Teoria di Dow: Che cosa è? Qual è la vostra storia? Come funziona? | Rankia: Comunità finanziaria

Teoria di Dow: Che cosa è? Qual è la vostra storia? Come funziona?

La teoria di Dow consiste in una serie di principi atti a identificare e studiare il trend, rappresentando così un concetto che sta alla base dell’analisi tecnica moderna. Dei principi che dovrebbero essere compresi ed assimilati da coloro i quali vogliano aver successo in questo settore.

Teoria di Dow: Che cosa è? Qual è la vostra storia? Come funziona?

La teoria di Dow è una teoria sviluppata da Charles Dow nei primi anni del 900, sulla quale si basa l’analisi tecnica moderna. In cosa consiste questa teoria? È un insieme di regole e definizioni inerenti al comportamento dei prezzi degli strumenti finanziari, che analizzeremo successivamente.

Perché dovresti conoscere questa teoria? Proprio perché essendo alla base dell’attuale analisi tecnica è essenziale per poter aver successo in questo mondo.

Come funziona la teoria di Dow e perché è importante

Come funziona la teoria di Dow? E cosa vuol dire che sta alla base dell’analisi tecnica moderna? Oggigiorno diamo per scontato alcuni concetti, in questo caso quello della tendenza. La tendenza di mercato, o la tendenza generica dei dati statistici sta alla base dell’analisi tecnica moderna.

Fu proprio Charles Down a dire che “Ogni movimento del prezzo ha la sua direzione”, un concetto che sembra banale ma non lo è affatto. Oggi la prima cosa che si fa è controllare l’andamento usuale di un grafico per poi studiarne il probabile andamento futuro, e in questo ci vengono in contro molti programmi. In passato, però, per quanto assurdo possa sembrare, ci si ritrovava spesso non a cercare di studiare l’andamento futuro ma nello sperare che una propria idea fosse giusta.

Questo ovviamente avviene tutt’ora ma forse potrebbe esserti tutto più chiaro con un esempio. Immagina di prendere in considerazione l’andamento giornaliero del prezzo di un libro venduto su Amazon.

Immagina adesso di fare il solito controllo giornaliero per scoprire che normalmente il libro costava €30 ma oggi ne costa €28. In passato un rivenditore avrebbe pensato “incredibile, sarà stato un errore, c’è il 6,7% di sconto” e magari ne avrebbe fatto scorta. Oggi, però lo stesso venditore utilizzerebbe un’analisi e degli strumenti tali da capire che non si tratta né di un errore né di uno sconto, semplicemente il valore del libro è sceso e probabilmente continuerà a scendere riuscendo a raggiungere persino €10-15. Ecco, adesso è il momento di rifornirsi.

Ho fatto un esempio semplice, peraltro con un prodotto di basso valore, ma parlando di numeri, prendiamo d’esempio la rivendita di 100 volumi. In passato il venditore avrebbe comprato a €30 e venduto a €35, ovvero avrebbe investito €3000 per guadagnarne 500. Grazie alla sua analisi di mercato, comprando a €28, avrebbe investito €2800 e avrebbe guadagnato €700 (40% di guadagno extra). Ad oggi, lo stesso venditore, avrebbe comprato a €15, investendo €1500 (la metà dell’investimento iniziale previsto), riuscendo a vendere i libri velocemente grazie alla possibilità di scontarli a €25 e guadagnando un totale di €1000.

Un’analisi che avrebbe permesso al venditore di risparmiare €200 di investimento e di guadagnare il 40% in più, ad oggi permetterebbe allo stesso venditore di investire il 50% in meno, proporre dei prezzi altamente competitivi e guadagnare il 100% in più. Ecco perché conoscere le basi non solo è essenziale, ma aiuta anche a capire perché pensare “me ne frego se la tendenza mi dice che queste azioni andranno in perdita, sono sempre andate bene per cui son sicuro che continueranno ad andare bene” è sciocco.

Principi della teoria di Dow

  • Il mercato è costituito da 3 tipologie di trend:
    1. Primario – Ha una lunga durata, che va da 1 a 3 anni
    2. Secondario – Ha una media durata, che va dalle 3 settimane ai 3 mesi
    3. Terziario – Ha una breve durata, di massimo 3 settimane
  • Il trend primario è diviso in 3 fasi:
    1. Accumulo – Vi partecipano un numero limitato di investitori, detti “mani forti
    2. Partecipazione del pubblico – Vi partecipano molte persone, specialmente chi nota una prospettiva di guadagno seguendone il trend
    3. Distribuzione – È il momento clue durante il quale la maggior parte delle persone comincia ad acquistare mentre lemani fortipassano alla vendita
  • Gli indici di mercato scontano tutte le notizie, ovvero, tutto ciò che riguarda la domanda e l’offerta impatta chiaramente sugli indici di borsa.
  • Le medie del mercato azionario devono confermarsi a vicenda, ovvero i trend di un settore devono essere confermati dal trend dei settori connessi ad esso.
  • Le tendenze devono essere confermate dal volume. Questo principio afferma che vi possono essere 2 tendenze che portano ad un espansione o ad una contrazione del volume. Afferma inoltre che l’espansione deve avvenire in direzione del trend primario e la contrazione in direzione opposta.
    1. Trend ribassista – Il volume si espande durante i movimenti ribassisti e si contrae durante quelli rialzisti.
    2. Trend rialzista – Il volume si espande durante i movimenti rialzisti e si contrae durante quelli ribassisti.
  • Un trend è in atto fino a che non esiste un segnale definitivo di inversione di tendenza, ovvero non è detto che poiché vi è un cambiamento di tendenza esso sia definitivo, bisogna accertarsene.
    1. Failure swing – Avviene quando un trend viene interrotto, ovvero quando un trend ribassista smette di avere minimi decrescenti o quando un trend rialzista smette di avere massimi crescenti.
    2. Non failure swing – avviene quando sembra che un trend venga interrotto, ma così non è. Ciò avviene quando un trend ribassista interrompe la successione di massimi ribassisti per poi riprenderla o quando un trend rialzista interrompe la successione di minimi ribassisti per poi riprenderla. Ovvero, vi è un non failure swing nel momento in cui un valore interrompe momentaneamente la successione di un trend (nel grafico del trend vi è un valore fuori posto).

Conclusione

In conclusione ti consigliamo di far tuoi questi principi e farli entrare nel tuo quotidiano. Alcune cose potrebbero sembrare banali, altre inutili, ma così non è.


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy