I migliori dividendi dell’anno

Comprare titoli che promettono un buon dividendo è una strategia di investimento interessante, soprattutto a lungo termine. Ma quali sono i migliori dividendi e come identificare le azioni con un buon dividendo per il 2024? In questo articolo vedremo le azioni che promettono un più alto dividendo in Italia e in Europa per il 2024, ovvero le società quotate in Borsa che riconoscono ai propri azionisti un dividend yield per azione molto alto.

migliori azioni da dividendo italiane

La maggior parte di noi sa che l’Europa è la prima grande regione del mondo a sviluppare un’economia moderna basata sull’agricoltura e lo sviluppo industriale. Secondo la Commissione europea, l’UE è “ha un prodotto interno lordo (PIL) pro capite di 25.000 euro per i suoi 500 milioni di consumatori”. È il principale partner commerciale di 80 paesi. L’Europa ha una grande economia, ma non è la più grande economia del mondo. Quel titolo appartiene ancora agli Stati Uniti e probabilmente la Cina sarà la più grande economia nel prossimo futuro. Tuttavia, l’Europa è il miglior terreno di caccia per gli investitori che cercano aziende stabili e affidabili in cui investire.

I migliori dividendi 2024 in Europa

Guardando al 2023, possiamo notare come, stando a quanto riporta S&P Global Market Intelligence, i dividendi europei siano cresciuti del 10%, toccando il massimo di 378 miliardi di euro. Un segnale sicuramente incoraggiante, segno del buon andamento del mercato.

Il settore bancario, dei beni strumentali e pharma hanno sostenuto la ripresa dei pagamenti dei dividendi.

In un contesto macroeconomico difficile e in aumento del rischio geopolitico, ci si aspetta ora che i dividendi europei rimangano resilienti con pagamenti ordinari aggregati che si prevede aumenteranno a una cifra media del 5% nel 2024.

Azioni con dividendi più alti in Italia

In questo periodo dell’anno arrivano i tanto attesi pagamenti delle società quotate nella Borsa Italiana e non c’è dubbio che chi è azionista di società quotate si aspetta di ottenere i migliori dividendi 2024 in Italia e sapere quando è il suo turno di riscuotere.

Lista dei migliori dividendi italiani 2024

Non solo coloro che sono già azionisti sono interessati alle azioni a dividendo, ma anche coloro che stanno cercando di investire sono interessati a sapere quali azioni hanno alti dividendi. Questo permetterà loro non solo di guadagnare un ritorno sull’andamento dei loro dividendi durante l’anno, ma anche di fare investimenti in alcune società quotate alla Borsa Italiana.

Di seguito troverete il calendario 2024 dei titoli ad alto dividendo a piazza Affari, pagati dalle società quotate nella Borsa Italiana. Oltre a sapere quali azioni hanno dividendi mensili, ciò che determinerà l’ammontare del dividendo e il mese in cui lo riceverete durante l’anno a venire dipenderà dalla società di cui possedete le azioni.

TitoliRendimento stimato (%)Dividendo per azioneDATA CEDOLA 2024 (prossima)
1. Mediobanca7,62%0,5220/05/2024
2. Unipol7,24%0,3820/05/2024
3. Poste Italiane6.35%0,47324/06/2024
5. Italgas6.11%0,3320/05/2024
6. Intesa Sanpaolo6.10%0,145
20/05/2024
7. Generali6.06%
1,23

20/05/2024
8. Enel6.01%
6,01%
22/07/2024

Per concentrarsi sui titoli con i dividendi più alti nel 2024 a piazza Affari, è necessario selezionare titoli che hanno pagato cedole elevate ai loro proprietari (in gergo tecnico chiamati stakeholder), con ottime stime previsionali; in questo caso, in Italia avremmo queste società.

Tuttavia, è importante ricordare che il rendimento stimato in percentuale è solo una stima, come indica il suo proprio nome, quindi il dato potrebbe fluttuare e variare. Qui trovate il calendario dividendi 2024 di Borsa italiana.

Migliori dividendi FTSE MIB

Oltre a quelle in tabella, ci sono altre aziende quotate nel FTSE MIB che da sempre offrono degli ottimi dividendi:

  • ENI
  • Enel
  • MedioBanca
  • Stellantis
  • Mediolanum
  • Generali
  • Azimuth
  • A2A
  • Terna

Vuoi investire in dividendi con un broker italiano?

Fineco Bank

8.75/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada

Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF

Operatore solido, regolato dalla CONSOB e quotato in Borsa.

Nuova piattaforma FinecoX: personalizzazione, funzionalità evolute e completezza operativa

Puoi riunire servizi bancari e di trading in un solo conto.

Deposito minimo:

€0.00

Offerta Speciale Fineco

Inoltre, Fineco Bank offre ai suoi nuovi iscritti un vantaggio unico: l’uso gratuito della piattaforma PowerDesk per un intero anno. Come parte di questa offerta, i nuovi clienti avranno la possibilità di realizzare 100 transazioni senza incorrere in spese di commissione nei primi tre mesi dopo aver aperto il conto, digitando il codice esclusivo Rankia “OM100AF”. L’offerta copre un ampio spettro di mercati, inclusi quelli italiani (MTA, MOT, EuroMOT, Hi-MTF), americani (AMEX, NASDAQ, NYSE) e tedeschi (Equiduct e Xetra).

Per approfittare di questa opportunità esclusiva, è essenziale procedere con l’apertura del conto online seguendo questo link e inserire il codice “OM100AF” durante la fase di iscrizione.

Migliori rendimenti di piazza Affari

Ecco tre azioni interessanti.

Unipol Gruppo

Unipol Gruppo, un gigante nel settore assicurativo, ha visto un aumento del 50,4% nel primo trimestre, con un incremento annuale del 71,6%. Unipol offre un interessante mix di crescita e reddito. Le azioni sono valutate in modo equo rispetto al loro fair value di 9,27 euro.

BPER Banca

BPER Banca ha dimostrato una notevole crescita del 44,7% nel primo trimestre e un eccezionale 98% negli ultimi dodici mesi. Il prezzo delle azioni è in linea con il fair value di 5,13 euro.

UniCredit

UniCredit si è distinta con un incremento del 43,2% nel primo trimestre e un aumento annuale del 107,7%. Le azioni sono valutate a 36,33 euro, in linea con il fair value stimato.

Dove comprare i dividendi più alti del 2024

Vi forniamo una selezione dei migliori broker per investire con un a strategia Buy and Hold nei maggiori dividendi 2024.

Scalable Capital

Come altri broker tedeschi, Scalable Capital è un broker abbastanza economico con cui operare, anche se ha la particolarità di richiedere un abbonamento mensile. In ogni caso, il conto è in euro ed è regolamentato dall’autorità di vigilanza tedesca. Inoltre, non ci sono spese di mantenimento o di inattività sul conto, né spese per la riscossione dei dividendi.

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia

Broker tedesco, regolamentato, sicuro e senza commissioni.

Ampia gamma di azioni ed ETF a basso costo o senza commissioni.

Paga il 2,6% annuo di interessi sulla liquidità

Deposito minimo:

€0.00

DEGIRO

DEGIRO è un altro dei broker selezionati per un trading efficiente sui dividendi, in quanto non ci sono commissioni di custodia o di incasso dei dividendi da pagare. Per le azioni italiane, la commissione è pari a 2 euro (negoziazione + gestione). Le commissioni per l’acquisto e la vendita di azioni internazionali dipendono dal mercato in cui vengono negoziate; ad esempio, investire in azioni europee costa 3,90 euro + 1 euro per le commissioni di gestione.

DEGIRO

8.5/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia

Ampia selezione di ETF senza commissioni

Oltre 50 mercati globali, nessuna commissione di custodia, dividendi e royalties inclusi

Piattaforma semplice e facile da usare

Promozione! 100 € di rimborso di commissioni

Deposito minimo:

€0.00

XTB

XTB era inizialmente un broker di Forex e CFD, ma ha ampliato la sua offerta di prodotti e ora consente di negoziare in azioni ed ETF. In questo modo, l’investitore può scegliere se investire in azioni o in CFD su azioni. Anche se, in termini generali, la prima opzione è di solito migliore per realizzare la strategia di investimento in dividendi, entrambe hanno i loro vantaggi.

Ad esempio, con i CFD si ha diritto a ricevere il dividendo (purché si sia lunghi sulle azioni) e si può operare con un volume maggiore grazie alla leva finanziaria.

XTB

8.75/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia

Conto demo e nessun deposito minimo.

Commissioni su azioni ed ETF dello 0%.

Accademia di formazione e servizio clienti in italiano.

Deposito minimo:

€0.00

Quali sono le Borse europee che pagano i dividendi più alti?

Storicamente, la Borsa europea che paga i dividendi più alti è la Borsa russa, ma dato il contesto attuale della guerra con l’Ucraina, questo è cambiato radicalmente. Ora i Paesi con il rendimento da dividendo più alto sono Germania, Francia, Italia e Spagna.

Pertanto guadagnare con gli ETF non riguarda solo la crescita del capitale, ma anche la generazione di reddito passivo attraverso i dividendi. Alcuni ETF si concentrano specificamente su azioni con dividendi, offrendo agli investitori una fonte di reddito regolare. Se siete interessati a una crescita costante dei dividendi nel tempo, potreste considerare ETF che includono “dividendi aristocratici“, ovvero aziende che hanno aumentato i loro dividendi per 25 anni consecutivi o più o ETF che includono i Dividend Kings, ovvero le azioni con dividendi in crescita da oltre 50 anni. Inoltre, ci sono ETF con dividendi mensili che forniscono una fonte di reddito più frequente rispetto ai tradizionali ETF che distribuiscono dividendi su base trimestrale. Questi strumenti possono essere particolarmente utili per chi cerca un flusso di reddito più costante.

Azioni europee con alto dividendo 2024

In questa tabella ci sono le imprese con i dividendi più alti delle Borse Europee. Parliamo di indici come il DAX 40, CAC 40 etc.

Società TickerDividendi
Hapag LloydHLAG e21.00%
Crédit AgricoleACA9.83%
BMWBMW etr8.42%
BASFBAS e6.92%
EndesaELE bme7.82%
VolkswagenVOW3 e6.98%
StellantisSTLAM8.00%
EniENI6.38%
OrangeORA epa6.13%
Intesa SanpaoloISP6.76%

Se vuoi saperne di più scopri quali sono le migliori azioni dell’Eurostoxx50.

Come cercare le azioni con alto rendimento da dividendo?

Le migliori azioni da comprare per ottenere i dividendi sono caratterizzate da:

  • Alto rendimento: titoli ad alto dividendo
  • Forte crescita: azioni con crescita costante
  • Basso rischio: azioni con bassa volatilità

Cosa studiare nel momento della scelta dell’impresa?

  • Crescita continua e stabile: flussi di reddito crescenti.
  • Basso debito: un’azienda con un livello alto di indebitamento potrebbe crollare. Il rapporto debito/utile deve essere superiore a 5/6.
  • Vantaggio competitivo: ad esempio il possesso di un brevetto o di una fetta di mercato importante.
  • Redditività a lungo termine: controllate il dividend yield.

Guarda anche la nostra guida: investire in azioni ad alto dividendo passo a passo 👇🏼

Perché acquistare azioni che pagano dividendi alti?

La risposta è abbastanza semplice: per reinvestire il dividendo, avendo guadagnato grazie all’interesse composto.

Alcune aziende non offrono dividendi, perché preferiscono reinvestire gli utili in azioni di espansione dell’impresa. Le aziende che sono più propense a pagare dividendo sono quelle già consolidate nel mercato.

Ricordate sempre che investire in dividendi è un investimento a lungo termine, perché nel breve potrebbero essere soggetti ad alta volatilità (anche quando il titolo in cui si è investito è considerato sicuro): dunque, investite in società consolidate, con uno storico di pagamento di dividendi e flussi di reddito stabili.

Vista l’incertezza in Europa, come nel resto del mondo, riguardo alla guerra tra Russia e Ucraina e con diversi settori di materie prime colpiti, può essere che di fronte a una carenza di alcuni prodotti, le azioni delle aziende di questi settori abbiano rendimenti interessanti. Se vuoi andare sul sicuro, tuttavia, potrebbe essere meglio puntare a quelle società quotate che pagano i migliori dividendi, anche se questo dipenderà dalla performance finanziaria di ogni società.

Come vengono tassati i dividendi?

Innanzitutto, dobbiamo chiarire che i redditi derivanti da dividendi, nel sistema fiscale italiano, fanno parte della categoria dei c.d. redditi da capitale, i quali sono disciplinati dall’art. 44 e 45 del Tuir.

Poi, bisogna distinguere le ipotesi in cui il soggetto sia persona fisica non operante in regime di impresa da quelle in cui invece sia una persona fisica operante in regime di impresa, e poi se la società sia di persone oppure di capitali.

  • Sei una persona fisica che non opera in regime di impresa: in questo caso si prevede semplicemente l’applicazione della ritenuta alla fonte a titolo di imposta del 26%. Non è previsto, poi, l’obbligo di presentazione dei redditi derivanti da dividendi nella dichiarazione dei redditi, in quanto il reddito è sostanzialmente tassato alla fonte: la società agisce come sostituto d’imposta versando la ritenuta di acconto.
  • Per le società di persone o ditte individuali: sulla base imponibile pari al 58,14% si applicano le aliquote IRPEF ordinarie.
  • Per le società di capitali: la base imponibile è del 5%.

Previsioni dei Dividendi per il 2024

Il 2024 si preannuncia come un anno particolarmente promettente per gli investitori europei focalizzati sui dividendi. Secondo il report di Allianz Global Investors Dividend Study, che ha esaminato le prospettive delle aziende nell’indice MSCI Europe, il 2024 vedrà un incremento significativo nei dividendi distribuiti dalle società europee. In particolare, si prevede che i dividendi raggiungano i 433 miliardi di euro, con un aumento del 6,5% rispetto ai 407 miliardi del 2023. Questo trend ascendente dovrebbe continuare anche nel 2025, con previsioni che indicano un ulteriore aumento fino a 460 miliardi di euro, segnando un incremento del 13% rispetto al 2023.

Il dividend yield medio previsto per il 2024 è del 3,67%, un aumento rispetto al 3,47% del 2023, indicando una crescente capacità delle aziende di mantenere i pagamenti dei dividendi. In Italia, il mercato si mostra particolarmente generoso, con un dividend yield previsto che sale al 5,63% per il 2024, superiore al 5,43% del 2023, rendendo le azioni italiane particolarmente attraenti anche per gli investitori internazionali.

Stacco dividendi italiani 2024

La stagione dei dividendi del 2024 sarà ricca di eventi importanti, soprattutto per gli investitori che puntano sull’Italia. Intesa Sanpaolo guida la distribuzione di maggio il 20, con altri grandi nomi come Banca Mediolanum, A2A, Generali, Fineco Bank e Gruppo Unipol, offrendo yields che vanno dal 4,9% al 9%. Poste Italiane ed Enel chiuderanno la stagione estiva dei bilanci, con stacchi previsti per il 24 giugno e il 22 luglio e yields del 7% e 6,5% rispettivamente.

Per capitalizzare su questi dividendi, gli investitori devono possedere le azioni almeno un giorno prima della data di stacco del dividendo, in quanto l’acquisto nel giorno dello stacco non conferisce il diritto alla cedola. Tipicamente, il pagamento avviene tre giorni dopo la data di stacco. Questa pianificazione strategica può massimizzare il ritorno sugli investimenti in un anno che si preannuncia ricco di opportunità di dividendo in Europa.

Per approfondire leggi: tassazione dividendi azioni.

Cerchi un broker per investire in dividendi? Scopri le nostre raccomandazioni

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

FAQ

Quali sono le previsioni dei dividendi nel 2024 in Europa?

Ci ci si aspetta, secondo le previsioni di S&P Global Market Intelligence, che i dividendi europei rimangano resilienti con pagamenti ordinari aggregati che si prevede aumenteranno a una cifra media del 5% nel 2024.

Qual è la classifica dei migliori dividendi del 2024 in Europa?

Per quanto riguarda i migliori dividendi del 2024 in Europa ritroviamo: Hapag Lloyd, Crédit Agricole, BMW, Stellantis, Endesa, Intesa Sanpaolo, Volkswagen e BASF.

Qual è la classifica dei migliori dividendi del 2024 in Italia?

Fra queste ritroviamo: Mediobanca, Unipol, Poste Italiane, Stellantis, Italgas, Intesa Sanpaolo, Generali, Enel, Banca Mediolanum, Eni.

corso come investire in borsa da zero
Disclaimer:

Leggi di più sulla promozione "100 ordini gratis" di Fineco: https://finecobank.it/it/promo/100OMA/regolamento.html

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Materie prime: petrolio, gas, oro e altre commodities. Il futuro dei nuovi equilibri globali
Webinar online con l'esperto Analista Maurizio Mazziero. Cosa imparerai:
  • Le prospettive per petrolio, gas e oro.
  • Le dinamiche globali delle materie prime.
  • L’impatto della transizione ecologica sulle risorse.

Articoli correlati

Cos’è l’indice Russell 2000
L'Indice Russell, noto anche come Russell Index, è un insieme di indici azionari statunitensi creati dalla Russell Investments. Questi indici sono ampiamente utilizzati come benchmark da fondi ed investitori per tracciare la performance del mercat...