Che cos’è la teoria di Dow: sei principi alla base dell’analisi tecnica

La teoria di Dow, nel mondo del trading, è una teoria formulata da Charles Henry Dow nel 1897 che, sulla base di una serie di principi, tenta di prevedere il comportamento futuro delle azioni. Considerata come la prima teoria, è la base dell'analisi tecnica e, quindi, del grafismo.

La teoria di Dow nell'analisi tecnica

Charles Henry Dow formulò la teoria di Dow nel 1897.

Per formularlo, Charles Henry Dow, nel 1884, creò due indici che analizzò per anni. Questi due indici erano il Dow Jones Industrial Average e il Dow Jones Transport Average. Analizzando questi indici, Dow riteneva di poter prevedere il comportamento dell'economia e di numerosi settori correlati tra loro.

Per Dow, la teoria si è concretizzata confermando che un picco o un minimo nel Dow Jones Industrial Average è stato seguito da un picco o un minimo nel Dow Jones Transport Average.

In questo senso, il Dow Jones Industrial Average è stato chiaramente correlato con l'indicatore dei trasporti, in quanto è stato osservato un effetto di trascinamento nei momenti di alta e bassa domanda. In altre parole, quando le aziende industriali producono di più a causa dell'aumento della domanda, i loro profitti e i prezzi delle azioni aumentano, mentre allo stesso tempo si diffondono ad altri settori, che ne beneficiano.

Con questa formulazione, Dow enunciava i principi dell'analisi tecnica, di fatto ne è considerato il padre, indicando al contempo una serie di principi che permettevano di individuare la direzione che il mercato intendeva seguire, nonché di determinare il prezzo degli asset quotati sul mercato.

Principi su cui si basa la teoria di Dow

Detto questo, analizziamo i principi stabiliti da Dow nella sua teoria, che ci permettono di individuare le principali conclusioni dello studio condotto da questo economista.

Si tratta quindi di sei principi:

Il prezzo e ciò che gli indici mostrano è un vero riflesso dell'insieme

In questa linea, Dow ha stabilito che i prezzi e ciò che gli indici mostrano sono un vero riflesso di ciò che sta accadendo nell'economia, in quanto riflettono tutto ciò che influisce sui prezzi delle azioni. Questo è uno dei motivi per cui diciamo che il mercato azionario è un indicatore anticipatore, in quanto riflette già queste aspettative prima che l'economia si muova.

Un mercato si muove in base alle tendenze

In altre parole, data questa correlazione, i mercati si muovono in base alle tendenze, perché una crisi può iniziare in un certo settore, ma trascinerebbe con sé altri, generando una tendenza al ribasso in cui si assiste a un calo generalizzato della domanda.

Tuttavia, Dow ha stabilito una classificazione ufficiale dei tipi di trend esistenti:

In base alla loro direzione, la tendenza può essere:

teoria di dow
  1. Rialzista: quando i prezzi aumentano e i picchi e i minimi analizzati si verificano in un punto sempre più alto.
  2. Ribassista: quando i prezzi scendono e i picchi e i minimi analizzati si verificano in un punto sempre più basso.

A seconda della sua durata, la tendenza può essere:

teoria di charles dow
  1. Tendenza primaria: la tendenza di più lungo periodo e quindi la più forte. La durata è compresa tra uno e tre anni, e può estendersi anche più a lungo. Ogni tendenza primaria è composta da tre fasi, che distinguono se è rialzista o ribassista. Se è rialzista, le tre fasi sono la fase di accumulazione, la fase di tendenza e la fase di distribuzione. Nel caso opposto, se è rialzista, le fasi sono la fase di distribuzione, la fase di tendenza e la fase di panico.
  2. Tendenza secondaria: va contro la tendenza primaria, ma di solito è più breve. In questo senso, la sua durata varia da tre settimane a tre mesi. Nel mondo del trading, queste tendenze sono note come “correzioni” della tendenza principale.
  3. Tendenza terziaria: questa tendenza ha una durata ancora più breve. Nel mondo del trading, ha una durata inferiore alle tre settimane, in quanto si comporta come la correzione di quel trend secondario che ha corretto il trend primario.

I volumi confermano le tendenze

Se osserviamo il volume di mercato, questo dovrebbe confermare la tendenza in termini di numero di operazioni eseguite.

Pertanto, se siamo in un trend rialzista e il prezzo sale, il volume dovrebbe aumentare. Se il prezzo scende, il volume diminuisce con il prezzo. Al contrario, in una tendenza al ribasso, quando il prezzo scende, il volume aumenta, mentre se il prezzo sale, il volume diminuisce.

I due indici devono mostrare una correlazione

Per confermare la teoria di Dow, dobbiamo osservare l'andamento dei due indici a cui Dow allude nella sua formulazione. In questo senso, dobbiamo osservare che entrambi gli indici seguono la stessa tendenza. In caso contrario, potrebbe trattarsi di un errore e la teoria verrebbe violata.

Ricordiamo che per Dow, un picco o un minimo dell'indice industriale è seguito da un picco o un minimo dell'indice dei trasporti.

La tendenza continua fino a nuovo avviso

Un altro principio che questa teoria contempla è che la tendenza che un mercato segue rimane in vigore fino a quando non si osserva una tendenza diversa. In altre parole, non smetteremo di essere in un trend rialzista finché non vedremo che siamo in un trend ribassista e che le condizioni per farlo sono soddisfatte.

In questo modo, la tendenza rimane in vigore fino a quando gli indici non dicono il contrario.

Vengono presi in considerazione solo i prezzi di chiusura

Infine, va notato che la teoria di Dow considera solo i prezzi di chiusura. In altre parole, non tiene conto dei massimi e dei minimi che si verificano durante la sessione, ma solo dei prezzi fissati dagli asset alla chiusura della sessione stessa.

La teoria di Dow e gli indici Dow Jones

Come abbiamo visto nel corso dell'articolo, esiste una chiara relazione tra Charles Henry Dow e i famosi indici “Dow Jones”.

Nel 1882 questo giornalista, insieme al suo socio Edward D. Jones, fondò la Dow Jones & Company Inc.

Questa stessa società, due anni dopo, nel 1884, creò due indici settoriali per la Borsa di New York, che oggi conosciamo come Dow Jones Industrial Average e Dow Jones Transport Average.

Leggi anche: Migliori azioni del Dow Jones

La teoria di Dow nel mondo del trading

Infine, dobbiamo sottolineare che quando parliamo della teoria di Dow, parliamo di una teoria molto conosciuta nel mondo del trading e, in generale, del mercato azionario.

Charles Henry Dow, grazie alla formulazione di questa teoria, è considerato il padre dell'analisi tecnica. Grazie ai suoi principi, oggi molte persone utilizzano l'analisi tecnica, così come il chartismo, che ne rappresenta una buona parte.

I principi che abbiamo esaminato nell'articolo sono, in un certo senso, parte dei principi che regolano l'analisi tecnica.

Potrebbe interessarti: i principali indicatori di analisi tecnica.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Obbligatorio)


Articoli correlati

Come funziona il trading automatico?
Una delle forme di investimento più in voga negli ultimi anni sono i sistemi di trading automatico, basati su algoritmi matematici. Ma cos'è il trading automatico, come funziona e, soprattutto, quali sono i suoi vantaggi e svantaggi? In questo art...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy