Qual è la differenza tra investitori retail e istituzionali?

Non tutti i tipi di investitori sono uguali, e ci sono una serie di differenze tra quelli che sono considerati investitori istituzionali e quelli che sono considerati investitori non istituzionali o investitori retail. In questo articolo andiamo ad esplorare queste differenze, per una migliore comprensione del mercato finanziario.

Investitori istituzionali e retail

Definizione investitore istituzionale

Possiamo definire gli investitori istituzionali come tutti quegli investitori che investono grandi quantitativi di denaro agendo per conto di terzi: altre compagnie, persone fisiche. Alcuni esempi di fondi istituzionali sono: fondi pensione, fondi comuni, gestori di denaro, compagnie di assicurazione, banche d'investimento, trust aziendali, dotazioni, hedge fund e anche alcuni investitori di private equity.

Gli investitori istituzionali rappresentano circa l'85%degli scambi alla Borsa di New York. Muovono grandi blocchi di azioni e hanno un'enorme influenza sui movimenti del mercato azionario. Gli investitori istituzionali possono vantare al loro interno team di analisti ed esperti di finanza, quindi soggetti che hanno una profonda comprensione dei meccanismi che regolano il mercato. Il che si traduce in una capacità di calcolo e previsione che è ovviamente superiore rispetto a quella dell'investitore medio.

A causa delle loro dimensioni, gli investitori istituzionali possono spesso negoziare tassi migliori sui loro investimenti. Hanno anche la possibilità di accedere a investimenti che i normali investitori non hanno, come le opportunità di investimento con grandi acquisti minimi.

Tipi di investitori istituzionali: alcuni esempi

Ci sono varie tipologie di investitori istituzionali. Vediamo alcuni esempi più nello specifico.

Hedge fund

Sono i fondi speculativi, che nel diritto commerciale italiano sono il più delle volte organizzati nella forma della società in accomandita semplice o SRL. Producono rendimenti che presentano un basso tasso di correlazione con il mercato di riferimento, con investimenti rischiosi ma potenzialmente molto profittevoli.

Fondi comuni

Raccolgono denaro da una pluralità di investitori, il quale viene poi utilizzato per l'acquisto di titoli. Nella maggior parte dei casi gli investimenti sono diversificati, il che riduce il livello di rischio per gli investitori. Gli investimenti avvengono in assets liquidi che sono poi commercializzati sul mercato.

Private equity

Siamo nel campo della corporate finance. L'obiettivo è quello di apportare nuovi capitali e quindi finanziamenti ad una società target con l'acquisto di azioni o la sottoscrizione di azioni di nuova emissione. Le società in oggetto solitamente non sono in grado di procurarsi capitali propri, ma sono società con un certo potenziale finanziario. Quindi, il rischio per gli investitori è alto, come del resto il potenziale ritorno economico.

Compagnie assicurative

Esempi in Italia sono Genertel o Allianz. Si tratta di grandi compagnie che forniscono servizi di tipo assicurativo, offrendo copertura finanziaria agli investitori.

Definizione investitori al dettaglio

Gli investitori retail o non istituzionali sono, per definizione, tutti quegli investitori che non siano investitori istituzionali. Quindi tutti coloro che comprano e vendono debito, azioni o altri investimenti attraverso un broker, una banca, un agente immobiliare, possono essere definiti come risparmiatori retail. Queste persone non stanno investendo per conto di qualcun altro, stanno gestendo il proprio denaro. Gli investitori non istituzionali sono generalmente guidati da obiettivi personali. Alcuni esempi sono: pianificazione della pensione, il risparmio per l'istruzione dei figli o il finanziamento di un grande acquisto.

A causa del loro piccolo potere d'acquisto, i clienti retail al dettaglio devono spesso pagare commissioni più alte sui loro sui loro investimenti. Per definizione, la SEC considera gli investitori al dettaglio come investitori non sofisticati. Quindi, sono previste una serie di limitazioni con finalità essenzialmente protettiva.

Gli investitori retail si servono, nelle operazioni di investimento, di broker e piattaforme con cui effettuare le proprie operazioni di investimento. Facendo click sul link puoi scoprire quali sono le i migliori broker in Italia.

Differenze principali fra investitori istituzionali e a dettaglio

Abbiamo quindi trattato della definizione di investitore al dettaglio e di investitori istituzionale. Adesso è giunto il momento di fare un passo in avanti, e trattare di quelle che sono le differenze principali fra queste due tipologie di investitori, soprattutto per quanto riguarda lo stile e le modalità di investimento.

Il primo aspetto da prendere in considerazione è quello dell'esperienza e capacità di analisi Abbiamo accennato al fatto che gli investitori istituzionali si servano di analisti ed esperti dei mercati per prendere le migliori decisioni di investimento. Questo, solitamente, si traduce in un decisioni più ragionate e razionali. Quindi, se l'emotività ha spesso, per l'investitore retail, un ruolo fondamentale, lo stesso non si può dire per gli investitori istituzionali, data la complessità dei meccanismi decisionali che stanno alla base di queste strutture.

Un altro aspetto da considerare è quello della tipologia di transazioni e delle loro dimensioni. Gli investitori istituzionali sono soliti effettuare operazioni che possono coinvolgere anche blocchi di 100.000 azioni contemporaneamente. Questo perché si agisce per conto di terzi, raccogliendo masse di denaro le quali vengono poi immesse nel mercato finanziario. Al contrario dell'investitore retail che invece agisce gestendo esclusivamente il proprio portfolio, con quantitativi quindi assai ridotti.

Il terzo aspetto è quello dell'asimmetria informativa. Gli investitori istituzionali sono specialisti della finanza, hanno quindi accesso a informazioni, analisi e feedback che non sono accessibili all'investitore retail. Questo si traduce in un fenomeno di asimmetria informativa.

L'ultimo aspetto, strettamente collegato al precedente e, in generale, alla tematica dell'asimmetria informativa, è quello della regolamentazione. Si parte dal presupposto che il soggetto retail è un attore debole nel campo del mercato finanziario. E lo scopo principale della legislazione, non solo nel settore finanziario, è quello della tutela degli attori deboli. Nel campo degli investimenti, questo si traduce nella previsioni, da parte delle entità istituzionali nazionali e internazionali, più protettive.

L'ultimo fattore da prendere in considerazione è l‘impatto dell'investimento. Muovendo grandi masse di denaro, gli investitori istituzionali hanno spesso la possibilità di influenzare direttamente il mercato. Possibilità che ovviamente l'investitore retail non ha.

Conclusione

Abbiamo quindi visto la differenza fra investitore istituzionale e investitore retail. Speriamo ti sia chiara la differenza fra queste due tipologie di investitori, ma soprattutto come essi si muovono sui mercati finanziari, come interagiscono con i meccanismi che regolano questi ultimi e, soprattutto, qual è l'influenza dei grandi investitori istituzionali sulle dinamiche e l'andamento dei mercati.

FAQ

Cosa sono gli investitori retail?

Sono tutti i soggetti che non rientrano nella categoria degli investitori istituzionali. Si tratta di soggetti che agiscono privatamente, personalmente o con l'ausilio di intermediari, sui mercati finanziari, investendo i propri risparmi.

Cosa si intende per investitori istituzionali?

Si intende un'ampia categoria di soggetti operanti sui mercati finanziari, che si servono di team di analisti ed esperti dei mercati per effettuare ampie operazioni di investimento.

Chi sono gli investitori istituzionali?

Esempi di investitori istituzionali sono: fondi speculativi, compagnie assicurative, hedge fund, fondi comuni, private equity, fondi pensione, banche d'investimento, trust aziendali, dotazioni, hedge fund, private equity.

Quali sono le principali differenze fra investitori retail e istituzionali?

Le differenze fondamentali si evidenziano in 5 aspetti, che sono: le differenze informative, esperienza e capacità di analisi, regolamentazione, capacità di impatto sui mercati, regolamentazione.

Cerchi un broker per il trading?

Deposito minimo:

€100.00

Deposito minimo:

€100.00

XTB
Deposito minimo:

€0.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

I migliori Robo Advisor in Italia
Pe scegliere i migliori robo advisors in Italia, dovresti analizzare le opportunità di profitto e i costi, valutando se sui prodotti che ti interessano hanno le commissioni più basse. In ...
Migliori ETF acqua
Come l'oro e il petrolio, l'acqua è una materia prima e si dà il caso che oggi sia piuttosto scarsa. Quindi, come qualsiasi altra scarsità, la care...