Ordine di Stop loss: significato e come usarlo nel trading

Lo Stop loss è uno strumento di gestione del rischio che permette all'investitore di limitare le perdite. Il significato è letteralmente “stop alla perdita”. Vediamo il suo utilizzo e i pro e contro di questa strategia.

stop loss eToro

Stop loss: significato

Un ordine di stop loss è un ordine di trading che ha lo scopo di bloccare le perdite in caso di improvviso calo del prezzo di un'attività. L'ordine, che rimane attivo ma non eseguito, viene attivato ed eseguito, ordinando la vendita dell'attività, quando il prezzo dell'attività raggiunge il livello precedentemente stabilito dall'investitore.

Quando impostiamo uno stop loss, limitiamo le nostre perdite. In questo modo, possiamo dire al broker che, nel caso in cui l'azione che abbiamo acquistato, e per la quale abbiamo pagato 100 dollari, scenda sotto i 70 dollari, l'operazione viene chiusa immediatamente, evitando le perdite che comporterebbe il mantenimento dell'operazione mentre il suo valore sta scendendo.

Allo stesso modo, si potrebbe anche impostare uno stop loss nel caso in cui si sia acquistato un bene che ha già subito una rivalutazione. Immaginiamo di averla acquistata a 100 dollari e che oggi valga 800 dollari. In questo caso, potremmo impostare uno stop loss a 780 dollari, mettendo al sicuro i profitti già realizzati da eventuali cali improvvisi.

Come suggerisce il nome, questo tipo di ordine viene utilizzato per limitare le perdite, in situazioni in cui vogliamo garantire questa limitazione ed evitare che un crollo improvviso divori il nostro capitale.

Stop loss e take profit

D'altra parte, abbiamo anche ordini di take profit. In questo senso, gli ordini che si comportano in modo opposto agli ordini stop loss. Con gli ordini di take profit si limita il profitto. In altre parole, fissiamo un limite di profitto in modo che, non appena l'asset raggiunge quel prezzo, l'operazione venga chiusa, garantendo una redditività precedentemente prevista. In questo senso, immaginiamo di aspettarci che un bene che oggi vale 100 aumenti di valore, raggiungendo un prezzo di 160 dollari.

Per garantire il profitto nel caso in cui questo asset aumenti di valore, e come per gli stop loss, impostiamo un take profit, che verrà eseguito non appena il prezzo dell'asset raggiungerà il prezzo precedentemente stabilito dall'investitore.

Come funziona lo Stop loss trading? Caratteristiche

Tra le caratteristiche che definiscono questo tipo di ordine di compravendita, vanno ricordate le seguenti:

  • L'istituto finanziario accoglierà le richieste di cancellazione degli ordini di stop loss, a condizione che la situazione dell'ordine lo consenta.
  • Un ordine di stop loss non può essere modificato. In tal caso, l'ordine deve essere annullato e deve essere effettuato un nuovo ordine con le nuove condizioni.
  • Non è possibile inviare un ordine stop loss “a mercato” o “limite al miglior prezzo”. È quindi necessario segnalare un prezzo limite.
  • La negoziazione di ordini stop loss è disponibile per i titoli e i warrant quotati sul mercato continuo, nonché per i titoli inclusi nei principali indici internazionali.
  • Le trattenute derivanti dall'inserimento di un ordine stop loss non saranno effettuate, come nel caso di un ordine normale, al momento dell'inserimento dell'ordine, ma quando la condizione di attivazione è soddisfatta e l'ordine viene inviato al mercato. Questo è il motivo per cui un investitore può inserire più di un ordine di stop loss per vendere su un singolo acquisto.

Tipi di ordini stop loss

Tra i principali tipi di ordini di stop loss che troviamo, possiamo evidenziarne tre, con alcuni altri sottotipi:

  • Statico.
  • Dinamico.
  • Garantito.

Stop loss statico

Tra i tipi di statici che troviamo, possiamo evidenziare i seguenti:

  • Stop loss di vendita

Il più frequente di tutti. Questo stop loss è un ordine di vendita che, seguendo le raccomandazioni dell'analisi chartista, obbliga a vendere se il prezzo scende e perde un livello prestabilito. “Stop loss” può essere tradotto come “perdita di arresto”, ed è posto, in questo caso, al di sotto dei livelli di supporto o di accumulo della domanda. Secondo l'analisi dei grafici, la perdita di uno di questi livelli è l'inizio di una caduta prolungata dei prezzi.

Lo stop loss serve a vendere prima che i prezzi crollino definitivamente, evitando così ulteriori perdite. Si basa su uno dei principi fondamentali dell'investimento nei mercati finanziari, ovvero “imparare a perdere, a subire perdite e a limitarne l'entità”.

  • Stop loss di acquisto

Lo stop loss, in questo caso, è un ordine di acquisto. In questo caso si attiva quando, dopo essersi trovati in una posizione di vendita, a un certo punto si verifica un movimento nel mercato che consiste nella rottura al rialzo di un livello di resistenza prestabilito.

In questo modo, si vuole evitare di rimanere disinvestiti in un ampio movimento al rialzo di un determinato asset finanziario, privandosi così della possibilità di ottenere importanti profitti.

Stop loss dinamico

Tra i tipi di dinamici che possiamo trovare, possiamo evidenziare i seguenti:

  • Stop loss dinamico in una posizione Buy

Uno stop loss dinamico al rialzo viene utilizzato per massimizzare il più possibile i profitti, nel caso in cui il movimento del prezzo sia riuscito in una posizione di acquisto. A tal fine, utilizzeremo questo stop loss nel caso in cui una posizione di acquisto vada in profitto. Se abbiamo acquistato e il prezzo delle nostre azioni sta salendo, incorporeremo uno stop loss ascendente, in modo da consolidare i profitti ottenuti. A tal fine, studieremo il comportamento precedente dell'azione e dei suoi supporti.

Il punto è aumentare lo stop loss per uscire dal titolo quando il prezzo sale. In questo modo, non solo ci assicureremo il profitto, ma eviteremo anche di essere sorpresi da un brusco calo del prezzo delle azioni.

  • Stop loss dinamico in una posizione Sell

Uno stop loss dinamico al ribasso viene utilizzato per garantire che, in caso di movimento di prezzo positivo in una posizione di vendita, si rimanga in tale posizione il più a lungo possibile. A tal fine, utilizziamo questo stop loss nel caso in cui una posizione di vendita vada in profitto. Se abbiamo venduto e il prezzo delle nostre azioni continua a scendere, incorporeremo uno stop loss al ribasso per proteggere i profitti accumulati. A tal fine, studieremo il comportamento precedente del titolo e le sue resistenze.

Il punto è abbassare lo stop loss e rientrare in un secondo momento, quando il prezzo scende. In questo modo, ci assicureremo il profitto in caso di un improvviso aumento del prezzo delle azioni.

Stop loss garantito

Gli stop loss garantiti sono quelli che utilizziamo quando sappiamo con certezza il valore a cui si chiuderà un'operazione, impostiamo l'ordine sulla posizione e paghiamo successivamente un premio per garantirlo; in questo modo evitiamo i rischi derivanti da un possibile slippage, ad esempio.

Tuttavia, questo può essere modificato in uno stop loss statico o dinamico, a seconda dei nostri interessi.

Come impostare lo stop loss?

Questo ordine viene attivato quando, una volta soddisfatta la condizione di attivazione, il prezzo segnalato di quel titolo cambia. Infatti, in titoli molto illiquidi (con scarse negoziazioni), dove non ci sono continui scambi incrociati in borsa e il prezzo del titolo non cambia in ogni momento, può accadere che l'ordine non venga attivato istantaneamente, anche se la condizione di attivazione è nel prezzo.

Comprendere questo meccanismo è semplice se si tiene conto, ad esempio, che all'interno del sell stop si va a gestire il rischio dell'investimento, inviando due ordini di vendita: uno che limita le perdite, e un altro che fissa i profitti.

Prendendo il caso di un investitore che ha acquistato 500 azioni di un titolo a 35,50 euro l'una e analizzando la situazione di mercato e il rendimento atteso, deciderà che il rendimento obiettivo è dell'8,50% sull'investimento e che la perdita massima che è disposto ad assumere è del 3%.

In questo caso, sarebbe necessario emettere un ordine di vendita stop loss che preveda una perdita massima del 3%, per cui la vendita dovrebbe essere limitata a 34,44 euro, con una condizione di trigger inferiore o uguale a 34,46 euro per azione. L'ordine sell stop loss per i profitti, invece, sarà limitato a 38,52 euro (l'equivalente del +8,50% dei profitti contemplati), con una condizione di attivazione maggiore o uguale a 38,52 euro.

Come si può notare, c'è un piccolo disallineamento di prezzo tra il prezzo massimo e il prezzo di attivazione. Questo perché il prezzo di attivazione consigliato è leggermente più alto del prezzo limite per garantire che l'ordine venga eseguito a un prezzo almeno pari al prezzo limite, ottenendo così la redditività desiderata.

Esempio di stop loss

Infine, vediamo un semplice esempio di come funziona questo tipo di strumento.

Immaginiamo di voler acquistare 100 azioni di Apple e di emettere un ordine di acquisto che verrà eseguito quando raggiungeranno il valore di 25 euro per azione.

Se l'ordine viene eseguito e abbiamo già le azioni, possiamo impostare uno stop loss in modo che, in caso di calo improvviso, la posizione venga chiusa quando l'azione raggiunge i 20 euro.

In questo modo, sappiamo già che impostando questo stop loss, la perdita massima che stiamo assumendo è di 500 euro. Quindi, se l'operazione viene chiusa a 20 dollari per azione, il calcolo (5 euro per 100 azioni) ci dice che potremmo perdere fino a un massimo di 500 euro.

Vantaggi e svantaggi

In questa tabella vi diremo il vantaggio e lo svantaggio principale.

Principale vantaggioPrincipale svantaggio
Aiuta a fissare limiti di perdita e proteggere l'investimentoSe non lo impostiamo nella forma corretta, potremmo
vendere azioni che in seguito potrebbero darci
vantaggi e non le avremmo più nel nostro portafoglio.
Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Obbligatorio)


Articoli correlati

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy