Fisher Investments Italia spiega come evitare le decisioni di investimento dettate dall’emotività

Paura e avidità. In base all’esperienza di Fisher Investments Italia, queste emozioni possono influenzare in modo significativo le opinioni di mercato degli investitori e le loro decisioni di investimento. In base alle nostre ricerche lasciare che siano le emozioni a dettare le decisioni di portafoglio aumenta il rischio di commettere errori.

A nostro avviso, la consapevolezza delle potenziali insidie può aiutare gli investitori a mantenere un approccio disciplinato. Abbiamo riscontrato che la paura spesso deriva da precedenti perdite subite sul mercato e, in molti casi, riteniamo che agire sulla base di questa emozione possa tradursi in opportunità sprecate. Gli studi di finanza comportamentale hanno dimostrato che gli investitori detestano talmente tanto le perdite che sono disposti a fare di tutto pur di avere l’illusione di poterne evitare altre, sebbene ciò comporti costi potenzialmente peggiori nel lungo periodo (1). Gli investitori potrebbero ad esempio essere indotti a vendere le proprie posizioni quando subiscono ribassi, nella speranza di evitare ulteriori perdite. Tuttavia, secondo Fisher Investments Italia, questo comportamento è molto più rischioso di quanto molti pensino. Vendendo nelle fasi di ribasso si rischia non solo di conseguire perdite, ma anche di non cogliere l’opportunità di beneficiare del recupero che ne segue. Le nostre ricerche mostrano che i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri, pertanto se la posizione recupera e l’investitore desidera riacquistarla, potrebbe doverlo fare a un prezzo più alto di quello a cui l’ha venduta, aggravando il danno.

Il ruolo dei sentimenti negli investimenti

Certamente, i periodi di ribassi prolungati possono essere difficili da affrontare da un punto di vista emotivo. Tuttavia, le ricerche di Fisher Investments Italia dimostrano che per gli investitori con obiettivi a lungo termine e tolleranza al rischio in linea con i rendimenti tipicamente offerti dal mercato azionario, la partecipazione ai ribassi non preclude la possibilità di raggiungimento degli obiettivi prefissati. È infatti opportuno considerare che il rendimento annualizzato a lungo termine delle azioni globali, pari al 10,0%, comprende sia i mercati ribassisti che altre fasi di calo dei mercati (2). Pertanto, riteniamo che gli investitori che mantengono un atteggiamento disciplinato durante questi periodi saranno ricompensati nel lungo termine.

L’avidità

Al contrario, abbiamo riscontrato che l’avidità può indurre gli investitori ad assumere un maggior rischio di ribasso nel tentativo di conseguire maggiori guadagni. L’avidità può prendere diverse forme, tra cui investire utilizzando fondi di emergenza, concentrare i propri investimenti in un numero troppo esiguo di titoli o settori, o ancora acquistare un titolo sulla scia dei rendimenti elevati che ha registrato di recente. Un esempio che Fisher Investments Italia trova particolarmente rischioso è l’investimento con leva finanziaria (prendere in prestito fondi per investire). L’utilizzo della leva finanziaria permette di ottenere un potenziale di rialzo più elevato, in quanto i fondi presi a prestito forniscono agli investitori più capitale da impiegare. C’è però anche un grosso svantaggio: utilizzando la leva finanziaria si rischia di perdere più di quanto inizialmente investito. In alcuni casi, i trader che si avvalgono della leva finanziaria possono ricevere una margin call dal prestatore, che costringe l’investitore a depositare ancora più fondi propri se il suo conto di margine scende al di sotto di un certo valore. Oppure, qualora l’investitore non disponesse di fondi aggiuntivi per soddisfare la richiesta, gli intermediari possono costringerlo a vendere dopo un calo, facendo insorgere i problemi che ne conseguono a cui abbiamo già accennato.
Le analisi di Fisher Investments Italia sulla storia dei mercati dimostrano che la volatilità può verificarsi per qualunque ragione o senza alcun motivo, pertanto in caso di volatilità negativa gli investitori con una leva finanziaria elevata possono trovarsi messi alle strette. Sebbene avvalersi della leva finanziaria possa sembrare irrazionale, abbiamo scoperto che l’avidità può rendere gli investitori ciechi di fronte ai rischi di ribasso. A nostro avviso, la ricerca di rendimenti simili a quelli offerti dal mercato può aiutare gli investitori a definire aspettative realistiche, il che rappresenta un utile strumento di contrasto ai comportamenti dettati dall’avidità. Capire cosa è probabile e cosa non lo è può aiutare a dissuadere gli investitori dall’inseguire categorie o investimenti popolari.

Conclusione

Prima di prendere qualsiasi decisione di portafoglio, crediamo sia opportuno che gli investitori si domandino quali siano le tesi a supporto di tale scelta, e se si tratti di una scelta lungimirante. Le ricerche di Fisher Investments Italia sulla storia del mercato suggeriscono che l’andamento dei listini è dettato soprattutto dai fattori economici e politici che con più probabilità influenzeranno gli utili aziendali in un orizzonte di 3-30 mesi. Riteniamo quindi opportuno mettere in discussione e scartare qualsiasi tesi basata sui movimenti del mercato e sugli eventi passati. Inoltre, è importante considerare se tale decisione d’investimento sia il linea con la propria strategia d’investimento a lungo termine. Secondo Fisher Investments Italia, per gli investitori è vantaggioso stabilire e attenersi al piano finanziario più adatto ai loro obiettivi, alle loro esigenze e alla loro tolleranza al rischio. Se una decisione d’investimento si discosta dalla strategia prefissata, può essere utile considerare la sua compatibilità con la strategia. Infine, è necessario valutare le eventuali conseguenze di una scelta d’investimento sbagliata. Riteniamo che ignorare l’effettivo costo di un errore, e spesso anche non considerare che qualsiasi scelta potrebbe rivelarsi sbagliata, siano segnali di una decisione dettata dalle emozioni.
Sebbene possa risultare facile prendere decisioni d’investimento affrettate, riteniamo sia fondamentale concedersi del tempo per considerare i fattori all’origine del cambiamento. Questo non solo potrebbe aiutare a mantenere la rotta verso il raggiungimento dei propri obiettivi d’investimento a lungo termine, ma anche ad evitare decisioni emotive.

NOTE

1. “The Effect of Myopia and Loss Aversion on Risk Taking: An Experimental Test,” Richard H. Thaler, Amos Tversky, Daniel Kahneman e Alan Schwartz, The Quarterly Journal of Economics, maggio 1997. “Prospect Theory: An Analysis of Decision Under Risk,” Daniel Kahneman e Amos Tversky, Econometrica, marzo 1979.

2. Fonte: FactSet, al 14/02/2023. Sulla base dei rendimenti annualizzati dell’indice MSCI World con dividendi netti, in euro, dal 31/12/1970 al 31/12/2022. In sterline a causa dei dati storici limitati relativi all’euro. Le fluttuazioni valutarie tra l’euro e la sterlina potrebbero provocare variazioni al rialzo o al ribasso del rendimento degli investimenti. Per mercato ribassista si intende un calo prolungato del mercato azionario, dovuto al deterioramento dei fondamentali economici, di entità pari o superiore al 20%.

Segui le ultime novità sui mercati e gli aggiornamenti di  Fisher Investments Italia:

Fisher Investments Italia è la denominazione commerciale utilizzata dalla succursale di Fisher Investments Ireland Limited operante in Italia (“Fisher Investments Italia”). Fisher Investments Ireland Limited, una società a responsabilità limitata costituita in Irlanda, è iscritta, insieme alla sua denominazione commerciale Fisher Investments Europe, al Companies Registration Office (“”Registro delle imprese””) irlandese con i numeri 623847 e 629724. Fisher Investments Europe è regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda e ha sede legale presso: 2 George’s Dock, 1st Floor, Dublin 1, D01 H2T6 Irlanda Fisher Investments Europe affida una parte degli aspetti dell’attività giornaliera di consulenza di investimento e gestione di portafoglio e delle funzioni di trading alle proprie affiliate. 

Il presente documento contiene le opinioni generali di Fisher Investments Europe e non deve essere considerato alla stregua di una consulenza personalizzata in materia di investimento o di natura fiscale, né tantomeno come un riflesso delle performance dei clienti. Non è possibile garantire che Fisher Investments Europe manterrà queste opinioni, che potrebbero cambiare in qualsiasi momento in base a nuove informazioni, analisi o riconsiderazioni. Nulla nel presente deve essere inteso come una raccomandazione o una previsione delle condizioni di mercato. Al contrario, è da intendersi come l’illustrazione di una tesi. Le condizioni di mercato attuali e quelle future potrebbero presentare numerose differenze rispetto a quelle qui illustrate. Inoltre, non si forniscono garanzie in merito all’esattezza delle ipotesi formulate negli esempi qui presenti.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati

I migliori ETC ed ETF sull’oro: quali sono
L'oro riscuote da sempre un certo successo fra gli investitori di materie prime (e non solo) in quanto è considerato un bene rifugio da acquistare soprattutto in periodi di forte incertezza economica. I modi per investire in oro sono molteplici: s...