Rapporti per analizzare i fondi di investimento | Rankia: Comunità finanziaria

Rapporti per analizzare i fondi di investimento

Nei registri dei fondi troviamo diversi rapporti da analizzare e scegliere il fondo d'investimento che meglio si adatta al nostro portafoglio e al nostro profilo di rischio. Se vogliamo conoscere il rischio associato ai fondi che stiamo confrontando e quindi prendere una decisione appropriata, dovremmo analizzare le volatilità, beta, alfa, sharpe ratio e information ratio.

Rapporti per analizzare i fondi di investimento

Attualmente abbiamo indici di redditività (aumento del valore del nostro investimento iniziale) come la redditività storica a 3 o 5 anni, indici di rischio come la deviazione standard e il rapporto rischio-rendimento che guarda la redditività aggiustata per il rischio come lo sharpe ratio.

Per seguire questo pensiero prendiamo come riferimento i rapporti del fondo Bestinfond la data di chiusura del 31/03/2014, e determinare così con un esempio reale, quali informazioni ci forniscono questi registri.

Dall'inizioIndice di riferimentoBestinfond
Alfa0,59
Beta0,59
Rapporto di informazione0,59
Rapporto di Sharpe1,01
Volatilità17,36%16,27%

Quando guardiamo i record dei fondi, troviamo diversi rapporti da analizzare per scegliere il fondo d'investimento che meglio si adatta al nostro portafoglio e al nostro profilo di rischio. Se vogliamo conoscere il rischio associato ai fondi che stiamo negoziando e quindi prendere una decisione adeguata, dovremmo analizzare la volatilità, il beta, l'alfa, lo sharpe ratio e l'information ratio.

Prima di iniziare con i rapporti che abbiamo menzionato prima, è necessario 

capire che abbiamo indici di redditività come la redditività storica a 3 o 5 anni, indici di rischio come la deviazione standard e indici di rischio-rendimento che analizzano la redditività corretta per il rischio, come lo sharpe ratio.

Volatilità 

Il primo rapporto che studieremo è la volatilità. In realtà, il rapporto che si chiama deviazione standard o deviazione tipica con cui otteniamo la volatilità o variabilità dei rendimenti. Quindi anche il rischio totale di un'attività.

  • Deviazione standard o bassa volatilità significa che i rendimenti non fluttuano massicciamente in un certo periodo di tempo, quindi si ottiene un basso rischio o viceversa.

In Bestinfond la volatilità è del 16,27% sotto un indice di riferimento che raggiunge il 17,63%. Se confrontiamo Bestinfond con gli altri fondi della sua categoria, possiamo dire che la sua volatilità è media.

Massimo prelievo 

Il massimo prelievo è un deficit massimo raggiunto da un fondo d'investimento nel tempo che intercorre tra un massimo registrato e il suo superamento. I drawdown fanno parte di qualsiasi curva di rendimento degli investimenti.

Va notato che questo indicatore è più popolare tra gli investitori con un profilo conservatore, poiché per loro la volatilità è la cosa più importante.

Pertanto, il drawdown massimo misura la perdita massima che un investimento può subire in un dato orizzonte temporale. Pertanto, in futuro il fondo d'investimento potrebbe avere una performance migliore o meno. Il drawdown massimo è un ulteriore indicatore da prendere in considerazione quando si sceglie il fondo che meglio si adatta a queste caratteristiche personali.

Per definizione, il drawdown massimo misura la differenza tra il massimo e il minimo che il fondo ha sperimentato tra un massimo e il successivo. Questo indicatore è solitamente espresso in percentuale rispetto al massimo raggiunto per il fondo. Misura il rischio del nostro sistema commerciale.

Importanza del Drawdown 

Il prelievo massimo potrebbe indicare tra le altre cose:

  • La possibilità di raggiungere uno stop loss. Questa situazione può portare a un gran numero di rimborsi.
  • La possibilità di raggiungere la filigrana prima della fine dell'anno in modo da poter addebitare commissioni in base ai risultati.

Esempio di prelievo massimo

Abbiamo investito nelle linee guida di un sistema e abbiamo guadagnato 10.000 euro con esso. Attualmente stiamo attraversando una serie di perdite e i nostri profitti sono ridotti a 7.000 euro, cioè, stiamo subendo un drawdown di 3.000 euro. Il prelievo sarà in vigore fino a quando la curva darà dei risultati e non supererà i profitti massimi, cioè i 10.000€ non saranno persi.

Beta 

Il beta è uno dei principali indicatori per stimare il rischio di un investimento che

misura la relazione tra il rendimento di un'attività e il rendimento del mercato in cui l'attività è scambiata. In altre parole, confronta le fluttuazioni che possono essere registrate in un valore versatile con quelle ottenute in un altro bene, di solito in relazione al record che gli appartiene.

  • β<1 significa che il valore concreto che stiamo guardando è il mercato. Per esempio, se il beta è 0,55 significa che se il mercato scende del 5% Bestinfond scenderà solo del 2,75%. Di solito le azioni meno volatili danno un rendimento più alto a lungo termine.
  • β=1 significa che il valore attuale che stiamo analizzando è volatile come il mercato. Otterrà lo stesso rendimento del benchmark, ed è completamente legato al mercato. Se il mercato scende del 5%, anche il fondo scenderà del 5%.

β>1 significa che il valore reale che stiamo guardando è più del mercato, quindi amplifica i movimenti del mercato. Se il beta è 1,5 e il mercato scende del 5%, il fondo scenderà del 7,5% amplificando così i movimenti del mercato.

fondos

β- Volatilità inferiore al mercato

E (Ri)- Rendimento atteso

Em- Rendimento atteso del portafoglio di mercato

Rf- Rendimento delle attività prive di rischio

β<0 meno volatile del mercato β=1 più volatile del mercato

Se guardiamo il grafico, vediamo che Bestinfond ha un beta di 0,55 e che gli attivi del suo portafoglio sono meno volatili degli attivi che compongono il benchmark del fondo (il benchmark è una media ponderata di IGBM, PSI e MSCI). Pertanto, se ci concentriamo sulle leggi matematiche (SML), il fondo avrebbe dovuto ottenere un rendimento inferiore all'indice di riferimento del mercato, che nel 2013 era del 19,35%, ma ha comunque ottenuto un rendimento del 31,82%, battendo sostanzialmente l'indice con un record inferiore.

Alfa 

L'alfa è una misura di portafoglio del rendimento addizionale ottenuto da un dato “paniere” rispetto al suo indice di riferimento. In altre parole, misura la differenza tra il rendimento attuale di un investimento e il suo rendimento atteso, entro un livello di rischio determinato dal beta.

Quando si genera alfa si dice che il gestore aggiunge valore addizionale con la sua gestione, poiché supera il rendimento atteso. Se guardiamo il nostro esempio, Bestinfond, ha ottenuto un'alfa di 0,88 superando così il rendimento atteso del mercato (vedi grafico). Questo eccesso di rendimento (31,82%-19,35%=12,47%) significa che i gestori di Bes- tinver con la loro selezione degli asset e il timing sono riusciti a fare meglio del mercato.

Alfa positivo significa che il fondo darà un rendimento positivo.

Sia l'alfa che il beta sono misure riferite al mercato, quindi è essenziale selezionare un indice (record) che abbia un'alta correlazione con il fondo per essere rappresentativo, dobbiamo quindi chiederci… Quale benchmark dovremmo assegnare a un fondo o a un portafoglio di investimento?

Rapporto di Sharpe 

Il rapporto di Sharpe misura l'eccesso di rendimento di un investimento (Ra-Rf) rispetto al rischio di un'unità (oa). Non è legato a nessun mercato specifico, permettendo così di confrontare fondi di diverse categorie. Come regola generale, preferiamo un fondo con uno sharpe ratio più alto, in quanto ci permette di ottenere un rendimento maggiore per il rischio assunto.

a>0 significa che il rendimento effettivo ottenuto dall'investimento ha superato l'investimento previsto. 
a<0 significa che il rendimento effettivo ottenuto dall'investimento è stato inferiore al rendimento previsto.

sharpe

Ra: Rendimento delle attività

Rf: rendimento delle attività senza rischio

oa: deviazione del tipo di volatilità

Rapporto di informazione 

L'ultimo rapporto che esamineremo è l'Information Ratio, che misura l'eccesso del rendimento sull'unità di rischio. Molto simile al rapporto di Sharpe, anche se differiscono in quanto il rapporto di Sharpe confronta il rendimento ottenuto e il rischio con il tasso di interesse privo di rischio, mentre l'Information ratio confronta il rendimento in eccesso e il rischio con un indice di riferimento specifico.

Ra: Rendimento del portafoglio del fondo

Rm: Rendimento dell'indice di riferimento

σ Tracking Error: Deviazione del rendimento del portafoglio del fondo rispetto al Benchmark.

Nel caso di Bestinfond, lo Sharpe ratio è positivo (1,10) e l'Information Ratio è anch'esso positivo con un valore di 0,59, quest'ultimo più basso perché viene confrontato con il benchmark di riferimento associato al fondo in questione piuttosto che con l'asset privo di rischio (i buoni del tesoro).


Guida del Fondo di Investimento
Guida raccomandata

Guida del Fondo di Investimento

Impara tutto sui fondi d'investimento. Impara le basi e inizia a investire saggiamente.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy