Teoria Della Mano Invisibile | Rankia: Comunità finanziaria

Teoria Della Mano Invisibile

Alla fine del 1759, a metà del XVIII secolo, un libro chiamato “Teoria dei sentimenti morali presentò al mondo per la prima volta la teoria della mano invisibile. Era un concetto più teorico che pratico, che divenne presto la base del pensiero liberale e uno dei pilastri fondanti del capitalismo, molto prima che il capitalismo si consolidasse.

La “teoria della Mano Invisibile” è stata introdotta da Adam Smith, uno dei più famosi economisti e filosofi della storia dell'umanità. L'attualità dei suoi studi è tale che oggi, tre secoli dopo, continua ad essere studiata, perché rimane attuale. Il liberalismo continua ad essere essenzialmente governato da questa teoria e la teoria economica trova qui uno dei suoi concetti più forti.

Chi era Adam Smith?

Adam Smith nacque a Edimburgo, in Scozia, nel 1723 e visse durante il picco dell'Illuminismo, avendo contribuito con le sue teorie e il suo pensiero in modo molto attivo. È considerato il padre dell'economia moderna, ed è anche il più importante teorico del liberalismo economico, avendo posto le basi teoriche che mantengono oggi questa corrente finanziaria.

La sua opera letteraria ha diversi titoli fondamentali. In “A Theory of Moral Sentiments“, Smith introduce per la prima volta il concetto della teoria della Mano Invisibile”, ma è con “An Inquiry into the Nature and Cause of the Wealth of Nations” che diventa il riferimento e l'autorità che è oggi.

Insegnante, filosofo ed economista di primo piano, Adam Smith condusse una vita discreta. Non si sposò mai e non lasciò prole, ed è ricordato come una persona timida e un po' ipocondriaca. Si scontrò con le teorie di Alfred Marshall, un altro importante economista, e morì nel 1790 di una malattia non specificata.

Cos'è “La Teoria Della Mano Invisibile” e Come Funziona?

La teoria della Mano Invisibile” sostiene, molto brevemente e succintamente, che il mercato si autoregola naturalmente, senza alcun bisogno di interferenze esterne. In altre parole, Adam Smith sosteneva che in uno scenario di mercato libero e liberale, senza alcuna regolamentazione statale, il mercato si sarebbe regolato automaticamente, con l'equilibrio dei prezzi dettato dalla relazione di base tra domanda e offerta.

Adam Smith, che era anche un accanito difensore dell'economia per scopi sociali desiderabili, criticava così il potere della mano invisibile nell'economia liberale, anticipando il capitalismo rampante che sarebbe diventato massiccio nel XX secolo. La Mano Invisibile nasce quindi dalla necessità del mercato stesso, in cui gli agenti economici hanno bisogno di produrre qualcosa di valore per guadagnare un reddito e quindi essere in grado di sussistere nella società competitiva.

Vantaggi E Svantaggi

Come tutte le teorie, la Mano Invisibile continua a trovare sostenitori e detrattori della sua validità. In effetti, è stato così da quando è stato introdotto da Adam Smith nel XVIII secolo. Una delle critiche più feroci, che viene ricordata ancora oggi, è quella di Joseph E. Stiglitz, futuro premio Nobel per l'economia, che una volta disse che “la ragione per cui la mano invisibile appare spesso invisibile è perché non è lì“.

Questo perché, quando si formano monopoli e oligopoli, la Mano Invisibile diventa statica e non può più regolare il mercato. Adam Smith stesso riconobbe che questo era lo scenario in cui questa teoria non funzionava, criticando la concentrazione del potere di mercato nelle mani di pochi produttori e il poco intervento dello Stato per correggere questo squilibrio.

Infine, un'altra critica spesso segnalata dagli esperti al funzionamento della teoria della Mano Invisibile è che dà troppa libertà all'individuo di sfruttare il suo interesse personale a scapito del collettivo. Questa idea è esplorata in “La ricchezza delle nazioni” e diventa un altro pilastro fondamentale del pensiero di Smith. Tuttavia, i liberali contestano questo principio, sostenendo invece che la ricchezza individuale è solo uno stimolo in più per aumentare la ricchezza di tutti attraverso la creazione di posti di lavoro e un maggiore impegno nel lavoro.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy