Cos’è il buyback e come funziona? Esempi di aziende che hanno fatto buyback

Un buyback, noto anche come riacquisto di azioni, è quando una società acquista le proprie azioni in circolazione per ridurre il numero di azioni disponibili sul mercato aperto.

Che cos'è il buyback?

Per buyback si intende l'acquisto di azioni proprie da parte di una società per azioni. In altre parole, il buyback (o acquisto di azioni proprie) non va confuso con l'internal trading, che è un'operazione di acquisto o vendita di azioni, effettuata dal management con mezzi propri.

Anche il riacquisto viene eseguito direttamente dall'azienda con la sua liquidità.

Come funziona il buyback? Esempi di aziende che hanno fatto buyback

Le aziende riacquistano azioni per una serie di ragioni, come ad esempio per aumentare il valore delle azioni rimanenti disponibili riducendo l'offerta o per impedire ad altri azionisti di prendere una quota di controllo.

Un buyback permette alle aziende di investire in se stesse. Riducendo il numero di azioni in circolazione sul mercato aumenta la proporzione di azioni possedute dagli investitori. Una società può ritenere che le sue azioni siano sottovalutate e fare un buyback per fornire agli investitori un ritorno. E poiché l'azienda è rialzista sulle sue operazioni correnti, un buyback aumenta anche la proporzione di guadagni che un'azione è assegnata. Questo aumenterà il prezzo delle azioni se viene mantenuto lo stesso rapporto prezzo-utile (P/E).

Il riacquisto di azioni riduce il numero di azioni esistenti, facendo sì che ciascuna valga una percentuale maggiore della società. L'utile per azione (EPS) del titolo aumenta così mentre il rapporto prezzo-utile (P/E) diminuisce o il prezzo delle azioni aumenta. Un riacquisto di azioni dimostra agli investitori che l'azienda ha sufficiente denaro da parte per le emergenze e una bassa probabilità di problemi economici.

Un'altra ragione per un riacquisto è per scopi di compensazione. Le aziende spesso premiano i loro dipendenti e dirigenti con premi in azioni e stock option. Per offrire premi e opzioni, le aziende riacquistano azioni e le rilasciano ai dipendenti e al management. Questo aiuta ad evitare la diluizione degli azionisti esistenti.12

Poiché i riacquisti di azioni vengono effettuati utilizzando gli utili non distribuiti di un'azienda, l'effetto economico netto per gli investitori sarebbe lo stesso come se quegli utili non distribuiti fossero pagati come dividendi agli azionisti (a parte le considerazioni fiscali).

I riacquisti vengono effettuati in due modi:

  • Agli azionisti potrebbe essere presentata un'offerta pubblica di acquisto, dove hanno la possibilità di presentare, o offrire, tutte o una parte delle loro azioni entro un determinato periodo di tempo ad un premio rispetto al prezzo corrente di mercato. Questo premio compensa gli investitori per aver offerto le loro azioni piuttosto che tenerle. Le società riacquistano azioni sul mercato aperto per un lungo periodo di tempo e possono anche avere un programma di riacquisto di azioni delineato che acquista azioni in determinati momenti o a intervalli regolari.
  • Un'azienda può finanziare il suo riacquisto assumendo debito, con i contanti a disposizione o con il suo flusso di cassa dalle operazioni.

Un riacquisto ampliato di azioni è un aumento del piano di riacquisto di azioni esistente di una società. Un riacquisto ampliato di azioni accelera il piano di riacquisto di azioni di una società e porta a una contrazione più rapida del suo flottante azionario.

Perché buy back?

Una società può buy back azioni per vari motivi, come ad esempio:

  • Reperire sul mercato, nell'ambito di piani di stock option, azioni che possono poi essere assegnate ai dirigenti del gruppo, al raggiungimento di determinati obiettivi economici e finanziari, dopo l'esercizio dei rispettivi diritti di opzione.
  • Sostenere il prezzo dell'azione in borsa nel caso di azioni improduttive: una maggiore domanda di azioni generata dall'acquisto di azioni proprie corrisponde a un aumento del prezzo dell'azione;
  • Inviare al mercato un segnale di fiducia: il riacquisto implica un implicito apprezzamento da parte della società stessa del valore dell'investimento nell'azione.
  • Investire gli utili in eccesso laddove non vi siano migliori opportunità di investimento.
  • Acquisire una riserva di azioni della società da utilizzare per acquisizioni e/o scambi di azioni con altre società.
  • Creare o distribuire valore agli azionisti, che vedranno aumentare il valore della loro partecipazione in seguito alla riduzione del numero di azioni in circolazione.

Come analizzare il Buy back?

Considerando che l'acquisto di azioni proprie si presta a molteplici scopi e a varie giustificazioni da parte del management che lo propone. Per l'azionista/investitore, il riacquisto significa una transazione che aumenta o diminuisce il valore della sua partecipazione.

La differenza sta nel prezzo a cui la società riacquista effettivamente le azioni rispetto al loro valore intrinseco attuale. Secondo Warren Buffett, l'investitore/azionista dovrebbe guardare con favore ai programmi di riacquisto se le azioni vengono acquistate a un prezzo inferiore al loro valore intrinseco.

In altre parole:

  • Se il riacquisto è ottimale per l'investitore se le azioni vengono acquistate a un prezzo inferiore al loro valore intrinseco, questo è il pensiero di Warren Buffett.
  • Se viene effettuato a un prezzo inferiore al valore intrinseco, il riacquisto di azioni è un ottimo investimento per l'investitore, con conseguente apprezzamento del valore dell'azienda.
  • D'altra parte, se il riacquisto viene effettuato a un prezzo superiore al valore intrinseco, la società avrà utilizzato in modo improprio le risorse aziendali e l'azionista vedrà diminuire il valore della sua partecipazione nella società.

Perché il buyback è uno strumento utile per gli investitori?

L'acquisto di azioni proprie è uno strumento molto utile per analizzare la qualità della gestione per l'investitore. L'analisi del buy back consente all'investitore di verificare la capacità del management di allocare le risorse e il suo orientamento verso gli investitori/azionisti di minoranza.

Ad esempio, il riacquisto di un'azienda al prezzo di 1 dollaro quando il valore intrinseco è di 2 dollari riflette un chiaro vantaggio per l'azienda stessa e quindi per l'azionista; dimostra la capacità del management di utilizzare le risorse in modo redditizio.

Inoltre, una gestione non favorevole all'azionista può essere dannosa per l'azionista di minoranza (l'investitore privato), in quanto il primo ha a disposizione diversi stratagemmi per ottenere profitti a spese del secondo.

In conclusione, va detto che l'acquisto di azioni proprie è uno strumento di investimento utile ma di per sé neutro per l'investitore. Nel caso del riacquisto di Apple, il prezzo d'acquisto di Buffett era ovviamente inferiore al suo valore intrinseco, da cui il suo compiacimento.

Ecco l’esempio di 3 aziende che hanno fatto buyback:

Netflix

Netflix è passato dall'essere un distributore di DVD per posta, a diventare un fornitore leader di contenuti in streaming, e poi un fornitore di contenuti propri.

Adobe

Passato da un business incentrato sullo sviluppo di software a uno incentrato sulla creazione di esperienze digitali, marketing, piattaforme commerciali e analisi dei dati, mentre spostava il suo modello di business tradizionale dal software agli abbonamenti cloud.

Amazon

Amazon ha iniziato il suo servizio cloud Amazon Web Services (AWS) per ridurre il costo dell'infrastruttura necessaria per eseguire le sue operazioni.

Nel corso del tempo, AWS è diventato un motore di profitto sorprendentemente redditizio. L'azienda è anche riuscita a creare un intero ecosistema di prodotti e servizi per i membri del suo servizio Prime.

Vuoi sapere chi è il broker più economico per investire in azioni in Italia? Guarda il nostro articolo per i broker più economici per investire in azioni in Italia.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Obbligatorio)


Articoli correlati

Che cos’è la Tobin Tax e come funziona?
La Tobin Tax è una tassa proposta nel 1972 dall'economista americano James Tobin per tassare le transazioni finanziarie a breve termine al fine di ridurre la volatilità del mercato valutario. L'idea alla base della tassa è che le transazioni finan...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy