Order flow trading: cos’è e come funziona

L’order flow, noto anche come flusso degli ordini, viene spesso utilizzato per comprendere i movimenti del mercato. Si tratta di un metodo di trading che cerca di anticipare i movimenti futuri dei prezzi analizzando il flusso di ordini di acquisto e vendita nel mercato. Diversamente dall’analisi tecnica tradizionale, che si basa su modelli di prezzo e indicatori, l’Order Flow Trading si concentra sulla causa stessa dei movimenti di prezzo: la domanda e l’offerta.

Nel seguente articolo, esploreremo il concetto di order flow trading, spiegando come funziona, come può essere applicato nelle vostre strategie di trading e quali sono i vantaggi e le sfide di questo approccio.

Order flow trading: cos’è

Il trading del flusso degli ordini può essere effettuato con molti indicatori, alcuni dei quali sono molto efficaci per questo tipo di analisi. Tra questi c’è soprattutto il footprint, che si basa sulla teoria del flusso degli ordini.

Questa strategia di flusso degli ordini è presentata come una tecnica di trading redditizia che consentirà ai trader di beneficiare delle fluttuazioni del portafoglio ordini senza correre troppi rischi.

Una volta che sai come funziona il flusso degli ordini, ti renderai conto che non tutto è come sembra.

L’importante è non andare alla cieca nel grafico e per questo il flusso degli ordini non sarà vitale, contrariamente a quanto si pensa solitamente.

Normalmente, il trading con orderflow viene utilizzato nel trading a breve termine (trading intraday e scalping). Viene normalmente utilizzato con i futures o stock option.

Per approfondire leggi:

Orderflow trading: come funziona

Il flusso degli ordini è la causa del movimento del mercato; senza ordini contrari, logicamente, non ci sarebbe movimento. Per questo motivo, capire come funzionano le offerte e le domande e i tipi di ordine sarà fondamentale per il trading con questo strumento.

Normalmente, ci dicono che, applicando questo concetto, saremo attori attivi all’interno del mercato, in cui distingueremo abilmente acquirenti e venditori che lottano per ogni livello di prezzo.

La domanda e l’offerta e il volume degli scambi di ogni attività finanziaria saranno visualizzati a ogni livello di prezzo in tempo reale e con una chiarezza senza precedenti. 

Il flusso degli ordini funziona davvero?

Come qualsiasi altra tecnica, il trading order flow è tra i tipi di trading che varia in base alle condizioni di mercato.

La tecnica non è una bacchetta magica che ti aiuterà a guadagnare ogni volta che operi. Tuttavia, il trading del flusso degli ordini ha dimostrato di avere un certo livello di efficacia, soprattutto durante i periodi di elevata volatilità.

Per avere successo nel trading del flusso degli ordini, è necessario padroneggiare gli indicatori order flow, che sono molto efficaci nell’identificare periodi di elevata volatilità che possono portare a operazioni redditizie.

Ciò che può fare l’analisi del flusso degli ordini è fornire un’indicazione di quando il prezzo aumenterà o diminuirà, prima che si verifichi effettivamente.

Sarebbe relativamente facile se il flusso degli ordini potesse indicare esattamente dove andrà il mercato, ma l’analisi del flusso degli ordini fornisce solo indicazioni su ciò che sta accadendo nel libro degli ordini in un dato momento e quali potrebbero essere le mosse future.

La differenza tra il livello della domanda e dell’offerta significa che c’è un potenziale squilibrio tra loro ai finché il prezzo non si sbilancia dimostrano tale squilibrio.

Questo ci fornisce informazioni sui potenziali punti di resistenza, che possiamo utilizzare in modo efficace quando effettuiamo le nostre operazioni. Nel flusso dell’ordine viene visualizzato il numero di contratti a ciascun livello dell’ordine.

Può anche essere utilizzato per avere un’idea dei punti di supporto e resistenza e di quanto ci si può aspettare che i prezzi si muovano per raggiungere questi punti.

Quali informazioni otteniamo dai diagrammi di flusso degli ordini?

Di seguito elenchiamo le informazione che otteniamo dall’analisi del flusso di ordini:

  • Il prezzo al quale è stato eseguito l’ordine o l’ultima transazione effettuata in un contratto azionario o futures.
  • Volume/dimensione: il numero totale di azioni acquistate o vendute a quel prezzo durante la sessione di negoziazione espresso come “dimensione del lotto” della borsa.
  • Bid Size/Bid Totals rappresentano gli ordini di acquisto in attesa sul lato bid del libro ordini prima di essere riempiti.
  • La dimensione dell’offerta rappresenta gli ordini di vendita in attesa sul lato dell’offerta dell’order book prima di essere eseguiti. I totali delle dimensioni dell’offerta rappresentano gli ordini di acquisto in attesa sul lato dell’offerta del portafoglio ordini prima di essere evasi.
  • Timing: è importante notare che qualunque ordine venga piazzato da un trader deve essere visto come parte dell’intero flusso di ordini passati e futuri.

Ciò significa che se vogliamo utilizzare l’analisi del flusso degli ordini, dobbiamo sapere quali livelli di prezzo sono stati scambiati in passato (e quanto tempo fa), almeno con un’alta probabilità.

Non possiamo garantire che questa analisi del flusso degli ordini sia corretta, ma il più delle volte ci mostrerà forti indizi su potenziali aree in cui potrebbero verificarsi inversioni.

Vantaggi del trading con order flow

Il trading del flusso degli ordini è un metodo guidato dagli ordini in quanto non si basa su dati economici. È anche un flusso di ordini relazionale, in cui i flussi di ordini vengono confrontati tra due lati della bilancia: il flusso di ordini dal lato dell’offerta e il flusso di ordini dal lato della domanda.

Ad esempio, se si vedono grandi ordini di vendita contro un’azione con prezzo rialzista (il che significa che i prezzi stanno aumentando), allora puoi chiamare quel “flusso di ordini sul lato della domanda”.

D’altra parte, se ci sono grandi ordini di acquisto che entrano nel mercato contro un’azione di prezzo ribassista (i prezzi stanno scendendo), allora questo sarebbe chiamato “flusso di ordini dal lato dell’offerta”.

Questi confronti funzionano particolarmente bene nei mercati di tendenza, quando i prezzi si muovono in una direzione da tempo.

E ciò che è più importante, i flussi degli ordini sono relazionali. Ci dicono qualcosa sul flusso degli ordini rispetto al flusso degli ordini sul lato opposto della scala, quindi un flusso di ordini non può esistere senza il suo flusso di ordini corrispondente sull’altro lato della scala dei prezzi. Questo è molto importante. Ad esempio, se gli acquirenti sono molto numerosi rispetto ai venditori, allora i prezzi saranno spinti più in alto solo dal flusso di ordini dal lato della domanda. Se l’offerta fosse maggiore dell’ask, i prezzi scenderebbero a causa del flusso di ordini bid nel mercato (cioè nuovi ordini di vendita in arrivo che spingono i prezzi verso il basso).

I flussi degli ordini forniscono anche informazioni sulla profondità del portafoglio ordini: chi sta spingendo in modo aggressivo i prezzi a loro favore e quanto è forte tale pressione.

Ciò significa che il trading order flow genera un certo tipo di informazioni sul flusso degli ordini e sulla profondità del portafoglio ordini, al contrario dei flussi degli ordini tick-by-tick generati da ogni ordine che entra nel mercato.

Questo rende il trading del flusso degli ordini molto vantaggioso perché ti consente di concentrarti su quei tick in cui ci sono notizie sull’azione dei prezzi, senza doverti sedere e guardare ogni tick per ore.

Il flusso degli ordini consente inoltre ai trader di vedere come i diversi ordini interagiscono e influenzano i prezzi.

Order flow trading: consigli ed esempi

Nel software di flusso degli ordini di oggi, visualizzi il volume in modo visibile, ma… È vero? Sulle candele stesse, vedrai i prezzi ask (a destra) e bid (a sinistra) su entrambi i lati, come si vede in questo grafico.

C’è la tendenza a pensare che tutto ciò che viene eseguito sul lato destro (ask) riguardi acquisti aggressivi sul mercato e viceversa, sul lato sinistro o offerte di vendita aggressive sul mercato. Sicuramente più di uno ci ha mai pensato, quindi è normale per noi credere che questa sia la cosa migliore che ci sia mai capitata. Questa visione è totalmente manipolata, sappiamo tutti che è impossibile. Se fosse vero, guadagneremmo milioni.

Se entriamo in questa dinamica e pensiamo davvero che attraverso il flusso degli ordini tutto sia un acquisto aggressivo in relazione al movimento del prezzo, finché non vediamo cosa c’è sul grafico, non chiuderemo una posizione. Questo è estremamente pericoloso, il meccanismo del flusso degli ordini è un processo molto più complicato che può portare a grandi perdite.

Sarà quindi fondamentale studiare a fondo l’origine degli ordini e non interpretare a colpo d’occhio l’attuale software di flusso degli ordini.

Di solito ti vendono questo tipo di trading come uno strumento totalmente visivo, che illuminerà e chiarirà tutti i dubbi esistenti nel grafico, ma la verità è la seguente: quello che hanno fatto con questo tipo di strumenti è mettere sul lato ask tutto ciò che ha a che fare con l’incrocio degli ordini di acquisto al mercato con il limite di vendita e, sul lato sinistro, sul bid, tutto ciò che riguarda l’incrocio di ordini di vendita al mercato e limite di acquisto.

Cosa succede di solito? Creiamo una situazione completamente sbagliata per noi stessi di ciò che sta realmente accadendo nel mercato in tempo reale, con la quale non sapremo chi ha il controllo, se pesciolini o squali.

Se questo fosse reale, le divergenze delta non avrebbero origine, per esempio. Se fosse tutto compra e vende, in una candela rialzista, dovremmo vedere tutte le richieste positive e questo non accade. E tutto questo da interpretare in tempo reale, con ordini di stop loss e tutto l’armamentario, immagina, diventa impossibile.

E le chiusure manuali? Dove lo vediamo? L’intenzionalità degli ordini non è chiara. Troppo tempo dedicato ad analizzare.

Il problema è che la grafica ti mostra in modo molto visivo con colori e decorazioni qualcosa che sembra semplice, ma non lo è. Dovrai ottenere il ragionamento da ciascuno di questi dati. Take profit, stop loss delle vendite, ecc. non vengono visualizzati.

Dopo aver analizzato l’intero mercato, studiando i movimenti precedenti, l’intenzionalità e ciascuna delle caratteristiche utilizzate per formare i due lati delle candele, è allora che potresti iniziare ad anticipare i movimenti futuri. Essendo terribilmente soggettivo, solo una completa dedizione e studio darebbe buoni frutti con l’utilizzo di questo strumento. 

Order flow con TradingView

Nella piattaforma TradingView con il registro del flusso di ordini si possono vedere le transazioni effettuate di recente. Lo strumento analizza i dati relativi al volume e al prezzo per stimare quante transazioni “bid” e “ask” sono state effettuate sul mercato. In genere le transazioni bid sono effettuate da venditori attivi (con acquirenti passivi) e quelle ask da acquirenti attivi (con venditori passivi).

Broker con TradingView

Pepperstone è spesso considerato uno dei migliori broker da abbinare a TradingView, grazie a una serie di fattori. Innanzitutto, Pepperstone è noto per la sua esecuzione veloce e affidabile degli ordini, aspetto fondamentale per i trader che si basano su analisi tecniche dettagliate come quelle fornite da TradingView.

Inoltre, Pepperstone offre l’accesso a una vasta gamma di mercati finanziari, che vanno dal forex agli indici, dalle materie prime alle criptovalute, alle azioni. Questo significa che i trader possono utilizzare i dati di TradingView per analizzare e fare trading su un’ampia gamma di asset. Un altro grande vantaggio è l’integrazione diretta di Pepperstone con TradingView.

Pepperstone si distingue anche per le sue tariffe competitive. Con spread bassi e nessuna commissione su alcuni account, questo broker può aiutare a ridurre i costi di trading, soprattutto per i trader ad alto volume.

Infine, per i nuovi trader o coloro che cercano di affinare le proprie abilità, Pepperstone offre un’ampia gamma di risorse educative, tra cui webinar, guide di trading e un centro di apprendimento online.

Mercati

Italia, Europa, USA, Asia, Australia

Broker STP

Varietà di piattaforme e strumenti disponibili

Consente lo scalping

CFD su azioni e ETF australiani, tedeschi, inglesi, USA e Hong Kong

Deposito minimo:

€0.00

Qui trovi la lista completa dei broker TradingView.

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€100.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

Come investire 5000 euro in modo sicuro
Investire 5000 euro di per sé non ti consentirà magari di vivere di rendita, ma può essere un importante passo nella pianificazione della propria vita finanziaria. Vediamo come, perché e dove investire 5000 euro. Perché investire 5000 euro...