Capitalizzazione di mercato: tutto ciò che devi sapere

In questa breve guida vediamo cos’è la capitalizzazione di mercato, come viene determinata, il metodo di calcolo, come può essere utile nella determinazione delle decisioni di investimento e quali sono invece i suoi limiti.

capitalizzazione di mercato criptovalute

Cos’è la capitalizzazione di mercato: significato 

La “capitalizzazione di mercato” è il valore totale delle azioni di una determinata società nel mercato, ciò significa che il valore di tutte le azioni vendute sul mercato corrisponde al valore totale della società; essendo una strategia molto comune negli investitori per stabilire il tipo di investimenti e i profitti da ottenere. Capire la capitalizzazione di mercato di una società non è, però, un mero esercizio teorico. Infatti, rappresenta un’informazione essenziale, in quanto ci consente di capire il valore di un’azienda, quindi di capire quanto il mercato stimi il valore di quella determinata compagnia. Se vista in un’ottica dinamica la capitalizzazione di mercato ci consente di capire l’andamento economico di una compagnia. Questo in quanto nel momento in cui un’azione è particolarmente desiderata dagli investitori, il suo valore sale e viceversa. E l’opinione del mercato corrisponde, con un certo grado di approssimazione, all’andamento economico della società.

Come calcolare la capitalizzazione di mercato

Per calcolare la capitalizzazione di mercato è necessario seguire i seguenti passaggi: 

  1. Identificare il valore delle azioni della società, per questo è necessario stabilire in quale scambio vengono negoziate le azioni della società. 
  2. Conoscere il valore attuale di ogni azione della società, ricorda che giornalmente il valore delle azioni può aumentare o diminuire. 
  3. Determinare il numero totale di azioni che la società ha nel mercato azionario. 

Il valore di capitalizzazione può identificarsi con il valore di mercato quando le aspettative degli investitori riguardo alle prospettive future di un’entità sono allineate con la sua situazione finanziaria attuale e le valutazioni sono basate su dati oggettivi e tangibili, piuttosto che su speculazioni o fattori esterni volatili.

Cos’è la capitalizzazione di mercato crypto

La capitalizzazione di mercato, sia per le criptovalute sia per le società tradizionali, rappresenta il valore totale di un asset o di un’entità in termini di mercato. Tuttavia, la maniera in cui viene calcolata e ciò che rappresenta varia tra questi due ambiti.

  1. Capitalizzazione di mercato delle criptovalute: si riferisce al valore totale di una criptovaluta specifica in circolazione. Viene calcolata moltiplicando il prezzo corrente di una singola unità di criptovaluta per il numero totale di unità in circolazione. Ad esempio, se una criptovaluta ha 1 milione di token in circolazione e ciascun token vale 10 euro, la capitalizzazione di mercato sarà di 10 milioni di euro.
  2. Capitalizzazione di mercato di una società: come dicevamo, si riferisce al valore totale delle azioni di una società. È calcolata moltiplicando il prezzo corrente di una singola azione per il numero totale di azioni in circolazione. Ad esempio, se una società ha 1 milione di azioni in circolazione e ciascuna azione vale 10 euro, la capitalizzazione di mercato sarà di 10 milioni di euro.

La principale differenza tra le due risiede nell’oggetto di valutazione: nel caso delle criptovalute si sta valutando una moneta digitale, mentre nel caso delle società si sta valutando una compagnia e il suo potenziale di guadagno, asset, passività e altre metriche finanziarie. La capitalizzazione di mercato di una società può riflettere anche aspettative sul suo futuro rendimento finanziario, mentre quella di una criptovaluta potrebbe essere più influenzata dalla speculazione, adozione, utilizzo e da fattori tecnologici e normativi.

Calcolo della capitalizzazione di mercato di un’impresa

Una volta eseguiti i passaggi, è necessario eseguire il seguente calcolo matematico: 

Numero di azioni X prezzo di mercato di ciascuna azione = Capitalizzazione di mercato

Quando si ottiene il risultato del valore di capitalizzazione di mercato, si può determinare in quale categoria si trova la società, stabilendo le seguenti tipologie di capitalizzazione: 

Large-cap

Rientrano all’interno di questa categorie le aziende con un valore di capitalizzazione di oltre 10 miliardi do dollari o di più, in questa categoria ci sono i grandi conglomerati imprenditoriali. Ad esempio, Microsoft o Apple. Queste società sono presenze stabili e ormai affermate sul mercato. Questo sul breve termine non comporta necessariamente ritorni economici maggiori per l’investitore, ma sul lungo termine si rivelano una scelta vincente.

Mid-cap

Fra 2 miliardi e 10 miliardi di dollari. Aumenta il livello di rischio ma anche il margine di crescita. Sono aziende in rapida espansione, con una presenza stabile, ma non affermate come le Large-cap

Small-cap

Fra 300 milioni e 2 miliardi di dollari. Investimenti più rischiosi, spesso sono aziende con potenziale di espansione ma non abbastanza affermate sul mercato per potere essere considerate come player principali.

Micro-cap

Valore fra 50 milioni e 300 milioni di dollari. Maggiori opportunità di crescita e di espansione, ma rischio sostanzialmente elevato.

Capitalizzazione di mercato per l’investitore: utilità e limiti

Come abbiamo già accennato, la capitalizzazione di un mercato è uno dei parametri che va preso in considerazione quando valutiamo la convenienza di un investimento. Tuttavia, tale strumento di valutazione, se da un lato presenta un’indubbia utilità, dall’altro presenta anche dei limiti. Vediamo.

Utilità della capitalizzazione di mercato per la scelta delle azioni

  • È lo strumento appropriato e più affidabile per valutare il rischio di investimento in una società specifica. 
  • Serve a stabilire quale sia l’opzione più redditizia su cui investire. 
  • Permette di conoscere il valore totale di una determinata azienda in base al prezzo delle azioni. 

Limiti della capitalizzazione di mercato per la scelta delle azioni

  • Il valore di capitalizzazione rifletterà solo il valore totale della società per azioni, che non è un valore totale di vendita; come deve essere considerato anche il valore contabile della società. 
  • Il prezzo delle azioni perché soggetto a domanda e offerta può essere sopravvalutato. 

Conclusione

In definitiva, la capitalizzazione di mercato può essere un ottimo indice per quegli investitori che desiderano valutare il rischio prima di investire e quindi garantire un’alta percentuale di redditività nelle loro operazioni, anche se non dimenticare che anche se investi in società a grande o media capitalizzazione, gestisci il rischio di volatilità, anche in misura minore. In quest’ottica, la valutazione della capitalizzazione costituisce uno strumento per identificare anche il target di investimento. La capitalizzazione di mercato dell’azienda, infatti, ci consente di determinare se è il caso o meno di investire in base ai nostri interessi personali (redditività e rischi).

Cerchi un broker per azioni?

Deposito minimo:

€1.00

Deposito minimo:

€0.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

Come investire 5000 euro in modo sicuro
Investire 5000 euro di per sé non ti consentirà magari di vivere di rendita, ma può essere un importante passo nella pianificazione della propria vita finanziaria. Vediamo come, perché e dove investire 5000 euro. Perché investire 5000 euro...