Cos’è la recessione economica?

La recessione economica è una delle fasi che compongono il ciclo economico. Pertanto, una recessione economica si verifica quando l'economia in questione registra una diminuzione o una crescita negativa dell'attività economica per due trimestri consecutivi.

L'indicatore economico più comunemente utilizzato dagli economisti per misurare l'evoluzione dell'economia e per monitorare la fase e la situazione in cui ci troviamo è il prodotto interno lordo (PIL). Quando l'andamento del PIL è positivo, si dice che l'economia è in espansione o in crescita, mentre se l'andamento del PIL è negativo, si dice che l'economia si sta contraendo o diminuendo.

Per misurare l'andamento del PIL si utilizza il cosiddetto “tasso di variazione del PIL”. Se questo tasso di variazione è positivo, il PIL sarà cresciuto rispetto al periodo precedente scelto, mentre se, al contrario, il tasso di variazione è negativo, il PIL sarà diminuito rispetto al periodo precedente scelto.

Recessione economica: significato

In questo senso, quando gli economisti parlano di recessione economica, si riferiscono a una situazione in cui il tasso di variazione registra, per due trimestri (6 mesi) consecutivi, una crescita negativa, cioè una diminuzione o un declino.

quella-economica-causa-recessione
Esempio grafico di recessione economica. In questo caso, con una diminuzione del PIL che dura 3 trimestri.

Pertanto, alla domanda “cos'è una recessione economica”, la risposta è che una recessione economica, tecnicamente parlando, è la situazione che si verifica quando si verifica una diminuzione del PIL per due trimestri consecutivi.

Tuttavia, va notato che tale situazione potrebbe prolungarsi, con la registrazione di record negativi nei trimestri successivi. Se questo dovesse verificarsi in uno scenario in cui non ci sono nemmeno previsioni di miglioramento, diremmo che la recessione si è trasformata in una depressione economica.

Causa di una recessione economica

Tra le principali spiegazioni fornite dagli economisti per giustificare uno scenario di recessione economica, spicca quella offerta dal più influente economista del XX secolo, il britannico John Maynard Keynes.

In questo senso, Keynes ha affermato che una recessione economica si verifica quando gli agenti economici, in altre parole quando le famiglie, le imprese, tra gli altri, perdono fiducia nel sistema e, dopo un periodo di prosperità economica, smettono di investire, preferendo l'accumulo di capitale e, quindi, di liquidità.

Keynes e recessione economica

Questo porta a quello che Keynes stesso chiamava il “paradosso della parsimonia”.

Il paradosso della parsimonia di Keynes, a grandi linee, descriveva uno scenario in cui gli agenti economici cercano di risparmiare e, per farlo, si concentrano sul risparmio e sull'accumulo di capitale. Questo risparmio, nel tempo, equivale a un calo dei consumi e dell'attività economica. Di fronte a un tale calo dell'attività, le aziende sono costrette a licenziare i lavoratori, causando un forte deterioramento dei redditi che finiscono per perdere tutti i loro risparmi perché sono costretti a farvi ricorso, in uno scenario in cui questi risparmi li hanno portati, in una certa misura, a perdere il lavoro.

In altre parole, Keynes affermava che la causa della recessione economica era questa carenza di domanda, il prodotto di una mancanza di fiducia che portava gli agenti economici a risparmiare e non a consumare, causando così fallimenti e licenziamenti di aziende.

Ma oltre alla carenza di domanda, anche altre situazioni possono causare una recessione economica.

  • In primo luogo, c'è l'evoluzione del ciclo economico stesso. Considerando che l'economia ha un comportamento ciclico e che la recessione è una delle fasi che compongono questo ciclo, la recessione economica è un fenomeno inevitabile. Leggi anche: Cos’è un ciclo economico e quali sono le sue fasi?
  • D'altra parte, un'altra causa potrebbe essere una situazione di instabilità politica e di estrema incertezza. In uno scenario del genere, gli agenti restano fermi in attesa di ciò che potrebbe accadere. Come accade quando c'è una carenza di domanda, l'attesa di non sapere cosa succederà rallenta le decisioni di investimento e di consumo, rallentando così l'attività economica.
  • Allo stesso modo, una pandemia, come abbiamo visto con il COVID, può anche essere causa di recessione economica.

Un'altra ragione potrebbe essere la cattiva gestione da parte del governo o la scarsa pianificazione economica da parte delle autorità. In questo caso, potrebbe anche accadere che tali azioni portino alla recessione economica.

  • Infine, non dobbiamo dimenticare la massiccia perdita di capitale e la situazione di incapacità che potrebbe derivare da una catastrofe naturale, da una guerra o da altri eventi. Come per le cause sopra citate, ognuno di questi eventi potrebbe portare a una recessione economica.

Conseguenze di una recessione economica

Quando si verifica una recessione economica, questa situazione comporta una serie di conseguenze che, nell'analisi dell'economia, devono essere prese in considerazione.

In questo senso, va sottolineato che questo fenomeno provoca un danno all'economia che deve essere preso in considerazione.

Quando la domanda diminuisce, le aziende riducono l'offerta e licenziano il personale. In questo modo, il PIL diminuisce all'aumentare del tasso di disoccupazione. I disordini aumentano in una società che si impoverisce con il fallimento delle aziende e la continua crescita della disoccupazione.

In altre parole, il calo dell'attività economica porta al licenziamento di molti lavoratori in tutti i settori, causando grande disagio a una popolazione impoverita.

Ma una delle principali conseguenze della recessione potrebbe essere, se la situazione si prolunga nel tempo, la depressione economica. Quando arriva la fase di depressione economica, l'economia è al suo punto più basso, dove ristagna e non c'è alcuna prospettiva di miglioramento.

Quanto dura una recessione economica?

È estremamente difficile stabilire una durata specifica per le recessioni economiche. Da mesi ad anni, alcuni non sono d'accordo sulle risposte alla domanda: quanto durano le recessioni?

Tuttavia, va notato che ci sono analisi che forniscono una risposta indicativa, che può darci indizi per la crisi attuale.

Nelle recessioni dal secondo dopoguerra, la durata media è stata inferiore a un anno, poco più di 10 mesi. Una delle ultime, quella del 2020, è durata due mesi.

Tuttavia, va detto che una recessione economica, così come può durare 10 mesi, può durare un anno o un anno e mezzo. In conclusione, nessuno è in grado di prevedere con precisione la durata di una recessione economica.

Sinonimi di recessione economica

La recessione economica viene solitamente messa in relazione con altri concetti economici che, pur non essendo gli stessi, si riferiscono a una situazione simile. In questo senso, una situazione in cui l'economia declina e il malessere aumenta.

Detto questo, alcuni “sinonimi” di recessione economica potrebbero essere i seguenti:

  • Crisi economica.
  • Rallentamento economico.
  • Raffreddamento economico.
  • Contrazione economica.

Tuttavia, come ho detto, dobbiamo essere molto cauti quando usiamo questi concetti come sinonimi, perché, tecnicamente, non lo sono. In questo senso, per essere considerata una recessione economica, nonostante questi “sinonimi”, devono essere soddisfatte le condizioni sopra citate, come quella in cui il PIL si contrae per due trimestri consecutivi.

Esempio di recessione economica

Un chiaro esempio di recessione economica si può trovare in tutte le crisi vissute nel corso della storia, che elenchiamo nella sezione seguente.

Tuttavia, possiamo evidenziare quella sperimentata nel 2020. Ovvero quella causata dalla pandemia COVID-19, che ha provocato contrazioni molto forti, e per diversi trimestri consecutivi, in tutte le economie che compongono il pianeta.

Tuttavia, come ho detto, ogni crisi economica è stata precedentemente descritta dagli esperti come una recessione, a causa della doppia contrazione registrata consecutivamente.

Recessioni economiche (crisi) nella storia

Di seguito sono elencate alcune delle principali crisi economiche che le economie di tutto il mondo hanno dovuto affrontare nel corso della storia.

Va notato, tuttavia, che sono molte le crisi che i Paesi hanno attraversato, ma qui si evidenziano le più rilevanti:

  • Crisi del 1876 (Panico del 1873): una crisi finanziaria colpisce l'Europa e il Nord America, portando a una successiva depressione che condanna queste economie fino al 1879.
  • Crisi del 1907 (Panico del 1907): La prima crisi finanziaria globale del XX secolo. Ha portato all'istituzione della Federal Reserve come banca centrale degli Stati Uniti.
  • Crisi del 1914: coincide con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Questo conflitto ha scatenato i timori degli investitori, causando contrazioni del PIL fino al 7% in alcune economie.
  • Crisi del 1929 (crollo del 1929): La peggiore recessione economica del XX secolo. Conosciuto anche come Grande Depressione, il crollo del 1929 ha segnato un punto di svolta nella storia economica.
  • Recessione del 1945: è nata come conseguenza diretta della guerra, durante il periodo postbellico successivo alla fine della Seconda Guerra Mondiale.
  • Crisi petrolifera del 1973: a seguito di un embargo petrolifero nei confronti dei Paesi occidentali da parte dell'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC), si verificò un forte aumento del prezzo del petrolio, che portò all'inflazione in un periodo in cui questo si combinava con la stagnazione economica che l'economia stava attraversando in quel momento.
  • Crisi della tequila: considerata uno dei grandi salvataggi, la crisi della tequila in Messico nel 1994 è stata una delle grandi recessioni che l'economia azteca ha dovuto affrontare.
  • Crisi della vodka: a causa del calo del prezzo delle materie prime dovuto a una crisi precedente, la Russia, dove le materie prime rappresentavano l'80% delle esportazioni, ha vissuto un'intensa crisi in concomitanza con il rallentamento dell'economia globale.
  • Crisi del 2008: considerata, dopo quella del 1929, la peggiore crisi della storia. Dopo il crollo della bolla immobiliare, il mondo sarebbe entrato in una crisi dalla quale, come dimostra la storia, sarebbe stato molto difficile uscire.

Leggi anche: Le più grandi crisi di Borsa.

Come riflettono i loro nomi, si parla sempre di crisi economica. Tuttavia, tutte, in precedenza, sono state considerate una recessione economica. Ecco perché li citiamo in questo articolo.

Cosa comprare in caso di recessione?

In caso di recessione la maggior parte degli investitori cerca di investire in beni rifugio, come ad esempio:

  • Monete
  • Oro
  • Opere d'arte
  • Gioielli
  • Immobili e terreni

Questi bene hanno un valore intrinseco, ovvero un valore reale, effettivo, che non viene influenzato da fattori esterni. La proprietà di questi beni è appunto quella di non perdere valore all’aumentare del livello dei prezzi generale.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Required)

Guida di come investire in borsa
Questa guida ti aiuterà a sapere cosa devi sapere per iniziare con successo i tuoi investimenti:
  • Fondamenti finanziari
  • Cos'è la borsa valori e come funziona?
  • Consigli utili per gli investimenti

Articoli correlati

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy