Posizione short e long: cosa significa?

Andare corto o andare lungo sono termini utilizzati nel trading di azioni e indicano due diverse strategie d'investimento. Quando è meglio aprire una posizione short? Quando una posizione long? Lo scopriamo in questo articolo.

differenza tra posizione short e long

Posizione short e long: significato

Andare corto significa prevedere che il prezzo di un'azione scenderà in futuro e quindi vendere azioni che non si possiedono al prezzo attuale con l'intenzione di acquistarle a un prezzo più basso in futuro per riacquistare e realizzare un profitto. È una strategia che comporta un alto livello di rischio perché se il prezzo dell'azione non scende come previsto, l'investitore potrebbe subire pesanti perdite.

Andare lungo significa prevedere che il prezzo di un'azione aumenterà in futuro e quindi acquistare azioni con l'intenzione di vendere a un prezzo più alto in futuro per realizzare un profitto. Questa strategia comporta anche un certo livello di rischio, ma è generalmente considerata meno rischiosa rispetto all'andare corto.

POSIZIONE CORTA O SHORTPOSIZIONE LUNGA O LONG
Vendere.Comprare.
Prevedi che il prezzo scenderà.Prevedi che il prezzo aumenterà.

In sintesi, andare corto è una strategia utilizzata per speculare su un calo del prezzo di un'azione, mentre andare lungo è una strategia utilizzata per speculare su un aumento del prezzo di un'azione. Entrambe le strategie possono essere utilizzate da investitori esperti che comprendono il mercato e i rischi associati a queste tecniche. vediamolo più nel dettaglio.

Cos'è una posizione short o posizione corta?

Una posizione corta è una posizione ribassista. Le posizioni corte vengono utilizzate dagli investitori quando ritengono che la società o il mercato in cui vogliono investire sia destinato a deprezzarsi nel breve o nel lungo periodo.

Gli investitori che vogliono negoziare posizioni corte devono prendere in prestito titoli da una società per poterli vendere sul mercato, anche se questi titoli dovranno essere riacquistati in futuro per restituirli al proprietario. L'obiettivo di questo tipo di operazione è quello di vendere prima le azioni al prezzo più alto possibile, in modo da poterle acquistare in futuro a un prezzo più basso; una volta acquistate, le azioni possono essere restituite al loro vero proprietario, che ce le ha prestate in quel momento.

Cos'è una posizione long o posizione lunga?

Una posizione lunga è una posizione rialzista. Le posizioni lunghe sono utilizzate dagli investitori quando ritengono che la società o il mercato in cui vogliono investire si rivaluterà nel breve o medio termine.

Gli investitori che vogliono negoziare posizioni lunghe devono prima acquistare le azioni, in modo da poterle vendere in futuro sul mercato a un prezzo più alto. L'obiettivo di questa operazione è quello di acquistare prima le azioni al miglior prezzo inferiore per poterle poi rivendere a un prezzo più alto, ottenendo così un profitto sulla differenza di prezzo. Maggiore è la differenza di prezzo, maggiore è il profitto.

In conclusione, va detto che l'esistenza dei due tipi di operazioni rende un tipo di posizione complementare all'altro e rende i mercati più attivi, consentendo l'incrocio degli ordini degli investitori che vogliono assumere posizioni lunghe con le controparti degli investitori che assumono posizioni corte, creando maggiore liquidità nel mercato.

Quando andare short in Borsa?

Aprire una posizione short consiste nella vendita di azioni prese in prestito dal broker nella speranza che il prezzo scenda prima di doverle riacquistare e restituire al prestatore (il broker). Si tratta di una strategia piuttosto rischiosa, ma che, se eseguita correttamente, può portare a grandi profitti, grazie all'applicazione della leva finanziaria.

Ad esempio, supponiamo che un investitore ritenga che le azioni ABC siano sopravvalutate e stiano per subire una correzione dei prezzi. L'investitore potrebbe andare allo scoperto vendendo il titolo ora e ricomprandolo quando il prezzo scende. Se il prezzo scende come previsto, l'investitore otterrà un profitto sulla differenza, che potrebbe essere raddoppiato a seconda del livello di leva finanziaria scelto. Tuttavia, se il prezzo delle azioni fosse aumentato, l'investitore avrebbe subito una perdita.

Tuttavia, è bene notare che gli investimenti short dovrebbero essere effettuati solo da trader professionisti, poiché i rischi sono molto elevati. Pertanto, prima di intraprendere una posizione corta, è importante effettuare una ricerca sulla società di cui si vogliono prendere in prestito le azioni.

Per quanto tempo posso mantenere una posizione short su azioni?

Non esistono limiti obbligatori alla durata delle posizioni corte.

Tuttavia, i periodi di un investimento breve coprono solitamente periodi di tempo ridotti, che vanno da un giorno a una settimana. La ragione di questi brevi periodi di tempo è che questo tipo di investimento è soggetto a commissioni straordinarie, come interessi extra e spese overnight.

Pertanto, molti investitori vendono e acquistano azioni, liquidando le posizioni ogni giorno. Alcuni sono infatti specializzati in questo tipo di strategia.

In ogni caso, gli investitori possono detenere posizioni corte a condizione di soddisfare i requisiti di margine e di pagare gli interessi richiesti al broker che ha prestato loro le azioni.

Cosa succede quando viene venduta una posizione corta?

Ricordiamo che aprire una posizione corta significa vendere a un prezzo più alto (momentum iniziale) e poi riacquistare a un prezzo più basso (momentum successivo).
In questo modo, al momento della vendita avremo un aumento del nostro denaro (preso in prestito) in contanti. Denaro con il quale potremo effettuare altre operazioni, se lo desideriamo.

Pertanto, quando arriva il momento di liquidare la posizione corta, chi effettua questa operazione (l'investitore) si aspetta di ottenere un beneficio economico nella misura in cui il prezzo dei suoi titoli è sceso (scontando interessi e commissioni). Se invece i titoli dovessero salire rispetto al momento della vendita (momento iniziale), l'investitore subirebbe una perdita.

Andare short su un titolo: rischi

Le considerazioni principali da tenere in considerazione quando si fa trading short sono due. Da un lato la possibilità di perdite è esponenziale, dall'altro la possibilità di profitti è limitata. Diamo un'occhiata più da vicino.

Potenziale di perdita esponenziale

Da un lato, quando si vende allo scoperto, si rischia di perdere anche più del 100% del capitale scambiato, poiché il titolo non ha un limite massimo di rialzo.

Ed è vero che chi acquista azioni in operazioni normali (posizioni lunghe) può correre il rischio di perdere l'intero investimento iniziale. Ma in una posizione corta, la perdita può superare di gran lunga l'importo dell'operazione iniziale.

Ad esempio, se un'azione viene venduta allo scoperto per 100 euro, dopo un po' potrebbe costare 250 euro. E se dovrete riacquistarle su richiesta del broker, significa che il proprietario di quelle azioni avrà perso il 150%.

Profitti limitati

D'altra parte, anche il limite di profitto è limitato al 99,9% nel migliore dei casi.

In un acquisto di azioni tradizionale, il valore delle azioni può essere moltiplicato molte volte rispetto all'investimento iniziale. Tuttavia, nelle vendite allo scoperto, il limite del profitto è il prezzo stesso dell'azione, poiché un'azione non può avere un prezzo negativo.

Ad esempio, in uno scenario teorico e ideale, l'investitore apre una posizione corta a 100 euro e la riacquista a 1 euro, ottenendo così un profitto del 99,9%. E non sarebbe in grado di fare di più, questo è il limite inferiore. E questo sarebbe uno scenario ideale, che normalmente non si verifica.

Per questo motivo le operazioni short sono solitamente legate ad alti livelli di leva finanziaria, in quanto è l'unico modo per ottenere un certo ritorno sulle perdite delle società. Tuttavia, come abbiamo già spiegato, la leva finanziaria (soprattutto per gli investitori alle prime armi) aumenta il rischio sostenuto dall'investitore.

Tuttavia, se siete attratti dal brivido dell'investimento a breve termine, broker come Exante possono fornirvi tutte le informazioni di cui avete bisogno.

Come investire con posizioni lunghe?

Una posizione lunga consiste nell'acquistare un'azione e mantenerla per un certo periodo di tempo, nella speranza che il prezzo delle azioni aumenti.

In altre parole, quando si investe con posizioni lunghe, si investe in una società che si ritiene avrà successo in futuro, soprattutto grazie alla valutazione di diversi indici di analisi fondamentale. Questo perché l'azienda ha ancora buone possibilità di crescere ed espandersi. In altre parole, si compra oggi a qualsiasi prezzo, per vendere domani a un prezzo più alto.

In questo modo, l'investimento in posizioni lunghe è un modo eccellente e un po' più sicuro di guadagnare sul mercato azionario, perché invece di speculare o scommettere, si acquista il bene reale (l'azione) e non si vuole la leva finanziaria (anche se non è sempre così).

Fino a quando è possibile mantenere una posizione lunga?

La risposta più generica è che una posizione lunga può essere mantenuta, senza limiti di tempo, fino a quando l'investitore non decide di scioglierla. Tuttavia, diamo un'occhiata più da vicino:

Una posizione lunga senza leva finanziaria

Può essere detenuto per sempre finché il titolo sale o supera il prezzo di acquisto.
Se il prezzo scende al di sotto del prezzo di acquisto e tocca lo stoploss, è logico che l'investitore cercherà di liquidare la posizione.
Nel caso in cui l'investitore non imposti uno stoploss, è possibile mantenere una posizione lunga per tutto il tempo desiderato. L'unico limite sarebbe se il valore dell'azione arrivasse a zero, il che significherebbe che la società sarebbe fallita.

Una posizione lunga con leva

Questo potrebbe essere mantenuto per tutto il tempo in cui l'investimento può essere garantito con il valore reale conferito e il prezzo dell'azione in quel momento. In caso di perdita di questa garanzia, l'investitore sarà costretto a richiedere un margine di garanzia.

Come funzionano le posizioni long e short?

Andare long: come funziona

Ricordiamo che andare long significa acquistare azioni ora nella speranza che valgano di più in futuro, al fine di ottenere il massimo guadagno in conto capitale.

Quando arriverà il giorno in cui lo riterremo opportuno, o perché abbiamo realizzato tutti i profitti che volevamo, o perché non vogliamo più subire perdite, li venderemo e basta.

Andare short: come funziona

Le posizioni corte sono un po' più complesse da capire, soprattutto se siete investitori alle prime armi. In ogni caso, si tratta di stipulare un contratto di prestito con il broker, che vi presta le azioni di una società. La procedura è la seguente:

  1. Si stipula un contratto di prestito titoli con il broker.
  2. Siete voi a decidere se applicare o meno la leva finanziaria.
  3. Aspettate che arrivi l'autunno.
  4. Tenete d'occhio le commissioni intraday per questo tipo di prestito.
  5. Infine, si acquistano le azioni per annullare il contratto.

In altre parole, prima si vendono le azioni per le quali si riceve il valore del prezzo a cui sono quotate, e poi si acquistano, sottraendo il loro nuovo valore quotato; la differenza è il profitto o la perdita, commissioni a parte.

Andare long o andare short: perché?

Evidentemente, si investe in posizioni lunghe perché ci si aspetta che la società, sia a breve che a lungo termine, aumenti considerevolmente di valore, o almeno, se si tratta di un titolo rifugio, mantenga il suo valore se siamo in una tendenza al ribasso.

Tuttavia, il motivo per cui molti trader decidono di vendere azioni allo scoperto è che, pur sapendo che le possibilità di perdita sono illimitate e i profitti molto limitati (nella migliore delle ipotesi il 100%), le cadute del mercato azionario sono più rapide e più pronunciate dei rialzi, che in genere sono più faticosi da realizzare.

In breve, distruggere è più difficile che creare. E quindi, una buona percentuale può essere guadagnata nei pochi giorni della parte più ripida della caduta.

È meglio avere posizioni long o short in portafoglio?

Sicuramente è molto meglio e più consigliabile avere in portafoglio posizioni lunghe, per non parlare se siamo investitori ancora in fase di formazione.

Infatti, se osserviamo grandi investitori come Warren Buffett o Peter Lynch (quando lo era), per esempio, attraverso siti web come dataroma, vedremo che non hanno quasi posizioni corte aperte. Nemmeno Michael Burry, il re delle posizioni corte, sulla base del suo catastrofismo, ha più posizioni corte aperte che posizioni lunghe. E questo perché il rapporto rischio illimitato/ rendimento limitato non paga.

Questo significa che non si dovrebbe mai andare short? Ovviamente no. Se prevedete un calo del mercato o di un'azienda perché scoprite che il prezzo attuale delle azioni è troppo alto, cioè l'azienda è ipercomprata, può essere un modo rapido per ottenere una percentuale di redditività molto interessante.

Cerchi un broker per il trading? Scopri le nostre raccomandazioni

Deposito minimo:

€100.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€100.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati

Migliori broker per negoziare i futures
Il mercato dei futures continua a essere uno dei più grandi mercati scambiati al mondo ogni anno. La creazione di contratti mini e micro ha dato accesso a questo mercato a molti trader che non avevano capitali sufficienti per operare con i futures...