Cos’è e come realizzare un’analisi delle tendenze?

Prima di fare trading, effettuiamo sempre analisi del comportamento dei prezzi dei prodotti finanziari in cui vogliamo investire. Il prezzo si sposta al crescere o diminuire del suo valore, o semplicemente rimane fermo in un determinato range di prezzo. La tendenza è quindi la direzione che prenderà il mercato o il prezzo di un asset durante un certo periodo di tempo.

Analizzare le tendenze è uno dei fondamenti dell'analista tecnico, il quale deve padroneggiare molto bene questo aspetto se vuole portare a termine operazioni di successo. Per analizzare correttamente una tendenza abbiamo a disposizione una serie di strumenti, che ci aiuteranno a comprendere il movimento del prezzo: al rialzo, al ribasso o laterale. Lo vedremo nei prossimi paragrafi. 

Gli indicatori tecnici di tendenza

Gli indicatori di tendenza aiutano a determinare la direzione che probabilmente seguirà l'attività finanziaria di tua scelta. D'altra parte, si comportano meno bene durante i periodi di consolidamento o range.

Quando si parla di trading, è sempre bene essere in grado di individuare il trend prima di prendere posizione, perché’ questo aumenta le possibilità di successo.

Ecco alcuni degli indicatori tecnici di tendenza tecnica più utilizzati:

– Indice di movimento direzionale medio (ADX): l'ADX è un indicatore di tendenza molto popolare in quanto indica la forza del trend dei prezzi di un asset, ma non la sua direzione. Ciò significa che prima viene stabilito un trend e poi l'ADX dà il suo segnale sulla forza del trend.

Questo indicatore di tendenza ha un intervallo da 0 a 100 e in base al suo livello possiamo determinare se le tendenza è forte o debole:

  • Sotto i 20 indica un trend debole e la possibilità di un “Break Out”, cioè un breakout del prezzo dai livelli di supporto e resistenza.
  • Superiore a 40 indica una forte tendenza.
  • Sopra i 50 siamo di fronte a un trend estremamente forte.

L'ADX è composto da tre linee, quella dell'indicatore, che deve essere superiore a 25 per stabilire una tendenza in quanto tale e che è composta dall'incrocio di altre due linee:

  • Linea + D: se questa linea è sopra –D, suggerisce una tendenza al rialzo.
  • Linea –D: se questa linea è sopra + D, suggerisce una tendenza al ribasso.
trading strategia seguire la tendenza

– Indicatore delle bande di Bollinger: questo indicatore di tendenza è anche ampiamente utilizzato perché oltre a indicare l'andamento di un prezzo, lo mette in relazione anche con la sua volatilità. In effetti, le statistiche con questo indicatore riflettono che il 95% delle volte il prezzo rimane all'interno di queste fasce, rendendolo uno strumento molto pratico nell'analisi tecnica.

Un altro punto a favore delle bande di Bollinger è che possono essere utilizzate sia in un mercato di tendenza che in un mercato di fascia, il che aumenta la loro efficacia. Sono rappresentati da due linee che si muovono sopra e sotto la media mobile centrale, quindi le bande coprono il prezzo.

  • In un mercato di tendenza: se il limite superiore viene superato, indica un potenziale segnale di acquisto. Se il limite inferiore viene superato, è un potenziale segnale di vendita.
  • In un mercato chiuso in un intervallo: se il limite superiore viene superato, indica un potenziale segnale di vendita. Se il limite inferiore viene superato, è un potenziale segnale di acquisto.

Ora, quando una candela è al di sopra del limite superiore siamo di fronte a un trend rialzista, mentre se la candela è al di sotto del limite inferiore indica un trend al ribasso.

inversione di tendenza trading

– Indicatore buste (envelope), si compone di due linee che sono deviazioni su e giù da una media mobile normale presa come base. Vale a dire, sulla base di un MA impostato (con il periodo richiesto e il metodo di media) e la dimensione della deviazione (in%), compaiono due MA sul grafico.

Queste due MA dell'indicatore Envelopes formano un cosiddetto canale di prezzo dinamico sul grafico. Ogni linea funge da supporto o resistenza:

  • La linea inferiore dell'indicatore è la MA impostata spostata verso il basso, che funge da dinamica livello di supporto;
  • La linea superiore è l'insieme MA spostato verso l'alto, che funge da dinamica livello di resistenza.

Se la dimensione della deviazione viene scelta bene, il grafico dei prezzi rimane in questo canale di prezzo dinamico per la maggior parte del tempo, il che ci consente di utilizzare i bordi di questo canale come punti di riferimento per le negoziazioni. Le buste sono incluse in molte piattaforme di trading popolari.

linea di tendenza trading

– Indicatore di tendenza di Ichimoku Kinko Hyo, è un indicatore tecnico utilizzato per misurare lo slancio dei prezzi insieme alle future aree di supporto e resistenza. L'indicatore tecnico all-in-one è composto da cinque linee denominate tenkan-sen (calcolato sommando il massimo più alto e il minimo più basso degli ultimi nove periodi e quindi dividendo il risultato per due), kijun-sen (calcolato sommando il massimo più alto e il minimo più basso degli ultimi 26 periodi e dividendo il risultato per due), senkou span A (calcolato sommando il tenkan-sen e il kijun-sen, dividendo il risultato per due e quindi tracciando il risultato 26 periodi avanti), senkou span B (calcolato sommando il massimo più alto e il minimo più basso degli ultimi 52 periodi, dividendolo per due e quindi tracciando il risultato 26 periodi avanti) e chikou span (prezzo di chiusura del periodo corrente tracciato 26 giorni indietro sul grafico).

indicatore di tendenza trading

Media mobile, una media aritmetica in cui viene presa in considerazione la somma degli ultimi prezzi e divisa per il periodo prescelto. Pertanto, mostra il valore medio del prezzo di un mercato durante un certo periodo di tempo e, a seconda della variazione del prezzo, il suo valore medio aumenta o diminuisce.

Se, ad esempio, prendiamo una media mobile del periodo 200 (cioè 200 sessioni) abbiamo la media aritmetica del prezzo durante le 200 sessioni precedenti e quello che viene fatto è che i 200 prezzi di chiusura vengono sommati e poi li dividiamo entro 200.

Per calcolare una media mobile, l'ideale è utilizzare i prezzi di chiusura, anche se alcuni preferiscono utilizzare gli alti e bassi della giornata.

trading con trendline

SAR parabolico, che prende il nome semplicemente dalla forma che ha simile alla metà di una parabola rappresentata da punti.

È fondamentalmente un indicatore di tendenza e quindi si concentra sul seguire l'andamento del prezzo in ogni momento e sull'adattamento in tempo reale in base all'intensità del trend.

L'indicatore Parabolic SAR ci riflette e mostra alcuni punti sopra o sotto il prezzo sul grafico, punti che sono sempre quasi sovrapposti al prezzo. Sono proprio quei punti che possono essere molto ben utilizzati dagli investitori come zone di uscita nel bene e nel male come stop loss e come gestione del rischio, poiché di solito avvertono e indicano che il mercato potrebbe cambiare la sua inerzia e il suo movimento.

trendline trading analisi

È bene ricordare che tutti questi indicatori, essendo di tendenza, in un mercato laterale non funzioneranno bene e genereranno segnali falsi e sbagliati.

Gli indicatori di monitoraggio di tendenza

Gli indicatori di tendenza mostrano la direzione in cui si sta muovendo il prezzo di un determinato asset. Esistono diversi modi per determinare la direzione in cui si sta muovendo l’asset: uno di questi è studiare il grafico.

Gli indicatori di tendenza ti aiutano a fare trading nella stessa direzione della tendenza sottostante, che è quasi sempre la strategia di investimento più redditizia. Se combinati con altri indicatori, questi indicatori possono essere utilizzati efficacemente per confermare le tendenze.

Il Trend Trading è una strategia tecnica utilizzata per identificare e seguire le tendenze del mercato. La differenza fondamentale tra il trend trading e altre strategie è il concetto di persistenza.

Le dinamiche di mercato sono in continua evoluzione, ma lo slancio di una tendenza può persistere per anni. Un trader di tendenza si basa su numerosi indicatori e segnali per valutare la persistenza della tendenza e generare segnali di trading di conseguenza.

Gli indicatori di tendenza aiutano i trader a valutare se è probabile che l'andamento del prezzo di uno strumento continui o si inverta. Ad esempio, se un trend rialzista mostra un volume in aumento, un trader potrebbe interpretarlo come una forza continua nello slancio sottostante e un'indicazione per acquistare il titolo. Allo stesso modo, una tendenza al ribasso sul volume in calo potrebbe indicare che lo slancio ribassista si sta esaurendo e potrebbe eventualmente invertirsi.

Gli indicatori di tendenza servono principalmente a confermare la tendenza, misurarne la direzione e la forza. Ad esempio, se la media mobile è al di sotto del mercato, indica la dominanza del trend rialzista; e viceversa.

Gli indicatori di tendenza non specificano la forza della tendenza o la sua durata. La sua unica funzione è fornire al mercato segnali utili per entrare o uscire da un'azione, una valuta o un titolo in momenti vantaggiosi.

È tutta una questione di conferme. Se hai tre indicatori che ti dicono che è probabile che il mercato prenderà un percorso diverso, puoi prendere decisioni più sicure. Ad esempio, se hai già un segnale che ti dice che una tendenza sta per invertirsi e poi vedi un indicatore che segue la tendenza che conferma tale inversione, può fare la differenza tra essere fiduciosi nel fare un trade o meno.

Un esempio di questa tipologia di indicatori è il MACD.

Indicatore MACD

Il MACD (Moving average convergence/divergence in inglese) è una media mobile di convergenza/divergenza che segue il trend creato da Gerald Appel. È un indicatore di momentum che cattura la tendenza e mostra la relazione tra due medie mobili dei prezzi. Il MACD è costituito dai seguenti componenti per impostazione predefinita:

  • Valore MACD = (periodi EMA 12 – periodi EMA 26)
  • Linea del segnale = MA 9 dal calcolo sopra
  • Istogramma MACD = (valore MACD – linea del segnale)

Quindi questo indicatore ci serve sia per rilevare lo slancio che la tendenza.

Tuttavia, possiamo adattarlo a termini diversi in base alle nostre operazioni:

  • A breve termine: Fast EMA 13 Slow EMA 21 SMA MACD 1 / Applicare alla chiusura
  • A medio termine: Fast EMA 34 Slow EMA 144 SMA MACD 1 / Applicare alla chiusura
  • A lungo termine: Fast EMA 21 Slow EMA 34 SMA MACD 1 / Applicare alla chiusura
analisi della tendenza

Oscillatori per l'analisi della tendenza

Gli oscillatori sono un tipo di indicatori tecnici che non si muovono in modo fluido, seguendo l'andamento dei prezzi, ma sono curve che danzano attorno a un centro, indicando momenti di euforia e panico nel mercato azionario.

Alcuni famosi oscillatori sono Stochastic e RSI.

Se vuoi sapere l’utilità di un oscillatore nel tuo trading, ecco 4 buoni motivi:

1.Gli oscillatori trovano i momenti migliori per entrare nel mercato 

Imposta il tuo oscillatore per sintonizzarti sul valore in cui vuoi entrare. Vedrai come la prossima volta che darà un segnale di acquisto, avrai buone possibilità di fare un buon affare. Inoltre, se hai già una posizione aperta, cogli l'occasione per acquistare più posizione quando l'oscillatore ti dà un nuovo segnale di acquisto. Saprai che è il momento ideale per farlo. Un dettaglio che non possiamo dimenticare è che gli oscillatori non capiscono le tendenze. È tua responsabilità usarli solo quando possono fare un buon lavoro.

Per offrire al tuo oscillatore buone condizioni di trading, assicurati di aprire posizioni long (di acquisto) solo quando il trend è in rialzo. Se la tendenza è al ribasso, pensa solo a posizioni corte (di vendita).

Ma cosa succede se non c'è tendenza? 

2. Sanno come sfruttare i canali laterali

Quando il mercato è in una fase laterale, e’ quasi impossibile fare soldi. Se i movimenti del mercato aprono un canale sufficientemente ampio, sono sicuro che, con l'aiuto di un oscillatore, saprai sfruttare la situazione.

3. Anticipano i movimenti con le loro divergenze

Gli oscillatori sono particolarmente bravi a mostrare le divergenze. Di solito avvertono con grande precisione. Un consiglio: per qualche ragione, gli oscillatori spesso hanno un'impostazione predefinita troppo lenta. Cioè, il numero di periodi nel calcolo dell'indicatore è solitamente troppo lungo per renderlo utile. Prova ad abbassare questo numero a 3 o 5 e vedrai come cambia.

4. Gli oscillatori ti aiutano a sincronizzarti con il mercato

È bene acquistare uno strumento quando ha buone possibilità di salire; ma è ancora meglio comprarlo quando si pensa che l'intero mercato salirà. Se gli oscillatori sono così bravi a trovare alti e bassi, perché non usarli per individuare quei momenti in cui l'intero mercato sta per salire o scendere?

Metti le probabilità a tuo favore e cerca opportunità azionarie per andare long solo quando l'indice di mercato (S&P500 negli USA, FTSEMIB in Italia, DAX in Germania, CAC in Francia…) sta per salire. Cerca di andare short quando l'intero mercato sta per scendere. Quindi applica un oscillatore al tuo indice di mercato, impostalo e attendi che ti avvisi. Quando lo fa, cerca i valori in cui entrare e trova le migliori opportunità.

L'oscillatore stocastico

Rileva molto bene le situazioni di ipervenduto e ipercomprato. Nelle parole del suo creatore (George Lane), lo stocastico segue la velocità o lo slancio del prezzo. Visivamente è abbastanza diverso, poiché il valore è compreso tra 0 e 100, avendo questi due livelli importanti come riferimento. 

Quando l’indicatore stocastico supera le linee orizzontale daranno un segnale di forte divergenza.  I valori di questi livelli sono personalizzabili e dovrai modificarli a seconda della tua analisi (termine dell'operazione, tipo di grafico, strategia, ecc.).

analisi delle tendenze

RSI

Questo indicatore tecnico è noto come “Indice di forza relativa”. Citando direttamente da Wikipedia: mostra la forza del prezzo confrontando i singoli movimenti al rialzo o al ribasso dei successivi prezzi di chiusura. Come lo stocastico, il valore dell'indicatore si sposta tra 0 e 100, con i rispettivi livelli, indicando visivamente quando il prezzo è “ipervenduto” o “ipercomprato”. Vediamo un esempio di Borsa Italiana:

analisi tendenze grafico

Come puoi vedere, è molto simile allo Stocastico, anche se l'indicatore RSI potrebbe essere più preciso se lo configuri correttamente. Di default è configurato con 14 periodi, ma mi sembra eccessivo. Tra 3 e 9 periodi sono valori più utilizzabili. 

Esempi di analisi di tendenze

Il grafico seguente è un esempio di linee di tendenza al ribasso e al rialzo.

analisi tendenze esempi
  • Un trend rialzista è costituito da picchi e minimi crescenti. Massimi più alti e minimi più alti.
  • Una tendenza al ribasso è costituita da picchi e avvallamenti discendenti. Alti e bassi più bassi.
  • Una tendenza laterale (consolidamento) è quando i prezzi si muovono lateralmente in un intervallo orizzontale.

Charles Dow sviluppò una serie di principi per comprendere e analizzare il comportamento del mercato, in seguito nota come Teoria di Dow, la pietra angolare dello studio dell'analisi tecnica. Charles Dow credeva che i prezzi si muovessero in onde o tendenze. Credeva che, proprio come una marea in aumento in cui le onde si sarebbero spostate più in alto sulla spiaggia ad ogni flusso e riflusso e avrebbero causato increspature più piccole, anche il prezzo delle azioni sarebbe aumentato. Al contrario, una volta che la marea ha raggiunto il picco ed è cambiata per spostarsi più in basso lungo la spiaggia fino alla bassa marea, lo stesso farebbero i prezzi delle azioni. Può sembrare un concetto semplice, ma fa parte delle fondamenta del moderno studio sull'analisi dell'andamento del prezzo delle azioni.

analisi tendenza
Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Obbligatorio)


Articoli correlati

I migliori broker CFD
I CFD continuano a essere uno dei prodotti derivati più utilizzati in Italia. Con l'idea di mostrare quali sono le caratteristiche di questo prodotto e di cosa si dovrebbe tenere conto per selezionare un intermediario specializzato in questo prodo...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy