Indicatore di accumulazione e distribuzione: cos’è e come usarlo

Lo scopo dell’Indicatore di accumulazione e distribuzione è quello di identificare le discrepanze tra prezzo e volume, per definire l’aspetto qualitativo del movimento. E’ un indicatore creato essenzialmente per misurare la domanda e l’offerta di un sottostante, alfine di capire se gli investitori stanno accumulando (comprando) o distribuendo (vendendo).

Indicatore di accumulazione e distribuzione trading online

Oscillatore di accumulazione e distribuzione nell’analisi tecnica

L’indicatore di accumulazione/distribuzione (A/D) è un indicatore cumulativo che utilizza il volume e il prezzo per valutare se un titolo viene accumulato o distribuito. La misura A/D cerca di identificare le divergenze tra il prezzo delle azioni e il flusso di volume. Ciò fornisce informazioni su quanto sia forte una tendenza. Se il prezzo è in aumento ma l’indicatore sta diminuendo, ciò suggerisce che il volume di acquisto o di accumulo potrebbe non essere sufficiente a sostenere l’aumento dei prezzi e potrebbe essere imminente un calo dei prezzi.

Sebbene questo indicatore sia stato originariamente concepito per l’utilizzo nel mercato azionario, trova oggi ampie applicazioni nel mondo dell‘analisi tecnica, compreso il Forex.

PUNTI CHIAVE DELL’INDICATORE

  • La linea di accumulazione/distribuzione (A/D) misura l’offerta e la domanda di un asset o di un titolo osservando il punto in cui il prezzo si è chiuso all’interno dell’intervallo del periodo e quindi moltiplicandolo per il volume.
  • L’indicatore A/D è cumulativo, ovvero il valore di un periodo viene aggiunto o sottratto dall’ultimo.
  • In generale, una linea A/D ascendente aiuta a confermare un trend di prezzo in aumento, mentre una linea A/D discendente aiuta a confermare un trend di prezzo al ribasso.
  • La formula dell’indicatore di accumulo/distribuzione (A/D).

Leggi anche:

Indicatore di accumulazione e distribuzione: cos’è e cosa ci dice

La linea A/D aiuta a mostrare come i fattori di domanda e offerta influenzano il prezzo. A/D può muoversi nella stessa direzione delle variazioni di prezzo o nella direzione opposta.

Il moltiplicatore nel calcolo fornisce un indicatore di quanto forte sia stato l’acquisto o la vendita durante un particolare periodo. Lo fa determinando se il prezzo ha chiuso nella parte superiore o inferiore del suo intervallo . Questo viene poi moltiplicato per il volume. Pertanto, quando un titolo chiude vicino al massimo dell’intervallo del periodo e presenta un volume elevato, si verificherà un ampio salto A/D. In alternativa, se il prezzo termina vicino al massimo dell’intervallo ma il volume è basso, o se il volume è alto ma il prezzo termina più verso il centro dell’intervallo, allora l’A/D non aumenterà di molto.

Gli stessi concetti si applicano quando il prezzo chiude nella parte inferiore del range di prezzo del periodo. Sia il volume che il punto in cui il prezzo chiude all’interno dell’intervallo del periodo determinano quanto diminuirà l’A/D.

Differenza tra accumulazione e distribuzione

La linea A/D viene utilizzata per aiutare a valutare le tendenze dei prezzi e potenzialmente individuare le imminenti inversioni.

  • Se il prezzo di un titolo è in un trend al ribasso mentre la linea A/D è in un trend rialzista, allora l’indicatore mostra che potrebbe esserci pressione di acquisto e il prezzo del titolo potrebbe invertirsi al rialzo.
  • Al contrario, se il prezzo di un titolo è in un trend rialzista mentre la linea A/D è in un trend al ribasso, allora l’indicatore mostra che potrebbe esserci una pressione di vendita o una distribuzione più elevata. Questo avverte che il prezzo potrebbe subire un calo.

L’indicatore Accumulazione/Distribuzione in forte aumento conferma un prezzo in forte aumento. Allo stesso modo, se il prezzo sta diminuendo e anche l’indicatore sta diminuendo, allora c’è ancora molta distribuzione ed è probabile che i prezzi continuino a scendere.

L’indicatore di Accumulazione/Distribuzione non tiene conto della chiusura precedente e utilizza un moltiplicatore basato sulla chiusura del prezzo all’interno dell’intervallo del periodo.

Come utilizzare l’indicatore l’indicatore di accumulo/distribuzione (A/D): limiti

L’indicatore A/D non tiene conto delle variazioni di prezzo da un periodo a quello successivo e si concentra solo sul punto in cui il prezzo chiude all’interno dell’intervallo del periodo corrente. Ciò crea alcune anomalie.

Esempio

Supponiamo che il gap di prezzo di una azione sia del 20% al ribasso, mosso con un volume enorme. Il prezzo oscilla durante il giorno successivo con un aumento del 2% e termina nella parte superiore del suo range giornaliero, ma è ancora in ribasso del 18% rispetto alla chiusura precedente. Una mossa del genere causerebbe effettivamente un aumento del rapporto Accumulazione/Distribuzione. Anche se il titolo ha perso molto valore, ha chiuso nella parte superiore del suo range giornaliero; pertanto, l’indicatore aumenterà, probabilmente in modo drammatico, a causa del grande volume. I trader devono monitorare il grafico dei prezzi e contrassegnare eventuali anomalie come queste, poiché potrebbero influenzare il modo in cui viene interpretato l’indicatore.

Divergenze

Inoltre, uno degli usi principali dell’indicatore è monitorare le divergenze. Le divergenze possono durare a lungo e sono segnali temporali scadenti. Quando appare una divergenza tra l’indicatore e il prezzo, ciò non significa che un’inversione sia imminente. Potrebbe essere necessario molto tempo prima che il prezzo si inverta, o potrebbe non invertirsi affatto.

L’ indicatore di Accumulazione/Distribuzione è solo uno strumento che può essere utilizzato per valutare la forza o la debolezza di un trend, ma non è privo di difetti. Per tale motivo sarebbe opportuno utilizzare l’indicatore unitamente ad altre forme di analisi, come l’analisi dell’azione dei prezzi , i pattern grafici o l’analisi fondamentale, per ottenere un quadro più completo di ciò che sta muovendo il prezzo di un titolo.

Cerchi un broker per il trading?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€10.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati