CDS: cosa sono i credit default swap e come ne ha approfittato Bill Ackman?

Un credit default swap (CDS) è un contratto finanziario tra due parti, in cui una parte (l’acquirente di CDS) paga un premio periodico all’altra parte (il venditore di CDS) in cambio della protezione contro l’insolvenza di una specifica attività sottostante, come un’obbligazione o una società. In caso di default dell’attività sottostante, l’acquirente di CDS riceverà dal venditore di CDS un compenso pari al valore nominale dell’attività sottostante. Se non c’è default, l’acquirente perde solo il premio pagato.

cds

Cos’è un CDS?

Come dicevamo, Un credit default swap (CDS) è un contratto finanziario tra due parti, in cui una parte (l’acquirente di CDS) paga un premio periodico all’altra parte (il venditore di CDS) in cambio della protezione contro l’insolvenza di una specifica attività sottostante, come un’obbligazione o una società. È uno strumento finanziario utilizzato come copertura o come operazione speculativa.

Un contratto di Credit Default Swap si basa sulla speculazione se il debito di un’entità o di un paese aumenterà il rischio o andrà in bancarotta nel prossimo futuro. In caso di fallimento, il venditore si assume il pagamento al compratore dell’importo nozionale del contratto.

I CDS sono comunemente utilizzati per proteggersi dal rischio di insolvenza del debito, sia di una società che di un governo. Il loro funzionamento è simile a quello delle assicurazioni. Tuttavia, possono essere utilizzati anche a fini speculativi, in quanto consentono agli investitori di scommettere sull’insolvenza di un determinato asset.

Sviluppo del mercato dei CDS

I Credit Default Swap (CDS) hanno conosciuto il loro massimo sviluppo a partire dagli anni 2000. In quel periodo, il mercato dei CDS si è espanso rapidamente ed è diventato uno strumento popolare per coprire il rischio di insolvenza di obbligazioni e altri titoli.

La crescita del mercato dei CDS è stata determinata da diversi fattori, tra cui i bassi tassi di interesse, la crescente popolarità dei prodotti finanziari strutturati e la maggiore disponibilità di informazioni sul rischio di credito. Inoltre, si è registrato un aumento degli investimenti in obbligazioni emesse da società e paesi con un profilo creditizio più rischioso, che ha incrementato la domanda di protezione dai rischi di insolvenza.

Anche i Credit Default Swap (CDS) hanno svolto un ruolo importante nella crisi dei subprime del 2008. In quel periodo, molti investitori hanno utilizzato i CDS per coprire il rischio di insolvenza delle obbligazioni basate sui mutui subprime, considerate ad alto rischio a causa dell’elevato tasso di insolvenza.

Tuttavia, il mercato dei CDS ha risentito anche della crisi finanziaria del 2008, quando l’insolvenza di diverse società e istituzioni finanziarie ha portato al fallimento di numerose banche e a una forte perdita di fiducia nel mercato. Di conseguenza, il mercato dei CDS ha subito una forte contrazione e da allora è soggetto a una maggiore regolamentazione.

Esempio di CDS su un’obbligazione ipotecaria

Un Credit Default Swap (CDS) è un contratto finanziario che consente agli investitori di trasferire il rischio di insolvenza di un’attività sottostante, come un’obbligazione ipotecaria, a un altro investitore. Il funzionamento di un CDS può essere spiegato con il seguente esempio:

Immaginiamo che una banca emetta un’obbligazione ipotecaria del valore nominale di 100 milioni di euro. L’obbligazione ha una durata di 10 anni e paga un interesse del 5% annuo. Un investitore, di nome John, acquista 10 milioni di euro di obbligazioni ipotecarie dalla banca.

John teme che la banca possa incorrere in difficoltà finanziarie e che non sia in grado di far fronte agli obblighi di pagamento dell’obbligazione. Decide quindi di acquistare un CDS per coprire il suo investimento. Il CDS viene acquistato da un altro investitore, di nome Peter, che si offre di coprire il rischio di insolvenza dell’obbligazione ipotecaria in cambio di un premio annuale.

In questo caso, John paga un premio annuale dell’1% all’investitore Peter, che accetta di coprire il rischio di insolvenza dell’obbligazione ipotecaria. Se la banca non è in grado di adempiere ai propri obblighi di pagamento sull’obbligazione, Peter pagherà a John il valore nominale dell’obbligazione (10 milioni di euro) e rileverà il debito. Se la banca continua a rispettare i propri obblighi, John continuerà a ricevere gli interessi e Peter continuerà a ricevere il premio annuale.

In questo esempio, John ha trasferito il rischio di insolvenza dell’obbligazione ipotecaria a Peter in cambio di un premio annuale. In questo modo John può dormire sonni tranquilli sapendo che il suo investimento è protetto, mentre Peter beneficia del premio annuale e si assume il rischio dell’obbligazione.

Credit default swap e Bill Ackman

Si tratta di Bill Ackman, fondatore e CEO dell’hedge fund Pershing Square Capital Management LP. Oggi è al 391° posto nella lista delle 400 persone più ricche di Forbes, con un valore netto di 3 miliardi di dollari a partire dal 2020.

Il suo stile d’investimento comporta un portafoglio di azioni concentrate in poche idee e uno stile d’investimento attivista:

  • Bill preferisce andare contro la direzione del mercato e cercare subito un posto nel consiglio di amministrazione di una società.
  • Fa le sue ricerche prima di comprare una quota importante in qualsiasi azienda, e ha sempre un obiettivo in mente prima di avvicinarsi al management.
  • Gestisce un portafoglio concentrato, tra 10 e 15 aziende.
  • Preferisce le società quotate, mid e large cap.
  • Quando seleziona le aziende, si concentra principalmente sul settore immobiliare.
  • Come ogni attivista, gli piace fare notizia ogni volta che può (quasi sempre).
  • Il suo ruolo è quello di manager degli investimenti, non di manager dell’azienda, quindi si concentra sulle mosse finanziarie strategiche, non su quelle operative.
  • Gli piace vendere allo scoperto (MBIA, Fannie Mae, Freddie Mac, Herbalife).
  • Ackman ha tanti detrattori quanti sostenitori e tanti nemici quanti Carl Ichan, ma nel 2020 farà uno scambio che gli frutterà oltre 2 miliardi di dollari e farà di quell’anno il migliore della sua carriera con un ritorno di oltre il 70%.

Come ha guadagnato Bill Ackman con i CDS?

La risposta è il COVID e il suo effetto sul debito societario. Ackman aveva previsto che i tentativi del governo statunitense di contenere il COVID avrebbero avuto un enorme effetto negativo sui mercati americani e ha deciso che sarebbe stato meglio proteggere le sue attività acquistando CDS su obbligazioni societarie. In questo modo avrebbe assicurato le posizioni della sua azienda in caso di movimenti negativi del mercato.

Ackman ha acquistato credit default swap in cui avrebbe dovuto pagare 27 milioni di dollari ogni mese per 5 anni (5 anni è il limite usuale per un contratto CDS) fino a quando non avrebbe venduto la sua posizione e realizzato un profitto o fino alla scadenza. Ciò significa che Ackman avrebbe dovuto pagare 324 milioni di dollari all’anno in premi. Il tasso di premio per il credit default era dello 0,5% sulle obbligazioni societarie prima che il COVID provocasse un allargamento dello spread.

Dividendo 324 milioni di dollari di premi mensili per un anno per il tasso di assicurazione CD dello 0,5%, si ottiene un valore di 64,8 miliardi di dollari di obbligazioni su cui Ackman stava acquistando protezione.

Si tratta di un’operazione di rischio asimmetrico, poiché se la caduta non si fosse verificata, avrebbe perso solo l’importo pagato, ma se avesse avuto ragione e il prezzo del CDS fosse salito, il profitto sarebbe potuto essere impressionante. In 22 giorni il valore di mercato dei CDS è passato da 0 a 2,5 trilioni.

Letture relazionate: Michael Burry e la previsione della crisi del 2008.

Cerchi un broker per il trading? Scopri le nostre raccomandazioni

Deposito minimo:

€100.00

Deposito minimo:

€100.00

Deposito minimo:

€0.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Materie prime: petrolio, gas, oro e altre commodities. Il futuro dei nuovi equilibri globali
Webinar online con l'esperto Analista Maurizio Mazziero. Cosa imparerai:
  • Le prospettive per petrolio, gas e oro.
  • Le dinamiche globali delle materie prime.
  • L’impatto della transizione ecologica sulle risorse.

Articoli correlati