Cos'è il premio di rischio? | Rankia: Comunità finanziaria

Cos’è il premio di rischio?

Il premio di rischio è una concezione chiara ma dalla discussa natura. È determinato il fatto che si tratti della differenza tra il rendimento atteso e il tasso d’interesse privo di rischio, essenziale per capire quindi quanto un’operazione rischiosa possa convenire. È discusso invece il funzionamento, il cosa convenga tenere in considerazione per poter avere un premio di rischio affidabile. Analizziamo insieme di cosa si tratta e qual è la teoria più diffusa per calcolare il premio di rischio.

Cos'è il premio di rischio?

Il concetto del premio di rischio nel mondo della finanza è differente da quello del mondo dell’economia. In economia è la differenza tra il valore atteso di una lotteria rischiosa e l’ammontare certo che una persona sarebbe disposta ad accettare invece della lotteria rischiosa.

Nell’ambito della finanza, invece, con premio di rischio si intende la differenza tra il rendimento atteso e il tasso d’interesse privo di rischio.

Il ragionamento che sta alla base del premio di rischio consiste nel fatto che ci si aspetta che un investimento, per essere buono, debba avere un miglior rendimento previsto all’aumentare del rischio.

Nel mondo della finanza vi sono vari metodi per calcolare il livello di rischio e ciò rappresenta il dibattito sul cosa si debba davvero tenere in considerazione per valutare il rischio di un investimento, dibattito al quale non si è venuti tutt’oggi venuti a capo.

Capital Asset Pricing Model

Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) è una delle teorie più diffuse per calcolare il premio di rischio.

Ciò che fa il Capital Asset Pricing Model consiste nello stabilire una relazione tra il rendimento di un titolo e la rischiosità sistematica dello stesso. Ti ricordiamo che la rischiosità sistematica viene calcolata tramite il coefficiente Beta, ovvero il rapporto tra la covarianza del rendimento di un'attività i-esima riguardo il rendimento di mercato e la varianza del rendimento di mercato, e ciò la rende proporzionale alla covarianza tra rendimento del titolo e andamento del mercato.

Il premio di rischio si può pertanto calcolare tramite la formula del Capital Asset Pricing Model:

Detto “E(Ri)” il rendimento atteso dell’attività i-esima, detto “Rf” il rendimento di un’attività priva di rischio (Risk-free), detto “E(RM)” il rendimento atteso del mercato e detto “bi” il coefficiente Beta dell’attività i-esima, allora:

E(Ri) – Rf = bi * [E(RM) – Rf]

In altre parole, si può calcolare il premio di rischio come differenza tra il rendimento atteso dell’attività i-esima e un’attività priva di rischio.

Conclusione

Il premio di rischio è un concetto fondamentale da non sottovalutare. Il consiglio migliore che ti possiamo dare è quello di valutare appieno il concetto per poi capire quali sono a parer tuo i fattori che più sono determinanti per potersi affidare al concetto di rischio.

Una volta fatto ciò ti verrà molto più semplice valutare le teorie più e meno discusse sul premio di rischio, per scegliere quella che credi sia più corretta o per formulare una tua nuova teoria.

Ti consigliamo caldamente di utilizzare questo approccio, ma nel caso in cui tu sia in cerca di qualcosa di “semplice e affidabile” ti suggeriamo di fare affidamento sulla teoria più diffusa, il Capital Asset Pricing Model, dopotutto vi sarà una ragione se si tratta di una delle più diffuse.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy