Small caps: cosa sono e cosa considerare prima di investire

Probabilmente avete sentito parlare delle Small caps. Forse, a seconda del software che usate per lavorare sui mercati finanziari, c'è anche una sessione in cui i responsabili hanno classificato l'assetcome Small cap. Ma cosa significa questo? Cos'è una società a piccola capitalizzazione? Cosa fa sì che un'organizzazione si chiami così? Il rischio è superiore o inferiore a quello delle aziende Blue chips?

small cap

Azioni small cap: significato

Le aziende le cui azioni sono classificate come Small Caps hanno un basso valore di mercato per impostazione predefinita, cioè, sono aziende che sono considerate più piccole rispetto alle grandi aziende, meglio conosciute come Large caps o azioni Blue chips. Affinché un'organizzazione sia considerata una Small cap, il suo valore di mercato deve essere compreso tra 300 milioni e 2 miliardi di dollari.

Preferiamo fornire il valore nozionale in dollari perché generalmente si tratta di attività che possono essere scambiate a livello internazionale ed è solo necessario convertirle nella nostra valuta secondo il tasso di cambio di quella valuta al momento.

Vale la pena notare che non importa se le aziende classificate come Small Caps sono leader nei loro settori o addirittura hanno entrate milionarie. La variabile che determinerà la loro classificazione Small Cap è solo il loro valore di mercato, cioè, se hanno questa classificazione, sono “piccoli” sul mercato azionario.

Una caratteristica che si osserva di solito con le aziende small cap è che hanno meno liquidità perché sono piccole e quindi poco scambiate, con un fatturato giornaliero che oscilla tra 700.000 e 1,5 milioni di dollari. Poiché sono scambiati meno, hanno più potenziale di aumentare il loro valore rispetto alle blue chip.

Investire in azioni Small cap: pro e contro

Investire in azioni Small cap offre diversi vantaggi.

Tuttavia, investire in azioni Small cap comporta anche alcuni svantaggi da considerare.

Investimento in società a piccola capitalizzazione

In primo luogo, è importante sottolineare che nessuna strategia è infallibile, ma le strategie giuste possono massimizzare i rendimenti se usate bene. Come si può immaginare, è probabile che le società a bassa capitalizzazione possano darci un risultato migliore in tempi di crescita. Tenete presente che il rischio in quest'ultimo caso è molto più alto. La ragione è semplice, la loro crescita non è direttamente legata né ai tassi d'interesse né ai principali fattori macroeconomici.

In poche parole, le aziende considerate Small Caps sono come piccoli aeroplani, cioè si muovono velocemente e con maggiore precisione, mentre le blue chips sono come i boeing.

I processi dal più semplice al più complicato, le decisioni sul lancio di nuovi prodotti e servizi o sul modo di entrare nel mercato, nelle piccole entità sono fatte ed eseguite molto più velocemente, con meno ostacoli amministrativi sotto forma di burocrazia, che è il contrario nelle grandi aziende. Pertanto, quando l'economia comincia a riprendersi dalla recessione e a crescere di nuovo, le aziende a piccola capitalizzazione rispondono più rapidamente a un ambiente positivo e quindi hanno un maggiore potenziale di crescita rispetto alle aziende a grande capitalizzazione.

Le piccole imprese tendono a raccogliere la maggior parte del loro capitale da investitori azionari piuttosto che prendere in prestito denaro attraverso l'emissione di obbligazioni, un corso d'azione più tipico delle imprese più grandi. Quindi, scenari di tassi d'interesse più alti hanno un impatto meno negativo sulla capacità di crescita delle piccole imprese, perché non fanno affidamento su di loro per l'espansione e il finanziamento dei progetti.

Come investire in Small cap?

Ci sono tre modi principali per investire in azioni small-cap: attraverso fondi indicizzati (ETF), direttamente sul mercato e attraverso i fondi comuni. Ognuno di questi dovrebbe essere considerato dato il vostro profilo di investitore.

Azioni a piccola capitalizzazione

Un'alternativa è comprare azioni direttamente dal mercato azionario. Tecnicamente, la procedura è assolutamente la stessa dell'acquisto di qualsiasi altro tipo di azione.

Prima di tutto, è necessario avere un conto aperto con una casa di intermediazione, cioè un'istituzione che esegue gli ordini di acquisto e vendita inviati dagli investitori. Per sceglierne uno, è necessario prendere in considerazione fattori come i costi (commissioni di intermediazione e custodia), le prestazioni dei sistemi di trading (home broker) e la qualità del team analitico.

Soprattutto quando si investe in società a piccola capitalizzazione, è una buona idea vedere se gli analisti del vostro broker seguono le azioni di questi tipi di società. Poiché queste aziende sono spesso fuori dai riflettori, avere una fonte sicura, affidabile e coerente di informazioni su di loro può essere molto importante.

Dopo aver scelto un broker e aperto un'operazione di acquisto, il passo successivo è quello di scegliere una strategia di investimento e le società a piccola capitalizzazione che hanno senso all'interno di essa. Con i fondi forniti, basta iniziare a inviare ordini di acquisto e vendita di azioni e monitorare periodicamente la loro performance. Scegli uno tra i nostri preferiti.

Small cap ETF

Un altro modo per investire in società a piccola capitalizzazione è quello di acquistare fondi indicizzati, o i famosi ETF. Questi fondi replicano un portafoglio di indici, e le loro quote sono scambiate in borsa come se fossero azioni. Uno dei vantaggi di questo tipo di investimento è il costo. La commissione di gestione per gli ETF small-cap disponibili è solitamente più bassa rispetto alla media dei fondi azionari.

Fondi a piccola capitalizzazione

Una terza alternativa per gli investitori interessati alle azioni small-cap è rappresentata dai fondi comuni tradizionali. Ci sono fondi azionari che puntano specificamente a questi tipi di aziende. Sono raggruppati in una categoria specifica che, al giugno 2020, aveva un patrimonio totale di circa 6,5 miliardi di dollari.

Questi fondi sono gestiti da manager specializzati, il che è un vantaggio per gli investitori. Invece di decidere da soli quali small cap comprare, chi investe attraverso i fondi conta sul lavoro di un professionista dedicato proprio a questo compito.

Questi fondi sono offerti tramite broker e non richiedono all'investitore di registrarsi per la negoziazione su una borsa, poiché le loro azioni sono vendute al di fuori di quell'ambiente. Le commissioni di gestione sono di solito più alte che per gli ETF, ma la convenienza di investire in questo modo è anche molto più alta.

Esempi di azioni Small cap italiane

In Italia, ci sono diverse aziende Small Cap che meritano l'attenzione degli investitori. Ecco alcuni esempi di Small Cap italiane che potrebbero essere interessanti:

  1. Azimut Holding (AZM): Azimut Holding è una società di gestione patrimoniale che offre servizi di consulenza finanziaria e investimenti. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 1,5 miliardi di euro.
  2. Brembo (BRE): Brembo è un produttore italiano di sistemi frenanti per autoveicoli e motocicli. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 2 miliardi di euro.
  3. Interpump Group (IP): Interpump Group è un produttore italiano di pompe ad alta pressione e componenti per l'industria idraulica. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 1,5 miliardi di euro.
  4. Sesa (SES): Sesa è una società italiana che produce e distribuisce prodotti per l'edilizia, l'industria e l'agricoltura. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 800 milioni di euro.

Small cap americane

Negli Stati Uniti, ci sono molte società Small Cap che possono offrire opportunità interessanti agli investitori. Ecco alcuni esempi di Small Cap americane che potrebbero essere degne di nota:

  1. Etsy Inc. (ETSY): Etsy è una piattaforma di e-commerce che consente alle persone di acquistare e vendere articoli fatti a mano, vintage e unici. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 15 miliardi di dollari.
  2. Square Inc. (SQ): Square è una società di servizi finanziari che offre soluzioni di pagamento e di gestione delle vendite per le piccole imprese. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 100 miliardi di dollari.
  3. Zscaler Inc. (ZS): Zscaler è una società di sicurezza informatica che fornisce soluzioni cloud per la protezione delle reti aziendali. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 25 miliardi di dollari.
  4. Teladoc Health Inc. (TDOC): Teladoc Health è un'azienda di telemedicina che offre servizi di consulenza medica e di prescrizione online. La società ha una capitalizzazione di mercato di circa 30 miliardi di dollari.

Leggi quali sono i migliori titoli growth.

Come abbiamo detto sopra, come investire in società a piccola capitalizzazione dovrebbe dipendere dal tuo profilo di investitore. Sei aggiornato con le notizie? Sei informato sul mercato? Segui periodicamente l'andamento dell'azienda? Ecco alcune delle domande chiave a cui dovreste rispondere prima di investire in società a piccola capitalizzazione.

Cerchi un broker pe rinvestire in Small caps?

Deposito minimo:

€0.00

XTB
Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

FAQ

Cosa succede con le azioni a bassa capitalizzazione?

Le azioni a bassa capitalizzazione, comunemente note come “small cap”, tendono a essere associate a società di minori dimensioni rispetto ai giganti del mercato. Queste azioni sono spesso soggette a una maggiore volatilità e possono offrire sia maggiori rischi che potenziali rendimenti elevati. Investire in small cap richiede una buona dose di ricerca e un'attenzione particolare alle dinamiche specifiche del settore e della società. A causa della loro minor liquidità e della minore copertura da parte degli analisti finanziari, possono presentare opportunità uniche di crescita, ma anche rischi di perdite maggiori, soprattutto in mercati in calo o in periodi di incertezza economica.

Quali sono le Small cap italiane?

Le small cap italiane si riferiscono a quelle aziende quotate sul mercato azionario italiano, come la Borsa Italiana, che hanno una capitalizzazione di mercato relativamente piccola. Queste società possono appartenere a vari settori, dall'industria manifatturiera alla tecnologia, fino ai servizi. Alcune di queste aziende potrebbero essere leader in nicchie di mercato specifiche o avere un potenziale di crescita significativo. Esempi specifici di small cap italiane variano nel tempo a seconda delle valutazioni di mercato e delle performance aziendali, quindi è importante consultare risorse aggiornate per un elenco preciso.

Cosa si intende per Small cap?

Il termine “Small cap” si riferisce a società con una capitalizzazione di mercato relativamente bassa. Anche se non esiste una definizione universalmente accettata per il limite di capitalizzazione che classifica una società come small cap, spesso si parla di aziende con una capitalizzazione di mercato che va da qualche centinaio di milioni a qualche miliardo di euro o dollari. Queste società, sebbene possano offrire significativi potenziali di crescita, comportano spesso maggiori rischi rispetto alle loro controparti più grandi e consolidate, principalmente a causa della loro potenziale instabilità finanziaria, minore liquidità delle azioni e minor visibilità sul mercato.

Cosa sono le Large cap?

Le “Large cap” (abbreviazione di “large capitalization”) sono aziende con una grande capitalizzazione di mercato, generalmente superiore ai 10 miliardi di euro o dollari. Queste società sono spesso leader del settore, con operazioni estese a livello globale, una solida reputazione e una storia di performance finanziaria stabile. Investire in large cap è generalmente considerato meno rischioso rispetto alle small cap, poiché queste aziende sono più stabili, hanno accesso più facile al capitale e possono offrire dividendi costanti. Le large cap tendono ad avere una maggiore copertura da parte degli analisti e sono spesso incluse nei principali indici di mercato, rendendole scelte popolari tra gli investitori istituzionali e individuali.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Guida Analisi Tecnica
Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:
  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

Come comprare azioni Coca Cola: dividendi
Le azioni Coca Cola sono fra i titoli preferiti dagli investitori. E non è un caso. Coca Cola company è infatti la più grande multinazionale nel campo della produzione di bevande analcoliche, nonché garanzia di stabilità e crescita. In questo art...