Tassazione dell’oro e dell’argento da investimento

L'investimento in metalli preziosi, come l'oro e l'argento, ha radici profonde nella storia economica mondiale. Questi beni hanno mantenuto un valore intrinseco nel corso dei secoli, offrendo agli investitori un rifugio sicuro nei momenti di incertezza economica. In questo articolo esploreremo la natura dell'oro e dell'argento come asset di investimento e come pagare le imposte su questo investimento.

tassazione oro e argento

Cosa sono l'oro e l'argento da investimento?

L'oro e l'argento da investimento si riferiscono a metalli preziosi acquistati con l'intento di conservare valore nel tempo come parte di un portafoglio di investimento. Questi possono essere detenuti in forma fisica, come barre, monete, o gioielli, oppure in forma digitale, tramite titoli, ETF (Exchange-Traded Funds) o certificati che rappresentano la proprietà di una certa quantità di metallo prezioso.

  • L'oro è noto per la sua durabilità, resistenza alla corrosione e, soprattutto, per la sua scarsità, che ne fa un mezzo di conservazione del valore altamente ricercato.
  • L'argento, pur essendo più abbondante dell'oro, vanta un'ampia gamma di utilizzi industriali oltre al suo valore come investimento, il che può influenzare il suo prezzo sul mercato.

Oro e argento in Borsa

In Borsa possiamo vedere la presenza sia dell'oro che dell'argento come materie prime o commodities. Alcuni investitori che cercano un'esposizione all'oro e all'argento preferiscono possedere lingotti fisici. Questa strategia garantisce che il valore degli asset si muoverà all'unisono con i prezzi spot di questo binomio, eliminando le sfumature dei contratti futures. L'oro ha un elevato rapporto valore / peso, quindi è relativamente economico immagazzinare una quantità di lingotti d'oro. Tuttavia, il valore dell'oro significa anche che gli investitori devono provvedere allo stoccaggio sicuro. Da parte sua, anche se l'argento è molto più economico dell'oro, mantiene anche un rapporto valore/peso sufficientemente elevato per produrre un buon rendimento.

Alcuni degli ETF sull'oro, ovvero i fondi che esistono su questo unico asset, sono GLD (Londra), SGOL (Svizzera) e AGOL (Singapore). Nel caso dell'argento sono SLV iSharesSilver Trust, SIVR SilverPhysic Shares, PowerSharesSilver DBS o ETF iShares SilverTrust. Ci sono anche ETF sull'argento e ETF sull'oro che tracciano i futures per ciascuno di questi metalli, o quelli che detengono fisicamente il prodotto in caveau di sicurezza.

Gli Stati Uniti ospitano i mercati dei futures su oro e argento più grandi del mondo. Lì, i futures su oro e argento sono negoziati sui mercati dei futures del CME Group attraverso la sua divisione COMEX di NYMEX (il più grande mercato mondiale di futures e opzioni sui metalli) principalmente attraverso la sua piattaforma di trading elettronico.

Un'altra buona opzione di investimento sono le azioni di società dedicate all'estrazione di metalli preziosi, che possono essere un'opportunità interessante. Ci sono molte società di esplorazione di oro e argento e società minerarie quotate in borsa. In Italia, tutte queste transazioni sui metalli preziosi sono supervisionate e monitorate dalle autorità fiscali.

Perché investire in oro e argento

Investire in oro ha diversi vantaggi.

  • Diversificazione del portafoglio: l'oro e l'argento hanno una correlazione bassa o negativa con altri asset come azioni e obbligazioni. Questo significa che possono agire come un'efficace copertura contro la volatilità del mercato, riducendo il rischio complessivo del portafoglio.
  • Protezione contro l'inflazione: nei periodi di alta inflazione, il valore della moneta tende a diminuire. L'oro e l'argento, tuttavia, hanno mantenuto il loro valore reale nel tempo, proteggendo così il potere d'acquisto degli investitori.
  • Rifugio sicuro: in tempi di incertezza economica o instabilità finanziaria, gli investitori tendono a rivolgersi a beni tangibili come l'oro e l'argento, che sono considerati rifugi sicuri. Questi metalli preziosi hanno dimostrato di mantenere o addirittura aumentare il loro valore in tali periodi.
  • Domanda industriale: l'argento, in particolare, beneficia di una domanda industriale sostenuta, essendo un componente critico in numerose applicazioni tecnologiche, mediche e industriali. Questo uso diversificato può contribuire a sostenere il suo valore nel lungo termine.
  • Liquidità: l'oro e l'argento sono beni globalmente riconosciuti e facilmente vendibili. Questo significa che gli investitori possono rapidamente convertire i loro investimenti in metallo prezioso in contanti, offrendo una forma di liquidità non sempre disponibile con altri tipi di investimenti.

Come vengono tassati l'oro e l'argento?

È importante iniziare sottolineando che il solo possesso di oro non è tassato in Italia, anche se le compravendite di oro con un valore pari o superiore a 12.500 euro devono essere dichiarate all’UIF (Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia) entro la fine del mese successivo alla compravendita.

La compravendita di oro e argento è un’operazione finanziaria che genera plusvalenze o minusvalenze finanziarie che, di conseguenza, devono essere assoggettate a tassazione attraverso l’applicazione di una imposta sostitutiva (Irpef). Il valore della plusvalenza sottoposto a tassazione deve essere indicata dal contribuente in sede di dichiarazione dei redditi, all’interno del quadro RT – sezione II “Plusvalenze di natura finanziaria”. Vediamo come si calcola questa plusvalenza.

Quando il reddito prodotto dalla cessione dei metalli preziosi è assoggettato a tassazione?

La base imponibile, che verrà indicata in dichiarazione dei redditi, nella parte RT, è data dalla differenza tra due valori:

  • Il corrispettivo pattuito per la vendita.
  • Il valore di acquisto del metallo, maggiorato dei costi inerenti di produzione, comprese le tasse di successione o donazioni, spese notarili, ecc. (eccetto interessi passivi).

La base legale sono le disposizioni dell'articolo 68 del DPR n. 917/86, in merito alla determinazione dell'importo da assoggettare ad imposta sostitutiva:

Per determinare correttamente tale valore è indispensabile conservare la documentazione relativa all'atto di compravendita dell'oro e dell'argento, ovvero la fattura, fino al 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui deve essere presentata la dichiarazione. In assenza della fattura le plusvalenze saranno assoggettate a tassazione fissa, con una base imponibile pari al 25% del prezzo di vendita.

Tassazione oro e argento: l'imposta sostitutiva sulle plusvalenze

Questa base imponibile deve essere soggetta ad un'imposta sostitutiva, con aliquota del 26%, che è la stessa aliquota alla quale viene tassato il reddito finanziario (azioni, ETF, futures, ecc.). La tassazione di oro e argento deve essere indicata nella parte RT del Modello di Reddito delle Persone fisiche, nella sezione II, dedicata alle plusvalenze di natura finanziaria assoggettate ad imposta sostitutiva del 26%.

Questa sezione della dichiarazione dei redditi deve essere compilata dalle persone fisiche residenti in Italia per dichiarare le plusvalenze e gli altri redditi vari di natura finanziaria indicati nell'articolo 67, comma 1, lettere da c-bis) a c-quinquies), del DPR n. . 917/86, effettuata a partire dal 1 luglio 2014. Sono il reddito e il prodotto per il quale è dovuta l'imposta sostitutiva pari al 26% (art. 3 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89).

Puoi approfondire questo argomento sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Come viene pagata l'imposta sostitutiva del 26% sulle plusvalenze finanziarie?

L'imposta sostitutiva deve essere pagata con il modello F24, entro il termine per il pagamento dell'imposta sul reddito a cui si riferisce la relativa dichiarazione (ovvero il 30 giugno dell'anno in corso), con riferimento all'imposta dovuta nell'anno precedente.

Ricordate, però, che nel caso di un'operazione effettuate tramite un intermediario finanziario residente in Italia e laddove il contribuente abbia optato per il regime di risparmio gestito o amministrato, non c'è nessun obbligo di dichiarazione in capo al contribuente. Questa pratica è possibile se si investe con i broker sostituto d'imposta.

Quando, al contrario, il contribuente ricorre a intermediari finanziari esteri, l'unico regime applicabile è la dichiarazione dei redditi, che abbiamo spiegato in questo articolo. L'obiettivo è determinare l'imposta sostitutiva che deve essere pagata direttamente dal contribuente utilizzando il modulo F24.

Come pagare le tasse sugli investimenti?

Vuoi investire in oro o argento?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€50.00

XTB
Deposito minimo:

€0.00

FAQ

I lingotti d'oro vanno dichiarati?

Sì, i lingotti d'oro vanno dichiarati ai fini fiscali in Italia. Se possiedi oro da investimento, come lingotti, potresti doverlo indicare nella tua dichiarazione dei redditi, specialmente se rientra in asset soggetti a IVAFE (Imposta sul Valore degli Attivi Finanziari all'Estero) o se realizzi plusvalenze dalla sua vendita.

Se vendo oro devo dichiararlo?

Sì, se vendi oro e realizzi una plusvalenza, devi dichiararlo ai fini fiscali. In Italia, le plusvalenze dalla vendita di oro da investimento sono soggette a tassazione al 26% e devono essere incluse nella tua dichiarazione dei redditi.

Quanto è tassato l'oro?

Le plusvalenze realizzate dalla vendita di oro da investimento sono soggette a una tassazione del 26% se superano le soglie stabilite dalla normativa fiscale italiana.

Quanto è l'IVA sull'oro?

L'oro da investimento (barre o monete che soddisfano certi criteri di purezza) è esente da IVA in Italia. Questo significa che non si applica l'IVA all'acquisto di oro da investimento.

Quanto oro si può detenere?

Non esiste un limite legale specifico alla quantità di oro che un individuo può detenere in Italia. Tuttavia, per importi significativi, è consigliabile mantenere documentazione che attesti l'origine dell'oro per motivi di trasparenza e sicurezza.

Cosa succede se vendo l'oro?

Se vendi oro da investimento e realizzi una plusvalenza, questa potrebbe essere soggetta a tassazione al tasso del 26% in Italia, a seconda che il guadagno superi le soglie stabilite. È importante tenere traccia delle transazioni e consultare un consulente fiscale per assicurarsi di rispettare tutte le normative fiscali applicabili.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati

Migliori broker per negoziare i futures
Il mercato dei futures continua a essere uno dei più grandi mercati scambiati al mondo ogni anno. La creazione di contratti mini e micro ha dato accesso a questo mercato a molti trader che non avevano capitali sufficienti per operare con i futures...