In the money, At the money e Out the money in opzioni

In Rankia Italia abbiamo parlato ultimamente sulle opzioni, i suoi valori intrinseci e temporanei, delle variabili, che contribuiscono al calcolo del valore del premio. Oggi parleremo dei termini “In The Money, At the Money e Out The Money ad opzioni”. Nel trading di opzioni, conoscere la differenza tra “in the money” (ITM) e “out of the money” (OTM) consente al titolare di un contratto di sapere se potrà trarre profitto dalla propria opzione. I termini si riferiscono al rapporto tra il prezzo di esercizio delle opzioni e il valore di mercato dell’attività sottostante.

opzioni trading at the money

“In the money” si riferisce alle opzioni che hanno un potenziale di profitto se esercitate oggi, mentre “out of the money” si riferisce a quelle che non lo hanno. Nel raro caso in cui il prezzo di mercato di un titolo sottostante raggiunga il prezzo di esercizio di un’opzione esattamente al momento della scadenza, si parla di “opzione at the money”.

Cosa significa “In the Money”?

Per “in the money” (ITM) si intende un contratto che sarebbe redditizio se il suo proprietario decidesse di esercitare l’opzione oggi. In questo caso, si dice che l’opzione ha un valore intrinseco.

Un’opzione call sarebbe in the money se il prezzo di esercizio fosse inferiore al prezzo di mercato corrente del titolo sottostante. Un investitore in possesso di un contratto di questo tipo potrebbe esercitare l’opzione per acquistare il titolo a sconto e venderlo subito con un profitto.

Le opzioni put, che sono un modo per vendere un’azione, sono in attivo se il prezzo di esercizio è superiore al prezzo di mercato corrente del titolo sottostante. Un contratto di questo tipo consente al detentore di vendere il titolo a un prezzo superiore a quello attuale e di intascare la differenza.

Cosa significa “Out of the Money”?

Out of the money (OTM) è l’opposto di “in the money”. I contratti OTM non hanno valore intrinseco. Se un’opzione è out of the money al momento della scadenza, il contratto scadrà senza valore. Le opzioni sono out of the money quando il rapporto tra i loro prezzi di esercizio e il prezzo di mercato corrente dei titoli è opposto a quello delle opzioni in the money.

Per le call, un’opzione con un prezzo di esercizio superiore al prezzo corrente del titolo sottostante sarebbe out of the money. L’esercizio di tale opzione comporterebbe per l’investitore l’acquisto di un titolo a un prezzo superiore al suo attuale valore di mercato.

Per le put, un’opzione con un prezzo di esercizio inferiore al prezzo corrente del titolo sottostante sarebbe out of the money. L’esercizio di tale opzione porterebbe l’investitore a vendere un titolo a un prezzo inferiore al suo attuale valore di mercato.

In entrambi i casi, i contratti sono out of the money perché non hanno valore intrinseco: chiunque li eserciti perderebbe denaro.

Dove investire in opzioni

Consiglio rapido: Cercate un broker online con commissioni di trading basse e senza un minimo di conto. Le commissioni più elevate possono ridurre i rendimenti degli investimenti nel tempo.

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia, Australia

Broker affidabile con 1.54M di conti clienti e un capitale di 10.01 miliardi di dollari, quotato al Nasdaq.

Commissioni basse e migliore esecuzione dei prezzi possibile grazie al sistema IB SmartRoutingSM.

Piattaforme e strumenti di trading gratuiti - abbastanza potenti per i trader professionisti, ma progettati per tutti.

Deposito minimo:

€0.00

Freedom24

8.5/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Asia

Conto remunerato con interessi fino all'8,7% con opzione di maturazione del rendimento giornaliero

Più di 40.000 azioni e 1.500 ETF

Disponibili piani di risparmio a lungo termine

Deposito minimo:

€1.00

Cosa significano i termini “In, At e OuT the Money”?

“I termini AT,IN e Out the Money, quando applicati alle opzioni indicano le diverse situazioni in cui il prezzo del sottostante è del prezzo dell’esercizio”.

In un’opzione di “Call”;

  • È, “out the money, fuori il denaro(OTM), cioè senza soldi, quando il prezzo dell’esercizio è superiore a quello del sottostante: il valore intrinseco è nullo e tutto il premio è un valore temporaneo.
  • È, “At the money, Ai soldi” (ATM), quando il prezzo dell’esercizio è uguale al valore del sottostante: il valore intrinseco è nullo e il valore del premio corrisponde al valore temporaneo.
  • È, “In the money,nel denaro” (ITM), quando il prezzo di esercizio è inferiore a quello del sottostante: il valore intrinseco è la differenza tra l’esercizio e il prezzo sottostante e il resto del premio è il valore temporaneo .

In un’opzione “put”;

  • È, “Out the money, fuori il denaro” (OTM), cioè, senza soldi, quando il prezzo dell’esercizio per l’esercizio di quello del sottostante: il valore intrinseco è nullo e tutto il premio è un valore temporaneo.
  • È, “At the manoey,Ai soldi” (ATM), , quando il prezzo dell’esercizio è uguale al valore del sottostante: il valore intrinseco è nullo e il valore del premio corrisponde al valore temporaneo.
  • È, “In the Money, nel denaro” (ITM), quando il prezzo dell’esercizio è maggiore di quello del sottostante: il valore intrinseco è la differenza tra il prezzo dell’esercizio e la base del resto del premio il valore temporaneo.

Esempio di opzioni “In the money”

Supponiamo che l’attuale prezzo di mercato di una determinata azione sia di € 100 e il relativo prezzo operativo è impostato a € 150, è detta opzione; “In the money” perché 150 – 100 = +50> 0. Quando si tratta di una posizione. Nell’opzione, la situazione è il campione, poiché se il prezzo operativo è impostato a € 120 deriva che +120 – 100 = +20> 0 risultante ancora una volta “in the money”. Tuttavia, il principio è vero, utile per ciascun investitore, per valutare sempre la tendenza del mercato relativa alla “call” e mettere le opzioni prima di continuare con la soluzione più appropriata per caratterizzare un ritorno sicuro a lungo termine.

Esempio di opzioni “At the money”

Immagina che un investitore decida di acquistare un’opzione “call” con un prezzo di esercizio di $ 12. Una volta che il prezzo attuale del prezzo è anche $ 12, quindi l’opzione è At the money. Se vai oltre questo punto, l’opzione sarà in the money, da quando ora ha un valore, ma se si abbassa, sarai out the money e non può essere eseguito.

Se l’investitore decide di acquistare un’opzione put con un prezzo di esercizio di $ 12 in atto, sarebbe comunque considerato at the money se il prezzo di mercato era $ 12. Tuttavia, sarebbe solo in the money se il prezzo della risorsa sottostante è caduto oltre questo punto, ma se il mercato è salito, sarebbe out the money.

Esempio di opzioni “out the money”

Supponiamo che il mercato IBM Shares (Nyse: IBM) di $ 100 e un investitore acquista un contratto di opzione “Call” a un prezzo di esercizio di $ 102. Se IBM è chiuso al di sotto di $ 102 alla data della scadenza del contratto, l’opzione scade “Out the money”. L’opzione non vale nulla quando l’acquirente dell’opzione perderà denaro esercitando l’opzione.

Inoltre, per un’opzione di vendita, supponendo che IBM Stock gestisca $ 100 e un investitore acquista un contratto di opzione di vendita IBM a un prezzo di esercizio di $ 97. Se IBM chiude sopra $ 97 nella data di scadenza del contratto, l’opzione scade “at tme money”. L’opzione non vale nulla quando l’acquirente dell’opzione perderà denaro esercitando l’opzione.

Qual è la differenza tra In the Money e Out of the Money?

Il premio di un contratto di opzioni coinvolge due diversi fattori: il valore intrinseco e il valore estrinseco. Le opzioni che hanno un valore intrinseco al momento della sottoscrizione hanno un prezzo d’esercizio vantaggioso rispetto al prezzo di mercato corrente. In altre parole, tali opzioni sono già in the money quando vengono scritte.

Ma non tutte le opzioni sono scritte ITM. Quelle prive di valore intrinseco si basano invece sul loro valore estrinseco. Questo valore deriva dalle scommesse speculative che gli investitori fanno per un certo periodo di tempo. Per questo motivo, gli asset con una volatilità più elevata sono spesso oggetto di contratti di opzione out of the money, in quanto gli investitori si aspettano oscillazioni di prezzo maggiori. Al contrario, gli asset considerati meno volatili hanno spesso le opzioni in the money.

Le opzioni out of the money sono l’ideale per gli speculatori, perché questi contratti hanno premi meno costosi e sono spesso creati per asset più volatili.

Conviene acquistare opzioni ITM o OTM?

La risposta a questa domanda dipende dagli obiettivi e dalla tolleranza al rischio dell’investitore. Le opzioni OTM possono essere più remunerative, ma comportano un rischio, un’incertezza e una volatilità maggiori. Il fatto che un’opzione sia in o out of the money (e quanto sia out of the money) e la quantità di tempo che manca alla scadenza dell’opzione influiscono sul premio dell’opzione stessa, con opzioni più rischiose che in genere costano di più.

La scelta di acquistare opzioni ITM o OTM dipende anche dalla fiducia che l’investitore nutre nel futuro del titolo sottostante. Se un trader si sente abbastanza sicuro che un determinato titolo sarà scambiato a un prezzo molto più alto da qui a tre mesi, allora potrebbe non esitare ad acquistare un’opzione call con un prezzo di esercizio molto alto, rendendola out of the money.

In conclusione, è importante determinare la situazione in cui il prezzo del sottostante riguarda il prezzo dell’esercizio. Quindi possiamo calcolare la rottura del nostro funzionamento, il che è il livello in cui il compratore dell’opzione arriva a beneficio. Se vuoi sapere più degli argomenti finanziari, visitare Rankia Italia e partecipa al nostro blog.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Materie prime: petrolio, gas, oro e altre commodities. Il futuro dei nuovi equilibri globali
Webinar online con l'esperto Analista Maurizio Mazziero. Cosa imparerai:
  • Le prospettive per petrolio, gas e oro.
  • Le dinamiche globali delle materie prime.
  • L’impatto della transizione ecologica sulle risorse.
Guida Analisi Tecnica
Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:
  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica

Articoli correlati