Cosa sono le Small Caps e come sono classificate? | Rankia: Comunità finanziaria

Cosa sono le Small Caps e come sono classificate?

Probabilmente avete sentito parlare delle Small Cap. Forse, a seconda del software che usate per lavorare sui mercati finanziari, c'è anche una sessione in cui i responsabili hanno classificato l'assetcome Small Cap. Ma cosa significa questo? Cos'è una società a piccola capitalizzazione? Cosa fa sì che un'organizzazione si chiami così? Il rischio è superiore o inferiore a quello delle aziende Blue Chips?

Cosa sono le piccole imprese e come sono classificate?

Le aziende le cui azioni sono classificate come Small Caps hanno un basso valore di mercato per impostazione predefinita, cioè, sono aziende che sono considerate più piccole rispetto alle grandi aziende, meglio conosciute come Large Caps o Blue Chips. Affinché un'organizzazione sia considerata una Small Cap, il suo valore di mercato deve essere compreso tra 300 milioni e 2 miliardi di dollari.

Preferiamo fornire il valore nozionale in dollari perché generalmente si tratta di attività che possono essere scambiate a livello internazionale ed è solo necessario convertirle nella nostra valuta secondo il tasso di cambio di quella valuta al momento.

Vale la pena notare che non importa se le aziende classificate come Small Caps sono leader nei loro settori o addirittura hanno entrate milionarie. La variabile che determinerà la loro classificazione Small Cap è solo il loro valore di mercato, cioè, se hanno questa classificazione, sono “piccoli” sul mercato azionario.

Una caratteristica che si osserva di solito con le aziende small cap è che hanno meno liquidità perché sono piccole e quindi poco scambiate, con un fatturato giornaliero che oscilla tra 700.000 e 1,5 milioni di dollari. Poiché sono scambiati meno, hanno più potenziale di aumentare il loro valore rispetto alle blue chip.

Rischi e benefici dell'investimento in società a piccola capitalizzazione

In primo luogo, è importante sottolineare che nessuna strategia è infallibile, ma le strategie giuste possono massimizzare i rendimenti se usate bene. Come si può immaginare, è probabile che le società a bassa capitalizzazione possano darci un risultato migliore in tempi di crescita. Tenete presente che il rischio in quest'ultimo caso è molto più alto. La ragione è semplice, la loro crescita non è direttamente legata né ai tassi d'interesse né ai principali fattori macroeconomici.

In poche parole, le aziende considerate Small Caps sono come piccoli aeroplani, cioè si muovono velocemente e con maggiore precisione, mentre le blue chips sono come i boeing.

I processi dal più semplice al più complicato, le decisioni sul lancio di nuovi prodotti e servizi o sul modo di entrare nel mercato, nelle piccole entità sono fatte ed eseguite molto più velocemente, con meno ostacoli amministrativi sotto forma di burocrazia, che è il contrario nelle grandi aziende. Pertanto, quando l'economia comincia a riprendersi dalla recessione e a crescere di nuovo, le aziende a piccola capitalizzazione rispondono più rapidamente a un ambiente positivo e quindi hanno un maggiore potenziale di crescita rispetto alle aziende a grande capitalizzazione.

Le piccole imprese tendono a raccogliere la maggior parte del loro capitale da investitori azionari piuttosto che prendere in prestito denaro attraverso l'emissione di obbligazioni, un corso d'azione più tipico delle imprese più grandi. Quindi, scenari di tassi d'interesse più alti hanno un impatto meno negativo sulla capacità di crescita delle piccole imprese, perché non fanno affidamento su di loro per l'espansione e il finanziamento dei progetti.

Come investite in queste attività?

Ci sono tre modi principali per investire in azioni small-cap: attraverso fondi indicizzati (ETF), direttamente sul mercato e attraverso i fondi comuni. Ognuno di questi dovrebbe essere considerato dato il vostro profilo di investitore.

Azioni a piccola capitalizzazione

Un'alternativa è comprare azioni direttamente dal mercato azionario. Tecnicamente, la procedura è assolutamente la stessa dell'acquisto di qualsiasi altro tipo di azione.

Prima di tutto, è necessario avere un conto aperto con una casa di intermediazione, cioè un'istituzione che esegue gli ordini di acquisto e vendita inviati dagli investitori. Per sceglierne uno, è necessario prendere in considerazione fattori come i costi (commissioni di intermediazione e custodia), le prestazioni dei sistemi di trading (home broker) e la qualità del team analitico.

Soprattutto quando si investe in società a piccola capitalizzazione, è una buona idea vedere se gli analisti del vostro broker seguono le azioni di questi tipi di società. Poiché queste aziende sono spesso fuori dai riflettori, avere una fonte sicura, affidabile e coerente di informazioni su di loro può essere molto importante.

Dopo aver scelto un brokere aperto un'operazione di acquisto, il passo successivo è quello di scegliere una strategia di investimento e le società a piccola capitalizzazione che hanno senso all'interno di essa. Con i fondi forniti, basta iniziare a inviare ordini di acquisto e vendita di azioni e monitorare periodicamente la loro performance.

ETF

Un altro modo per investire in società a piccola capitalizzazione è quello di acquistare fondi indicizzati, o i famosi ETF. Questi fondi replicano un portafoglio di indici, e le loro quote sono scambiate in borsa come se fossero azioni.

Uno dei vantaggi di questo tipo di investimento è il costo. La commissione di gestione per gli ETFsmall-cap disponibili è solitamente più bassa rispetto alla media dei fondi azionari.

Fondi a piccola capitalizzazione

Una terza alternativa per gli investitori interessati alle azioni small-cap è rappresentata dai fondi comuni tradizionali. Ci sono fondi azionari che puntano specificamente a questi tipi di aziende. Sono raggruppati in una categoria specifica che, al giugno 2020, aveva un patrimonio totale di circa 6,5 miliardi di dollari.

Questi fondi sono gestiti da manager specializzati, il che è un vantaggio per gli investitori. Invece di decidere da soli quali small cap comprare, chi investe attraverso i fondi conta sul lavoro di un professionista dedicato proprio a questo compito.

Questi fondi sono offerti tramite broker e non richiedono all'investitore di registrarsi per la negoziazione su una borsa, poiché le loro azioni sono vendute al di fuori di quell'ambiente. Le commissioni di gestione sono di solito più alte che per gli ETF, ma la convenienza di investire in questo modo è anche molto più alta.

Come abbiamo detto sopra, come investire in società a piccola capitalizzazione dovrebbe dipendere dal tuo profilo di investitore. Sei aggiornato con le notizie? Sei informato sul mercato? Segui periodicamente l'andamento dell'azienda? Ecco alcune delle domande chiave a cui dovreste rispondere prima di investire in società a piccola capitalizzazione.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy