ETF e CEF? Qual è la differenza? | Rankia: Comunità finanziaria

ETF e CEF? Qual è la differenza?

ETF e CEF vengono spesso considerati come la medesima tipologia di fondo, ma così non è. Analizziamo insieme quali sono le caratteristiche che marcano delle differenze importantissime ai fini dell’investimento.

etf cef

ETF e CEF? Qual è la differenza?

Gli Exchange Traded Fund (ETF) sono dei fondi che sfruttano un indice sottostante al fine di seguire l’andamento di più società e vengono spesso privilegiati per via della loro comodità e per il fatto che permettono di investire su società sulle quali non sarebbe possibile investire normalmente.

I Closed End Fund (CEF) sono dei fondi chiusi a gestione attiva potrebbero sembrare molto simili agli ETF, e lo sono, ma il sistema sottostante è sostanzialmente diverso. I CEF non seguono un indice e lo stile di gestione opposto creano sostanziali differenze per gli investitori che portano a preferire l’uno o l’altro.

Commissioni

Le commissioni ETF sono inferiori rispetto alle commissioni CEF. Ciò è dovuto al fatto che gli ETF sono portafogli gestiti passivamente sfruttando l’indice sottostante e pertanto i costi di gestione sono inferiori. Anche le commissioni di negoziazione ETF sono inferiori rispetto a quelle CEF e in questo caso la motivazione è il basso turnover del portafoglio.

Leva

Per gli ETF non vi è una leva nella strategia di investimento del fondo. I CEF hanno un elevata fluttuazione e la maggior parte di essi viene sfruttata, ciò vuol dire che se i gestori del portafoglio prendono decisioni corrette la leva sarà favorevole, in caso contrario la leva potrebbe danneggiare pesantemente il portafoglio.

Distribuzioni fiscali

Data la strategia opposta di gestione del portafoglio (gli ETF sono a gestione passiva mentre i CEF sono a gestione attiva), vi è un influenza sul turnover e pertanto sulle distribuzioni fiscali. Ad un turnover basso, come quello degli ETF, corrisponde una bassa probabilità di distribuzioni fiscali, mentre ad un turnover alto, come quello dei CEF, corrisponde un’alta probabilità di distribuzioni fiscali.

Trasparenza

I CEF sono dei fondi chiusi e la loro trasparenza è relativa, dato il fatto che si tratta di fondi a gestione attiva. Al contrario gli ETF hanno una grandissima trasparenza, e ciò è senza alcun dubbio un’ottima caratteristica. La trasparenza degli ETF è dovuta al fatto che per quanto un ETF a sé possa essere più o meno trasparente, esso dichiara comunque l’indice sottostante, motivo per cui è possibile usufruire di totale trasparenza semplicemente cercando informazioni riguardo l’indice stesso o cercando informazioni dichiarate dagli sponsor del fondo.

Valore del patrimonio netto

Gli ETF vengono negoziati, di norma, al valore patrimoniale netto (NAV) senza alcun grande sconto o premio. I CEF, al contrario, vengono normalmente negoziati con premi o sconti applicati sul NAV. Ciò è dovuto sempre alla gestione attiva del fondo, infatti tali provvedimenti vengono applicati per tentare di incrementare la richiesta o la domanda, equilibrando il tutto.

Conclusione ETF e CEF

Non vi è un vincitore ed un perdente in questo confronto, si tratta di fondi di diversa natura e il loro sistema di gestione ne marca le differenze principali. Sta a te decidere quale investimento fa più al caso tuo in base a ciò di cui hai bisogno e in base al tipo di approccio che vorresti avere a mercato.


Guida del Fondo di Investimento
Guida raccomandata

Guida del Fondo di Investimento

Impara tutto sui fondi d'investimento. Impara le basi e inizia a investire saggiamente.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy