I fondi comuni possono fondersi? | Rankia: Comunità finanziaria

I fondi comuni possono fondersi?

I fondi comuni possono fondersi? Sei nuovo dei mercati finanziari e non sai da dove cominciare? Nessun problema! Che tu sia un principiante o un giocatore esperto, l'articolo di oggi ti aiuterà sicuramente. Ha mai sentito parlare di fondi comuni di investimento? Tipicamente, i fondi sono il modo più semplice sia per entrare che per “seguire” i mercati finanziari, e dato che questo è un argomento così ricorrente nella vita degli investitori, abbiamo deciso che era il momento di approfondire un po' l'argomento delle fusioni di fondi, dato che è qualcosa che genera molti dubbi nelle persone coinvolte.

Ma prima di farlo, per spiegare le peculiarità della fusione di queste aziende, dobbiamo definire cos'è un fondo d'investimento.

Cos'è un fondo comune?

I fondi funzionano sul principio di una sorta di “condominio” di investitori, cioè mettono in comune il denaro di diversi investitori per utilizzarlo insieme sui mercati finanziari. Tutti i rendimenti dell'applicazione sono condivisi tra i partecipanti, in proporzione al valore che ognuno ha versato, quindi se il fondo ha avuto un rendimento del 5% in un mese, tutti i partecipanti riceveranno il 5% del valore che hanno investito.

La somma di denaro che hanno deciso di investire in questo fondo forma il suo capitale, che viene gestito e applicato da un'istituzione o un professionista (manager). Le decisioni su cosa fare con le risorse saranno prese secondo obiettivi e politiche predefinite, il che garantisce un certo livello di prevedibilità, permettendo al fondo di essere investito secondo il profilo dell'investitore. Gli investimenti possono avere successo o meno – e questo determinerà l'aumento o la diminuzione del valore delle azioni del fondo.

È possibile che i fondi si fondano?

Comunemente chiamata “incorporazione“, una fusione si verifica quando un fondo viene acquisito da un altro, e l'entità che ha fatto l'acquisto sceglie (o meno) di gestire il fondo attuale.

La costituzione di un fondo non solo è permessa ma anche prevista dalla legge, e alla fine può essere qualcosa di interessante per gli azionisti, anche se è sempre un argomento che merita attenzione. Un'operazione di fusione ha senso quando i fondi (acquisitori e fonditori) non solo hanno politiche d'investimento simili, ma anche valori azionari simili, in modo che possano essere raggruppati in un unico fondo, con benefici come la riduzione dei costi e l'aumento della liquidità delle azioni.

C'è ancora molto spazio per le fusioni e le incorporazioni di fondi nei mercati finanziari di tutto il mondo, dato che ci sono un certo numero di fondi “mono-asset“, cioè quelli con un solo asset negoziato. In generale, le attività di questi fondi sono piccole e hanno pochi azionisti e quindi registrano poche transazioni in borsa.

Si tratta di fondi più vecchi che avevano senso in circostanze in cui il mercato stava muovendo i primi passi. Tuttavia, il loro futuro è sempre allineato con i fondi multi-asset, e di conseguenza con attività più robuste e diversificate. I fondi mono-asset (o fondi con poche attività) offrono molto più rischio agli azionisti, data la concentrazione delle attività.

Cosa fare quando si verifica una fusione di fondi?

La prima cosa da fare quando si apprende che un fondo di cui si è azionisti sta per (o si fonderà) con un altro è cercare informazioni sul fondatore. Come menzionato sopra, la tendenza è che una fusione si verifichi per fondi con politiche e attività simili, ma altri scenari non sono impossibili.

Cercate informazioni su chi sono i gestori di questo fondo che includeranno il vostro, così come la loro performance negli ultimi mesi, le loro attività in portafoglio e, se possibile, la loro valutazione del rischio del mercato. Se i dati sono simili ai vostri, non c'è nulla di cui preoccuparsi.

Se il fondo è registrato, se sarà gestito dal fondatore e sono richiesti dei cambiamenti (come una piattaforma), vi saranno date istruzioni semplici e chiare su come procedere.

In contrasto con tutto questo, se il vostro fondo è un fondatore, vi suggerirei di seguire gli stessi passi di cui sopra, ma in termini di rischi di cambiamenti nell'operazione, è inferiore.

Obblighi degli enti di gestione e diritti dei partecipanti

Una volta ottenute le informazioni di cui sopra, l'amministratore del vostro fondo propone effettivamente l'incorporazione, essendo da notare che solo i detentori di quote possono approvarla. Per farlo, è necessario tenere un'assemblea generale o una consultazione formale con ogni detentore di quote, e la proposta deve essere approvata da almeno la metà dei detentori di quote. Sottolineo che la questione più importante da analizzare prima del voto è il rapporto di scambio delle azioni, cioè quante azioni del fondo acquirente riceverà l'azionista del fondo target.

Gli azionisti di tutti i fondi coinvolti nella fusione devono decidere se considerano il rapporto di cambio equo, e sarà responsabilità dei gestori dei fondi fornire le informazioni necessarie per la decisione di ciascun azionista. Queste informazioni includono tipicamente la dimostrazione della compatibilità dei fondi che saranno fusi, dicendo quali criteri saranno usati per valutare le attività dei fondi e allocare gli importi ai partecipanti nei fondi fusi, e mostrando i cambiamenti che dovranno avvenire allo statuto del fondo che si fonde.

Pertanto, la partecipazione dei detentori di quote è essenziale quando si deve effettuare una fusione.

Se investite in un fondo che ha annunciato la possibilità di incorporazione, dovete prestare attenzione alla questione, dopo tutto, stiamo parlando del vostro capitale qui, giusto? Valutate attentamente la proposta, chiedete all'amministratore ulteriori chiarimenti se necessario, ma non rinunciate al voto.


Guida del Fondo di Investimento
Guida raccomandata

Guida del Fondo di Investimento

Impara tutto sui fondi d'investimento. Impara le basi e inizia a investire saggiamente.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy