Tassazione dividendi e azioni italiane ed estere

Prima di iniziare ad investire o a fare trading è importante conoscere gli aspetti fiscali derivanti dalle operazioni nei mercati finanziari. In questo articolo spiegherò come sono tassati i guadagni del mercato azionario in Italia.

Il concetto di capital gain assume un ruolo cruciale, specialmente quando si tratta della tassazione del capital gain e della sua rilevanza nella dichiarazione dei redditi. In questo articolo, esploreremo in dettaglio come queste plusvalenze vengono tassate e quali implicazioni hanno per gli investitori.

Capiremo:

  • tassazione delle plusvalenze realizzate sulle azioni e la tassa sui dividendi azionari, la parte di utile distribuita agli azionisti;
  • se ci sono imposte aggiuntive sulle plusvalenze realizzate su dividendi di azioni estere;
  • i vari tipi di regime fiscale in Italia.
tassazione plusvalenze azioni estere

Plusvalenze o capital gain: cosa sono?

Abbiamo parlato di plusvalenza. In sostanza, la plusvalenza, nota anche come capital gain, rappresenta il profitto realizzato dalla vendita di un asset finanziario. Questo guadagno si verifica quando un asset viene venduto a un prezzo maggiore rispetto a quello di acquisto, generando una differenza positiva tra il costo di acquisto e il prezzo di vendita dell’asset. In questo articolo vedremo le plusvalenze realizzate per azioni e dividendi (italiani ed esteri).

Cosa sono le azioni

Le azioni sono parti uguali in cui è diviso il capitale sociale di una società per azioni. Cioè, siccome queste parti sono di proprietà di una persona; questa persona è chiamata azionista; e può, quindi, rappresentare la percentuale della società che gli appartiene.

Cosa sono i dividendi

Nel caso dei pagamento dividendi, sono una parte dei profitti che una società o un’impresa paga ai suoi azionisti; in altre parole, è il ritorno del capitale investito dai proprietari della società.

Tassazione dividendi e azioni italiane

Le azioni generano redditi di capitale per la componente dividendi mentre generano redditi diversi per la componente prezzo. La tassazione in entrambi i casi, sia per azioni che per dividendi, è pari al 26%, l’aliquota ordinaria a cui vengono tassati i redditi finanziari.

Abbiamo appena parlato però di redditi di capitale e redditi diversi, qual è la differenza?

  • I redditi diversi sono compensabili con le minusvalenze pregresse.
  • I redditi di capitale NON sono compensabili con le minusvalenze pregresse.

In altre parole il capital gain generato dalla vendita delle azioni va bene per recuperare le minusvalenze mentre non funziona per i dividendi.

Esempio di tassazione del capital gain con le azioni

Come abbiamo visto, il capital gain o plusvalenza è la differenza positiva tra il prezzo di vendita o di rimborso di uno strumento finanziario e il suo prezzo di acquisto o di sottoscrizione.

Si genera quindi una plusvalenza quando si vende l’azione ad un prezzo maggiore di quello di acquisto.

Se acquisti un’azione al prezzo di 1.000€ e la vendi al prezzo di 2.000€, hai generato un capital gain di 1.000€, su questa plusvalenza devi pagarci il 26% ossia 260€.

Tassazione azioni e dividendi esteri

La tassazione dei titoli azionari esteri possono essere applicate ulteriori ritenute alla fonte che possono comportare tassazioni molto elevate.

Le azioni estere spesso prevedono una doppia imposizione sui dividendi, si pagherà il 26% a cui si deve aggiungere un’altra aliquota in base al paese di quotazione dell’azione.

Prima si pagherà l’imposta estera e poi quella italiana sui dividendi. Bisogna stare molto attenti nel comprare azioni estere soprattutto se si vuole costruire un portafoglio di investimento a rendita periodica quindi formato da azioni ad alto dividendo, in quanto parte di questi proventi verranno tassati due volte.

In tabella puoi vedere l’aliquota estera e la ritenuta totale data dall’imposta italiana e da quella estera per ciascun paese.

PAESEALIQUOTA ESTERARITENUTE TOTALE
FRANCIA30%48,20%
GERMANIA26,37%45,52%
SPAGNA19%40,06%
SVEZIA15%37,10%
NORVEGIA15%37,10%
SVIZZERA35%51,90%
USA15%37,10%
REGNO UNITO0%26%
IRLANDA20%40,80%
GIAPPONE 15%37,10%
TURCHIA15%37,10%

Tassazione azioni francesi

Facciamo un esempio per capire meglio.

L’investitore compra un’azione francese che ha un dividendo lordo del 3%, quanto sarà il dividendo netto?

Si può calcolare in due modi:

  • 3%*[(100-48,20)/100] = 1,554%
  • 3%*[(100-30)/100] = 2,1%   —> 2,1%*[(100-26)/100] = 1,554%

In pratica metà del proprio rendimento da dividendo viene eroso dalla doppia tassazione.

Come puoi notare in tabella meglio evitare azioni da dividendi di paesi che hanno una tassazione superiore al 40%, il paese più interessante è sicuramente il Regno Unito che ha un’aliquota pari allo 0%.

Tassazione azioni USA

È molto frequente investire in azioni di grandi aziende degli Stati Uniti. Come potete vedere nella tabella precedente, la tassazione sulle azioni americane è di un’aliquota del 15%, per un totale di 37,10% di aliquota totale.

Si può evitare la doppia tassazione sul capital gain?

Si, esiste un modo per evitare la doppia tassazione.

Come si può leggere dal sito dell’Agenzia delle Entrate (ADE):

“L’Italia ha stipulato con numerosi Paesi esteri, comunitari e non, convenzioni bilaterali per evitare le doppie imposizioni sul reddito e sul patrimonio. Le stesse stabiliscono come deve essere ripartito il potere impositivo fra i due Stati contraenti, regolamentando il trattamento fiscale delle singole categorie di reddito. Tali accordi prevedono, a seconda delle tipologie interessate, la possibilità che entrambi gli Stati prelevino un’imposta sullo stesso reddito (tassazione concorrente) oppure talvolta la tassazione esclusiva da parte di uno Stato”.

Quello che interessa a noi, è capire come i residenti in Italia possono ottenere la convenzione bilaterale.

I soggetti residenti in Italia possono ottenere il rimborso dell’imposta estera o una riduzione delle imposte dello stato estero attraverso la compilazione di un apposito modulo messo a disposizione dell’autorità fiscale estera o dall’Agenzia dell’Entrate italiana, se il paese estero non abbia predisposto alcun modello.

Tale modello può anche essere messo a disposizione dal broker o dalla banca stessa per agevolare gli stessi investitori o trader.

Il modello in egual modo contiene un’attestazione di residenza ai fini tributari in Italia che il contribuente dovrà farsi firmare e timbrare da parte di qualsiasi direzione provinciale dell’ADE.

Come sono tassate le azioni: imposta di bollo e Tobin Tax

Sulle azioni italiane oltre all’aliquota del 26% sono presenti altri due tipi di imposte, l’imposta di bollo e la Tobin Tax.

Tutte le azioni rientrano nel calcolo del montante ai fini dell’applicazione dell’imposta di bollo pari al 0,20%.

L’imposta di bollo è un’imposizione di carattere patrimoniale indipendente dall’entità del reddito e degli strumenti detenuti.

La terza imposta invece che interessa le azioni italiane è  “Italian financial transaction tax“, meglio nota come “Tobin tax”.

L’imposta sulle transazioni finanziarie è rivolta alle azioni italiane, e anche ai prodotti derivati che hanno come sottostanti azioni o indici italiani, con le seguenti caratteristiche:

  • le operazioni devono essere multiday, quindi le azioni devono essere detenute per più di una giornata di contrattazione;
  • il titolo deve essere emesso da società residenti sul territorio italiano;
  • hanno una capitalizzazione superiore ai 500.000€;
  • sono soggette ad un’imposta dello 0,10% sul controvalore delle operazioni di acquisto, non si paga sulle vendite.

Da sapere che l’applicazione sui derivati è differente rispetto alle azioni. Per saperne di più leggi: come compilare il modello 730.

tassazione dividendi 2023

Quali sono i regimi fiscali? Tassazione profitti delle azioni

I regimi di tassazione presenti in Italia sono tre: regime dichiarativo, regime fiscale e risparmio gestito.

Regime dichiarativo

Il regime dichiarativo prevede che è l’investitore stesso a dichiarare i propri adempimenti fiscali, chi lo sceglie dovrà portare plusvalenze e minusvalenze realizzate nella sua dichiarazione dei redditi.

Con questo regime l’investitore posticipa il pagamento delle imposte ottenendo un beneficio fiscale, in quanto la tassazione viene applicata una sola volta all’anno quando appunto sarà il momento di fare la dichiarazione dei redditi.

Il vantaggio è che non viene conteggiata la valenza cronologica di plusvalenze e di minusvalenze.

Con questo regime si è generalmente soggetti all’utilizzo di un commercialista che compirà per conto nostro, dopo averli portato tutti i documenti necessari, la dichiarazione, comportando di fatto un costo aggiuntivo per la sua parcella.

Regime del risparmio amministrato

Il regime del risparmio amministrato prevede che il broker o la banca funga da sostituto d’imposta quindi che sia direttamente lei a versare per noi le imposte non appena vengano realizzate.

Con questo tipo di regime è possibile sfruttare i redditi diversi per compensare le minusvalenze solo su plusvalenze realizzate successivamente, ti faccio un esempio.

  • Giorno 1: realizzi una plusvalenza di 50
  • Giorno 2: realizzi una minusvalenza di 100
  • Giorno 3: realizzi una plusvalenza di 50

La minusvalenza di 100 può essere compensata solo con la plusvalenza realizzata al giorno 3 quindi potrai recuperare solo 50.

Il vantaggio di questo regime è che gli adempimenti fiscali non sono svolti autonomamente ma vengono delegati, togliendo di fatto il carico fiscale dalla nostra competenza e ulteriori costi.

Se preferisci optare per il regime amministrato con l’imposta sostitutiva, in questo articolo troverai una selezione dei broker sostituto d’imposta, come:

Sostituto d’impostaMaggiori info.
1ActivTradesScopri di più →
2FinecoScopri di più →

Risparmio del risparmio gestito

Il regime del risparmio gestito prevede che l’investitore delega ad un intermediario finanziario, come una banca o una SIM, l’attività di gestione del proprio capitale e gli adempimenti fiscali.

Con questo regime si compensano le componenti positive con quelle negative l’ultimo giorno di ogni anno.

  • Se il portafoglio fosse positivo nel complesso a fine anno, ma alcuni investimenti fossero in negativo, minusvalenze e plusvalenze si compenserebbero, andando a ridurre il carico fiscale.
  • Se il portafoglio fosse negativo nel complesso a fine anno, la perdita potrà essere riportata a nuovo negli esercizi successivi fino al quarto periodo di imposta, quindi si maturerebbe un credito fiscale.

Da una parte è vantaggioso perché ti permette di compensare le minusvalenze anche sui redditi di capitale ma dall’altra andrai a pagare le imposte anche sui guadagni non realizzati.

Non esiste quindi un regime fiscale migliore di un altro per quanto riguarda la componente azionaria, tutto dipende dal profilo dell’investitore, se predilige l’efficienza fiscale oppure la semplicità sugli adempimenti fiscali.

Tassazione dividendi e azioni: conclusione

È responsabilità di tutti dichiarare i profitti ottenuti dai propri guadagni, i broker che possono operare in regime amministrato lo faranno per te. In caso contrario, saremmo noi a doverlo dichiarare. È molto importante tenere conto della tassazione nella riscossione dei dividendi in caso di investimento in società non residenti. Per evitare sanzioni possiamo scegliere di investire in fondi di investimento o ETF in modo da non subire trattenute diseguali sui dividendi o essere penalizzati.

Se ti interessa investire in ETF o fondi, leggi di più sulla tassazione degli ETF e sulle tasse sui fondi di investimento. Se invece vuoi maggiori informazioni sulla dichiarazione dei redditi puoi leggere questo ultimo articolo.

Altri articoli relazionati:

Vuoi investire in azioni e dividendi?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

* Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF
Deposito minimo:

€0.00

👉🏼 Tasse sui dividendi: come funzionano. Scoprilo nel video

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Guida alla dichiarazione dei redditi

Questa guida ti aiuterà a fare chiarezza su quando e come pagare le tasse

  • Novità dalla Finanziaria 2023
  • Come funziona la tassazione su trading e investimenti
  • Tobin Tax: chi deve pagarla

Articoli correlati

Come investire in indici di borsa?
Investire in indici di borsa è una strategia popolare tra gli investitori di tutto il mondo. Gli indici offrono una panoramica della performance di un mercato specifico e rappresentano una scelta più sicura per chi desidera diversificare il propri...