5 differenze tra azioni ordinarie e privilegiate

Se sei uno di quelli che cercano di diventare un investitore, hai sicuramente sentito parlare di azioni ordinarie e azioni privilegiate, ma cosa sono? E qual è la differenza tra le azioni ordinarie e le azioni privilegiate? Nelle prossime righe scoprirai la risposta a queste domande, che sicuramente ti aiuteranno a scegliere su quale investire.

azioni ordinarie e privilegiate

Ciò che le differenzia dagli altri tipi di azioni è che le azioni privilegiate offrono al loro possessore una serie di privilegi o diritti extra che gli altri azionisti non hanno.

In questo senso, si tratta di vantaggi che si concentrano soprattutto sull’aspetto economico, come la preferenza nella riscossione dei dividendi o una posizione più elevata in una procedura di insolvenza se la società dovesse fallire.

Esistono tuttavia altri vantaggi che, senza essere del tutto economici, conferiscono preferenze, come indica il nome di questo tipo di azione, ai suoi possessori. Vediamoli!

Cosa sono le azioni ordinarie?

L’azione ordinaria è quella negoziabile sul mercato, rappresenta una parte proporzionale del capitale sociale di un’azienda. Dà il diritto al suo titolare di possedere l’azienda secondo la parte che gli corrisponde. A differenza di alcuni prodotti finanziari, questo titolo non ha una data di scadenza fintanto che la società rimane attiva.

Caratteristiche delle azioni ordinarie

Alcune delle caratteristiche delle azioni ordinarie sono le seguenti:

  • Diritto di partecipazione agli utili: L’azionista ordinario ha diritto a ricevere dividendi o utili distribuiti dalla società senza limiti massimi.
  • Diritto di rivendicare i beni in liquidazione: Hai il diritto di rivendicare una parte del valore della società in caso di fallimento. Nel caso in cui la società dichiari fallimento, un azionista ordinario non potrà reclamare sul proprio patrimonio fino a quando i possessori di obbligazioni o azioni privilegiate non saranno stati soddisfatti del capitale residuo, può anche accadere che l’azionista ordinario perda tutto la tua responsabilità è limitata all’investimento effettuato.
  • Diritto di voto: Solitamente l’unica persona con diritto di voto nelle assemblee degli azionisti per eleggere il Consiglio di Amministrazione.
  • Diritti di proprietà: conferisce all’azionista ordinario il diritto di mantenere la propria quota di capitale nella società, anche se viene effettuato un aumento di capitale, avrà diritto a parteciparvi secondo la propria percentuale nella società.
  • Responsabilità limitata: la responsabilità dell’azionista ordinario della società in caso di fallimento è limitata.

Per investire in azioni ordinarie puoi usare uno di questi broker.

Cosa sono le azioni privilegiate?

Le azioni privilegiate, oltre a godere dei benefici di un’azione ordinaria, conferiscono al loro proprietario il privilegio economico o politico, rispetto alle azioni ordinarie. Hanno anche una somiglianza con le obbligazioni poiché il dividendo è solitamente una percentuale fissa, pari alla cedola di un’obbligazione.

Caratteristiche delle azioni privilegiate

Oltre alle caratteristiche di un’azione ordinaria, l’azione privilegiata aggiunge:

  • Dividendo cumulativo: la maggior parte di queste azioni ha una clausola sui dividendi cumulativi. cioè, i dividendi che non sono stati pagati in passato devono essere pagati prima di distribuire gli utili alle azioni ordinarie.
  • Clausola di salvaguardia: prevede la concessione del diritto di voto ad azioni privilegiate in caso di mancato pagamento dei dividendi. Comporta anche la limitazione del pagamento dei dividendi agli azionisti ordinari, se la società si trova in difficoltà finanziarie.

Le azioni privilegiate possono a loro volta essere differenziate in due tipologie: convertibili o rimborsabili.

  1. Azioni convertibili: sono quelle che possono essere convertite in un determinato numero di azioni ordinarie.
  2. Azioni rimborsabili: sono quelle che hanno un’opzione di acquisto da parte dell’emittente a condizioni precedentemente concordate con l’investitore.

Quanti tipi di azioni privilegiate esistono?

All’interno delle aziende, quali tipi di azioni privilegiate esistono? Esistono diversi tipi:

  • Azioni privilegiate perpetue: che non prevedono una data di restituzione specifica del capitale investito, poiché sono titoli perpetui non liquidabili da parte dell’emittente.
  • Azioni privilegiate cumulative: i dividendi, se la distribuzione non può essere effettuata, vengono accumulati e distribuiti in altre distribuzioni future.
  • Azioni privilegiate non cumulabili: in questo caso sono diverse in quanto il dividendo, se non distribuito, non viene cumulato per future distribuzioni.
  • Azioni privilegiate convertibili: quelle che danno al titolare il diritto di convertirle in un certo numero di azioni ordinarie.
  • Azioni privilegiate scambiabili: sono simili alle azioni convertibili, poiché consentono, come suggerisce il nome, di scambiarle con un altro tipo di azioni, ad esempio in situazioni in cui il rischio è elevato.
  • Azioni privilegiate ammortizzabili: quelle che danno all’emittente il diritto di acquistare le azioni a un certo prezzo e per un certo periodo di tempo, pagando per l’acquisto meno del prezzo concordato per il riacquisto.
  • Azioni privilegiate di partecipazione: in determinate circostanze prestabilite, danno al loro titolare la possibilità di ottenere dividendi aggiuntivi, nei casi in cui la società ottiene ricavi straordinari, oltre alle consuete distribuzioni.
  • Azioni privilegiate a reddito mensile: sono un tipo di asset ibrido, poiché combinano un titolo come le azioni privilegiate e il debito subordinato.

Azioni privilegiate: esempio

La società X S.p.A. emette due tipi di azioni: ordinarie e privilegiate.

Se compri azioni ordinarie avrai diritto a:

  • Diritto di voto nelle assemblee degli azionisti.
  • Dividendi variabili a seconda dei profitti.
  • Pagamento in caso di liquidazione dopo creditori e azionisti privilegiati.

Se compri azioni privilegiate, invece, avrai diritto a:

  • Dividendi fissi: gli azionisti privilegiati ricevono un dividendo fisso del 5% annuale sul valore nominale delle azioni. Ad esempio, se il valore nominale è 100 euro, l’azionista riceverà 5 euro di dividendo ogni anno.
  • Priorità sui dividendi: ricevono dividendi prima degli azionisti ordinari.
  • Priorità in liquidazione: in caso di liquidazione, vengono pagati prima degli azionisti ordinari fino al valore nominale delle azioni.
  • Limitato diritto di voto: generalmente, non hanno diritto di voto o hanno un diritto di voto limitato.

Le azioni privilegiate offrono un flusso di reddito stabile e maggiore protezione del capitale, ma meno controllo sulla gestione aziendale rispetto alle azioni ordinarie.

Differenze tra azionisti ordinari e privilegiati

La responsabilità dell’azionista ordinario è sempre limitata, mentre quella dell’azionista privilegiato può non essere sempre limitata a determinate condizioni. Normalmente l’azionista privilegiato è più legato alla politica aziendale e alla performance a lungo termine, mentre l’azionista ordinario cerca la redditività a breve o medio termine e cerca di speculare sul valore dell’azione.

Quindi in molti casi non si tratta di azionisti che si identificano con la politica aziendale, poiché ciò che cercano è di speculare sulla valutazione futura dell’azienda, entrano ed escono in base alle condizioni di mercato o agli sviluppi del valore, come offerte pubbliche di acquisto, flottazioni, aumenti di capitale, scissioni.

Gli azionisti ordinari si trovano in una posizione più rischiosa rispetto agli azionisti privilegiati, in quanto sono gli ultimi a ricevere la loro quota in caso di liquidazione; tuttavia, sono anche aperti alla possibilità di ricevere un dividendo più alto quando la società va bene. 

Azioni di risparmio, privilegiate e ordinarie

Le azioni di risparmio sono azioni senza diritto di voto emesse da società quotate in mercati regolamentati che godono di particolari privilegi patrimoniali previsti dallo statuto, come il dividendo minimo garantito e il diritto di prelazione rispetto alle azioni ordinarie. Possono essere emesse sia in occasione di un aumento di capitale sociale sia in occasione della conversione di azioni già emesse di altra categoria e sono generalmente al portatore, ma quelle appartenenti agli amministratori, ai fiduciari e ai direttori generali della società emittente sono nominative.

Differenza tra azioni di risparmio e privilegiate

Come già detto, le azioni privilegiate godono di un privilegio nella distribuzione degli utili (dividendo minimo garantito) e/o nella restituzione del capitale in caso di scioglimento della società. 

Tuttavia, le azioni di risparmio possono essere emesse solo da società quotate e non hanno mai diritto di voto, mentre le azioni privilegiate possono essere emesse anche da società non quotate e possono non avere diritto di voto nelle assemblee ordinarie, ma hanno sempre diritto di voto nelle assemblee straordinarie. Questa è la principale differenza tra le azioni privilegiate e le azioni di risparmio. 

Dopo aver letto il post, e conoscendo le caratteristiche offerte da ciascuna azione e la differenza tra azioni ordinarie e privilegiate, hai deciso quale azione ti definisce? Se sei già un investitore o stai pensando di investire, dicci la tua scelta e qual è stata la tua esperienza.

Cerchi un broker per le azioni?

Deposito minimo:

€10.00

Deposito minimo:

€1.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Guida Analisi Tecnica
Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:
  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica

Articoli correlati

Dividendi mensili: come riscuoterli
In questo articolo vedremo uno dei massimi principi di ogni investitore in borsa. Creare un portafoglio di investimenti che genera rendimenti passivi ogni mese, tramite dividendi mensili. Per fare ciò, indicheremo in quali potenziali aziende è pos...