ETP: cosa sono e come investire

Avrai certamente sentito parlare di ETP, ETF, ETN o ETC. Di che si tratta? Sono la stessa cosa o ci sono delle differenze? In questo articolo vedremo cosa sono gli ETP e quali sono i vantaggi che si hanno nell’utilizzare questi strumenti.

ETP: cosa sono e come investire

ETP è la sigla utilizzata per indicare Exchange Traded Product e ne avrai sicuramente già sentito parlare, o magari avrai sentito delle sue sottocategorie: ETF, ETC ed ETN.

Si tratta di uno strumento di investimento che tenta di replicare un indice, detto solitamente “indice sottostante”. La particolarità dell’andamento consiste ovviamente nel fatto che replicando l’indice sottostante, non ne superano mai la performance.

Le ETP vengono scambiate come se si trattasse di azioni, hanno solitamente costi bassi e nel caso delle materie prime è persino possibile “acquistare” il bene materiale.

Tra i vantaggi delle ETP troviamo la semplicità d’uso, dato che invece di operare su diverse azioni di differenti società appartenenti allo stesso settore o indice, è possibile operare con un ETP avente un indice sottostante che comprende le società di tuo interesse.

Uno degli aspetti che spesso portano ad operare con ETP consiste nel fatto che vi sono società o titoli normalmente non accessibili. Ciò vuol dire che se vuoi operare con una società con cui non ti è possibile operare, ti è possibile farlo “indirettamente” operando con un ETP avente un indice sottostante che include la società di tuo interesse.

Tipologie di ETP

Le ETP si differenziano in 3 tipologie, aventi lievi ma sostanziali differenze.

ETF

Parlando di ETP si fa spesso riferimento ad indici sottostanti nonostante non sia sicuro che quello ad essere replicato sia un indice. Ciò è dovuto al fatto che riferendoci alle ETP ci si riferisce spesso alle ETF, ovvero Exchange Traded Fund che replicano un indice sottostante.

Sono molto popolari in quanto i costi sono bassi e vengono gestiti passivamente.

ETC

Gli ETC, Exchange Traded Commodity, potrebbero essere considerati come degli ETF sulle materie prime. Il funzionamento è il medesimo e viene replicato un indice sottostante di materie prime o potrebbe essere direttamente replicato l’andamento di una specifica materia prima.

Tra le materie prime vi sono ad esempio l’oro e il palladio, e di entrambi è possibile sfruttare ETP che permettano di contrattare sinteticamente (scambiano opzioni e contratti futures) o fisicamente (commerciando fisicamente la materia prima).

Ho utilizzato il termine ETP in quanto seppur gli ETC siano specifici, gli ETC non sono gli unici a replicare indici sottostanti sulle materie prime. Ad esempio è possibile trovare diversi ETF per oro e palladio.

ETN

Gli ETN, Exchange Traded Notes, possono essere visti come degli ETF in versione “titolo di debito”. Gli ETN pagano agli investitori un ammontare pari al rendimento previsto, alla data di scadenza, dell’indice sottostante.

Si tratta quindi di uno strumento simile alle obbligazioni in quanto alla scadenza gli investitori vengono rimborsati, seppure senza ricevere interessi.

Differenze tra ETF e ETC

Esistono notevoli differenze tra un ETF e un ETC. In generale, gli ETF investono in tutti i componenti di un indice. Ad esempio, nel caso degli ETF su materie prime, essi investono in materie prime acquistando o vendendo la materia prima sottostante che l' ETF deve seguire, oppure acquistando o vendendo contratti futures sulla materia prima sottostante.

Un ETC non fa questo. Un ETC, come già detto, è una cambiale o uno strumento di debito sottoscritto da una banca a favore dell'emittente dell' ETC. Pertanto, esiste il rischio che il sottoscrittore sia inadempiente e quindi non sia in grado di sostenere finanziariamente l' ETC. Questo renderebbe l' ETC privo di valore, anche se il prodotto sottostante ha ancora valore.

Differenze tra ETF e ETN

Tornando al paragrafo precedente, un ETN ha la stessa struttura “a note” dell'ETC. Un ETN non è un fondo e non possiede direttamente alcun titolo, in quanto è un prodotto simile a un'obbligazione il cui scopo principale è quello di seguire la performance di un determinato indice. Come altri strumenti di debito, rappresenta una promessa (non una garanzia) da parte dell'emittente di rimborsare il capitale. Tuttavia, a differenza di altri titoli a reddito fisso, un ETN non emette una cedola e non ha una data di scadenza.

Il fatto che l' ETN non abbia alcun titolo evidenzia la principale differenza con gli ETF: il rischio di credito o il rischio emittente, proprio come l'ETC. Sebbene un ETF possa avere un rischio di controparte a seconda che utilizzi la replica sintetica o presti i titoli sottostanti, avrà sempre un paniere di titoli per mitigare tale rischio. 

Conclusione

Le ETP sono certamente uno strumento utilissimo e da attenzionare. Delle 3 tipologie gli ETF sono certamente quelli più economici e semplici da usare, e pertanto sono anche più diffusi ed utilizzati. Ti consigliamo di tenere le ETP in seria considerazione, specialmente per quanto riguarda le materie prime. Il fine dell’investimento non deve necessariamente essere il guadagno, potrebbero rivelarsi molto utili per arricchire il proprio portafoglio.

Ler mais tarde - Preencha o formulário para guardar o artigo como PDF
Consent(Required)

Guida di ETF

Questo e-book ti aiuterà a imparare ciò che devi sapere per iniziare con successo i tuoi investimenti:

  • Concetti di base
  • Cosa sono e come funzionano gli ETF
  • Consigli utili per investire

Articoli correlati

L'ETF Smart Beta è un ETF che mira ad offrire un'opzione alternativa agli ETF che replicano gli indici tradizionali, offrendo il meglio della gestione attiva e passiva. Da un lato, le regole della gestione passiva, ma rompendo la relazione tra pre...
Gli ETF forniscono agli investitori modi semplici per trarre profitto in una varietà di mercati. Dagli indici azionari alle materie prime, un buon ...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy