Che cos’è il P/E ratio o Price Earnings Ratio?

Il Price Earnings Ratio, noto anche come rapporto P/E o PER è uno dei metodi più utilizzati per determinare se le azioni sono valutate “correttamente” l'una rispetto all'altra. Vediamo in questo articolo come si calcola e le sue utilità.

Rapporto P/E: cos'è

Il Price Earnings Ratio, noto anche come rapporto P/E o PER, è calcolato dividendo il prezzo delle azioni di una società e gli utili pagati per ogni azione (ovvero il rapporto tra la capitalizzazione di borsa e gli utili dell’emittente). Essendo il rapporto tra un titolo (prezzo dell'azione) e un flusso (utili per azione), il rapporto P/E ha l'unità di misura del tempo. Può essere interpretato, quindi, come l'arco di tempo in cui l'azienda dovrebbe sostenere i suoi guadagni attuali per guadagnare abbastanza da ripagare il prezzo corrente dell'azione. Questo strumento è molto importante nell'analisi fondamentale per valutare l'attrattivo di un'azione, fornendo un'indicazione su quanto sia sopravvalutata o sottovalutata rispetto ai suoi utili. Qui trovi anche una guida per fare l'analisi di un'azienda.

Calcolo PER o P/E Ratio

Il PER è un indice di valutazione delle società in base al prezzo delle azioni e agli utili per azione (EPS). Un primo modo molto semplice per calcolarlo se abbiamo l'utile per azione (l'utile per azioneEPS – si calcola considerando gli utili degli ultimi 12 mesi e dividendoli per il numero medio ponderato di azioni in circolazione) è:

P/E o PER = Prezzo per azione/utile per azione (EPS)

Un altro modo per calcolarlo è partire dalla capitalizzazione di mercato e dividerla per l'utile netto:

P/E o PER = Prezzo per azione*azioni in circolazione/Utile netto

Capitalizzazione di mercato: la capitalizzazione di mercato è il valore di una società sul mercato. Si calcola moltiplicando il numero di azioni per il prezzo quotato di ciascuna azione.
Il PER può essere calcolato e stimato su diversi siti web finanziari. Di solito vediamo il P/E stimato per i prossimi anni in base all'utile netto stimato dagli analisti.

Il P/E può essere leggermente diverso, in quanto le stime dell'utile netto possono essere diverse a seconda della fonte da cui si ottengono i dati.

P/E ratio significato: P/E meglio alto o basso?

Il rapporto P/E funziona in modo tale da aiutare a determinare se un titolo è sopravvalutato o sottovalutato. Il P/E di una società può essere confrontato anche con altri titoli dello stesso settore o con il mercato più ampio, come l'indice S&P 500.

ValoreSignificato
N/ASe l'azienda è in perdita, il suo P/E sarà indeterminato: è possibile calcolare un P/E negativo, ma viene assegnato un P/E indefinito.
0-10Può essere che il titolo sia sottovalutato o che gli investitori ritengano che gli utili della società siano in calo.
10-17Per gli analisti, questo valore P/E è appropriato per le società.
17-25Può darsi che il titolo sia sopravvalutato o che gli utili siano cresciuti rispetto al precedente comunicato. Potrebbe anche indicare che gli investitori ritengono che gli utili cresceranno in futuro.
+25Un P/E di questo tipo può essere dovuto alle elevate aspettative di crescita degli utili futuri o al fatto che la società si trova in una bolla speculativa e i prezzi sono gonfiati.

Il P/E o PER ci dice quante volte stiamo pagando il profitto dell'azienda, o in altre parole, quanti anni ci vorranno per recuperare il nostro investimento in base ai profitti dell'azienda.

Il PER può essere utilizzato anche per confrontare la valutazione di mercato di due o più società dello stesso settore. Si tratta di un confronto più accurato rispetto a quello che si può fare prendendo in considerazione direttamente la capitalizzazione di mercato.

Ci permette inoltre di confrontare la valutazione dell'azienda rispetto al passato e, insieme a una stima adeguata dei profitti futuri, di poter ragionare sul perché la stessa azienda viene pagata di più o di meno oggi rispetto al passato.

Logicamente, dobbiamo prendere in considerazione più aspetti, ma questa è una prima approssimazione per sapere quante volte stiamo pagando i profitti.

Rapporto P/E in finanza: usi

I rapporti P/E forniscono un metodo standardizzato per analizzare titoli che hanno prezzi e livelli di utili diversi. Viene utilizzato per:

  • Determinare la valutazione di un titolo: un rapporto P/E più alto significa che un titolo è più costoso rispetto ai suoi guadagni, mentre un rapporto P/E più basso significa che un titolo è meno costoso rispetto ai suoi guadagni.
  • Il rapporto P/E può essere utilizzato per confrontare un'azione con altre azioni dello stesso settore o con i rapporti P/E di azioni del mercato più ampio, come quelle che compongono l'indice S&P 500.
  • Per prevedere i rendimenti futuri, le società che crescono molto velocemente, come le società tecnologiche, hanno rapporti P/E più elevati perché gli investitori sono disposti a pagare un prezzo più alto per le azioni ora con l'aspettativa di una crescita elevata e di utili più alti in futuro.

P E ratio: tipi

A seconda del tipo di utili presi in considerazione nel calcolo possiamo individuare due tipi di P/E:

Trailing P/E

Generalmente, il rapporto prezzo/guadagni si fonda sugli utili registrati al termine dell'anno fiscale. Tuttavia, questo indicatore può non corrispondere al prezzo attuale delle azioni, che è soggetto a fluttuazioni costanti. Per ovviare a ciò, si adotta un altro parametro, il P/E ratio cumulativo Trailing Price Earnings ratio: qui, il calcolo si basa sulla somma degli utili accumulati nell'arco degli ultimi quattro trimestri, cioè nei 12 mesi precedenti.

In aggiunta, il rapporto prezzo/guadagni potrebbe non essere del tutto adeguato per comparare aziende con diversi livelli di debito. Un indicatore più rappresentativo, in questo contesto, è il rapporto Valore d'Impresa/Utile Netto (EV/NI), che include i debiti finanziari oltre alla capitalizzazione di mercato. La valutazione può essere altresì influenzata da eventi straordinari, come guadagni eccezionali. Per mitigare queste distorsioni, si può utilizzare come denominatore l'Ebit, ovvero il Reddito operativo prima degli interessi e delle imposte.

Forward P/E

Il Forward Price Earnings, invece, si concentra sugli utili previsti: si tratta, quindi, di una stima orientata al futuro. Considerato isolatamente, questo parametro può presentare una limitata affidabilità.

Esempio: S&P 500 P/E ratio

Sommando il prezzo di ogni azione dello S&P500 e confrontandolo con la somma di tutti gli utili per azione generati da quelle società, si può facilmente calcolare il rapporto P/E del mercato azionario statunitense.

L'attuale rapporto P/E a 10 anni dell'SP 500 è di 29,3. Si tratta di un valore superiore del 46% rispetto alla media del mercato dell'era moderna, pari a 19,6, che pone l'attuale deviazione standard del P/E di 1,1 al di sopra della media dell'era moderna. Ciò suggerisce che il mercato è sopravvalutato.

p/e ratio tesla

In conclusione, il rapporto prezzo-utili o P/E è uno degli strumenti di analisi azionaria più utilizzati da investitori e analisti per determinare la valutazione dei titoli. Oltre a mostrare se il prezzo delle azioni di una società è utile per capire quando un titolo è sopravvalutato o sottovalutato e può rivelare come la valutazione di un'azione si confronta con il suo gruppo di settore o con un benchmark, come l'indice S&P 500.

Cerchi un broker per azioni?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

FAQ

Qual è un buon rapporto PE?

Un buon rapporto PE varia a seconda del settore e del contesto di mercato, ma generalmente un valore compreso tra 10 e 20 è considerato accettabile. Tuttavia, un PE basso non è sempre indicativo di un buon affare, poiché può riflettere problemi sottostanti nell'azienda.

Cosa indica il PE Ratio?

Il PE Ratio indica quanto gli investitori sono disposti a pagare per ogni euro di utili di un'azienda, fornendo un'idea del valore che il mercato attribuisce alla sua capacità di generare profitti. Un PE elevato suggerisce aspettative di crescita elevata, mentre un PE basso può indicare che l'azione è sottovalutata o che l'azienda sta affrontando sfide.

Cosa vuol dire quando il PE è negativo?

Quando il PE è negativo, significa che l'azienda sta registrando perdite, o che gli utili sono negativi. Un PE negativo non può essere interpretato nello stesso modo di un PE positivo, poiché indica problemi finanziari o periodi di transizione per l'azienda.

Cos'è il PE di un'azienda?

Il PE di un'azienda è un indicatore chiave utilizzato dagli investitori per valutare il prezzo di un'azione rispetto ai suoi utili. Esso aiuta a determinare se un'azione è sopravvalutata o sottovalutata in relazione alla sua performance finanziaria e alle prospettive di crescita.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

Come comprare azioni Coca Cola: dividendi
Le azioni Coca Cola sono fra i titoli preferiti dagli investitori. E non è un caso. Coca Cola company è infatti la più grande multinazionale nel campo della produzione di bevande analcoliche, nonché garanzia di stabilità e crescita. In questo art...