Equazione di Fisher: formula e spiegazione

L’equazione di Fisher viene utilizzata soprattutto nel settore finanziario per calcolare i rendimenti obbligazionari o i tassi di rendimento degli investimenti. Allo stesso modo, l’equazione di Fisher viene utilizzata in situazioni in cui gli investitori richiedono una ricompensa aggiuntiva per compensare le perdite di potere d’acquisto dovute all’elevata inflazione.

equazione di fisher teoria quantitativa della moneta

Equazione di Fisher: spiegazione

L’equazione di Fisher è uno strumento utilizzato per valutare il reale risultato economico di un investimento e l’obiettivo economico per analizzare gli investimenti a breve e medio termine.

Cioè, con questa equazione è possibile stimare la relazione tra il tasso di inflazione atteso, il tasso di interesse nominale e il tasso di interesse reale.

Origine dell’equazione di Fisher

Il suo nome deriva dall’economista americano Irving Fisher, famoso per il suo lavoro sulla teoria dei tassi di interesse e dei numeri indice.

Fisher ha apportato il suo contribuito alla matematica finanziaria con questa equazione in cui viene calcolato il tasso interno di rendimento di un investimento.

In questo caso, l’equazione di Fisher si basa sull’ipotesi che il tasso di interesse reale sia indipendente dalle misure monetarie e non sia determinato dal tasso nominale.

Ora, per capire quest’ equazione devi conoscere i seguenti concetti:

Equazione di Fisher e inflazione

L’inflazione è un concetto economico che si riferisce all’aumento del livello del prezzo delle merci in un determinato periodo di tempo.

Con un aumento del livello dei prezzi, comprendiamo quando la valuta di una data economia perde il suo potere d’acquisto, cioè si compra meno per la stessa quantità di denaro.

Per una panoramica più completa dell’argomento ti rimandiamo alla nostra guida sull’inflazione.

Equazione di Fisher ed economia

Prima di vedere la formula dell’equazione, è importante chiarire alcuni concetti importanti, come il tasso di interesse nominale e il tasso di interesse reale.

Tasso di interesse nominale o apparente

Il tasso di interesse nominale è la redditività ottenuta in un’operazione finanziaria che viene capitalizzata in modo semplice, il che significa che viene economizzata solo con il capitale principale.

In altre parole, questo tasso è l’interesse espresso in una percentuale concordata tra un creditore e un debitore, che alla fine deve essere sommata al capitale senza considerare le spese causate da commissioni o spese operative.

Il tasso di interesse nominale è composto da due componenti:

1. Il rendimento reale del capitale;

2. La compensazione per deprezzamento del potere d’acquisto del denaro.

Tasso di interesse reale o tasso di rendimento reale del capitale

Il tipo di interesse reale o tasso di interesse reale è il rendimento netto ottenuto nel trasferimento di un ammontare di capitale o denaro, una volta considerati gli effetti e le correzioni dell’inflazione.

Il tasso di interesse reale è un’informazione essenziale: ci consente di ricavare la somma di denaro da pagare, sotto forma di interessi, in cambio della concessione di un mutuo oppure la redditività dei nostri risparmi.

Equazione di Fisher: formula

L’equazione esatta è la seguente:

1 + rr = (1 + rn) / (1 + π)

Dove:

  • Rr è il tasso di interesse reale
  • Rn è il tasso di interesse nominale
  • π è il tasso di inflazione atteso

In questo caso, questa semplice formula si ottiene per applicare:

rn = rr + π

In altre parole, il tasso di interesse nominale è approssimativamente la somma del tasso di interesse reale e del tasso di inflazione atteso. Questo suggerisce che se l’inflazione attesa aumenta, mantenendo costante il tasso di interesse reale, il tasso di interesse nominale dovrebbe aumentare di conseguenza.

La distinzione tra tasso di interesse nominale e tasso di interesse reale è fondamentale in economia. Come abbiamo già detto, ma ricordiamo, mentre il tasso nominale rappresenta il rendimento di un investimento o il costo di un prestito in termini assoluti, il tasso reale tiene conto dell’erosione del potere d’acquisto causata dall’inflazione e rappresenta il rendimento effettivo di un investimento o il costo effettivo di un prestito in termini di potere d’acquisto.

Equazione di Fisher nell’investimento obbligazionario

L’equazione di Fisher, quando applicata al contesto delle obbligazioni, si riferisce alla relazione tra i rendimenti nominali e reali di un’obbligazione e l’inflazione attesa. Questo concetto è particolarmente rilevante quando si considerano le obbligazioni indicizzate all’inflazione, come le obbligazioni protette dall’inflazione del Tesoro negli Stati Uniti.

Quando si acquista un’obbligazione con rendimento nominale, si sta effettivamente ricevendo il tasso nominale Rn. Tuttavia, se c’è inflazione nel corso del tempo, il potere d’acquisto del denaro ricevuto come pagamento degli interessi e del capitale diminuirà. Di conseguenza, il rendimento reale, che tiene conto dell’inflazione, potrebbe essere molto più basso del rendimento nominale.

Le obbligazioni indicizzate all’inflazione, d’altra parte, cercano di proteggere gli investitori dall’inflazione pagando un rendimento reale sopra il tasso di inflazione. Pertanto, il rendimento totale (o nominale) di tali obbligazioni dovrebbe approssimativamente rispettare l’equazione di Fisher.

È importante per gli investitori comprendere l’equazione di Fisher e considerare l’inflazione attesa quando valutano di investire in obbligazioni, poiché l’inflazione può erodere significativamente il valore reale dei rendimenti obbligazionari. Oltre a ciò, scegliere tra i migliori broker per obbligazioni è un passo imprescindibile per chi vuole massimizzare i propri rendimenti e gestire al meglio i rischi associati.

Cerchi un broker per investire in obbligazioni?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

* Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF
Deposito minimo:

€0.00

FAQ

Cosa afferma la teoria quantitativa di Irving Fisher?

La teoria di Fisher, in breve, afferma che il tasso di interesse reale sia indipendente dalle misure monetarie e non sia determinato dal tasso nominale.

Come si calcola il tasso di interesse reale?

La formula per il calcolo dell’interesse reale, volta a determinate il tasso di interesse al netto dell’inflazione e le tasse, è la seguente: (1+Tasso di interesse nominale) ÷ (1+Tasso di inflazione)-1

Qual è l’equazione che rappresenta la teoria quantitativa?

La formula è la seguente: 1 + rr = (1 + rn) / (1 + π)

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati

Dividendi mensili: come riscuoterli
In questo articolo vedremo uno dei massimi principi di ogni investitore in borsa. Creare un portafoglio di investimenti che genera rendimenti passivi ogni mese, tramite dividendi mensili. Per fare ciò, indicheremo in quali potenziali aziende è pos...