Michael J. Burry: il manager di Scion che ha previsto la crisi del 2008

Michael J. Burry ha raggiunto la fama e la fortuna scommettendo contro i titoli ipotecari prima dello scoppio della crisi del 2008, un meccanismo immortalato nel film The Big Short (La grande scommessa).

michael burry acqua

Michael J. Burry: il manager di Scion che ha previsto la crisi del 2008

Un uomo con un occhio di vetro e la sindrome di Asperger, che ha studiato medicina invece di una carriera nella finanza ma ha gestito un fondo di investimento. Un dirigente che indossava magliette e camminava a piedi nudi nel suo ufficio, mentre ascoltava heavy metal a tutto volume e analizzava i rapporti. Questo trentenne senza alcuna formazione finanziaria, il cui occhio ha visto ciò che nessun altro vedeva.

È il grande personaggio di The Big Short, il film sulla crisi che parla di come l’investitore si accorse che il mercato dei mutui subprime era un gigantesco castello di carte e anticipò così la crisi economica del 2008. Tutti dicevano che il mercato immobiliare era il mercato più sicuro, ma Michael Burry ha scommesso contro il mercato e ha fatto un sacco di soldi.

The Big Short, in Italiano “la grande scommessa”, che ha ricevuto cinque nomination agli Oscar, racconta la storia di come Michael Burry nel 2005 comprò dei CDS (credit default swap) su alcune obbligazioni ipotecarie subprime.

Era convinto che sarebbero esplosi tra due anni, quando i tassi d’interesse che il sistema aveva tenuto artificialmente bassi sarebbero aumentati. Questi CDS non esistevano, ma Goldman Sachs e Deutsche Bank hanno preso l’affare di Burry e li hanno creati.

Nel 2007, i mutui subprime sono andati in default come Burry aveva previsto, e a metà del 2008, lui e gli investitori del suo fondo hanno ottenuto un profitto netto del 489,34%. Michael Burry ha guadagnato dal 2008 ben 100 milioni di dollari. Dopo di che ha chiuso il fondo e si è dedicato alla gestione della sua fortuna personale.

Non male per uno che ha iniziato nella finanza con un blog in cui dava consigli online su dove investire. Un compito che svolgeva nel suo tempo libero mentre lavorava in un ospedale. Burry ha iniziato il suo fondo Scion Capital all’età di 28 anni, prendendo soldi da prestiti studenteschi e prestiti familiari. Tre anni dopo gestiva 600 milioni di dollari.

Questo hedge fund di Scion Capital è stato un successo negli otto anni in cui è stato sul mercato. Nel primo anno di fondazione ha prodotto un rendimento del 55%. A tal fine, ha operato shortando i titoli tecnologici sopravvalutati dal boom delle dotcom. Questo successo è stato particolarmente evidente l’anno successivo, quando i suoi profitti sono aumentati fino al 165%, mentre l’indice S&P è sceso del 22,15%. 

Michael Burry Portfolio

I numeri mostrano che la grande scommessa di Michael Burry sul crollo dei mutui subprime nel 2008 gli ha fruttato circa 850 milioni di dollari. Questa mossa lo ha catapultato in una leggenda del business mondiale, che è stata oggetto di numerosi libri e film sulla sua carriera.

Per quanto riguarda l’attuale patrimonio netto di Michael Burry, Michael Burry ha un patrimonio netto di circa 250 milioni di dollari. Allo stesso modo, il portafoglio di Michael Burry è composto come segue:

Michael J. burry Gamestop

Michael Burry ha inconsapevolmente acceso la scintilla che ha portato alla frenesia di GameStop nel gennaio 2021.

Burry ha acquistato una partecipazione in GameStop nel 2019 perché ha ritenuto che il titolo fosse sottovalutato. Ha scritto tre lettere ai dirigenti del rivenditore di videogiochi, esortandoli a riacquistare le azioni e a ripulire il loro operato.

Non poteva immaginare che i suoi sforzi avrebbero contribuito a motivare migliaia di day trader su un forum di Reddit, Wall Street Bets, a orchestrare uno short squeeze e a far salire le azioni GameStop fino al 2.500% nel giro di poche settimane.

La battaglia tra gli investitori e gli hedge fund che vendono allo scoperto per il titolo ha catturato l’attenzione mondiale, ha stimolato le indagini normative e ha fatto parlare di una rivoluzione finanziaria.

Miliardari come Mark Cuban ed Elon Musk hanno fatto il tifo per i nuovi arrivati, almeno un hedge fund che ha venduto allo scoperto il titolo ha avuto bisogno di un salvataggio e la domanda incontenibile ha portato Robinhood a limitare l’acquisto del titolo sulla sua piattaforma di trading per diversi giorni. Le azioni di GameStop sono subito crollate e ora sono scambiate a una frazione dei loro massimi del gennaio 2021.

Lo stile di investimento

Michael J.Burry si distingue per l’adozione di strategie che divergono profondamente dalla massa e dal sentimento comune, come ha ampiamente avuto modo di dimostrare prima della crisi dei subprime. Si definisce fondamentalmente un investitore value ed è critico rispetto all’operato della FED, criticando di recente l’operato della banca centrale rispetto alle vicende inflazionistiche che hanno caratterizzato gli ultimi anni.

Michael J. Burry e l’inflazione

Recentemente (2022), Burry ha fatto una nuova previsione, allegando un grafico che mostra che i risparmi personali degli Stati Uniti sono crollati da oltre il 25% del PIL dalla primavera del 2021 a circa il 3,8% di oggi. Sarebbero quindi sulla buona strada per raggiungere un minimo storico di meno dell’1,5% entro la fine di quest’anno.

Ha inoltre affermato che “gli americani stanno bruciando i loro risparmi e potrebbero virtualmente esaurirli in pochi mesi”. In altre parole, a suo avviso, i consumatori stanno “saccheggiando” i loro conti di risparmio per far fronte all’inflazione dei costi alimentari, energetici e abitativi. Ed è probabile che si verifichi una recessione una volta esaurite le riserve di denaro.

Conclusione

Michael J.Burry è sicuramente una figura geniale, con uno stile di investimento orientato alla prudenza e alle previsioni di lungo termine. Sarà per sempre ricordato per avere adottato una strategia short in un momento, quello della crisi subprime, in cui il mercato era nel pieno dell’euforia. Con le conseguenze catastrofiche per la stabilità del sistema finanziario e, di conseguenza, l’economia reale, che tutti conosciamo.

FAQ

Chi è Michael J. Burry?

L’uomo che ha previsto la crisi dei subprime, investendo short e diventando in questo modo milionario. Inoltre è fondatore della Scion Capital LLC, una società di gestione patrimoniale.

Qual è lo stile di investimento di Michael J. Burry?

Il fondatore della Scion Capital LLC dichiara di seguire uno stile value, quindi alla ricerca delle aziende e dei titoli con un’elevata solidità patrimoniale.

Qual è il pensiero di Michael J. Burry sull’inflazione?

L’ex medico è particolarmente critico rispetto all’operato della FED e crede fermamente che l’erosione dei risparmi e il crescente indebitamento porteranno allo scoppio di una recessione.

Quanto ha guadagnato Michael J. Burry nel 2008?

Indovinando le previsioni relative al crollo della borsa per la crisi subprime, Michael J. Burry ha realizzato un profitto di 100 milioni di dollari nel 2008.

Cos’è Scion Capital?

Scion Capital è il fondo iniziato da Michael J. Burry nel 2008, con cui, assieme ai suoi collaboratori, ha scommesso sul crollo imminente del mercato. Il fondo è stato finanziato inizialmente con prestiti studenteschi e chiedendo aiuto ai famigliari.

Cerchi un broker per il trading?

Deposito minimo:

€100.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati