Azione Ferrari: storia e analisi dell'azione | Rankia: Comunità finanziaria

Azione Ferrari: storia e analisi dell’azione

La Ferrari è probabilmente il marchio automobilistico italiano più famoso al mondo, sinonimo di lusso, velocità e qualità. Si tratta anche di una delle aziende italiane avente maggior capitale, nonché della terzo marchio automobilistico che più vende auto di lusso, nonostante certe volte i processi di import possano essere parecchio lunghi.

Azione Ferrari: storia e analisi dell'azione

Facciamo una panoramica della Ferrari e dei suoi concorrenti, per poi analizzare qualche dettaglio riguardo la situazione borsistica della Ferrari. Potrebbero essere le azioni che fanno al caso tuo.

Azienda Ferrari

Ferrari è sicuramente uno dei marchi automobilistici più noti al mondo, un agglomerato di storia, tecnologia e potenza. Questa casa automobilistica italiana è rinomata per il suo stile e le sue prestazioni.

È nota per i risultati in F1 ma la Ferrari è anche uno dei marchi più desiderati tra le auto sportive di lusso. Ferrari, ed in particolare la scuderia Ferrari, ha raggiunto un tale livello di notorietà da essere in grado di vendere semplici prodotti di merchandise a prezzi ridicoli rispetto al valore effettivo dell’oggetto.

Il simbolo del cavallino rampante è oramai sentore di affidabilità, sicurezza e qualità. Tutto ciò non può fare altro che rendere Ferrari un’ottima azienda su cui investire.

Concorrenti

Ferrari è prima al mondo per quanto riguarda la vendita di auto sportive di lusso. La categoria “lusso” prende però il sopravvento, portando Ferrari a competere con case produttrici di altissimo livello. Nonostante ciò, Ferrari si piazza comunque in terza posizione nella classifica globale per quanto riguarda le vendite di auto di lusso.

Analizziamo assieme i principali concorrenti di Ferrari.

Rolls-Royce

Rolls-Royce, ad oggi “Rolls-Royce Motor Cars Limited”, è una casa automobilistica britannica ed è ad oggi considerata il simbolo del lusso per quanto riguarda il settore automobilistico.

Probabilmente ricorderai di averne vista qualcuna in TV dato che la famiglia reale inglese ne utilizza attualmente 2 modelli durante le cerimonie ufficiali. Non a caso guardando una Rolls-Royce si avverte una sensazione di nobiltà.

La Rolls-Royce è attualmente in prima posizione per quanto riguarda le vendite di auto di lusso.

Bentley

In seconda posizione troviamo un’altra azienda automobilistica britannica, la Bentley. Bentley produce attualmente fantastiche auto di lusso che, nonostante non abbiano un’aura “regale” come le Rolls-Royce, trasmettono eleganza, potenza e comodità.

Sono in molti ad elogiare le Bentley per il comfort e l’eleganza degli interni, nonostante anche la carrozzeria riesca a trasmettere moltissima eleganza, raffinatezza, robustezza e solidità.

Lamborghini

In quarta posizione troviamo finalmente un’altra casa automobilistica di auto sportive di lusso. Lamborghini è un’azienda italiana che appartiene ad Audi dal 1998.

Le Lamborghini sono auto che trasudano pura potenza e velocità, puntando sull’aerodinamicità e su uno stile giovane. Interessante il come riescano a trasmettere potenza e “cattiveria” nonostante vengano solitamente prodotte con colori sgargianti, trovarsi di fronte ad una Lamborghini dà quasi la sensazione di essere di fronte al toro che ne decora il logo.

Le caratteristiche della Lamborghini lo rendono un marchio spesso acquistato per pura bellezza o, al contrario, per poter dar sfogo a vera potenza su strada.

Maserati, Aston Martin e Bugatti

Si tratta rispettivamente della quinta, sesta e settima in classifica. Tutti e 3 sono marchi rinomati per qualità ed efficienza e le loro auto sono sinonimo di lusso.

Storia economica e finanziaria

  • 2004: Ferrari ha un nuovo leader, Luca Cordero di Montezemolo.
  • 2005: Ferrari vende 5409 auto. Una notizia interessante è il fatto che Ferrari avrebbe potuto vendere molto più di quanto ha venduto negli ultimi anni. Nonostante vi fosse richiesta si rifiutò per puntare sulla fabbricazione artigianale.
  • 2006: Ferrari non era interamente in mano al gruppo Ferrari, ma nel 2006 venne recuperato il 29% dell’azienda acquistandolo da Mediolanum, portando Ferrari a possedere l’85% dell’azienda. Mediolanum possedeva un ulteriore 5% ma lo aveva già ceduto alla nota Mubadala di Abou Dhabi.
  • 2014: il gruppo FCA si mobilita per separarsi dalla Ferrari, mettendo in borsa tra il 10 e il 20% della società e tenendo il resto per sé.
  • 2015: gli azionisti approvano la scissione di FCA da Ferrari, scissione che avvenne nel 2016. FCA trasferisce le azioni Ferrari a FE Interim.
  • 2016: Ferrari non fa più parte del gruppo Fiat.

Alcuni dati borsistici riguardo le azioni Ferrari

  • Capitale di mercato: 33,33 Mrd di euro.
  • Numero medio di azioni scambiate giornalmente negli ultimi 30 giorni: 372.000
  • Ferrari fa parte della composizione dell’indice borsistico nazionale italiano FTSE MIB. Ciò vuol dire che si tratta di una delle società italiane dalla più elevata capitalizzazione borsistica.

Vantaggi e svantaggi delle azioni Ferrari e conclusione

Tra i principali vantaggi di Ferrari vi è certamente la sua notorietà, la sua reputazione, il suo patrimonio e la sua storia. Comprare azioni Ferrari vuol dire puntare sulla qualità e sulla professionalità.

Un ulteriore vantaggio consiste nel fatto che Ferrari partecipa a competizioni automobilistiche e ciò comporta un doppio vantaggio. Il primo vantaggio consiste nel fatto che per essere competitivi è necessario avere un team di ricerca e sviluppo all’avanguardia, in modo da essere in grado di creare e sfruttare nuovi componenti. Il secondo consiste nel fatto che competendo acquisire azioni Ferrari ottiene dei punti in comune con quelle delle squadre calcistiche, ovvero la possibilità di avere azioni in rialzo grazie alle alte prestazioni del team.

Tra i principali svantaggi abbiamo innanzitutto uno dei vantaggi, le competizioni. Le azioni potrebbero risentirne nel caso in cui le aspettative non vengano rispettate o nel caso in cui le prestazioni in pista lascino a desiderare. Da non sottovalutare gli “attacchi” borsistici degli avversari che cercano di accaparrarsi quote di mercato della Ferrari.

In conclusione le azioni delle Ferrari sono certamente delle azioni su cui si possa fare affidamento. Il valore potrebbe oscillare nella situazione di continua competizione in cui si trova l’azienda, ma resta il fatto che la Ferrari non lascia i primi posti in classifica, né in pista, né in borsa.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy