Fineco trading vs Webank trading: recensioni

In questa recensione comparativa mettiamo a confronto WeBank vs Fineco, due istituti bancari che offrono, oltre a servizi di tipo bancario, anche piattaforme di trading attraverso cui attuare le proprie strategie di investimento. Andremo a coprire i principali aspetti: la regolamentazione, i costi, i servizi offerti dalle rispettive piattaforme, le differenze, i vantaggi e gli svantaggi e le recensioni da parte dell’utenza. L’obiettivo è quello di aiutarti a comprendere quelle che sono le principali caratteristiche dei due servizi, posto che la scelta finale è soggettiva e dipende da quelle che sono le tue esigenze e necessità.

Fineco vs WeBank

Qual è la migliore fra Fineco e Webank

Come anticipato, la scelta fra una piattaforma e l’altra di investimento non dipende solo ed esclusivamente da fattori oggettivi ma anche e soprattutto da fattori soggettivi. Quindi, quello che cercheremo di fare in questo articolo non è decretare un vincitore assoluto, ma piuttosto operare un’analisi comparativa fra le due piattaforme.

A seconda di quello che è il tuo profilo come investitore potresti, ad esempio, prestare maggiore attenzione all’aspetto delle commissioni, se intendi effettuare un gran numero di transazioni, oppure a quello dell’intuitività, se ad esempio compi i primi passi nel mondo del trading online, oppure le funzionalità avanzate offerte da ciascuno di questi due servizi o anche l’offerta di prodotti disponibili. Ogni investitore è, del resto, un individuo unico e porta con sé esigenze particolari.

Prima di addentrarci nel vivo dell’analisi, può risultare utile avere una tabella che riassuma le caratteristiche di ciascun broker, che troverai di seguito.

FinecoWeBank
⚖️ Regolamentazione ConsobConsob
💰 Deposito minimo NoNo
📊 Prodotti Azioni, ETF, Forex, fondi,
obbligazioni, opzioni, futures, CFD
Azioni, obbligazioni, ETF, CW, Certificates, Derivati
🎯 Conto demo No No
Scopri di più →

Sicurezza e autorizzazioni: Fineco vs Webank

Uno dei fattori fondamentali per valutare un servizio di trading è sicuramente quello della sicurezza. Verifichiamo quindi l’affidabilità di Fineco e Webank rispetto al profilo della regolamentazione.

Sicurezza e regolamentazione Fineco

Fineco è uno degli istituti più solidi operanti in campo banking ed investimenti. Va da sé l’iscrizione al fondo nazionale di Garanzia e del Fondo Interbancario di tutela dei depositi, essendo poi iscritta al Registro Unico degli intermediari Assicurativi e Riassicurativi presso l’IVASS.Viene sottoposta alla vigilanza della Banca d’Italia e della Consob. Inoltre l’istituto è estremamente rinomato, con una base di utenza di circa 1,3 milioni.

Sicurezza e regolamentazione Webank

Webank fa parte del gruppo Banco BPM. Vengono offerti sia servizi di banking che servizi di trading. Quindi, sotto questo profilo è simile a Fineco, potendo contare su una licenza bancaria, e tutte le garanzie che ne derivano, oltre ad essere ovviamente sotto vigilanza prudenziale della Consob. Inoltre, la piattaforma di trading, dalla sua costituzione, non ha mai subito violazioni informatiche importanti, ad ulteriore riprova della sicurezza del servizio a 360 gradi, sia sotto il profilo legislativa che sotto quello informatico.

Costi e commissioni: Fineco vs Webank

Dopo avere visto le due opzioni sotto il profilo della sicurezza e della regolamentazione, andiamo adesso ad analizzare il profilo dei costi e delle commissioni di questi due servizi di trading online.

Fineco trading: costi

Vediamo quali sono i costi per accedere al trading con Fineco.

Canone conto corrente

Analizziamo la struttura dei costi e delle commissioni di Fineco. Innanzitutto, occorre fare una premessa fondamentale: per operare sulla rispettiva piattaforma di trading online, è necessario possedere un conto corrente Fineco. Questa è, in effetti, la prima voce di spesa che dobbiamo prendere in considerazione per la quantificazione delle nostre attività di investimento. A meno che, ovviamente, non si disponga già di un conto corrente. Il costo per il conto è di 6,95 euro mensili.

Fineco Bank

8.75/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada

Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF

Operatore solido, regolato dalla CONSOB e quotato in Borsa.

Nuova piattaforma FinecoX: personalizzazione, funzionalità evolute e completezza operativa

Puoi riunire servizi bancari e di trading in un solo conto.

Deposito minimo:

€0.00

Commissioni di negoziazione

Il secondo profilo da analizzare è quello che riguarda e invece le commissioni applicate alle operazioni di negoziazioni degli strumenti finanziari. In questo caso non c’è un importo fisso, ma questo varia a seconda dello strumento con cui si opera. Il principio è che maggiore è il denaro investito, più ridotta è la rispettiva commissione. Scendendo più nello specifico, per quanto riguarda Azioni, obbligazioni, ETF e certificati in Italia e Europa sotto i 99 euro di commissioni generate nel mese andremo a pagare 19 euro di commissione, mentre si pagano 9,95 euro nella fascia 100-1500 euro al mese, e 6,95 dai 1500 euro fino a 2500 euro mensili, per poi pagare la commissione più ridotta, pari a solo 2,95 euro dopo questa fascia.Relativamente invece ad azioni, obbligazioni, ETF e certificati in Stati Uniti e Canada, pagando dai 12,95 dollari/25,00 dollari canadesi, riducibili a 3,95 dollari/10,00 dollari canadesi a seconda del capitale investito.Infine, le commissioni di futures e opzioni partono da 8,95 euro, nella fascia di investimento più bassa, fino a 0,95 nella fascia di investimento più alta.

Costi e commissioni di Finecobank

Webank trading: costi

Vediamo ora quali sono i costi per accedere al trading con Webank.

Canone di piattaforma e canone di quotazione

La struttura delle commissioni e dei costi di Webank trading appare forse come più complessa. Il primo costo da prendere in considerazione è quello relativo alla piattaforma proprietaria T3. Il canone mensile è pari a 30 euro, il quale però si riduce a zero se si effettuano operazioni per almeno 50 euro di commissione nel mese di calendario. Ovviamente questo va a scoraggiare, da un lato, i piccolissimi investitori, i quali si ritrovano ad affrontare, a fronte di un importo investito relativamente ridotto, una spesa di canone mensile piuttosto rilevante. La seconda tipologia di costo da considerare è quello per la quotazione in tempo reale. In particolare, il canone mensile da pagare è fra i 5 e i 20 euro per i mercati esteri, mentre è gratuito per il mercato italiano

Canone per operazioni effettuate e classi

Ci sono poi, come abbiamo visto per Fineco, dei costi che si ricollegano alle operazioni di negoziazione effettuate all’interno della piattaforma. Nello specifico ci sono due tipologie di piani fra cui è possibile scegliere: costo fisso e costo variabile. All’interno di ogni tipologia di piano, ci sono 5 fasce diverse a cui si viene assegnati a seconda della quantità di denaro investito: maggiori le commissioni applicate nel mese precedente (quindi, maggiore l’attività del trader), minori sono le commissioni. Il primo livello va da 0 a 500 euro. Il secondo da 500 a 1000 euro. Il terzo da 1000 a 1500 euro. Il quarto da 1500 a 2000 euro. Il quinto da 2000 euro in poi. Ad esempio, la commissione fissa va da 12 euro a 2,75 per azioni, obbligazioni ed ETF sul mercato Italiano ed UE, con fasce intermedie di 8, 6 e 4 euro. Mentre per il profilo variabile si va dallo 0,19% allo 0,13% nella quinta fascia per azioni, obbligazioni ed ETF sul mercato italiano ed UE. Per le azioni USA invece i costi salgono, da 15,9$ a 6,9$, a prescindere che ci scelga il profilo fisso o quello variabile. Per i derivati A da 9 euro a 3 euro. Mentre per le azioni Londra da 12,5£ a 7,5£ e cosi via.

Fineco vs Webank
Costi e commissioni Webank

Regole sul declassamento

Ulteriore punto da tenere in considerazione è che il mancato raggiungimento dell’operatività nel mese non determina un immediato declassamento alla classe di appartenenza. La regola è che si può scendere di massimo una classe al mese. Quindi, ad esempio, se nel mese di Settembre generiamo commissioni per 2000 euro, mentre nel mese di Ottobre generiamo commissioni per soli 500 euro, la classe a cui verremmo assegnati è la quarta e non la seconda.

Piattaforme di trading: Fineco vs WeBank

Piattaforma di trading Fineco

La piattaforma di trading per Fineco è PowerDesk. La nostra opinione è positiva: si tratta di una piattaforma ricca di funzionalità, con numerosi strumenti di analisi, sia tecnica che funzionale. Come, ad esempio, grafici, quotazioni in tempo reale e prodotti per il monitoraggio costante dell’andamento dei propri investimenti finanziari. Con PowerDesk è possibile l’accesso a MTA, SeDeX, Nasdaq, Amex, Nyse, Euronext (Francia, Olanda, Portogallo) Xetra, Ibex, Lse (Sets), Virt-x, Hex25, Idem, Eurex, CME, Forex, TLX, EuroTLX, Mot e EuroMot.  Lo strumento è inoltre estremamente organizzato dal punto di vista visivo, ed è possibile visualizzare tutti i dati e le informazioni necessarie grazie ad una struttura orizzontale, senza la necessità di andare ad effettuare alcun tipo di configurazione. Affianco a PowerDesk è poi disponibile, da qualche anno, anche FinecoX. Piattaforma estremamente intuitiva, adatta a chi muove i primi passi nel mondo del trading e degli investimenti. In conclusione, Fineco offre un ampissimo ventaglio di alternative in grado di soddisfare le più diverse esigenze, sia quelle degli investitori più esperti che quelle degli investitori alle prime armi.

Piattaforma di trading Webank

Dal punto di vista operativo Webank offre l’innovativa piattaforma T3. Anche qui abbiamo un ampissimo ventaglio di alternative e possibilità, con strumenti di analisi complessi, possibilità di trading automatico, funzionalità multi-device e ampie possibilità di personalizzazione in relazione alle proprie esigenze personali, il tutto in un ambiente intuitivo, user-friendly, adatto a tutte le tipologie di utenti ed investitori. Disponibile anche la versione mobile, e con l’app Trading T3 Webank si ampliano ulteriormente le proprie possibilità di investimento. Eliminazione totale delle barriere spaziali e temporali: potrete fare trading ovunque vi troviate, monitorare costantemente i propri investimenti, senza perdere tempo prezioso.

Fineco vs Webank: differenze

Abbiamo offerto una panoramica generale delle caratteristiche dei due broker, ma quali sono le principali differenze?

Fineco vs Webank: commissioni

  • Il canone per l’utilizzo della piattaforma è più conveniente per Fineco, ma solo se ci si mantiene sotto i 50 euro mensili a livello di operazione effettuate. Sopra questa soglia abbiamo visto che il canone per il mantenimento della piattaforma Webank va sostanzialmente ad azzerarsi, diventando quindi più conveniente.
  • Costo per le commissioni per le operazioni effettuate di mercato UE e Italia sono più convenienti per Webank nella fascia più bassa, quella sotto i 100 euro di commissioni generate nell’ultimo mese: qui il risparmio è sostanziale. Nella fascia medio bassa che va dai 100 ai 500 di commissione generate, è invece più conveniente Fineco, abbassandosi la commissione a soli 9,95 euro, mentre quella di WeBank resta ferma fino ai 500 euro. Nelle altre fasce intermedie, diventa più conveniente un servizio piuttosto che l’altro a seconda della fascia in cui si rientra, con un leggero favore per Webank. Per la fascia più alta è invece più conveniente Fineco. Sul mercato USA Webank perde invece di competitività, almeno se confrontata a Fineco.
  • Struttura delle commissioni e profilo variabile: abbiamo visto come nel caso di Webank vi sia la possibilità, per azioni, obbligazioni ETF e Sedex e azioni Europa, di scegliere il profilo variabile con l’applicazione di un’aliquota all’operazione effettuata, che comunque non potrà mai sforare determinati limiti minimi e massimi specificati. La possibilità di adottare il profilo variabile risulta allettante, nel confronto con Fineco, laddove si eseguano piccole operazioni, e cioè dove l’applicazione dell’aliquota dello 0,19%, 0,17%, 0,15% e 0,13% alla propria operazione non produca un importo superiore ai 2,75 euro (limite minimo). Perde invece di significato (e diventa più sconveniente), nel confronto con FinecoBank, quando l’importo dell’operazione diventa via via più elevato.

Fineco vs Webank: piattaforma

Per quanto riguarda la piattaforma, dal punto di vista tecnico, Fineco è forse superiore, offrendo fra l’altro la possibilità di operare sul Forex. Quindi, maggiori opportunità operative. Webank, d’altro canto, risulta essere una piattaforma comunque valida e, soprattutto, con ampie possibilità di personalizzazione. Nonostante ci siano piattaforme più intuitive di quelle offerte da Fineco e Webank per gli investitori alle prime armi, restano in ogni caso ottime alternative per chiunque intenda effettuare operazioni di investimento in autonomia.

Fineco vs Webank: opinioni

Tirando le somme, possiamo dire che si tratta in entrambi i casi di servizi di trading validi, sicuri e regolamentati, che offrono un ampio ventaglio di possibilità di investimento e trading. Il profilo più problematico, soprattutto per quanto riguarda Fineco, è quello relativo alle commissioni elevate per i piccoli investitori. D’altro canto, anche Webank presenta un canone relativamente importante sotto la soglia di 50 euro di commissioni generate. Dal punto di vista tecnico, il giudizio è invece positivo per entrambi.

Vantaggi e svantaggi: Fineco vs Webank

👍 Vantaggi Fineco 👍 Vantaggi Webank
Strumenti di analisi complessi Ampie possibilità di personalizzazione
Commissioni convenienti (rispetto a Webank) nella fascia medio-bassaCommissioni più convenienti per i piccoli investitori
👎 Svantaggi Fineco 👎 Svantaggi Webank
Alte commissioni per i piccoli investitori Canone di mantenimento per i piccoli investitori
Assenza di un conto demo per iniziare.Assenza di un conto demo per iniziare.

Fineco vs Webank su Trustpilot

Per quanto riguarda le recensioni su TrustPilot, possiamo osservare come Webank abbia un punteggio decisamente più basso, pari a 2,2, a fronte dei 4,8 di Fineco. Se la differenza è sicuramente rilevante, bisogna evitare di giungere a conclusioni affrettate. In primo luogo, infatti, si tratta in entrambi i casi di servizi che offrono anche servizi bancari oltre che di trading, e la maggior parte delle recensioni negative lamentano problemi con lo sportello o le carte di credito, che hanno poco a che fare con la piattaforma di trading. In secondo luogo, FinecoBank può contare su molte più recensioni (circa 41300) rispetto a Webank (che si ferma a 565).E un campione più ampio è anche tendenzialmente più equilibrato.

webank vs fineco
fineco vs webank trading

Confronta Fineco Bank con altri broker e banche

Non sei ancora convinto? Leggi altre comparative di Fineco:

FAQ

Fineco e Webank sono sicuri per il trading?

La risposta è affermativa: si tratta di due opzioni estremamente sicure, regolamentate e sotto vigilanza della Consob per quanto concerne i servizi di trading.

Meglio Fineco o Webank per il trading?

Non c’è una risposta univoca. Bisogna prendere in considerazione le proprie esigenze personali a livello di commissioni, esperienza ed esigenze di investimento.

Fineco e Webank prevedono un conto demo?

No, come accade per molte delle piattaforme offerte da istituti bancari, non c’è la possibilità di fare trading con un conto demo.

Posso fare trading sul Forex con Webank?

Webank non offre la possibilità di fare trading sul Forex.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Trova il miglior broker per te
Vuoi iniziare a investire o scegliere una casa di intermediazione che si adatti meglio alle tue esigenze? Vuoi fare i tuoi primi passi nel mercato azionario o passare a un broker che si adatta meglio alle tue esigenze?
  • Ti aiutiamo a trovare il broker giusto per te
  • Ricerca indipendente, gratuita e senza impegno
  • Compila questo questionario in meno di 1 minuto

Articoli correlati

Lasciate i vostri pensieri

Leave a Comment

Sii il primo a commentare!
Commento