Investire in azioni difensive contro l’inflazione: i migliori titoli difensivi

I titoli difensivi, che generalmente presentano un basso rischio di mercato, ricevono oggi maggiore attenzione. Questi tipi di azioni sono popolari perché possono aiutare a proteggere i portafogli da rapidi cali di mercato o da brusche variazioni dei rendimenti. In questo post scoprirete quali sono i migliori titoli difensivi.

migliori titoli difensivi

L’effetto dell’inflazione sulle azioni

Il rapporto tra inflazione e azioni è complesso, in quanto ogni titolo deve essere valutato in base alle proprie caratteristiche. L’inflazione misura il tasso di indebolimento del potere d’acquisto del denaro nel tempo. La moneta funge da unità di conto, strumento di scambio e riserva di valore. Con l’aumento dei prezzi, ogni unità di denaro ha sempre meno valore.

Tuttavia, poiché un’inflazione più bassa è associata a tassi d’interesse più bassi e a consumi più elevati, la domanda di azioni cresce quando le società registrano forti utili, con conseguente apprezzamento dei prezzi delle azioni.

In linea di massima, un buon portafoglio azionario è quello composto da titoli con buona diversificazione geografica e incentrato su asset reali, come il real estate o le materie prime, ma sempre difensivi, perché permettono all’investitore di essere remunerato in dividendi, invece che con la crescita del titolo azionario stesso. Per dirlo in altre parole, possono prescindere dalla sola performance del mercato.

Cosa sono i titoli difensivi?

I titoli difensivi sono società che si concentrano su prodotti che non sono influenzati in modo significativo dall’incertezza del mercato. Queste aziende hanno un comportamento ciclico, ma tendono ad avere una maggiore stabilità, in quanto la loro domanda è più anelastica rispetto a quella di altri prodotti, e quindi il flusso di ricavi e profitti è più prevedibile rispetto a quello delle aziende cicliche.

Differenza fra titoli difensivi e titoli ciclici

I titoli ciclici sono l’opposto dei titoli difensivi. Si tratta di attività che seguono il ciclo economico, in tutte le sue fasi, dall’espansione, ai picchi, alle contrazioni fino alle riprese. Solitamente sono attività che operano nei settori dei servizi discrezionali, quindi ad esempio quelli legati all’industria dell’intrattenimento, del turismo, i rivenditori di abbigliamento di fascia alta, le compagnie aree.

Si tratta di beni di cui le persone possono sostanzialmente fare a meno in caso di recessione economica, questo ovviamente impatta i ricavi delle aziende che li producono e di conseguenza il prezzo delle loro azioni.

Questo al contrario dei titoli difensivi che essendo collegati a bisogni più o meno primari sono più insensibili all’andamento generale dell’economia. Per approfondire, ti rimandiamo alla nostra guida sui titoli ciclici completa.

Esempi di titoli difensivi

Tra i migliori titoli difensivi ci sono sicuramente i seguenti.

PepsiCo (NASDAQ: PEP) 

Gli investitori alla ricerca di un’ulteriore esposizione al settore dei beni di consumo possono prendere in considerazione l’acquisto di PepsiCo, il mercato degli alimenti e delle bevande, il cui portafoglio di marchi comprende Frito-Lay, Gatorade, Pepsi-Cola, Quaker e Tropicana.

PepsiCo opera in diversi segmenti: Frito-Lay North America (FLNA); Quaker Foods North America (QFNA); PepsiCo Beverages North America (NAB); America Latina; Europa; Africa, Medio Oriente e Asia meridionale; Asia Pacifico, Australia e Nuova Zelanda e Cina. 

Flowers Foods (NYSE: FLO) 

Flowers Foods, con sede a Thomasville, in Georgia, è uno dei principali fornitori di prodotti da forno confezionati degli Stati Uniti. L’azienda ha un ampio portafoglio di prodotti da forno, tra cui Nature’s Own, Dave’s Killer Bread, Wonder, Canyon Bakehouse e Tastykake.

Si tratta di una società con elevati rendimenti da dividendo e un potenziale di crescita che potrebbe essere interessante per gli investitori passivi.

Gruppo UnitedHealth (NYSE: UNH) 

Il Gruppo UnitedHealth, con sede a Hopkins, nel Minnesota, è la più grande struttura sanitaria privata e fornitore di assicurazioni degli Stati Uniti, con 48 milioni di iscritti. L’azienda opera attraverso quattro segmenti: UnitedHealthcare, OptumHealth, OptumInsight e OptumRx. È un’altra opzione molto valida per investire in titoli difensivi negli Stati Uniti.

Exxon Mobil (NYSE: XOM)

Exxon Mobil (XOM, 103,41 dollari) è una delle più grandi compagnie petrolifere e di gas del mondo. Lo scorso anno ha registrato ricavi superiori a 400 miliardi di dollari (413,7 miliardi di dollari), in crescita di quasi il 45% rispetto al 2021 (285,6 miliardi di dollari). Inoltre la società ha generato 62,1 miliardi di dollari di flusso di cassa libero dopo tutte le spese in conto capitale.

Pfizer (NYSE: PFE)

Pfizer (PFE, 40,18 dollari) è un’azienda farmaceutica diversificata che offre medicinali e vaccini in un ampio spettro di aree terapeutiche. Produce molteplici tipologie di farmaci che assicurano un flusso di cassa costante e ha un valore di mercato di 226,8 miliardi di dollari oltre che un rendimento da dividendi del 4,0%. Inoltre, le sue enormi dimensioni le consentono di spendere ingenti somme in ricerca e sviluppo guadagnando in questo modo fette sempre più ampie di mercato.

Titoli difensivi italiani

Dal momento che i titoli difensivi (o “defensive stocks”) sono azioni di aziende che tendono a rimanere stabili durante i periodi di recessione e che non sono particolarmente influenzate dalle fluttuazioni economiche, questi titoli appartengono generalmente a settori che offrono beni e servizi essenziali, come alimenti, servizi pubblici e cure sanitarie.

In Italia, come in molti altri paesi, i titoli difensivi possono appartenere a vari settori. Ecco alcuni esempi di settori e aziende che potrebbero essere considerati difensivi nel contesto italiano:

  1. Settore Alimentare e delle Bevande: Questo settore è considerato difensivo perché le persone continueranno a consumare cibo e bevande indipendentemente dalla situazione economica. Aziende come Barilla o Campari potrebbero rientrare in questa categoria.
  2. Servizi Pubblici (Utilities): Le aziende di servizi pubblici, come quelle che forniscono acqua, gas o elettricità, sono generalmente considerate difensive perché le persone hanno bisogno di questi servizi fondamentali in qualsiasi condizione economica. Enel e Snam sono esempi di grandi utilities italiane.
  3. Settore Farmaceutico e della Salute: Anche in tempi di recessione, le persone hanno bisogno di medicine e cure mediche. Aziende come Recordati o Menarini possono essere considerate nel contesto difensivo italiano.
  4. Telecomunicazioni: Mentre le telecomunicazioni potrebbero non essere tradizionalmente considerate difensive, l’importanza crescente della connettività nella società moderna fa sì che aziende come Telecom Italia possano avere caratteristiche difensive.
  5. Prodotti per la Casa e la Cura Personale: Le persone tendono a continuare a comprare prodotti di base per la cura personale e della casa anche in tempi difficili. Aziende come Bolton Group potrebbero rientrare in questa categoria.

Investire in azioni difensive

Questa è una selezione di broker che permettono di investire in titoli difensivi.

DEGIROFineco
🌎 RegolazioneGermaniaItalia, Regno Unito
💰 Deposito minimo0,01 cent.No
📈 ProdottiAzioni, ETF, fondi, obbligazioni, opzioni,
futures, crypto
Azioni, ETF, Forex, fondi, obbligazioni,
opzioni, futures, CFD
🕹️ Conto demoNoNo
📈 PiattaformePiattaforma proprietariaPowerDesk, FinecoX
Scopri di più →Scopri di più →

Investire su ETF difensivi

L’investimento in ETF difensivi costituisce un’ottima strategia, alternativa rispetto all’acquisto diretta di singole azioni, in quanto consente la diversificazione dell’investimento permettendo di indirizzare le proprie risorse economiche verso settori specifici attraverso una strategia di investimento passivo.

Se vuoi scoprire quali sono i migliori ETF difensivi con i quali investire ti rimandiamo alla nostra guida sui migliori ETF difensivi (o ETF inflazione), dove potrai approfondire l’argomento nel dettaglio.

Quali sono i settori difensivi del mercato azionario?

I settori considerati difensivi sono principalmente 3: consumer staples, utilities e pharmaceuticals. È importante notare che, sebbene questi settori siano tradizionalmente difensivi e più stabili di quelli puramente ciclici come il turismo o la tecnologia, possono talvolta comportarsi in modo più dinamico rispetto al loro indice di riferimento.  

Se vuoi saperne di più su come investire sui migliori titoli, ti rimandiamo alla nostra guida su come investire in Amazon, quindi su come investire in Pfizer e, infine, quella sulle azioni Coca Cola.

I migliori titoli difensivi: Borsa italiana

Per il 2023 in Italia si preferisce un portafoglio azionario composto da titoli con una buona diversificazione geografica, focalizzato su asset reali come immobili, materie prime e infrastrutture, ma sempre difensivo, in quanto, generando flussi di cassa significativi, consente all’investitore di essere remunerato sotto forma di rendimento composto, cioè in dividendi, piuttosto che di aumento del prezzo dell’azione.

Anche i titoli difensivi sono guidati principalmente dal mercato statunitense con società come Coca Cola, Walmart e quelle sopra elencate.

Vuoi investire in azioni? Ti consigliamo di leggere la nostra guida sui migliori broker per investire in azioni, le migliori azioni e le azioni con dividendi in crescita per iniziare ad addentrarti nell’argomento.

Scopri i migliori broker per investire in azioni difensive

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€100.00

* Il 51% dei conti CFD al dettaglio perde denaro.
Deposito minimo:

€0.00

* Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF
corso come investire in borsa da zero

FAQ

Quali sono i titoli difensivi?

Sono tutti quei titoli le cui performance sono slegate da quelle del ciclo economico. Sono dunque investimenti solidi in tempi di recessione o forte incertezza economica, consentendo di difendere il proprio capitale.

Cosa comprare in questo periodo di crisi?

In periodi di incertezza economica conviene concentrare le proprie scelte di investimento sui titoli difensivi, come ad esempio i beni di consumo oppure quelli legati al settore sanitario e farmaceutico.

Quali azioni comprare in caso di recessione?

Alcuni esempi di titoli difensivi da acquistare, appartenenti al settore farmaceutico o dei beni di prima necessità, sono Novartis e Imperial Brands

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Guida Analisi Tecnica
Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:
  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica

Articoli correlati

Dividendi mensili: come riscuoterli
In questo articolo vedremo uno dei massimi principi di ogni investitore in borsa. Creare un portafoglio di investimenti che genera rendimenti passivi ogni mese, tramite dividendi mensili. Per fare ciò, indicheremo in quali potenziali aziende è pos...