Cos'è il Baltic Dry Index e perché è un indicatore di recessioni economiche? | Rankia: Comunità finanziaria

Cos’è il Baltic Dry Index e perché è un indicatore di recessioni economiche?

È ben noto per la sua sigla BDI o per la contrazione di Baldry, e la sua origine risale alla metà del XVIII secolo (1744) quando alcuni mercanti e capitani di navi negoziavano il valore della loro merce in un caffè della città di Londra.

Cos'è il Baltic Dry Index?

Il calcolo dell'indice BDI viene effettuato considerando il valore del nolo in base al tempo di trasferimento di materie prime quali carbone, ferro, cereali e zucchero caricate sulle navi attraverso il mare.

Questo calcolo viene effettuato giornalmente, esattamente alle 13:00 ore di Londra, e si basa sul valore medio di trasporto delle suddette materie prime, trasportate via mare. Ovviamente questo valore dipende dalla quantità e dal prezzo dei contratti di trasporto che vengono chiusi giornalmente.

Per questo calcolo, che dal 1 Luglio 2009 considera solo i contratti di nolo per tempo, si considera il valore di quelli che vengono effettuati in quattro tipologie di navi in ​​base alle loro capacità di carico in tonnellate lorde (TPM): Piccole navi da 28mila TPM , Supramax 52.454 TPM, Panamax 72mila TPM e Capesize 172mila TPM.

Questi contratti sono chiamati charter a tempo, il che significa che ci sono due parti: un noleggiatore (persona che trasporta materiali su una nave mercantile) e un noleggiatore (persona che assume il servizio). Questo tipo di servizi include i costi associati all'equipaggio, alla manutenzione, alle politiche e altri che influenzano il valore finale del trasporto.

Importanza dell'indice Baltic Dry e dei suoi valori

Il Baltic Dry Index è diventato molto importante nel commercio globale, in quanto riflette come si muovono i mercati in termini di luoghi, consumatori, produttori e materie prime più richieste e va considerato che le rotte marittime sono le più utilizzate per il trasporto di materie prime.

La sua interpretazione non può essere effettuata sulla base di un valore, ma sulla base del confronto con periodi precedenti. Una buona strategia consiste nel vedere la sua variazione in periodi da 10 a 15 anni per definire le tendenze ed essere in grado di stabilire un'interpretazione dei valori attuali. Ovviamente c'è un principio di base, il prezzo del noleggio sarà più alto in quanto vi è una maggiore domanda di merci per le materie prime.

Quando tende a salire, significa che c'è una crescita del commercio, quindi ci sono un numero maggiore di charter e dei loro valori, il che significa che c'è produzione e ovviamente l'intenzione di acquistare e consumare. È per questo motivo che le principali aziende che commerciano materie prime lo seguono da vicino, poiché consente loro di adattare la propria attività ai movimenti del mercato.

Baltic Dry Index come indicatore di recessioni economiche

Poiché la sua interpretazione dipende dal valore delle tariffe di trasporto per volta nel mercato, i suoi movimenti riflettono le tendenze dell'economia. È un dato di fatto che in tempi di recessione economica c'è meno disponibilità o possibilità di fare affari o investire, lo stesso accade nel mondo del chartering.

In tempi di recessione, il Baltic Dry Index ha una tendenza al ribasso ed è dovuto al calo dei contratti perché c'è meno intenzione di esercitare il commercio. Ancora una volta, il tuo valore giornaliero non fornirà tante informazioni quanto l'analisi della tendenza in un periodo.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy