Come investire in dividendi

Se hai un capitale modesto e vuoi entrare nel mondo degli investimenti con l'idea di ottenere benefici dal tuo investimento, essendo consapevole dell'attuale livello di rischio del mercato, è naturale che tu scelga di acquistare azioni che offrono dividendi. Tuttavia, come nuovi investitori è importante contestualizzare questo background e avere una chiara definizione di azioni e dividendi. In questo post scopriremo come comprare azioni per i dividendi e in generale come investire in dividendi azionari.

azioni per dividendi

Azioni e dividendi, definizioni

Azioni: strumenti finanziari a reddito variabile, emessi da società per azioni (società), che rappresentano un titolo di proprietà su una frazione del patrimonio di detta società. In questo modo l'azionista diventerà proprietario di una parte dell'azienda.

Dividendi: è la distribuzione degli utili, tra gli azionisti che possiedono azioni in custodia di un agente di cambio, il pagamento è indicato nelle date e l'importo sarà indicato dalla società. In base alla legge sulle società, il minimo legale è del 30%. Per una comprensione più dettagliata di questo processo, ti consigliamo di leggere: dividendi, come funzionano.

Chiarite queste definizioni, vediamo come acquistare azioni per futuri dividendi. Potrebbero anche interessarti i dividendi 2024 di Borsa italiana.

Che tipi di dividendo esistono?

La società ha tre modi per pagare il dividendo.

  1. In contanti: è la formula più comune.
  2. Dividendo a striscia o “dividendo flessibile”: in questo caso l'azionista sceglie se ricevere il dividendo in contanti o in azioni. Queste azioni possono provenire dalle azioni proprie della società o da un aumento di capitale.
  3. In azioni: in questo caso l'azionista non viene pagato in contanti, ma in un numero maggiore di azioni della società.

Per quanto riguarda il pagamento in contanti, esistono due tipi di dividendi:

  1. Dividendo ordinario: sono quelli legati all'attività della società.
  2. Dividendo straordinario: quando una società decide di pagare un dividendo eccezionale (di solito legato a un evento insolito, come una plusvalenza a seguito di un'operazione societaria) e senza l'intenzione di mantenerlo su base regolare nel tempo.

Qual è il rapporto tra il prezzo di un'azione e il suo dividendo?

Praticamente tutti gli indici sono ex-dividendo, il che significa che il dividendo viene detratto dal prezzo dell'azione il giorno in cui viene distribuito, poiché questo denaro non appartiene più alla società e quindi non dovrebbe far parte della sua capitalizzazione. Facciamo un esempio: una società distribuisce dividendi il 19, chiude il 18 a 12,20 euro e distribuisce un dividendo di 0,20 euro per azione; il giorno successivo aprirà con una riduzione di 0,20 euro del prezzo dell'azione, se non ci fossero state variazioni il 19 avrebbe aperto a 12 euro.

Per questo motivo la strategia di alcuni investitori di acquistare le azioni un paio di giorni prima e di venderle il giorno del pagamento non è molto efficace, in quanto non porta a una maggiore redditività.

Come investire in dividendi: strategia

Investire in dividendi significa semplicemente acquistare quei titoli che pagano i migliori rendimenti agli azionisti, su base annuale, semestrale o trimestrale. Allo stesso tempo, evitate le società con bassi dividendi e quelle che hanno tagliato i dividendi negli ultimi tempi. Questa regola, che consiste nel detenere titoli con dividendi elevati e in crescita e nel vendere (o non acquistare) titoli con dividendi bassi o significativamente ridotti, è l'aspetto chiave di questa strategia e ci consentirà di mantenere coerenza e convinzione. Ricevendo un flusso costante di reddito su base regolare, le oscillazioni del mercato tenderanno a colpirci meno profondamente rispetto a quando l'unica fonte di rendimento da ottenere è la valutazione delle nostre posizioni.

Come investitori in dividendi, dobbiamo tenere d'occhio la sostenibilità a lungo termine dei dividendi. Una società che aumenta il dividendo ogni anno perché è in grado di guadagnare sempre di più non è la stessa cosa di una società che aumenta o semplicemente mantiene la sua politica di distribuzione sulla base del debito o compromettendo la redditività dell'azienda nel medio o lungo termine. In questo senso, la redditività che possiamo ottenere con questa strategia, e che può superare quella di altre alternative, risiede soprattutto nella selezione delle società che facciamo per costruire il nostro portafoglio di investimenti.

Dividend Growth Investing

L'investimento in crescita dei dividendi è una strategia di investimento per l'apprezzamento degli attivi. Si concentra però sulle società che aumentano regolarmente l'ammontare dei dividendi pagati agli azionisti. Questa strategia si basa sulla premessa che le società che possono aumentare i loro dividendi anno dopo anno se sono ben gestite e hanno una buona performance finanziaria.

Investendo in azioni di società con dividendi in crescita, gli investitori possono beneficiare di un flusso di reddito stabile e crescente nel tempo, che può fornire un interessante rendimento a lungo termine sui loro investimenti.

Dividend Value Strategy

Questa strategia d'investimento è stata creata dalla “Signora dei Dividendi”, Geraldine Weiss. La strategia si basa sulla selezione di società di alta qualità che aumentano i dividendi anno dopo anno. Una volta selezionate, si acquistano le società quando il loro DPS è storicamente elevato e si vendono quando il DPS scende ai minimi storici.

Questa strategia ha battuto l'S&P500 in numerose occasioni e persino Warren Buffett stesso per molti anni, con un CAGR dell'11%.

Dogs of the Dow

Il Dogs of the Dow è una strategia semplice ma molto efficace. Si basa sull'acquisto, il primo giorno dell'anno, delle dieci società del Dow Jones con il rendimento da dividendo più elevato e sulla loro vendita l'ultimo giorno dell'anno. Questa strategia ha battuto il Dow Jones in numerose occasioni.

Dividend Aristocrats

I Dividend Aristocrats sono società che hanno dimostrato una storia lunga e stabile di aumento dei dividendi nel tempo. Queste società sono tipicamente di alta qualità e sono considerate investimenti difensivi perché possono fornire una fonte di reddito costante agli investitori attraverso il pagamento dei dividendi.

Per qualificarsi tra questi, una società deve soddisfare determinati requisiti, come ad esempio avere un track record di almeno 25 anni di aumenti annuali dei dividendi (in Europa si considerano 10 anni senza tagli dei dividendi) e avere una capitalizzazione di mercato minima. Queste società tendono inoltre ad avere un flusso di cassa stabile e un basso indebitamento rispetto agli utili.

Dividend Kings

I Dividend Kings sono un gruppo selezionato di società che si caratterizzano per aver mantenuto un record di dividendi stabili e in crescita per un periodo ancora più lungo rispetto agli aristocratici dei dividendi. In altre parole, queste società hanno pagato dividendi e li hanno aumentati senza interruzioni per almeno 50 anni consecutivi.

Come gli aristocratici dei dividendi, anche i Dividend Kings sono considerati investimenti difensivi, ma molto più solidi degli aristocratici. In effetti, in Italia non ci sono ancora Dividend Kings, mentre negli Stati Uniti, tra le migliaia di società quotate in borsa, solo 26 hanno raggiunto il traguardo di Dividend Kings.

Come comprare dividendi: scegliere il titolo

Affinché la nostra strategia di investimento in dividendi abbia successo, dobbiamo scegliere società affidabili, leader nel loro settore, con un buon track record e vantaggi competitivi sostenibili che consentano loro di far crescere gli utili al di sopra del tasso di inflazione. Un dividendo in crescita è poco utile se non supera l'inflazione. Alcuni dei principali rapporti e indicatori che possiamo osservare per selezionare una società in base ai suoi dividendi sono: EPS (Earning per share), DPS (Dividend per share), Payout (rapporto tra DPS ed EPS), Dividend Yield (rendimento dei dividendi) o FCF Yield (Free Cash Flow Yield).

Inoltre, è importante verificare la storia dei dividendi, gli utili e la politica di remunerazione degli azionisti, nonché il rapporto di indebitamento. Più lunga è la storia della società, maggiore è la convinzione sulla sua solvibilità in tempi e contesti complessi. Alcuni investitori preferiscono le società più giovani che offrono rendimenti da dividendo più elevati, mentre altri preferiscono le società mature con rendimenti da dividendo più bassi ma con un track-record più elevato. Come investitori possiamo optare per l'una o l'altra prospettiva, oppure combinare entrambi gli approcci alla ricerca di un rapporto rischio-rendimento ottimale.

Leggi anche: analisi aziende.

Dove comprare azioni con dividendo

Ecco alcune indicazioni sui broker che suggeriamo di valutare per iniziare ad investire in dividendi.

Qui trovi altri broker per dividendi.

Cos'è il rendimento dei dividendi? Forward Dividend Yield

Il forward dividend yield è una stima del rendimento dei dividendi che un'azione potrebbe generare in un futuro prossimo. Si calcola dividendo il dividendo previsto per l'anno corrente per il prezzo corrente dell'azione e viene espresso in termini di una percentuale annua (più in basso la formula). Questo indicatore è utilizzato dagli investitori per valutare l'attuale potenziale redditizio di un'azione e prevedere la futura performance dei dividendi. Tieni presente che il forward dividend yield può differire dal rendimento effettivo dei dividendi a causa di cambiamenti nelle politiche di distribuzione o nella performance delle aziende.

Vediamo ora la formula del modello dei dividendi per la stima del valore delle azioni.

Formula del Forward Dividend Yield

Il rendimento dei dividendi è calcolato tenendo conto del prezzo medio di acquisto delle azioni e dell'importo investito. Il rendimento dell'investimento è rappresentato dai dividendi annuali che le azioni ci forniranno, che possono essere il dividendo pagato nell'ultimo anno o il dividendo stimato per il prossimo anno.

La formula per calcolare il rendimento dei dividendi di un dato titolo è la seguente:

Rendimento del dividendo (%) = (Dividendo per azione / Prezzo di mercato dell'azione) * 100

Come acquistare azioni per ottenere dividendi?

Quando un nuovo investitore acquisisce azioni, è importante che definisca lo scopo dell'investimento, magari acquisisce le azioni a fini permanenti, solo per il piacere di possedere parte della società. D'altra parte, le azioni possono essere acquistate per speculazione, acquistando a un prezzo basso e vendendo a un prezzo elevato. Oggi analizzeremo un'altra possibilità, in cui l'acquirente (Investitore) acquista azioni per ottenere dividendi.

Acquistando azioni per nostro conto o utilizzando i servizi di un intermediario, per impostazione predefinita sarai proprietario di una parte della società acquisita e quindi avrai il diritto imminente di ricevere dividendi. Lo svantaggio è che molte aziende hanno prezzi bassi e per ottenere dividendi più attraenti richiederebbero grandi quantità di denaro.

Parametri di base nell'investimento in dividendi

Per investire in dividendi, è necessario avere una conoscenza di base di alcuni concetti finanziari per poter determinare se la società in cui si intende investire è una buona opzione. Due parametri fondamentali sono il dividend yield e il payout.

  • Il dividend yield o DPS: determina il rendimento che l'investitore riceve attraverso il pagamento dei dividendi. È calcolato come la divisione tra il dividendo per azione che una società paga annualmente e il prezzo pagato per l'azione. È paragonabile al TIR delle obbligazioni.
  • Il payout determina l'ammontare degli utili destinati al pagamento dei dividendi. È generalmente espresso in percentuale e rappresenta il rapporto tra il dividendo per azione e l'utile per azione.
    Tuttavia, questi sono solo due indici del mondo dei dividendi; ce ne sono molti altri basati sui bilanci delle società che restano da vedere.

Come ottenere dividendi: esempio

Nel presunto scenario in cui un investitore ha acquistato 4.200 azioni della società “X” e il suo ultimo pagamento è stato di 17,7865 euro per azione (corrispondente all'ultimo trimestre), l'investitore riceverebbe circa 7.500 euro, dove il recupero del capitale investito gli porterebbe 25 trimestri (il tuo investimento è di 190.000 euro per il numero totale di azioni). Il profitto acquisito sarebbe molto diverso se invece di 4.200 azioni avessi acquistato 42.000 azioni, il tuo profitto oggi sarebbe molto più attraente.

Quindi, è una misura interessante acquistare azioni per i dividendi, forse la situazione non è attraente, per l'utente con meno capitale, tuttavia, sarebbe consigliabile ogni mese stanziare un certo denaro, per le azioni, in questo caso, siamo parlando di 190.000 euro al mese per esemplificare, ma se si investono 100.000 al mese e ipotizzando in uno scenario molto utopico, una costanza in tutte le variabili, si otterrebbe l'anno prossimo con tutto il capitale esposto, dividendi trimestrali di circa 75.000.

Le azioni a lungo termine tendono ad aumentare, ad esempio la società “X”, ipoteticamente, 8 anni fa ogni azione valeva $ 3 e ora vale $ 7, raddoppio il valore della quota e forse quell'idea è più attraente di il dividendo, ma se vuoi ancora acquistare per i dividendi, l'ideale è investire dove il valore della società non è così volatile, cioè società con profili di investimento conservativi.

Quando si riscuotono i dividendi?

Dipende dalla società: alcune società pagano i dividendi solo una volta all'anno, altre ogni quattro mesi. La maggior parte delle società italiane annuncia in anticipo il giorno esatto del pagamento dei dividendi, e per scoprirlo basta andare sul sito della Borsa Italiana. Tutti gli azionisti in possesso di azioni alla data prestabilita potranno riscuotere il dividendo. Le date fondamentali per il pagamento del dividendo sono quattro.

  • Data di annuncio del dividendo: è la data in cui il consiglio di amministrazione della società dichiara il dividendo. La dichiarazione deve includere l'importo e la forma del dividendo, nonché la data di registrazione e la data di pagamento del dividendo. Una volta che una società ha ufficialmente dichiarato un dividendo, è legalmente obbligata a rispettarlo.
  • Data di registrazione: quando annuncia un dividendo, la società stabilisce una data di registrazione. Questa data determina chi sono gli azionisti in quel momento e quindi chi ha diritto a ricevere il dividendo. Tutti gli azionisti registrati come tali alla data di registrazione riceveranno il dividendo.
  • Data di stacco del dividendo: una volta che la società ha stabilito la record date, la data di stacco viene stabilita in base alle norme di mercato (di solito il giorno prima della record date). Da questa data in poi non si ha più il diritto di riscuotere il dividendo.
  • Data di pagamento: la data di pagamento è fissata dalla società per il pagamento del dividendo dichiarato. Solo gli azionisti che sono stati azionisti prima della data di stacco del dividendo hanno diritto a ricevere il dividendo.

Altri modi per investire in dividendi

Sebbene la guida si concentri sull'investimento in dividendi selezionando direttamente le società, esistono altri modi per investire in dividendi:

  • Fondi comuni di investimento a dividendo: questi fondi comuni di investimento sono costituiti da azioni di società che hanno una storia di pagamento di dividendi. Gli investitori possono acquistare azioni di questi fondi e ricevere regolarmente i dividendi.
  • ETF a dividendo: gli ETF a dividendo (Exchange-Traded Funds) investono in un portafoglio diversificato di azioni che pagano dividendi. Questi fondi negoziati in borsa offrono agli investitori un modo semplice per investire in società che hanno una storia di pagamento di dividendi.
  • REIT (Real Estate Investment Trusts): i REIT sono fondi di investimento immobiliare che investono in immobili commerciali e pagano dividendi agli investitori. Questi dividendi rappresentano di solito una parte significativa, pari al 90% negli Stati Uniti, degli utili generati dai REIT.

Per concludere, possiamo dire che i risultati o la redditività del tuo investimento dipendono dal tuo profilo di investimento e dal capitale che hai, e lo scopo dell'investimento, investire short con lo scopo di speculare, si traduce in profitti per la differenza di prezzo nel citazione. D'altra parte, l'investimento a lungo termine è molto conveniente per l'investitore con un profilo meno aggressivo e che si aspetta una redditività senza un alto livello di rischio, senza rinunciare ai dividendi.

È importante tenere presente che più capitale investi, più dividendi riceverai su base trimestrale. Per capire di più su questo ecosistema ti consigliamo di dare un'occhiata alle azioni con i migliori dividendi.

Come si pagano le tasse sui dividendi?

Le azioni offrono rendimenti sotto forma di dividendi, contribuendo alla generazione di redditi di capitale, e allo stesso tempo producono guadagni differenti attraverso la variazione del loro prezzo di mercato. Sia i guadagni derivanti dai dividendi che quelli provenienti dall'apprezzamento del prezzo delle azioni sono soggetti a una tassazione uniforme del 26%, che rappresenta l'aliquota standard applicata ai redditi finanziari. Per saperne di più leggi anche: tasse sui dividendi.

Dividend investing: pro e contro

Come per ogni investimento, ci sono pro e contro. Per questo motivo analizzeremo i vantaggi e gli svantaggi dell'investimento in società con dividendi.

Guarda anche la nostra guida: investire in dividendi passo a passo 👇🏼

Stai cercando un broker per dividendi? Consulta le nostre raccomandazioni

XTB
Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati