Il metodo dei multipli di mercato nell’analisi fondamentale

I multipli di mercato confrontano il prezzo con una componente finanziaria dell'azienda. Inoltre, i multipli offrono il vantaggio di essere molto intuitivi e facili da calcolare. La valutazione per multipli è quindi il metodo più diffuso nella comunità finanziaria, e più precisamente il PER.  Per questo motivo, in questo post vi invitiamo a conoscere il metodo dei multipli: P/E, P/B, P/S e EV/EBITDA.

metodo dei multipli

I multipli di mercato nell'analisi fondamentale

La valutazione per multipli consiste nello stimare il valore di una società sulla base di multipli ottenuti da società comparabili. Questi indici si ottengono dal valore (o prezzo) di società comparabili con i loro principali dati finanziari, quali: fatturato, EBITDA, EBIT, utile netto, tra gli altri. Questi indici sono impliciti nelle società comparabili e vengono applicati ai principali dati finanziari della società di cui si vuole stimare il valore.

Caratteristiche e vantaggi dei multipli di mercato nella valutazione delle aziende

Il vantaggio principale dei multipli di mercato è sicuramente la facilità di comprensione: si tratta di misure facili e chiare del livello di benessere dell'azienda analizzati.

Poi, i multipli costituiscono un ottimo metodo di valutazione non tanto per capire e tenere monitorato il benessere dell'azienda, ma anche in un'ottica relativa: forniscono un modo rapido per confrontare una società con i suoi concorrenti o con il mercato in generale. Ad esempio, come vedremo nel dettaglio, confrontando il P/E di una società con quello medio del settore, si può giudicare se l'azienda è sopravvalutata o sottovalutata.

Un altro vantaggio fondamentale risiede nella flessibilità: esistono diversi tipi di multipli (come P/E, EV/EBITDA, P/Sales), ognuno adatto a differenti settori o situazioni. Quindi, si possono prendere come punto di riferimento per l'analisi l'uno o l'altro multiplo per la valutazione delle caratteristiche dell'azienda, a seconda dell'aspetto che si intende di volta in volta prendere in considerazione.

Si tratta anche di un mezzo veloce di valutazione, quindi un metodo facile ed efficiente che consente di ottenere informazioni preziose senza fare complicati e lunghi calcoli.

Ovviamente i multipli non sono un mezzo perfetto, ed esistono anche delle limitazioni: in quanto strumenti sostanzialmente imperfetti possono essere influenzati da fattori di mercato temporanei e non riflettono sempre il valore intrinseco di un'azienda.

Ciascun multiplo poi potrebbe essere più o meno adatto a seconda delle caratteristiche della società e del settore che si prendono in considerazione. Quindi bisogna tenere in considerazione il fatto che non tutti i multipli sono adatti allo stesso modo, e anche per aziende operanti nello stesso settore potrebbero esserci delle differenze tali da rendere il multiplo poco efficace per la valutazione e il confronto.

Metodo dei multipli e value investing

I multipli costituiscono un importante strumento per gli investitori value.
Come forse saprai, il metodo value è una strategia di investimento che si basa sulla ricerca e la selezione di quelle aziende che si presumono essere sottovalutate dal mercato. Si tratta di un approccio basato sul lungo periodo, che quindi tende ad ignorare il c.d. rumore di fondo, vale a dire le fluttuazioni momentanee, basate sugli stati di euforia e di pessimismo, che possono influenzare il valore di un'azienda, in un senso o nell'altro, in un determinato momento temporale.

L'investitore value va quindi alla ricerca delle costanti, per individuare le aziende sottovalutate dal mercato su cui investire e quelle sopravvalutate da cui invece stare alla larga. In questa attività di ricerca ci si avvale dei multipli di mercato, i quali consentono, come vedremo, di stimare il benessere dell'azienda secondo una serie di parametri.

Tuttavia, sebbene i multipli possano costituire uno strumento fondamentale nell'approccio improntato al valore, vi è comunque da segnalare che spesso questi possono offrire risultati fuorvianti. L'investitore value va infatti alla ricerca del valore intrinseco dell'azienda. Il che implica necessariamente un'analisi profonda, che prenda in considerazione una moltitudine di aspetti, e che richiede tempo. I multipli, invece, come abbiamo visto, si caratterizzano per velocità ed efficienza. Non sempre, quindi, restituiscono un quadro completo.

Per un approccio che tenda realmente al valore, sarà quindi necessario adottare una strategia flessibile e di ampio respiro. Le valutazioni derivanti dall'utilizzo dei multipli dovranno essere integrate con le proprie conoscenze e competenze nel settore in cui opera l'azienda e i risultati che derivano da altri strumenti di analisi.

Principali multipli per l'analisi fondamentale delle aziende

I multipli sono impiegati dagli investitori come una modalità semplice e rapida per il calcolo del vaIore intrinseco fondamentale di un'azione e vengono impiegati secondo due approcci fondamentali:

  1. Stima del valore di una data azione sulla base dei multipli di società con caratteristiche operative similari.
  2. Selezione di un'azione sulla base del valore del suo multiplo in rapporto al valore del medesimo multiplo per altre azioni.

Leggi di più sull'analisi fondamentale, come fare l'analisi fondamentale delle aziende e la differenza tra il valore e il prezzo di un'azione in borsa.

P/E: price to earnings

Il P/E, o price to earnings, è riferito al prezzo quotato di un'azione rispetto all'utile per azione (EPS). L'EPS può essere l'ultimo EPS annuale o l'EPS stimato per l'anno in corso. A titolo di esempio, nell'anno in corso conosciamo il GAP ottenuto dall'anno precedente.

P/E = Prezzo / GAP

È molto comune osservare il P/E con il BPA stimato per l'anno in corso, altrimenti si tiene conto dei benefici passati. In questo caso, si presume che la stima dell'AAP sarà soddisfatta:

P/E(e) = Prezzo / GAP(e)

Il P/E previsto è disponibile su diversi siti web di informazione finanziaria.

Come interpretare il P/E?

In parole povere, il P/E è il numero di volte che il BPA è contenuto nel prezzo. In altre parole, se ipotizziamo che l'AAP rimarrà costante, questi sono gli anni che dovremmo aspettare fino a quando, da azionisti, non riceveremo l'investimento effettuato (prezzo) attraverso i profitti (AAP).

Immaginiamo ad esempio una società che quoti a 15 euro e che quest'anno abbia avuto un GPA di 1 euro e ci aspettiamo che rimanga costante almeno per i prossimi 15 anni. Questa società opererebbe ad un prezzo di P/E 15. Se decidessimo di investire in questa, pagheremo 15 euro e dovremmo aspettare 15 anni per avere il profitto ricevuto durante quei 15 anni per eguagliare l'investimento di 15 euro, dato che ogni anno abbiamo realizzato un profitto di 1 euro.

Sul mercato azionario, un P/E 15 è solitamente preso come riferimento perché è il valore medio storico del mercato azionario. Tuttavia, i diversi valori di P/E sono di solito associati a uno dei seguenti

  • P/E < 10: Un P/E basso è associato al fatto che il titolo è sottovalutato o poco costoso (prezzo basso). Può anche essere associato a scarse aspettative di guadagno futuro (basso GAP(e)).
  • P/E > 17: Un P/E elevato è associato ad azioni sopravvalutate, in quanto sono scambiate a prezzi elevati. Può anche essere associato a forti aumenti dei guadagni futuri (elevato GAP(e)).
  • 10 < P/E < 17: Un P/E compreso tra 10 e 17 è generalmente considerato un fair value.

Così, abbiamo che le aziende in crescita tendono a quotare a livelli di P/E elevati, mentre le aziende stabili con una crescita dei profitti bassa tendono a quotare a livelli di P/E più bassi. Detto questo, il P/E dipende dai prezzi, e questi a loro volta dipendono dalla volatilità dei mercati, quindi se consideriamo di investire in un'azienda per i suoi fondamentali sarà sempre meglio acquistarla ad un P/E (prezzo più basso) più basso.

In ogni caso, si deve sempre tenere conto del P/E medio dell'azienda negli ultimi anni.

Il P/E, come indicatore del fatto che un'azienda opera ad un prezzo economico o costoso, funziona meglio in aziende con una crescita stabile. Per farlo, dobbiamo confrontare il P/E attuale con il P/E medio degli ultimi anni. D'altro canto, livelli di P/E superiori a 35 possono significare che ci troviamo di fronte a un ostacolo.

Rendimento dei dividendi corrente (CDY)

Il Current Dividend Yield (CDY), mette in relazione il dividendo pagato per azione nell'ultimo anno al prezzo al quale l'azione è quotata. È espresso in percentuale e viene calcolato come segue

CDY = Dividendo per azione / Prezzo dell'azione

Il rendimento dei dividendi è solitamente più elevato nelle aziende a bassa crescita che operano in mercati maturi, dove è molto difficile continuare a crescere. In questi casi, le aziende non possono destinare molti profitti agli investimenti in crescita e decidono di distribuirli ai propri azionisti. Al contrario, le aziende con elevate opportunità di crescita pagheranno dividendi inferiori e indirizzeranno i loro profitti verso gli investimenti per l'espansione.

Se una società è quotata a un CDY superiore alla media dei CDY degli ultimi cinque anni, è sinonimo di un prezzo economico, mentre se il CDY è basso rispetto alla media dei CDY, diremmo che è costoso. Tuttavia, dobbiamo tenere conto della DPA prevista per l'anno successivo.

Il CDY(e) viene calcolato come segue:

RPD(e) = DPA(e) / Prezzo

Occorre prestare particolare attenzione quando si investe in azioni per il loro dividendo. Se una società negozia a 10 euro e ha pagato un dividendo di 1 euro l'anno precedente, il CDY sarà del 10%. Immaginiamo che la stessa società annulli il pagamento del dividendo per l'anno successivo, quindi il CDY(e) sarà pari allo 0%. Dobbiamo tenere conto della previsione del dividendo per l'anno in cui acquistiamo, altrimenti potremmo investire pensando di ottenere un elevato CDY quando potrebbe accadere il contrario

P/B: price to book value

Il Price to book value (P/B) confronta il prezzo quotato con il valore contabile per azione. Può anche essere calcolato con la capitalizzazione di mercato (numero di azioni x prezzo delle azioni) tra il patrimonio netto totale. Il valore contabile per azione (BVA) e il prezzo di iscrizione (P/B) sono calcolati come segue:

AAV = Patrimonio netto di competenza della capogruppo / numero di azioni

P/B = Prezzo / ACV = Capitalizzazione di mercato / Patrimonio netto attribuito alla società madre.

Come interpretare il P/B

Il P/B ci dice a quale prezzo una società è quotata in relazione al suo patrimonio. Normalmente le società sono quotate a prezzi superiori al loro valore contabile, cioè con un rapporto P/B>1. Questo perché il prezzo di un'azienda riflette le aspettative sulla capacità dell'azienda di generare profitti.

Quando una società opera al di sotto del suo valore contabile (P/B<1), può significare che la valutazione delle attività della società è sopravvalutata. In altre parole, la capacità di generare un profitto da tale attività è diminuita. Può anche essere interpretato come un prezzo a buon mercato. Tuttavia, come per altri multipli, si deve tener conto della media degli ultimi anni. Le società dello stesso settore sono di solito quotate a livelli simili.

P/S: prezzo sulle vendite

Il Prezzo sulle Vendite (P/S) o price to sales si riferisce alle vendite di una società alla capitalizzazione di mercato (quotazione x numero di azioni). Può anche essere interpretato come il rapporto tra il prezzo e le vendite per azione di una società:

Vendite per azione = Totale vendite / numero di azioni

P / S = Capitalizzazione di mercato / Vendite = Prezzo / Vendite per azione

Il P/S, a differenza di altri multipli, non ha un valore di riferimento. Sappiamo che i valori tra 10-17 di P/E sono considerati normali, ma il P/S dipende spesso da ogni settore.

Rapporto tra P/E e P/S

Come abbiamo detto, i valori P/E 10-17 sono normali. Negli Stati Uniti, ad esempio, un valore molto comune è che le aziende sono quotate intorno a P/E 15. Quindi, quale dovrebbe essere il valore della P/S? Questo dipende, ad esempio, dal margine netto sulle vendite:

metodo dei multipli valutazione azienda

Notiamo che le società A e B sono quotate allo stesso prezzo e ottengono lo stesso GAP, quindi il P/E è lo stesso, P/E 15. D'altra parte, le vendite per azione sono doppie nella società B rispetto alla società A, quindi il margine netto è inferiore. Ciò significa che la società A è più efficiente della società B, in quanto ha bisogno del 50% di vendite in meno per ottenere lo stesso profitto.

I margini sulle vendite sono fortemente associati ai settori, per cui i settori con margini bassi generalmente quoteranno a P/S più bassi, mentre i settori con margini alti quoteranno a multipli più alti. A titolo di esempio, diamo un'occhiata ai margini netti e al P/S medio di Enagás e Gas Natural (dal 2007 al 2015)

metodo dei multipli esempio

EV/EBITDA

L'EV/EBITDA è il risultato della divisione del Valore della Società per l'EBITDA (Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation and Amortization). L'EBITDA è un'approssimazione dell'utile ricorrente della società, mentre l'EV (Enterprise Value), misura il valore totale di una società. EV e EV/EBITDA sono calcolati come segue:

EV = (Numero di azioni x prezzo delle azioni) + Indebitamento finanziario netto = Capitalizzazione di mercato + Indebitamento finanziario netto

EV/EBITDA = EV / EBITDA

L'EV/EBITDA ha un'interpretazione molto simile a quella del P/E. In questo caso, l'EV/EBITDA mette in relazione il valore totale della società con la sua capacità di generare profitti ricorrenti. Si può anche dire che l'EV/EBITDA mostra il numero di anni necessari per pagare l'intero valore di una società (azioni + debito) con l'utile ricorrente (EBITDA) che genera se fosse mantenuto costante.

I normali rapporti EV/EBITDA sono considerati tra 6 e 9, anche se a differenza del P/E c'è una maggiore variazione tra aziende e settori. Tuttavia, come nel caso di altri multipli, si deve tener conto della media EV/EBITDA degli ultimi anni.

È anche interessante guardare l'EV/EBIT e confrontarlo con l'EV/EBITDA. La differenza tra il risultato operativo e l'EBITDA è principalmente costituita dagli ammortamenti (approssimazione agli investimenti per il mantenimento dell'attività produttiva). Pertanto, una differenza molto ampia tra i due rapporti indica la necessità di forti investimenti per mantenere il profitto.

Inoltre, il rapporto EV/EBITDA aiuta a mitigare alcuni dei cali del rapporto P/E ed è una metrica finanziaria che misura il rendimento che una società ottiene dai suoi investimenti di capitale. Ricordiamo che l'EBITDA è l'acronimo di utile al lordo di interessi, imposte, svalutazioni e ammortamenti. In altre parole, l'EBITDA fornisce un quadro più chiaro della performance finanziaria di un'azienda, eliminando i costi del debito, delle imposte e di misure contabili come l'ammortamento, che distribuisce i costi delle immobilizzazioni su più anni.

Leggi di più su: cos'è l'EBITDA?

Di conseguenza, per ottenere buoni multipli di valutazione è necessario un numero rappresentativo di società comparabili a quella da valutare. Gli indici delle società comparabili possono essere applicati ai dati finanziari della società da valutare, a condizione che la sua attività non presenti circostanze atipiche.

EV/EBIT Multiple

The EV to earnings before interest and taxes (EBIT) multiple è è il rapporto tra il valore totale delle operazioni dell’impresa (o enterprise value) e gli utili dell’azienda prima degli interessi e delle tasse (EBIT).

I due elementi sono:

  • Valore aziendale (EV) → Il valore totale delle operazioni di un'azienda attribuibile a tutte le parti interessate (ad esempio azionisti di capitale, azionisti privilegiati, creditori).
  • EBIT → Anche detto “ricavo operativo”, l’EBIT rappresenta i profitti ricorrenti generati dalle attività operative principali di un’azienda

La formula è: .

Multiplo EV/EBIT = Valore aziendale ÷ EBIT


Dove:

Valore d'impresa (TEV) = Valore azionario + Debito netto + Azioni privilegiate + Partecipazioni di controllo (NCI)
EBIT = Utile lordo – Spese operative (OpEx)

Si tratta di un multiplo analogo al P/E, tuttavia preferito spesso dagli analisti per la capacità di fornire un quadro più completo delle performance aziendali e del valore dell'azienda. Un ottimo strumento per individuare eventuali fenomeni di sopravvalutazione e sottovalutazione delle aziende.

EV/Sales Multiple

Si tratta di un multiplo che confronta il valore di un'azienda con le sue vendite annuali. Si tratta di un importante strumento di valutazione; tiene in considerazione il capitale proprio e il debito dell'azienda, per la valutazione delle aziende in base alle vendite effettuate.

Assume quindi un'importanza fondamentale soprattutto in un'ottica relativa: per confrontare aziende operanti nello stesso settore.

Le formule sono le seguenti:

EV = capitalizzazione di borsa + indebitamento netto

Inoltre, per calcolare il multiplo delle società non indebitate, si può usare la seguente formula:

  EV = capitalizzazione di mercato – liquidità netta.

Il range in cui si muove il multiplo è 1x e 3x, un multiplo inferiore può segnalare che l'azienda è sottovalutata, sebbene la valutazione vada poi integrata con altri dati e valutazioni. Al contrario, non sempre un multiplo alto indica sopravvalutazione, in quanto potrebbe anche segnalare che le vendite aumenteranno in modo considerevole.

Si tratta di un multiplo più accurato del P/S, in quanto, come anticipato, consente di tenere in considerazione anche il debito dell'azienda.

Migliori broker per investire in fondi ed ETF

Quali sono i migliori broker per investire in fondi ed ETF? Vediamoli.

Degiro

DEGIRO è un broker online olandese fondato nel 2008, noto per le sue commissioni basse. È diventato popolare in Italia e in altri paesi, attirando un ampio pubblico, compresi molti trader principianti, grazie alla sua piattaforma semplice ed intuitiva.

Registrando circa 50 milioni di transazioni all'anno, DEGIRO offre una varietà di strumenti finanziari, inclusi azioni, ETF, futures e fondi. Un aspetto distintivo di DEGIRO è la sua selezione di ETF, che permette agli investitori di accedere a un'ampia gamma di ETF con commissioni molto basse. Significativamente, offre anche una serie di ETF che possono essere negoziati senza alcuna commissione, eliminando le commissioni nascoste.

Questo rende DEGIRO una scelta attrattiva per chi cerca un broker affidabile e conveniente, specialmente per chi è agli inizi nel mondo degli investimenti.

Leggi anche: recensioni di DEGIRO.

XTB

XTB, fondato in Polonia nel 2002, è un altro broker di lunga data che si è affermato nel mercato internazionale. Attualmente opera in 13 paesi, il che implica una regolamentazione ampia e diversificata per adattarsi alle normative di ogni paese in cui è attivo.

Una caratteristica notevole di XTB è la sua politica sulle commissioni di trading: non applica commissioni per importi di trading superiori a 100.000 euro. Questa soglia di esenzione dalle commissioni rende XTB particolarmente attraente per gli investitori con un volume di trading elevato.

Inoltre, XTB offre un'ampia selezione di oltre 200 ETF provenienti da tutto il mondo, consentendo agli investitori di diversificare il loro portafoglio con una vasta gamma di opzioni di investimento. Questa varietà, insieme alla sua politica sulle commissioni, posiziona XTB come un'opzione competitiva nel panorama dei broker online.

Vedi anche i migliori ETF di XTB

eToro

eToro, da quando è entrato nel mercato finanziario nel 2007, ha guadagnato notorietà non solo come piattaforma di trading online, ma anche come un importante fornitore di Exchange-Traded Funds (ETF). Gli ETF, che replicano l'andamento di indici, settori o cesti di attività, sono strumenti finanziari popolari tra gli investitori di eToro, grazie alla loro versatilità e facilità di accesso.

La piattaforma di eToro si distingue per la sua ampia gamma di ETF disponibili, offrendo agli utenti l'opportunità di diversificare i propri portafogli con investimenti che spaziano da indici azionari tradizionali a settori specifici e tematici. Questa varietà consente agli investitori di adattare le loro strategie di investimento a seconda delle loro preferenze e obiettivi finanziari.

Inoltre, eToro offre un ambiente intuitivo e user-friendly, che è particolarmente vantaggioso per i nuovi arrivati nel mondo degli ETF. La piattaforma facilita la scelta e il trading di ETF, rendendola accessibile anche a coloro che potrebbero non avere molta esperienza con strumenti finanziari complessi. Le commissioni competitive di eToro aggiungono ulteriore attrattiva, soprattutto per chi cerca di ottimizzare i costi associati agli investimenti in ETF.

Per sapere di più leggi le opinioni su eToro.

Scalable Capital


Scalable Capital, un broker tedesco riconosciuto nel panorama finanziario europeo, si distingue per la sua vasta offerta di oltre 1.700 ETF negoziabili. Questa ampiezza di scelta pone Scalable Capital in una posizione di rilievo per gli investitori interessati agli ETF, sia per quelli che cercano opportunità di investimento a lungo termine sia per chi predilige strategie di trading a breve termine.

La piattaforma di Scalable Capital consente di negoziare non solo ETF, ma anche azioni e criptovalute attraverso ETP (Exchange-Traded Products) e fondi. Questo offre agli investitori una flessibilità notevole nel costruire e gestire il proprio portafoglio di investimenti. Il piano Free Broker, con una commissione di solo 0,99 euro per operazione, rende l'accesso agli ETF e ad altri strumenti finanziari particolarmente conveniente, soprattutto per chi effettua transazioni frequenti.

Per sapere di più leggi le Recensioni di Scalable Capital e come Comprare ETF con Scalable Capital


Interactive Brokers si distingue nel settore degli ETF per la sua offerta eccezionalmente ampia e diversificata. Con accesso a più di 60 mercati internazionali, questo broker online fornisce agli investitori una delle gamme più estese di ETF disponibili sul mercato globale. Questa varietà consente agli utenti di Interactive Brokers di investire in un'ampia gamma di settori, regioni e strategie di investimento.

Le categorie di ETF disponibili su Interactive Brokers includono:

  • ETF Azionari: Questi ETF tracciano importanti indici azionari come il S&P 500, l'Euro Stoxx 50, il Nikkei 225 e l'Hang Seng. Sono ideali per gli investitori che desiderano avere esposizione ai mercati azionari di specifiche regioni o globali.
  • ETF Obbligazionari: Forniscono l'accesso agli indici obbligazionari, come quelli che tracciano i titoli di stato degli USA, della Germania, del Giappone e altri. Sono una scelta popolare per gli investitori che cercano un reddito stabile o desiderano diversificare il rischio del loro portafoglio.
  • ETF Settoriali: Offrono l'opportunità di investire in specifici settori dell'economia, come energia, tecnologia, salute, e altri. Sono particolarmente utili per gli investitori che desiderano capitalizzare su tendenze o sviluppi in particolari settori.
  • ETF a Leva: Questi ETF, che offrono l'opportunità di amplificare guadagni e perdite, sono adatti per gli investitori che cercano una maggiore esposizione al mercato e sono a conoscenza dei rischi associati all'uso della leva finanziaria.

Fineco

Fineco Bank, uno dei principali istituti bancari e broker in Europa, offre ai suoi clienti l'opportunità di investire in un'ampia gamma di ETF e ETC, coprendo oltre 10 mercati europei e mondiali. Questo ampio spettro di scelta permette agli investitori di diversificare efficacemente i loro portafogli, accedendo a una varietà di asset class e settori economici attraverso i mercati internazionali.

Un aspetto distintivo dell'offerta di Fineco è la possibilità di creare piani di accumulo del capitale (PAC) in ETF. Il PAC in ETF è un sistema di acquisto automatico che consente di creare un piano di investimento mensile personalizzato. Gli investitori possono scegliere uno o più ETF su cui investire regolarmente, una strategia che aiuta a costruire il capitale nel tempo e a mitigare il rischio di volatilità del mercato.

Fineco Replay è un servizio innovativo che automatizza gli investimenti in ETF secondo l'ammontare prefissato dall'investitore. Questo servizio addebita un costo fisso, al posto delle ordinarie commissioni di negoziazione, rendendo il processo di investimento più semplice e trasparente in termini di costi.

Leggi anche la recensione completa per Fineco

Freedom24

Freedom24, parte del gruppo Freedom Finance che fa capo a Freedom Holding Corp (FRHC), si distingue nel panorama dei broker per essere l'unica società di brokeraggio con sede in Europa quotata al Nasdaq. Questo broker offre ai suoi clienti la possibilità di investire in una varietà di strumenti finanziari, tra cui IPO (Offerte Pubbliche Iniziali), azioni, ETF, obbligazioni, opzioni e futures.

Una delle caratteristiche peculiari di Freedom24 è la sua struttura tariffaria decrescente per azioni e ETF. Questo sistema è progettato per beneficiare gli investitori che operano con volumi di capitale sostanziali, offrendo loro una diminuzione delle commissioni in cambio di una quota fissa mensile. Questa struttura di costi progressiva rende Freedom24 particolarmente attraente per gli investitori istituzionali o per coloro che hanno un alto volume di trading.

Allo stesso tempo, Freedom24 risulta essere una scelta vantaggiosa anche per i piccoli investitori. La banda tariffaria più bassa applicata a questa categoria di clienti è estremamente competitiva, con commissioni minime (di soli $/€ 0,02 per ogni azione o ETF scambiato). Questo livello di commissione è particolarmente conveniente, soprattutto se paragonato alle tariffe praticate dai principali broker in Italia. Tale politica rende gli investimenti in azioni e ETF accessibili a un'ampia gamma di investitori, indipendentemente dalla dimensione del loro capitale.

Leggi anche la recensione completa su Freedom 24

FAQ

Come funzionano i fondi obbligazionari?

I fondi obbligazionari funzionano raccogliendo capitale dagli investitori per reinvestirlo poi in un'ampia varietà di strumenti obbligazionari. Offrono rendimenti consistenti con livelli di rischio relativamente ridotti. Sono anche un investimento più liquido rispetto all'acquisto diretto di obbligazioni, in quanto consentono agli investitori di comprare o vendere quote del fondo nei giorni di negoziazione.

Perché i fondi obbligazionari stanno perdendo?

La perdita di valore dei fondi obbligazionari si ricollega all'aumento dei tassi di interesse disposti dalle banche centrali per combattere l'inflazione. All'aumento dei tassi di interesse si associa, infatti, la riduzione del valore dei bond. Il che si riflette anche sul valore dei fondi obbligazionari.

Cosa sono i multipli di un'azienda?

I multipli di un'azienda sono indicatori finanziari utilizzati per valutare il valore di un'azienda confrontandolo con metriche specifiche, come il reddito, l'utile, o il flusso di cassa. I multipli più comuni includono il P/E (Prezzo/Utile), EV/EBITDA (Valore d'Impresa/EBITDA) e P/S (Prezzo/Ricavi). Questi multipli aiutano gli investitori a comparare il valore di aziende simili e a valutare se un'azienda è sottovalutata o sopravvalutata rispetto al mercato.

Quali sono i metodi di valutazione?


I metodi di valutazione di un'azienda includono il confronto con aziende simili usando multipli di mercato come P/E e EV/EBITDA, la valutazione dei futuri flussi di cassa scontati (DCF) per stimare il valore attuale, e l'analisi patrimoniale, che calcola il valore sommando gli attivi e sottraendo le passività. Questi metodi forniscono diverse prospettive sul valore di un'impresa, basate su rendimento finanziario, aspettative future e solidità patrimoniale.

Come calcolare multiplo Ev EBITDA?

L'EV/EBITDA è un multiplo finanziario che mette in relazione il valore totale di una società (Enterprise Value, EV) con il suo utile operativo prima di interessi, tasse, deprezzamenti e ammortamenti (EBITDA). Si calcola dividendo l'EV, somma della capitalizzazione di mercato e dell'indebitamento finanziario netto, per l'EBITDA. Questo indicatore è simile al P/E, ma considera anche il debito e fornisce un'idea di quanti anni sarebbero necessari per pagare il valore completo della società con l'utile operativo. Normalmente, i rapporti EV/EBITDA considerati sani variano tra 6 e 9, ma differiscono tra aziende e settori. Il rapporto EV/EBITDA, confrontato con EV/EBIT, può rivelare la necessità di investimenti per mantenere l'attività produttiva. Questo multiplo offre una visione più completa della performance finanziaria dell'azienda, escludendo effetti del debito e pratiche contabili come l'ammortamento. Per valutazioni accurate, è cruciale usare dati di società comparabili e non atipiche.

Qual è il metodo di valutazione più diffuso?

Il metodo di valutazione più diffuso per le aziende è il rapporto Prezzo/Utile (P/E). Questo indicatore misura il rapporto tra il prezzo di mercato di un'azione e l'utile per azione dell'azienda. È particolarmente popolare tra gli investitori perché fornisce un modo rapido e relativamente semplice per valutare se il prezzo delle azioni di un'azienda è sopravvalutato o sottovalutato rispetto alla sua performance finanziaria. Il P/E è spesso preferito per la sua facilità di calcolo e comprensione, oltre alla sua immediata applicabilità nel confronto tra aziende dello stesso settore.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

Come comprare azioni Coca Cola: dividendi
Le azioni Coca Cola sono fra i titoli preferiti dagli investitori. E non è un caso. Coca Cola company è infatti la più grande multinazionale nel campo della produzione di bevande analcoliche, nonché garanzia di stabilità e crescita. In questo art...