Come investire in indici di borsa?

Investire in indici di borsa è una strategia popolare tra gli investitori di tutto il mondo. Gli indici offrono una panoramica della performance di un mercato specifico e rappresentano una scelta più sicura per chi desidera diversificare il proprio portafoglio. Questo aticolo ti aiuterà a capire come investire negli indici di borsa, i benefici, i rischi e i principali strumenti disponibili.

come investire indici borsa

Iniziamo vedendo innanzitutto cosa sono.

Cosa sono gli indici di borsa?

Gli indici di borsa sono strumenti finanziari che rappresentano un paniere di titoli, selezionati per riflettere la performance di un mercato o settore specifico. Gli indici vengono utilizzati per confrontare i rendimenti degli investimenti e per monitorare la salute economica di un paese o di un’industria. Ad esempio, il FTSE MIB rappresenta le principali 40 aziende quotate alla Borsa Italiana.

Come si costruisce un indice azionario?

Un indice azionario viene costruito selezionando un gruppo di titoli rappresentativi del mercato che si desidera monitorare. La composizione di un indice può variare in base alla capitalizzazione di mercato delle aziende incluse, al loro settore di appartenenza o alla loro importanza economica. Gli indici possono essere ponderati per prezzo, per capitalizzazione o ugualmente ponderati.

Da cosa dipende il prezzo degli indici?

Il prezzo degli indici di borsa è influenzato da diversi fattori, tra cui la performance delle aziende incluse nell’indice, gli eventi macroeconomici, le politiche governative e le variazioni dei tassi di interesse. Gli indici ponderati per capitalizzazione, come il S&P 500, possono essere più influenzati dalle grandi aziende rispetto agli indici ugualmente ponderati.

  • Mercato: quando l’economia di un paese è influenzata negativamente da eventi politici, economici o sociali, l’indice di riferimento di quel paese può risentirne negativamente. Ma se il mercato è in piena espansione e gli investitori sono ottimisti, i prezzi dei titoli che lo compongono tendono a salire.
  • Comportamento dei singoli titoli: l’idea di investire in un indice è che il prezzo di una singola società non influisca seriamente sul prezzo totale. Tuttavia, se diverse società dello stesso settore o della stessa regione hanno un impatto elevato, ciò si riflette sul prezzo dell’indice.
  • Fattori macroeconomici: anche quando un indice è composto da titoli di un solo Paese, può essere influenzato da movimenti significativi in altri Paesi, soprattutto quando entrambe le nazioni hanno relazioni commerciali.
  • Cambiamenti repentini in un settore: quando si parla di indici settoriali è importante tenere conto del momento economico di quel settore, in quanto un mercato può essere in calo o in crescita e quindi il prezzo dell’indice cambierà.

In quali indici di borsa investire?

Gli indici azionari comprendono attività di decine, centinaia o addirittura migliaia di società, che di solito sono le maggiori capitalizzazioni di un determinato settore, paese o mercato. I principali indici mondiali sono:

  • S&P 500: è il principale indice del mercato azionario degli Stati Uniti ed è stato creato nel 1923 quando Standard & Poor’s ha elencato le 233 società più importanti del Paese, completando l’elenco delle 500 società nel 1957. Queste 500 aziende sono le più forti e importanti dell’economia statunitense.
  • NASDAQ 100: questo indice è composto dalle 100 maggiori società tecnologiche degli Stati Uniti per capitalizzazione di mercato e volume di scambi. È la seconda più grande degli Stati Uniti.
  • Dow Jones: Questo indice è composto dalle 30 società con la maggiore capitalizzazione della Borsa di New York (NYSE), ad eccezione di quelle del settore dei trasporti e dei servizi di pubblica utilità.
  • Eurostoxx 50: se parliamo di indici borsistici continentali, in Europa il principale è l’Eurostoxx 50, in cui sono quotate le 50 società più importanti del Vecchio Continente, provenienti da 12 Paesi dell’Eurozona e da 19 diversi settori economici.
  • FTSE MIB: è l’indice di riferimento nel nostro Paese ed è attualmente composto dalle 39 società a maggiore capitalizzazione del Paese, tra cui A2A, Banca Mediolanum, Banca Generali, Ferrari, Fineco Bank, Pirelli, Telecom Italia.
  • Ibex 35: è l’indice rappresentativo del mercato azionario spagnolo ed è stato elaborato dalla società BME nel 1992. Elenca le 35 società con la maggiore capitalizzazione in Spagna.
  • FTSE 100: è l’indice più importante del Regno Unito e il suo acronimo è quello di Financial Times Stock Exchange. Questo indice è composto dalle 100 società con la maggiore capitalizzazione del Paese.
  • Nikkei 225: nelle borse asiatiche è uno degli indici di borsa più popolari e corrisponde al mercato giapponese. Include le 225 maggiori società quotate alla Borsa di Tokyo, scelte tra le 450 società più liquide del First Market.

Come iniziare a investire sugli indici?

Per iniziare a investire sugli indici, è fondamentale definire una strategia di investimento chiara. Questo include la scelta degli indici su cui investire, la definizione degli obiettivi finanziari e la pianificazione delle tempistiche di investimento.

Strumenti per investire in indici di borsa

Qui di seguito indichiamo alcuni strumenti con i quali è possibile investire su un indice di borsa.

ETF (exchange-traded funds)

Gli ETF sono fondi che replicano la performance di un indice specifico. Sono negoziati in borsa come le azioni e offrono un modo conveniente e a basso costo per investire negli indici. Con il broker Scalable Capital puoi investire anche in ETF sugli indici di borsa.

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia

Broker tedesco, regolamentato, sicuro e senza commissioni.

Ampia gamma di azioni ed ETF a basso costo o senza commissioni.

Paga il 2,6% annuo di interessi sulla liquidità

Deposito minimo:

€0.00

Fondi comuni

I fondi comuni di investimento raccolgono denaro da vari investitori per acquistare un portafoglio di titoli che replicano un indice. Offrono la possibilità di accedere agli indici con una gestione professionale.

Opzioni e futures

Le opzioni e i futures sugli indici sono strumenti derivati che permettono di speculare sull’andamento futuro degli indici. Questi strumenti sono più complessi e comportano un rischio maggiore, ma possono offrire opportunità di profitto significative.

CFD

I CFD (contratti per differenza) sono strumenti di investimento attraverso i quali un investitore può operare sul mercato con un margine pari al prezzo totale dell’operazione, grazie alla leva finanziaria. Ciò significa che una persona può avere 100 euro sul proprio conto, ma se ha una leva 1:10, ad esempio, può aprire operazioni come se avesse 1.000 euro. Esistono CFD su una varietà di attività, come azioni, valute, materie prime e, naturalmente, indici azionari.

Uno dei vantaggi, e allo stesso tempo degli svantaggi, dell’investimento in CFD sugli indici è che la leva finanziaria funziona come moltiplicatore del rischio. In altre parole, così come i profitti possono essere moltiplicati, consentendo all’investitore di ottenere alti rendimenti con solo un margine del suo capitale, anche le perdite sono moltiplicate, in modo da poter chiudere la posizione se il mercato inizia a muoversi contro di lui. In questo caso, l’investitore ha la possibilità di aggiungere altro capitale per aumentare il margine o di chiudere la posizione in perdita.

Guarda il video: come fare trading sugli indici 👇🏼

Broker per investire o fare trading sugli indici

Sebbene la maggior parte dei broker online abbia gli indici azionari tra le proprie classi di attività, ve ne sono alcuni più convenienti di altri, sia perché hanno un elenco più lungo, sia perché offrono una varietà di meccanismi di trading sugli indici.

DEGIRO

DEGIRO è un broker online regolamentato dall’Autorità federale tedesca di vigilanza finanziaria (BaFin), dalla Banca centrale olandese (DNB) e dall’Autoritédes Marchés Financiers francese (AMF), il che lo rende completamente sicuro.

Offre più di 200 ETF con 0 commissioni nell’ETF Core Selection. In DEGIRO potete anche investire in indici azionari attraverso futures e opzioni. Tuttavia, non offre la possibilità di acquistare gli indici a pronti.

DEGIRO

8.5/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia

Ampia selezione di ETF senza commissioni

Oltre 50 mercati globali, nessuna commissione di custodia, dividendi e royalties inclusi

Piattaforma semplice e facile da usare

Promozione! 100 € di rimborso di commissioni

Deposito minimo:

€0.00

FINECO

FinecoBank è la principale banca d’investimento in Italia e attraverso la sua piattaforma di trading è possibile negoziare ETF o CFD e sui principali indici mondiali. È inoltre possibile negoziare indici obbligazionari italiani, tedeschi e francesi per diversificare ulteriormente il proprio portafoglio.

Su Fineco potete investire direttamente in euro, con spread bassi e margini a partire dal 3,5% per i clienti retail.

Fineco Bank

8.75/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada

Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF

Operatore solido, regolato dalla CONSOB e quotato in Borsa.

Nuova piattaforma FinecoX: personalizzazione, funzionalità evolute e completezza operativa

Puoi riunire servizi bancari e di trading in un solo conto.

Deposito minimo:

€0.00

Interactive Brokers

IBKR è senza dubbio uno dei broker più solidi al mondo grazie alla sua forte regolamentazione.

Interactive Brokers dà accesso a oltre 150 mercati finanziari in 33 Paesi con 24 valute, dal Nord al Sud America, Europa, Asia e Australia, fornendo agli operatori istituzionali e professionali l’accesso diretto online a una vasta gamma di esecuzione degli ordini e servizi di compensazione. L’accesso ai dati di mercato è garantito 24 ore su 24 e 6 giorni su 7. Consente inoltre di investire in opzioni e futures su indici nordamericani, europei, asiatici e del Pacifico.

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia, Australia

Broker affidabile con 1.54M di conti clienti e un capitale di 10.01 miliardi di dollari, quotato al Nasdaq.

Commissioni basse e migliore esecuzione dei prezzi possibile grazie al sistema IB SmartRoutingSM.

Piattaforme e strumenti di trading gratuiti - abbastanza potenti per i trader professionisti, ma progettati per tutti.

Deposito minimo:

€0.00

Tipi di indici

Esistono diversi modi di classificare gli indici:

  1. geografia
  2. settore
  3. dimensione delle società, ecc.

Ora esamineremo più da vicino la classificazione per tipo di attività (reddito fisso, azioni e materie prime).

Indici azionari

Gli indici azionari sono i più comuni e i preferiti dagli investitori in indici. Questi indici sono una raccolta di titoli di mercati, industrie, settori o società.

Oltre a questi tre indici principali, ne esistono circa altri 5.000 solo negli Stati Uniti.

In generale, questi indici sono fortemente guidati dalla capitalizzazione di mercato. Gli indici che abbiamo appena visto sono indici a grande capitalizzazione.

Indici a reddito fisso

Gli indici a reddito fisso, o indici obbligazionari, riflettono bene il mercato del reddito fisso misurando le variazioni dei prezzi delle obbligazioni. Quando ci riferiamo ai titoli a reddito fisso, intendiamo i titoli di Stato, le obbligazioni municipali, le obbligazioni societarie, le obbligazioni ad alto rendimento e le obbligazioni convertibili, tra gli altri.

Va notato che questi indici sono molto più complessi di quelli azionari e molto più costosi da costruire a causa delle caratteristiche di questi asset (scadenza, qualità del credito, ecc.).

Indici di materie prime

A differenza degli indici di materie prime, gli indici di materie prime riflettono la performance dei contratti future su materie prime. Questi indici vengono anche chiamati indici di materie prime. Ecco alcuni esempi:

  • Indice Bloomberg delle materie prime
  • Dow Jones Commodity Cocoa
  • Bloomberg WTI Crude Oil

Come avrete notato, ogni indice di commodity ha una composizione diversa. Esistono indici che comprendono diversi tipi di materie prime, come il Bloomberg Commodity Index, che copre 23 diverse attività, dal settore energetico a quello zootecnico.

indici borsa bloomberg
Fonte: Bloomberg

Come costruire un portafoglio di indici?

Prima di investire in indici, è importante stabilire i propri obiettivi di investimento. Vuoi ottenere un rendimento stabile a lungo termine o sei interessato a profitti rapidi?

Scegliere gli indici giusti

Seleziona gli indici che meglio si adattano ai tuoi obiettivi di investimento. Ad esempio, se desideri diversificare globalmente, potresti considerare indici come il MSCI World.

Monitorare e ribilanciare il portafoglio

Controlla regolarmente la performance del tuo portafoglio di indici e apporta modifiche se necessario. Il ribilanciamento periodico aiuta a mantenere l’allineamento del portafoglio con i tuoi obiettivi di investimento.

Perché fare trading sugli indici?

Investire in indici permette di diversificare il portafoglio, riducendo il rischio associato ai singoli titoli. Diversificazione significa distribuire il proprio capitale su diversi asset per minimizzare le perdite potenziali.

Costi e commissioni

Gli investimenti in indici, tramite strumenti come gli ETF (exchange-traded funds), tendono ad avere costi e commissioni più bassi rispetto ai fondi gestiti attivamente. Questo rende gli indici un’opzione accessibile anche per gli investitori con capitali ridotti.

Stabilità e rendimento

Gli indici di borsa tendono a offrire una maggiore stabilità rispetto ai singoli titoli, poiché rappresentano un insieme di aziende. Questo può tradursi in un rendimento più prevedibile e meno volatilità.

I rischi del trading sugli indici

Gli indici di borsa possono essere soggetti a fluttuazioni significative a causa di eventi macroeconomici, crisi politiche o variazioni dei tassi di interesse. Questo può comportare rischi elevati per gli investitori.

Investire tramite ETF, fondi comuni, opzioni o futures comporta rischi specifici legati alla natura di questi strumenti. Ad esempio, gli ETF possono essere soggetti a errori di tracking, mentre le opzioni e i futures comportano rischi di leva finanziaria elevata.

Investire in indici: vantaggi e svantaggi

Elenchiamo in ultima istanza alcuni aspetti positivi e negativi da prendere in considerazione.

Vantaggi

  • Consente la diversificazione del portafoglio d’investimento.
  • Riduce il rischio di perdita se una determinata società subisce un calo di prezzo.
  • Sono assetmolto versatili, in quanto possono essere investiti a breve o a lungo termine.
  • Non solo è possibile acquistare frazioni di un indice a pronti, ma anche tramite CFD, futures o opzioni.
  • Per gli investitori al dettaglio, gli ETF sono l’opzione migliore, in quanto replicano un indice ma con un costo inferiore.
  • Le variazioni di prezzo di un indice sono spesso più facili da prevedere rispetto a quelle di un particolare titolo.

Svantaggi

  • Gli investimenti in contanti negli indici richiedono un capitale maggiore.
  • Hanno una bassa volatilità e quindi, se investiti in liquidità, i rendimenti a breve termine possono essere bassi.

Cerchi un broker per investire in indici?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

* Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF
Deposito minimo:

€0.00

FAQ

Come si investe in un indice?

Si investe in un indice acquistando ETF (Exchange-Traded Funds) o fondi indicizzati che replicano la composizione dell’indice stesso.

Cosa vuol dire investire sugli indici?

Investire sugli indici significa acquistare strumenti finanziari che seguono l’andamento di un indice di mercato, permettendo di ottenere una performance che riflette quella dell’intero indice.

Quali sono i migliori indici su cui investire?

Alcuni dei migliori indici su cui investire includono:
– S&P 500 (USA)
– NASDAQ 100 (USA)
– FTSE 100 (Regno Unito)
– DAX (Germania)
– MSCI World Index (globale)

Cos’è un ETF sugli indici?

Un ETF è un fondo negoziato in borsa che replica la performance di un indice specifico. Offre una gestione passiva a costi ridotti.

Qual è la differenza tra un indice ponderato per prezzo e uno ponderato per capitalizzazione?

Un indice ponderato per prezzo assegna un peso ai titoli in base al loro prezzo, mentre un indice ponderato per capitalizzazione considera la capitalizzazione di mercato delle aziende incluse.

Quali sono i principali vantaggi di investire in indici?

I principali vantaggi includono la diversificazione del portafoglio, costi e commissioni ridotti, e una maggiore stabilità rispetto ai singoli titoli. Investire in indici di borsa può offrire molte opportunità, ma è essenziale comprendere i rischi e pianificare attentamente le proprie mosse. Con la giusta strategia e conoscenza, gli indici possono essere una componente preziosa del tuo portafoglio di investimenti.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati

Dividendi mensili: come riscuoterli
In questo articolo vedremo uno dei massimi principi di ogni investitore in borsa. Creare un portafoglio di investimenti che genera rendimenti passivi ogni mese, tramite dividendi mensili. Per fare ciò, indicheremo in quali potenziali aziende è pos...