Psicologia del trading. Un'introduzione alla finanza comportamentale | Rankia: Comunità finanziaria

Psicologia del trading. Un’introduzione alla finanza comportamentale

Nel mondo finanziario moderno, con così tanti prodotti e operazioni, analisi tecniche, grafici, previsioni, ecc. Molti nuovi investitori si lasciano travolgere, qualcosa a cui anche l'investitore più esperto non sfugge, questa sensazione di sopraffazione è un aspetto psicologico molto umano. La psicologia umana inonda anche i mercati e i loro processi. Per arrivare dritti al punto, proveremo ad analizzare “La psicologia del trading, introduzione alla finanza comportamentale”.

Psicologia del trading Un'introduzione alla finanza comportamentale

È naturale per molti investitori prendere decisioni economiche razionali? Sulla base della storia comportamentale dei partecipanti ai mercati finanziari, basata sull'uso rigoroso di formule, valutazioni e ottimi algoritmi, diremmo di sì. Tenendo conto che la teoria del comportamento razionale sostiene che i decisori sono inclini a quelle decisioni che generano il maggior beneficio economico o emotivo.

Tuttavia, non è sempre così, il fattore emotivo dell'essere umano tende a predominare nel processo decisionale, inducendo molte volte a selezionare l'alternativa meno razionale o quella che meno massimizza il proprio beneficio.

La finanza comportamentale nasce come metodo di analisi finanziaria che cerca di spiegare come i fattori psicologici influenzano il processo decisionale razionale degli investitori, sapendo che gli esseri umani sono esseri emotivi che sono costantemente influenzati da fattori esterni. Questi fattori influenzano sia il processo decisionale quotidiano degli investitori, sia le decisioni importanti quando investono, come conoscere i motivi per cui investirebbero in una società o in un'altra.

La cosiddetta finanza comportamentale, un concetto profondamente sviluppato da Daniel Kahneman, vincitore del premio Nobel 2002 per l'economia e Amos Nathan Tverskyen, entrambi psicologi, e che è stato studiato da molte personalità del mondo finanziario. La finanza comportamentale studia l'influenza psicologica e le distorsioni che influenzano il comportamento degli investitori, oltre a qualificare questi fattori psicologici come una possibile spiegazione di diverse anomalie nel mercato azionario, ad esempio, i forti aumenti o cali dei prezzi delle azioni.

Lo scopo della finanza comportamentale è spiegare e capire perché le persone prendono determinate decisioni finanziarie e come influenzano i mercati. Lo studio della finanza comportamentale mostra che i mercati non sono pienamente efficienti come spiegato dalla teoria dei mercati efficienti, in cui si presume che i mercati siano composti da investitori razionali che sono pienamente informati, il che facilita il loro processo decisionale. influenzati da alcuni fattori psicologici che influenzano le loro decisioni di investimento e che alla fine li portano a prendere decisioni irrazionali, come vendere azioni del loro portafoglio, in preda al panico, solo perché hanno iniziato a scendere molto di prezzo o ad acquistare azioni solo perché Sono di moda, decisioni che nel loro stato più critico, innescano anomalie come bolle e recessioni.

Analizziamo i principali pregiudizi che influenzano il processo decisionale degli investitori:

Mentalità da gregge

Questo pregiudizio si riferisce all'inclinazione di alcuni investitori a imitare il comportamento finanziario della maggior parte della mandria. Diamo un'occhiata a un esempio molto particolare per comprendere meglio questo comportamento:

Immagina, in un ambiente ostile dell'età della pietra un individuo è davanti al clan, sente o percepisce la presenza di un predatore dietro gli alberi, la sua reazione immediata è quella di fuggire, e inizia a correre per allontanarsi dal pericolo, il Anche il resto del clan è fuggito, non ha visto nulla, non ha sentito nulla, ma ha imitato il comportamento del primo individuo. Hanno reagito alla sua mentalità da branco.

Ora, è importante capire che per prendere buone decisioni finanziarie è fondamentale analizzare a fondo le società in cui si desidera investire, i pro ei contro di tale investimento, e non lasciarsi trasportare da ciò che sembra essere di moda. Naturalmente, le opinioni di altri esperti possono essere prese in considerazione quando si effettuano i propri investimenti, ma è importante avere i propri criteri e accettare in tempo quando è stato commesso un errore.

Overconfidence

Questo pregiudizio si riferisce a quegli investitori che tendono a sopravvalutare le proprie capacità di investimento oa identificare buone società. La sua eccessiva sicurezza spesso fa sì che l'investitore ignori buoni consigli di investimento o critiche costruttive che potrebbero migliorare il suo portafoglio o la sua strategia. In molti casi possiamo trovare investitori che si vantano di un buon investimento, mentre ritengono il loro consulente responsabile della scarsa performance di altri titoli all'interno del loro portafoglio..

Avversione al rischio

Questo concetto ci porta alla preferenza umana di evitare una perdita piuttosto che ricevere un guadagno. Molti investitori tendono a mantenere investimenti con scarso rendimento per lunghi periodi di tempo, sperando di recuperare almeno quanto inizialmente investito, questo avviene perché a livello psicologico si rifiutano di affrontare la perdita e accettano l'errore commesso, l'avversione al rischio lascia dentro evidenziare l'influenza delle emozioni nel processo decisionale finanziario.

Bias per il noto (Familiarity Bias)

Si riferisce agli investimenti concentrati in un singolo settore o paese in cui gli investitori ritengono di avere maggiori conoscenze. Questi investitori non si prendono il tempo per valutare le società al di fuori di ciò che pensano di sapere perché lo associano a un rischio inferiore. Sebbene sia vero che grandi investitori come Warren Buffett o Peter Lynch consigliano di investire in società che conosci bene, è anche importante espandere la tua cerchia di competenze e mantenere un portafoglio diversificato. A questo punto è consigliabile chiedere il parere di un esperto.

Per concludere, la finanza comportamentale spiega perché alcuni investitori sono in grado di prendere decisioni più razionali di altri riguardo alle loro finanze, sfidando le teorie economiche tradizionali che si basano sulla premessa che gli agenti economici sono esseri completamente razionali e che prendono decisioni che massimizzano il tuo profitto a sempre.

La verità spiegata sopra è che gli investitori spesso non elaborano le informazioni in modo efficiente e tendono a lasciarsi trasportare da pregiudizi ed emozioni quando prendono decisioni. È naturale e umano, siamo animali e sebbene siamo classificati come razionali rispetto ad altre specie, reagiamo psicologicamente a emozioni, pregiudizi e fattori esterni che possono metterci in pericolo. L'investitore come essere umano non sfugge a questi aspetti psicologici.

Lo studio della finanza comportamentale è stato utilizzato come base per spiegare le anomalie del mercato come bolle e recessioni. In questo senso, i pregiudizi associati al comportamento degli investitori spesso spiegano perché alcuni titoli vengono sopravvalutati o, al contrario, sottovalutati. In tempi di mercati ribassisti, come all'inizio della pandemia di coronavirus, gli investitori suscettibili alla notizia iniziano a vendere le loro azioni per paura di crollare i prezzi, anche quando i fondamentali delle società in questione non sono cambiati.

Questo divenire virale innesca anomalie nei mercati. Lo stesso accade con i mercati rialzisti, ad esempio la bolla delle dot-com, quando individui, prigionieri dell'euforia, hanno iniziato a comprare azioni di società tecnologiche a causa della moda e della speculazione, aumentando rapidamente il loro valore di mercato, il resto è un pozzo -storia nota, lo scoppio della bolla ha segnato l'inizio di una lunga recessione.

Infine, ignora il comportamento della mandria, mantieni i tuoi criteri rispetto ad ogni investimento che viene fatto, esegui i follow-up ed elimina il rumore a cui siamo naturalmente sottoposti quotidianamente. A questo aggiungo l'importanza di essere pazienti, investire con un orizzonte a lungo termine e ignorare le fluttuazioni del mercato, nelle parole di Peter Lynch: “Qualunque metodo tu usi per selezionare le azioni, il tuo successo o fallimento dipenderà dalla tua capacità di ignorare il mercato fluttuazioni ”.

Se desideri maggiori informazioni su questioni finanziarie, partecipa al nostro blog.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy