Stato patrimoniale: Attivo Fisso, Attivo Corriente, Passivo, Patrimonio Netto | Rankia: Comunità finanziaria

Stato patrimoniale: Attivo Fisso, Attivo Corriente, Passivo, Patrimonio Netto

Nel bilancio di una società, lo stato patrimoniale è il bilancio che riflette la situazione patrimoniale di un'entità in un determinato momento. Lo stato patrimoniale è strutturato in Attività, Passività e Patrimonio Netto. A sua volta, ciascuno di questi tre elementi è suddiviso in conti più specifici.

Quando analizziamo una società quotata in borsa, guardiamo al bilancio consolidato, che riunisce la società madre e le società che da essa dipendono. Un altro punto da tenere presente è che il totale delle attività (ciò che una società possiede) coincide con la somma delle passività totali (ciò che una società deve) e del patrimonio netto (ciò che gli azionisti hanno contribuito a versare).

stato patrimoniale

Attivo

L'attivo è costituito da tutti i beni, i diritti e le altre risorse necessarie allo svolgimento dell'attività dell'impresa, e che sono controllati dall'azienda. All'interno del patrimonio possiamo anche trovare risorse che fanno parte dell'azienda, ma dalle quali ci si aspetta di ottenere un profitto attraverso la loro vendita.

Ad esempio, il patrimonio di Inditex è costituito dai negozi di proprietà, dai centri di produzione, dal negozio online, dai diritti di riscossione dei franchisee, ecc. Le attività sono suddivise in attività correnti e non correnti.

Attività non correnti

Le attività che consentono alla società di svolgere la propria attività, nonché le attività finanziarie detenute a lungo termine, costituiscono le attività non correnti. In Inditex le attività non correnti sarebbero costituite dai locali di proprietà, dal valore dei marchi, dai macchinari per la produzione, ecc.

  • Attività immateriali: si tratta di attività non materiali che possono essere valutate economicamente (diritti, brevetti, concessioni, applicazioni informatiche, ecc.)
  • Immobilizzazioni materiali: beni relativi alla produzione, distribuzione e gestione dell'azienda (beni necessari allo svolgimento dell'attività economica: macchinari, impianti di produzione, ecc.)
  • Investimenti immobiliari: immobili da cui ci si aspetta di ricavare un reddito o una plusvalenza.
  • Partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto.
  • Partecipazioni in società collegate sulle quali si esercita un'influenza notevole.
  • Investimenti finanziari a lungo termine: attività finanziarie a lungo termine come prestiti, azioni, obbligazioni, ecc.
  • Imposte differite attive: si tratta di imposte sul reddito anticipate derivanti dalla tassazione del beneficio (riducono l'imposta dovuta in futuro).
  • Altre attività non correnti: attività non correnti non classificate in nessuna delle precedenti voci.
attivo inditex

Attività correnti

Le Attività correnti sono costituite dai beni, diritti e risorse che si prevede saranno venduti o consumati nel processo produttivo nel breve periodo (meno di un anno). In altre parole, sono tutte attività facilmente convertibili in denaro (attività liquide). All'interno dell'Attivo Circolante sono considerate anche le attività finanziarie e le disponibilità liquide della società. Seguendo l'esempio di Inditex, le attività correnti sarebbero gli abiti prodotti che non sono ancora stati venduti, la liquidità dei negozi, ecc.

  • Attività non correnti destinate alla vendita: attività che si prevede saranno cedute dalla società nel breve termine.
  • Scorte: prodotti già prodotti, ma non ancora venduti.
  • Crediti commerciali e altri crediti: ciò che i clienti devono all’azienda.
  • Altre attività finanziarie correnti: attività finanziarie a breve termine, ad esempio buoni del tesoro a 6 mesi
  • Altre attività correnti: attività correnti non classificate in nessuna delle precedenti voci.
  • Disponibilità liquide e mezzi equivalenti: disponibilità liquide e conti correnti.

Responsabilità

Le passività rappresentano principalmente gli obblighi di una società nei confronti dei suoi creditori. Ad esempio, le passività di Inditex sarebbero costituite dai debiti che ha nei confronti delle banche, da quanto deve ai suoi fornitori, ecc. A loro volta, le passività sono suddivise in Passività correnti e Passività non correnti.

Passività non correnti

Le Passività non correnti sono costituite principalmente dalle obbligazioni che una società ha nei confronti di terzi per un lungo periodo di tempo, ad esempio il debito emesso o il prestito richiesto ad un istituto finanziario.

  • Sovvenzioni: possibilisovvenzioni ricevute dallo Stato o da qualsiasi altro ente.
  • Fondi non correnti: obbligazioni della società, ma incerte nel loro ammontare finale o al momento del pagamento, ma con la certezza di essere a lungo termine (spese del personale, imposte, ecc.).
  • Passività finanziarie non correnti: Obblighi nei confronti di istituti di credito o di altri tipi di entità in cui la liquidità deve essere reintegrata per un lungo periodo di tempo (principalmente emissioni di debiti e prestiti).
  • Passività per imposte differite: sono imposte sostenute ma differite nel tempo per effetto dei benefici di tassazione. Si tratta quindi di una tassa che dobbiamo e che pagheremo in futuro.
  • Altre passività non correnti: passività non correnti non classificate in nessuna delle precedenti voci.

Passività correnti

Si tratta di obbligazioni il cui adempimento è previsto in meno di un anno in quanto in parte legate al ciclo operativo della società.

  • Passività associate ad attività non correnti in via di dismissione: passività associate ad attività non correnti in via di dismissione.
  • Fondi correnti: obbligazioni della società, ma incerte nel loro ammontare finale o al momento del pagamento, ma con la certezza di essere a breve termine (spese per il personale, tasse, ecc.).
  • Passività finanziarie correnti: obbligazioni con istituti di credito o altri enti in cui la liquidità deve essere reintegrata nell'esercizio in corso (principalmente emissioni di debiti e prestiti).
  • Creditori commerciali e altri debiti: quanto è dovuto ai fornitori a breve termine per l'acquisto di materie prime, ecc.
  • Altre passività correnti: passività correnti non classificate in nessuna delle precedenti voci.
passività

Patrimonio netto

Il patrimonio netto è costituito dai contributi degli azionisti e dagli utili accumulati dalla società negli anni precedenti. Inoltre, è la differenza tra le Attività e le Passività (ciò che una società ha meno ciò che deve).

  • Patrimonio netto: apportato dai soci o per effetto dell'accumulo di utili degli anni precedenti e non distribuito ai soci.
  • Rettifiche di cambio: contropartita delle variazioni di valore delle attività finanziarie (altre valute, strumenti finanziari derivati, ecc.).
  • Partecipazioni di minoranza: una grande società controlla solitamente altre società, denominate “controllate”, che aggiungono tutte le loro attività e passività a quelle della capogruppo, anche se la capogruppo non detiene il 100% delle azioni. La percentuale di azioni non possedute dalla capogruppo rappresenta la quota di minoranza.
indice patrimoniale

Capitale circolante

Il capitale circolante rappresenta quella parte dell'attivo corrente che viene finanziata con risorse permanenti (passività non correnti) e che in qualche modo fa capire se la società avrà problemi finanziari a breve termine. Per meglio comprenderlo, il capitale circolante può essere inteso come l'eccedenza delle attività correnti una volta che tutte le obbligazioni a breve termine sono state ripagate (passività correnti).

capitale circolante

Il capitale circolante può essere calcolato e interpretato in due modi:

  • FM = Attivo corrente – Passivo corrente: il capitale circolante misura la capacità eccedente di un'impresa di far fronte alle proprie obbligazioni a breve termine con l'attivo corrente. Pertanto, maggiori sono le eccedenze di attività correnti, maggiore è la salute finanziaria di un'azienda, in quanto ci sarà più margine per far fronte ai pagamenti a breve termine.
  • FM = Risorse permanenti (Patrimonio netto + Passività non correnti) – Attività non correnti: secondo questa interpretazione, il capitale circolante misura l'ammontare delle attività correnti che sono finanziate con risorse permanenti o, in altre parole, è l'eccedenza di risorse permanenti dopo la copertura dell'attività non corrente.

A seconda del segno del fondo di commutazione, può essere positivo, negativo o con un valore zero.

  • FM > 0: una parte dell'attivo circolante è finanziata da risorse permanenti, in modo da poter far fronte alle obbligazioni a breve termine nonostante un certo ritardo nell'incasso da parte dei clienti o nella vendita delle scorte
  • FM = 0: quando il capitale circolante è pari a zero si dice che c'è equilibrio finanziario, tuttavia ciò implica un certo rischio in quanto tutte le attività correnti sono finanziate con passività correnti e ciò implica che se alcune voci dell'attivo corrente non possono essere incassate o realizzate (convertite in denaro) non sarà possibile far fronte alle obbligazioni.
  • FM < 0: parte dell'attivo non corrente è finanziata con risorse a breve termine, determinando una situazione di squilibrio finanziario. Ciò potrebbe portare a difficoltà nell'adempimento degli obblighi a breve termine.

Per quanto riguarda il capitale circolante, occorre tenere conto dei seguenti punti:

  • Può verificarsi una situazione in cui una società ha un capitale circolante positivo a causa dell'accumulo di scorte che non può vendere ma che conta come attività correnti.
  • Il fondo di capitale circolante deve essere sufficientemente ampio in modo che la società disponga di un margine di sicurezza nel caso in cui ritardi l'incasso di eventuali conti correnti. Le obbligazioni a breve termine sono garantite per il loro ammontare e a una certa data, ma vi è incertezza circa l'incasso di alcune voci dell'attivo circolante (clienti e rimanenze)
  • Ma non dovrebbe nemmeno essere eccessivo, in quanto le risorse permanenti con cui viene finanziato hanno un costo superiore alla redditività fornita dalla detenzione di attività correnti (cassa, scorte, ecc.)
  • In alcune aziende un capitale circolante negativo non implica problemi finanziari. I supermercati, ad esempio, di solito fanno pagare in contanti rinviando i pagamenti a 30, 60, 90 o addirittura 180 giorni, quindi non è raro vedere un valore delle passività correnti più alto rispetto alle attività correnti, ma questo non è un problema perché sanno che il giorno in cui pagheranno le loro obbligazioni avranno l'importo necessario per pagarle.

Indebitamento finanziario netto

Il debito finanziario indica l'ammontare del debito che possiedeun'azienda. In altre parole, è la somma che l’azienda deve a coloro che hanno prestato del denaro. Normalmente, il debito finanziario delle società è costituito da prestiti ricevuti da istituti finanziari o da emissioni di debito. Entrambi i tipi di debito comportano un costo, gli interessi.

Indebitamento finanziario = Passività finanziarie non correnti + Passività finanziarie correnti

L‘Indebitamento finanziario netto è l'indebitamento finanziario al netto delle attività finanziarie correnti (Altre attività finanziarie correnti) e delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti. In altre parole, l'Indebitamento Finanziario Netto è l'indebitamento finanziario dopo aver sottratto le attività più liquide.

Indebitamento finanziario netto = Indebitamento finanziario – altre attività finanziarie – disponibilità liquide e mezzi equivalenti

L'entità dell'Indebitamento Finanziario e dell'Indebitamento Finanziario Netto è un dato che deve essere sempre controllato. A seconda della natura dell'attività di una società, e della ricorrenza del suo reddito, essa può avere un grado di indebitamento più o meno elevato in relazione alle dimensioni del suo patrimonio. Le aziende con reddito o utili stabili, come nel caso di Abertis o REE, possono permettersi di avere livelli di indebitamento più elevati rispetto alle altre aziende, poiché dovranno pagare un tasso di interesse più basso a causa di quanto sopra (prevedibilità e stabilità degli utili).

Nelle aziende che aumentano il loro livello di indebitamento, dovremmo verificare se questo aumento è stato accompagnato da un aumento delle dimensioni degli attivi e/o da un aumento dei profitti. In caso contrario, quella società avrà probabilmente dei problemi nel prossimo futuro.

Al contrario, quando l'Indebitamento Finanziario Netto è negativo significa che le attività finanziarie insieme alle disponibilità liquide sono superiori alle passività finanziarie. In questo caso c'è l'Excess Cash.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy