Migliori broker sostituto d’imposta

I broker sostituto d'imposta elaborano automaticamente la documentazione per pagare le tasse del commercio online. In questo post conoscerete i migliori broker di sostituto d'imposta.

Prima di iniziare, è importante che sappiate cos'è un broker per le imposte alla fonte.

Miglior Broker sostituto d'imposta

Cos'è un broker sostituto d'imposta

Il broker con ritenuta alla fonte, tra i vari broker italiani, è un agente di cambio che si occupa di pagare le tasse sul trading online per conto del cliente. In Italia, quando si realizzano guadagni investendo sui mercati finanziari, è necessario versare al fisco il 26% di tali guadagni come imposta sui redditi di capitale (o il 12,5% nel caso di titoli di stato italiani o europei). Questo pagamento può essere effettuato alla fine dell'anno fiscale, inserendo i redditi da capital gain nella propria dichiarazione dei redditi.

Per coloro che preferiscono non gestire direttamente questi adempimenti fiscali, esiste la possibilità di affidarsi a un broker che agisce come sostituto d'imposta. In questo modo, il broker trattiene direttamente la percentuale di tasse dovuta e la versa allo Stato, semplificando la gestione fiscale per l'investitore.

Quali sono i migliori broker sostituto di imposta?

Abbiamo scelto i migliori broker sostituto di imposta per il trading in Italia.

BrokerMaggiori info.
1ActivTradesScopri di più →
2FinecoScopri di più →

ActivTrades

ActivTrades è considerato il miglior broker sostituto d'imposta. Si tratta di un broker britannico che permette di scambiare 7 attività finanziarie attraverso i CFD. È ideale per coloro che vogliono fare trading con leva e su prodotti altamente speculativi come il Forex o le criptovalute (come fare trading di criptovalute con ActivTrades).

Inoltre, ActivTrades è autorizzata e supervisionata dalla FCA del Regno Unito, è possibile assicurare conti di trading fino a 1.000.000 di sterline e i fondi dei clienti sono segregati e tenuti in conti bancari separati.

ActivTrades

8.25/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA

Protezione del saldo negativo con supporto 24 ore.

Assicurazione speciale fino a £ 1.000.000.

Formazione gratuita

Deposito minimo:

€0.00

La piattaforma web proprietaria di ActivTrades è intuitiva e facile da usare e, per i trader più esperti, è possibile collegare il proprio conto a MT4 o MT5. Inoltre, il loro supporto clienti è molto completo ed è disponibile 24 ore al giorno dal lunedì al venerdì.  

VantaggiSvantaggi
Conto commerciale assicurato fino a £ 1.000.000Solo i CFD disponibili per il trading
Piattaforme di trading adatte a tutti i tipi di traderAssenza di un sistema di protezione antiscivolo
Servizio clienti impeccabileCosti di inattività a partire dal secondo anno

Scopri di più: Recensioni su ActivTrades.

Fineco

Fineco è un istituto bancario italiano molto popolare per gli investitori italiani per il trading online. I conti dei suoi clienti sono coperti dal sistema di garanzia dei depositi bancari, che copre fino a 100.000 euro.

Fineco è una buona scelta per coloro che desiderano includere servizi bancari e di investimento in un unico conto. I costi di Fineco la rendono una entità attraente per gli investitori con una buona quantità di capitale o per i trader con un alto numero di transazioni mensili. Per tutti gli altri investitori che non arrivano a un volume minimo nel mese precedente (100 € di commissioni o portafoglio di 500.000 €), la commissione di trading è di 19 € mensili per i prodotti europei e 12,95 $ per quelli USA. La piattaforma PowerDesk di Fineco è efficiente e user-friendly.

Fineco Bank

8.75/ 10

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada

Ottieni 100 trades gratis con il codice: OM100AF

Operatore solido, regolato dalla CONSOB e quotato in Borsa.

Nuova piattaforma FinecoX: personalizzazione, funzionalità evolute e completezza operativa

Puoi riunire servizi bancari e di trading in un solo conto.

Deposito minimo:

€0.00

Offerta speciale Fineco

In aggiunta, Fineco Bank lancia una promozione esclusiva per coloro che aprono un nuovo conto: la possibilità di eseguire 100 operazioni gratuitamente nei primi tre mesi dopo l'apertura del conto, utilizzando il codice promozionale “OM100AF”. Queste operazioni gratuite sono valide su diversi mercati, inclusi i mercati azionari italiani (MTA, MOT, EuroMOT, Hi-MTF), quelli americani (AMEX, NASDAQ, NYSE) e tedeschi (Equiduct e Xetra). Inoltre, i nuovi clienti avranno l'opportunità di accedere senza costi alla piattaforma PowerDesk, una soluzione di trading avanzata, per dodici mesi.

Per approfittare di questa offerta, è richiesto aprire il conto online attraverso questo link e inserire il codice “OM100AF” nel corso della procedura di apertura.

Leggi la review di Fineco Bank. Qui, invece, trovi la lista completa dei migliori broker online.

Perché i broker a regime amministrato sono migliori

I broker che agiscono come sostituti d'imposta sono spesso considerati migliori per alcuni investitori, soprattutto per questioni di comodità e semplificazione fiscale. Ecco perché:

  1. Semplificazione fiscale: il broker si occupa di calcolare, trattenere e versare le tasse sui guadagni di capitale direttamente all'amministrazione fiscale. Questo risparmia all'investitore il compito di calcolare e dichiarare questi guadagni nella propria dichiarazione dei redditi.
  2. Conformità fiscale: riduce il rischio di errori o di non conformità nelle dichiarazioni fiscali, poiché il broker si assume la responsabilità di seguire le normative fiscali correnti.
  3. Comodità: per gli investitori che non vogliono gestire personalmente gli aspetti fiscali dei loro investimenti, un broker sostituto d'imposta offre una soluzione “tutto in uno”.
  4. Trasparenza: gli investitori possono facilmente vedere l'impatto fiscale delle loro operazioni di trading, poiché il broker fornisce report dettagliati.
  5. Pianificazione finanziaria: aiuta gli investitori a pianificare meglio le loro finanze sapendo che le tasse sono già state gestite.

Tuttavia, è importante notare che ci possono essere anche svantaggi, come potenziali costi aggiuntivi o meno flessibilità in alcune strategie di trading e di investimento. La scelta dipende dalle esigenze individuali e dalla conoscenza fiscale dell'investitore.

Trading con regime amministrato: come pagare le tasse

Concludiamo con un breve approfondimento dei regimi di pagamento di tasse sul trading online. Nel contesto del trading, ci sono diversi regimi fiscali che determinano come vengono pagate le tasse sui guadagni. Questi regimi, in Italia, includono il regime amministrato, il regime dichiarativo e il regime gestito. Ecco una spiegazione di ciascuno:

  1. Regime amministrato (o sostituto d'imposta):
    • In questo regime, il broker o la piattaforma di trading agisce come sostituto d'imposta.
    • Il broker calcola, trattiene e versa direttamente le tasse dovute sui guadagni di capitale e sugli altri redditi da investimento all'ente fiscale.
    • L'investitore non deve dichiarare questi guadagni nella propria dichiarazione dei redditi, poiché il broker si occupa di tutto.
    • Questo regime è comodo per chi non vuole gestire personalmente gli aspetti fiscali dei propri investimenti.
  2. Regime dichiarativo:
    • In questo regime, l'investitore è responsabile della dichiarazione e del pagamento delle tasse sui guadagni di capitale e sugli altri redditi da investimento.
    • L'investitore deve tenere traccia di tutte le operazioni, calcolare il guadagno o la perdita realizzata e dichiararla nella propria dichiarazione dei redditi annuale.
    • Il pagamento delle tasse avviene secondo le scadenze fiscali stabilite dall'ente fiscale del paese dell'investitore.
    • Questo regime offre più controllo ma richiede una maggiore conoscenza fiscale e amministrativa.
  3. Regime gestito:
    • Questo regime si riferisce solitamente a situazioni in cui l'investitore affida la gestione del proprio portafoglio a un gestore di fondi o a un consulente finanziario.
    • Il gestore o consulente può prendere decisioni di investimento per conto dell'investitore e può anche gestire gli aspetti fiscali, compresa la dichiarazione e il pagamento delle tasse.
    • L'investitore paga una commissione per questo servizio, che può includere la pianificazione fiscale e la gestione degli investimenti.
    • Questo regime è adatto per chi desidera un approccio completamente gestito ai propri investimenti, inclusi gli aspetti fiscali.

FAQ

Quante tasse si pagano con il trading?

Le principali tasse che si pagano sul trading sono il 26% sulle plusvalenze nette e lo 0.2% sull'imposta di bollo Italiana. Nella dichiarazione dei redditi, le plusvalenze devono essere dichiarate nel quadro RT rigo 41, alla voce “altri redditi diversi di natura finanziaria”.

Quali sono i broker con regime amministrato?

I broker che fanno da sostituto d'imposta, ovvero che possono offrire regime amministrato (e non dichiarativo) ai propri clienti, sono quelli che hanno una filiale nel paese di residenza fiscale dell'investitore. Nel caso dell'Italia, i migliori sono Fineco Bank e ActivTrades.

Cerchi un broker con regime amministrato?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

Disclaimer:

Leggi di più sulla promozione "100 ordini gratis" di Fineco: https://finecobank.it/it/promo/100OMA/regolamento.html

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Trova il miglior broker per te
Vuoi iniziare a investire o scegliere una casa di intermediazione che si adatti meglio alle tue esigenze? Vuoi fare i tuoi primi passi nel mercato azionario o passare a un broker che si adatta meglio alle tue esigenze?
  • Ti aiutiamo a trovare il broker giusto per te
  • Ricerca indipendente, gratuita e senza impegno
  • Compila questo questionario in meno di 1 minuto

Articoli correlati

Trading 212: recensioni e opinioni
Il broker europeo Trading 212 offre un servizio di trading senza commissioni su diverse Borse. È noto soprattutto per la sua app di trading mobile, che offre una suite di piattaforme di trading facili da usare per CFD, azioni e forex. La piattafor...