 milione di dollari | Rankia: Comunità finanziaria

Cosa ho imparato perdendo 1 milione di dollari

Most people who think they are investing are speculating. And most people who think they are speculating are gambling.”

La settimana scorsa ho avuto la fortuna di essere in una riunione con i colleghi e ho portato l'argomento del GOWEX sul tavolo. Dopo aver riferito le mie percezioni sul comportamento delle masse, uno di loro mi ha corretto e ha detto che non è necessario appartenere alla folla per comportarsi come essa, che anche essendo totalmente solo al polo nord una persona può mostrare comportamenti simili, come: impulsività, prendere decisioni per istinto ed emozioni, comportamenti estremi e irrazionali, irritabilità e mancanza di scetticismo o autocritica.

Secondo lui, fare questa distinzione ci aiuterebbe ad evitare il contagio anche quando gli unici infetti siamo noi stessi, cioè, a volte ci comportiamo come pecore senza nemmeno appartenere ad un gregge o addirittura esistere in un gregge. Dato che conosco molto bene la persona con cui stavo parlando, non credevo che tutta questa teoria fosse stata inventata da lui, così gli ho chiesto dove l'avesse letta. Mi disse che l'aveva letto in un libro pubblicato negli anni 90, me lo raccomandò caldamente e lo comprai per Kindle.

Il libro è What I Learned Losing a Million Dollars di Jim Paul e l'ho appena finito. L'autore racconta il viaggio della sua brillante e terribile esperienza come trader di materie prime, arrivando in cima e poi perdendo tutto e finendo nei debiti. Anche se Jim Paul è un trader le conclusioni sono applicabili anche agli investitori o a qualsiasi operazione nel mercato azionario ed è che i comportamenti che gli esseri umani esprimono quando subiscono questo tipo di perdite monetarie o quando hanno una posizione perdente nel mercato, sono molto simili in tutti noi. Infatti, quando leggi il libro ti sembra che ti stiano leggendo nella mente o addirittura che tu stia rivivendo i momenti di una posizione perdente, o almeno questo è successo a me e all'amico che mi ha consigliato il libro.

Ora mi sembra di ricordare che Nassim Taleb aveva già scritto qualche riferimento a questo libro nel Cigno Nero, anche se secondo le recensioni editoriali di amazon era un Antifragile. Lo cercherò più tardi con il tempo, ma l'opinione di Taleb è: Uno dei rari libri non ciarlatani nella finanza, e la verità è che ha colpito il chiodo sulla testa perché la maggior parte dei libri sul mercato azionario e gli investimenti (e devo accettarlo perché ho scritto recensioni di alcuni) parlano di ciò che si deve fare per fare soldi, ma il problema è che se fosse davvero facile come leggere un libro allora tutti faremmo soldi ed è ovvio che questo non accade. D'altra parte, questo libro non parla dei molti modi per fare soldi nel mercato azionario, che in realtà molti di loro si contraddicono a vicenda, ma di ciò che si deve fare per non perderli ed è curioso perché in questo argomento molti Grandi Investitori hanno somiglianze. Forse è per questo che mi è piaciuto così tanto, perché la sua analisi si concentra proprio sulle cose che non dovremmo fare e che dovremmo evitare, ma che purtroppo facciamo spesso e a volte senza rendercene conto.

Uno dei grandi problemi che l'autore sottolinea è che siamo inclini a personalizzare i guadagni e i successi, e questo ci porta a pensare che siamo dei geni e che la nostra mera presenza o partecipazione è la causa diretta di quei guadagni e successi, quando la verità è che potrebbe essere stata fortuna o una combinazione di eventi e siamo solo capitati nel posto giusto al momento giusto. Cominciamo a creare il nostro racconto per razionalizzare i nostri successi e giustificare le nostre perdite e una volta che abbiamo bevuto il nostro koolaid, è molto difficile disintossicarsi. Quanto sopra spiega molto bene perché a volte non è bene se si inizia a vincere la prima volta che si investe, perché il nostro cervello può ingannarci nel pensare che siamo invincibili e che la nostra analisi è infallibile, questo accade più spesso nei mercati toro, dove quasi tutto ciò che compriamo sale dopo un breve periodo di tempo, ecco perché si dice: non confondere il cervello con un mercato toro.

Una buona serie di successi non significa che siamo i migliori. Una brutta serie di fallimenti non significa nemmeno che siamo i peggiori. Ciò che è meglio o peggio è il processo che usiamo e il modo in cui lo applichiamo. Dobbiamo imparare a distinguere tra fortuna e abilità, anche se a volte la linea non è chiara. Allo stesso modo in cui una moneta può cadere 20 volte di seguito su una croce grazie al caso, possiamo anche avere una serie prolungata di successi/fallimenti, quindi l'importante è concentrarsi sul processo di investimento e la sua corretta applicazione e non guardare solo i risultati. Ciò che è importante è come reagiamo e gestiamo le perdite e i guadagni.

Il libro è grande perché esplora tutti i pregiudizi psicologici di cui soffriamo e che causano le nostre perdite. Il più delle volte non ci rendiamo conto che il nostro cervello ci fa degli scherzi e quando qualcuno ce ne parla la nostra prima reazione è sulla difensiva perché è così che siamo programmati dalla fabbrica, ma leggendo l'esperienza di uno sconosciuto con cui ci identifichiamo per la sua situazione di perdita e che individua anche i suoi pregiudizi e i suoi fallimenti a posteriori, allora è più facile per noi vedere anche i nostri e iniziare un'autovalutazione senza essere sulla difensiva per la critica di qualcun altro.

A tutti noi piace leggere le storie di successo, ma quelle storie sono davvero anomale e la probabilità di ripetizione è piccola. Se leggiamo Bezos (fondatore di Amazon) ci dirà qualcosa di totalmente diverso da Jobs. Se leggiamo Buffett, dirà molte cose opposte a Soros. Se leggiamo Klarman, dirà cose diverse da Dalio o Tudor. E in realtà ci sono molti modi per avere successo e non esiste una ricetta. D'altra parte, i modi in cui si può fallire e avere una vita miserabile sono davvero pochi e sono molto simili. Per esempio, per crescere bene un bambino o avere un buon matrimonio ci saranno migliaia di consigli e opinioni come bambini e matrimoni ci sono nel mondo, ma se quello che vuoi è crescere male un bambino o avere un cattivo matrimonio, le opzioni si riducono radicalmente. Questo è ciò a cui si riferisce Charlie Munger quando parla di investire, di vedere le cose al contrario e in avanti.

Quando tutti ti dicono quanto sei intelligente, ti applaudono, ti guardano con ammirazione e tutto va alla grande, quello è il momento preciso per attivare tutti gli allarmi e camminare sulle uova. Quello è il momento di fare un'autocritica severa e obiettiva di noi stessi e del nostro processo. Questo è il momento in cui dovremmo essere più scettici verso noi stessi.

Non dobbiamo subire né perdite personali né guadagni. Le perdite non fanno di noi dei bruti e i guadagni non fanno di noi dei geni. Dobbiamo analizzare entrambi con obiettività e non farci ingannare dal nostro cervello che di solito confonde i profitti con il genio e dimentica le perdite. La cosa migliore è vedere i guadagni con fiducia ma con un sano scetticismo, mentre si considerano le perdite come lezioni per migliorare il nostro processo e la nostra applicazione. Se facciamo il contrario (guardare le vittorie pensando che tutto quello che abbiamo fatto era giusto, sono un genio e minimizzando l'influenza della fortuna) corriamo il rischio di bere la nostra stessa kooliad e lasciare che il nostro cervello ci inganni più facilmente. Se cerco qualsiasi tipo di scusa (non importa quanto valida) per giustificare le mie perdite, allora corro il rischio che il mio cervello cercherà di fare la stessa cosa la volta successiva senza che me ne accorga, anche se la scusa non è valida perché lo farà automaticamente, e quindi non imparerò o farò il tentativo di migliorare il mio processo. Più ostacoli mettiamo al nostro cervello per diminuire le sue illusioni di default, meglio staremo nei nostri investimenti.

Credo di aver esagerato con la recensione ma il libro mi è piaciuto molto, molto e mi ha fatto riflettere molto su come affrontare le perdite (e il mio ego perché a volte sembrano andare di pari passo) e come identificare i comportamenti che a volte mi trasformano in una pecora solitaria irrazionale, perché credetemi, ci siamo passati tutti e la cosa peggiore è che a volte non ce ne rendiamo conto.

Le mie frasi preferite che sono state troppe, per questo ne scriverò 6 invece di 3:

So, why a book on losing? Because, there are as many ways to make money in the markets as there are participants but relatively few ways to lose, and despite all the books on how to make money in the markets, most of us aren't rich!

So not only did I think I was neat, but a lot of other people did, too. I thought I was different and somehow better than other people; like I had some sort of Midas touch. I might have thought it was true, but it wasn't. Little did I know that all the times I thought I was good, I had only been lucky… The successes in my life had given me a false sense of omniscience and infallibility. The vast majority of the successes in my life were because I got lucky, not because I was particularly smart or better or different. I didn't know it at this point in the story, but I sure as hell was about to find out.

Why is it is so important to learn how not to lose? Because when people lose money in the markets, they usually look for a new approach how to make money. Obviously, the previous method was defective; it's never the investor's or trader's fault. Given the myriad of how to methods, you could spend a lifetime trying, and failing, to make money with each one because you don't know how not to lose. On the other hand, if you learn why people lose and thereby control losses, profits will follow. Basically, what I found is that there are as many ways to make money in the markets as there are people in the markets, but there are relatively few ways to lose money. When I say lose here, I don't mean that there won't be any losses. You don't win every point in every game in every set in every match in tennis; you win some and you lose some. There will be lots of losses, just as there are losses in any business. Former Citicorp CEO Walter Wriston said that a lender who doesn't have loan losses isn't doing his job. And it's the truth. Trying to avoid taking losses altogether is the loser's curse. But the losses you are trying to avoid are the ones for which you hadn't made allowances, the ones which sneak up on you and the ones which ultimately put you out of business.

Emotions per se cannot be avoided. Emotionalism, on the other hand can, and should, be avoided. Emotionalism is decision-making based on emotions. The entity which best describes emotional decision-making is the crowd.

Pearls of trading wisdom are more easily repeated than implemented. Repeating maxims, as if mere verbalization will activate the underlying principles, will not work… Memorizing and repeating cliches is easy; grasping their underlying principles is more difficult.

People's tendency to exit profitable positions and keep unprofitable positions. It's as if profits and losses were a reflection of their intelligence or self-worth; if they take the loss it will make them feel stupid or wrong. They confuse net-worth with self-worth.

There are two kinds of reward in the world: recognition and money. Are you in the market for recognition, congratulating yourself for calling every market move ahead of time and explaining the move after the fact, or are you in the market to make money? Are you more interested in the psychological reward of gold stars than the financial reward of gold coins? Are you trying to be right or to make money? Are you motivated by the prophet motive or the profit motive?[1]”

Dei 16 libri che ho letto quest'anno, solo 4 hanno ottenuto 5 stelle (25%), questo è uno di loro. Mi è piaciuto così tanto che l'ho ordinato anche in copertina rigida.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy