Come scegliere un fondo di investimento | Rankia: Comunità finanziaria

Come scegliere un fondo di investimento

Ci sono molte possibilità quando si sceglie un fondo d'investimento e bisogna essere chiari su diverse cose prima di iniziare a cercare. Innanzitutto, sapere quale profilo di rischio stiamo cercando. Una volta che abbiamo i nostri obiettivi, dovremmo sapere quali indici sono più adatti alle nostre esigenze al fine di trovare i migliori fondi comuni in base alle nostre esigenze.

Come scegliere un fondo di investimento

Profilo di rischio 

Il profilo di rischio è la base della decisione di investimento ed è la prima domanda a cui ogni investitore deve rispondere. Inoltre, è essenziale conoscere i diversi rischi che esistono quando si investe. Di solito si usano da 3 a 5 diversi profili di rischio, da quello più difensivo a quello più aggressivo:

1. Difensivo 

È caratterizzato da una grande avversione al rischio, ed è una priorità per questo investitore che il suo patrimonio non possa subire perdite a causa di un investimento. Per loro, la stabilità del reddito è la priorità, insieme a prodotti che raramente mostrano rendimenti negativi. La redditività è di solito secondaria, cercando di ottenere un rendimento almeno pari all'inflazione. La gamma di possibilità d'investimento è limitata, con prodotti tipici a reddito fisso, o prodotti misti difensivi, così come fondi d'investimento a ritorno assoluto o multi-strategia con la visione di preservare il capitale a lungo termine in qualsiasi ambiente di mercato.

Per questo profilo, la protezione del capitale e la stabilità dei rendimenti sono importanti. Dovremmo controllare il numero di anni negativi che presenta, così come la perdita massima subita dal fondo, attraverso il Drawdown. Inoltre, è interessante cercare di ridurre il più possibile la volatilità dei suoi rendimenti. È necessario cercare risorse con una chiara vocazione a preservare il capitale, potendo sacrificare la redditività a lungo termine per raggiungere questo obiettivo.

2. Moderato 

Il profilo moderato è considerato un profilo intermedio tra quello difensivo e quello aggressivo. Non vuole prendere le grandi riduzioni che il reddito variabile può avere, ma è disposto a correre rischi per ottenere rendimenti superiori all'inflazione. Questi investitori hanno un orizzonte temporale più lungo rispetto ai noleggiatori. Per loro, l'ideale è comporre portafogli sbagliati, con obbligazioni e azioni, a seconda di quali sono più probabili. Tutti i prodotti rientrano in questo profilo, il punto chiave è il peso che assegniamo loro.

Per il profilo moderato, si cercano fondi con un buon rapporto tra il reddito apportato e il rischio sopportato, quindi dobbiamo massimizzare il rapporto di Sharpe, poiché pone il valore tra loro. Avendo una certa avversione al rischio, è importante che il fondo non abbia un downgrade eccessivo, secondo la vostra tolleranza al rischio. Può essere importante vedere la quantità di capitale in azioni, obbligazioni o contanti nei file dei fondi, per valutare l'esposizione del fondo e scegliere quello più adatto a noi.

3. Aggressivo 

Si tratta di investitori che hanno poca avversione al rischio, poiché il loro obiettivo finale è quello di ottenere il massimo rendimento possibile a lungo termine. Sono disposti a subire perdite a breve e medio termine per ottenere alti rendimenti a lungo termine. I loro portafogli sono composti principalmente da azioni, ma possono anche incorporare reddito fisso ad alto rendimento, così come fondi di gestione alternativa aggressivi e azioni dei mercati emergenti. Sono caratterizzati dall'avere un periodo di tempo più lungo.

Per il profilo aggressivo, il rischio è posto ad un livello secondario, la cosa più importante è costruire portafogli con il massimo rendimento possibile a lungo termine. È importante avere fondi con un alto Track Error, in modo che abbiano la capacità di sovraperformare il loro indice di riferimento e quindi guadagnare più del loro mercato. Inoltre, questi fondi devono battere i loro indici e le loro categorie posizionandosi nel percentile più alto della loro categoria.

Consigli per scegliere un fondo d'investimento 

Ci sono un sacco di classifiche, formule e statistiche per inquadrare la redditività dei fondi. I passi da seguire sono questi:

  1. Leggi la politica degli investitori del fondo per scoprire dove puoi investire e quali strumenti puoi usare per fare l'investimento. Fate domande se non capite qualcosa.
  2. Controlla la storia quinquennale del fondo e confronta la sua performance con il mercato. Dopo ogni caduta, guarda se il mercato recupera il massimo precedente e confronta la performance del fondo tra le due date. Se il valore netto del fondo è più alto e sale più del mercato, il gestore ha lavorato bene e ha generato un profitto per te. È molto semplice, ma funziona.
  3. Ottieni informazioni sul posto che occupa il tuo fondo nella classifica dei rendimenti del tuo settore di mercato nell'ultimo anno, negli ultimi tre e negli ultimi cinque. Scegliete sempre un fondo che sia stato nella top 25% negli ultimi tre anni e che sia ancora gestito dallo stesso gestore. Per fortuna, si può avere un anno ma non tre o cinque di seguito.
  4. Scegli un fondo in cui la commissione di gestione è legata al rendimento. Questo è quello che si chiama success fee, buono per ottenere un certo rendimento assoluto, buono perché si ottiene un rendimento superiore al benchmark. Il manager fa bene il suo lavoro e guadagna l'equilibrio.
  5. D'altra parte, se non credete che ci siano fichi, zidane o ronaldo nella gestione, scegliete un fondo indice che replichi un mercato che credete possa salire nei prossimi anni. In questo caso, non pagate importi esorbitanti in commissioni al gestore.
  6. Avere una relazione attiva con il manager.

Conoscere il nome del manager, il suo background, leggere alcuni dei suoi articoli e partecipare a una conferenza… Trasmette fiducia?

Riesci a capire perché si comprano alcune aziende e se ne vendono altre? Capite il loro stile di gestione? Il gestore ha il vostro capitale investito nel fondo? Ti fai pagare in base ai tuoi risultati? Ha mai vinto dei premi?

Se conosci il manager e il suo modo di agire, dormirai più tranquillamente, avrai più fiducia nella sua gestione e accetterai gli alti e bassi del mercato approfittando dei bassi per comprare più azioni. Il manager è la più grande risorsa di un'azienda. Sono quelli che ottengono rendimenti che vanno dal 200% allo 0%.

L'azienda ha un vero professionista come consulente finanziario fiscale per risolvere tutti i dubbi in questa materia? Ha un simulatore fiscale? Trova la vicinanza e nell'era di Internet, questo è molto più vicino di quanto possa sembrare.

Altri consigli da considerare quando si sceglie un fondo d'investimento 

  1. Né all'estero né il più pubblicizzato deve necessariamente essere il migliore. Il passaparola, l'adeguatezza dell'investimento, il tipo di cliente e la corretta comprensione del prodotto sono la migliore pubblicità. Il “migliore” non ha bisogno di auto-propagazione o di lodi a buon mercato.
  2. A meno che tu e il tuo gestore non conosciate l'evoluzione delle valute (non c'è mercato più difficile da prevedere) investite solo in fondi denominati in euro.
  3. Se investite in fondi misti (azioni e reddito fisso), assicuratevi di gestire il reddito fisso e che non sia investito solo nei mercati monetari (bollette, note, ecc.) perché paghereste per una gestione che non ha luogo. Inoltre, data l'attuale situazione fiscale, non è consigliabile investire in fondi monetari, dato che ci sono le stesse alternative ad un costo inferiore, soprattutto in piccoli patrimoni.
  4. Non investire in fondi garantiti. I fondi garantiti sono una combinazione di un'opzione a reddito fisso. Tranne rare occasioni, l'unica garanzia è quella vincolata con le conseguenti spese. Il 90% degli attivi gestiti dai fondi garantiti sono in Spagna e Francia.
  5. Non investire un'alta percentuale del tuo patrimonio in fondi settoriali o emergenti. La volatilità e il rischio aumentano significativamente.
  6. Evitate i fondi di fondi, e così eviterete le doppie commissioni perché in alcuni casi, il gestore o la banca depositaria cade, con il ritorno delle commissioni che appartengono all'investitore.
  7. C'è la sperimentazione. Le società di gestione e i loro dipartimenti di marketing inventano nuovi prodotti o gli stessi prodotti con semplici differenze. Non comprare un nuovo fondo o una gamma di nuovi fondi. Aspettate che abbiano cinque anni e vedrete come hanno superato le crisi.

Guida del Fondo di Investimento
Guida raccomandata

Guida del Fondo di Investimento

Impara tutto sui fondi d'investimento. Impara le basi e inizia a investire saggiamente.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy