Split e reverse stock split: cosa sono

Hai investito nella società “X”, ed eri nervoso per l’ondata di commenti che la società avrebbe lanciato uno stock split e reverse stock split. Bene, rilassati un po ‘qui ti spiegheremo:stock split vs reverse stock split: cosa sono e cosa dovrei prendere in considerazione.

Split e contrasplit: Cosa sono é devo essere consapevole

Che cos’è un stock split o split azionario

Split: significa: dividere, dividere, sezionare un oggetto o un gruppo di essi.

In borsa, una split o divisione di azioni è la divisione o la frammentazione delle azioni di una società, aumentando così il numero di titoli proporzionalmente ma mantenendo il capitale.

Esempio di stock split o frazionamento di azioni

Vediamo con un semplice esempio come funziona uno Split.

Una società “X” negozia sul mercato con un valore di 100 euro per azione, ha 10 milioni di azioni in circolazione e il suo capitale di mercato è di 1000 milioni di euro. La società “X” decide di dividere le azioni in un rapporto di 10: 1, ovvero 10 nuove azioni per una vecchia. Il suo prezzo andrà da € 100 a € 10 e il numero di titoli da 10 a 100.

Il prezzo di questa azienda sarà lo stesso di 1000 milioni di euro. L’azionista che aveva 1000 azioni del valore di 100 € ora avrà 10.000 azioni a 10 €, mantenendo lo stesso valore del suo investimento in portafoglio, 100.000 €.

Dopo la divisione, l’utile netto rimane lo stesso, ma l’EPS scende da € 10 a € 1, quindi l’azionista avrà 10 volte più azioni.

Cos’è un reverse stock split

In termini finanziari si dice che una split è quando le azioni di una società vengono divise, con il risultato che il valore di ciascuna di esse è inferiore. Da parte sua, la Contra Split raggruppa o fonde il numero di azioni sul mercato.

È esattamente il meccanismo opposto a Stocks Split. Società che negoziano a un prezzo troppo basso, con trattative in eccesso sul mercato azionario e che cercano di stabilizzare il loro prezzo

Prezzi molto bassi, fanno sì che gli investitori evitino questo tipo di azioni poiché essendo molto economici, di pochi centesimi di euro, possono supporre grandi percentuali di perdita.

Esempio di reverse stock split

In questo esempio, la società “X” è negoziata a un prezzo di € 10 in borsa, ha € 100 milioni di azioni in circolazione e una capitalizzazione di mercato di € 1 miliardo.

La società effettua un reverse stock split delle azioni in un rapporto di 1: 10, una nuova azione per 10 vecchie azioni, il suo prezzo sarà da € 10 a € 100 per azione e il numero di azioni da 100 a 10 milioni. La capitalizzazione della società sarà la stessa di 1000 milioni di euro.

Pertanto, l’investitore che aveva 1000 titoli quotati a 10 euro ciascuno ora avrà 100 titoli quotati a 100 euro, mantenendo lo stesso valore del suo investimento in portafoglio (10.000 euro).

La società che ha realizzato un utile netto di 100 milioni di euro prima di Contra Split, il suo utile per azione (EPS) era di 1 euro e ora sarà di 10 euro. Sebbene il numero di azioni in portafoglio sia stato ridotto di 10 volte, ciò non ha influito il tuo profitto.

A quale scopo le società effettuano un stock split o reverse stock split

Abbiamo discusso che lo Stock Split divide le azioni in una proporzione maggiore, per aumentare il numero di azioni in circolazione e per rendere più accessibile il loro valore per azione. Al contrario, il reverse stock split raggruppa queste azioni per ridurne il numero (volume) e aumentare il loro valore di mercato.

Abbiamo anche spiegato che sebbene influenzino il volume delle azioni in circolazione e l’utile per azione, il valore totale dell’investimento non cambia. Allora qual è lo scopo di applicare l’uno o l’altro.

Tenendo conto che in entrambi i movimenti non c’è cambiamento né per la società né per l’azionista, poiché la società mantiene il proprio capitale e l’azionista, da parte sua, mantiene il valore del suo investimento. L’unico cambiamento atteso da queste mosse strategiche è un cambiamento nella percezione del mercato.

Un reverse stock split fa sì che una società quoti le sue azioni a un prezzo più alto, evitando così il problema della quotazione a prezzi molto bassi. Con lo Stock Split, al contrario, si ottiene che la società venga quotata a prezzi più convenienti, ottenendo di conseguenza l’eventuale ingresso di nuovi investitori che hanno ritenuto queste azioni molto costose.

Da quello che possiamo dire che sia l’una che l’altra sono strategie puramente psicologiche che cercano di cambiare la percezione del mercato sulle azioni di un’azienda.

Fasi o livelli di splis

Possiamo descrivere 5 fasi applicabili a entrambe le splits.

  • Speculazione: fase in cui si sospetta che un’azienda stia per eseguire una divisione o riduzione.
  • Annuncio: è la reazione dell’investitore ad acquistare le azioni aspettandosi una variazione al rialzo.
  • Dopo l’annuncio: il titolo perde un po ‘di valore a causa della perdita di interesse su ciò che accadrà a loro.
  • Pre Split: il titolo recupera il suo effetto sugli interessi, quindi c’è volatilità nel valore e il volume aumenta.
  • Dopo lo split: il prezzo delle azioni si corregge e il volume diminuisce o aumenta a seconda dei casi.

Perché viene fatto un Stock Split? 

Un Stock Split si verifica quando una società decide di aumentare il numero di azioni in circolazione, riducendone al contempo il valore. La società distribuisce le nuove azioni agli azionisti esistenti in proporzione alle loro attuali partecipazioni.

Gli effetti dei Stock Split

Il Stock Split è una particolare operazione con la quale una società divide le azioni esistenti al fine di strumentalizzarne la liquidità. Anche se il numero di azioni in circolazione aumenta, il valore rimane lo stesso e quindi non viene aggiunto alcun valore reale.

Allo stesso modo, quando un’azione viene suddivisa, la sua liquidità e il volume degli scambi spesso migliorano. La maggior parte delle aziende che si separano lo fanno quando prevedono un prezzo più alto nel lungo periodo. Aumenta la propensione agli investimenti riducendo il costo dei titoli.

Cosa succede al dividendo?

Il dividendo è una parte dell’utile che una società si impegna a versare agli azionisti prima della fine dell’anno finanziario. In assenza di risultati annuali, si basa su stime e calcoli propri per definire l’importo da distribuire.

Cosa succede alla capitalizzazione d’azienda

La capitalizzazione di mercato, o anche detta capitalizzazione azionaria, è il valore totale delle azioni di una società in circolazione sul mercato. Questo valore viene calcolato moltiplicando il numero totale di azioni della società sul mercato per il prezzo corrente delle sue azioni.

  • Per determinare il numero totale di azioni, si tiene conto di quanto segue.
  • Azioni quotate sul mercato, dette anche “fluttuanti”;
  • Azioni non liberamente negoziabili, ossia azioni congelate, come quelle detenute da dirigenti e/o governi.
  • Gli investitori utilizzano le capitalizzazioni di mercato per due motivi: determinare le dimensioni di una società e avere uno strumento per valutare il rischio di investire nelle azioni di quella specifica società.

Cosa comporta per il mercato azionario

Il mercato azionario è il mercato telematico in cui si svolge il maggior numero di negoziazioni di azioni, cioè di quote del capitale sociale. In Italia la borsa si chiama MTA – Mercato Telematico Azionario – e va notato che non coincide con la Borsa di Piazza Affari ma ne rappresenta uno dei segmenti più importanti. Il mercato telematico azionario (MTA) rappresenta il segmento di Piazza Affari in cui vengono scambiate le azioni. L’MTA è suddiviso in:

  • Mercato primario, dove vengono negoziati i titoli di nuova emissione;
  • Mercato secondario, dove vengono scambiati i titoli già in circolazione.
  • Il mercato azionario non è un luogo fisico dove si comprano e si vendono titoli, ma un luogo telematico, dove si comprano e si vendono azioni, cioè beni anche immateriali.

Stock Split nel 2022 

I Stock Split di quest’anno sono stati dominati da grandi società tecnologiche che hanno registrato una rapida crescita e che prevedono di continuare a espandersi per molti anni a venire.

CompanyStock Split RatioAnnouncement DateEx-DatePayable Date
Amazon (NASDAQ: AMZN)20-for-1March 9, 2022May 27, 2022June 3, 2022
Alphabet (NASDAQ: GOOGL) (NASDAQ: GOOG)20-for-1February 1, 2022July 1, 2022July 15, 2022
Shopify (NYSE: SHOP)10-for-1April 11, 2022June 22, 2022June 28, 2022
DexCom (NASDAQ: DXCM)4-for-1March 25, 2022May 19, 2022June 10, 2022
Tesla (NASDAQ: TSLA)3-for-1Aug. 4, 2022Aug. 17, 2022Aug. 24, 2022
Palo Alto Networks (NASDAQ: PANW)3-for-1Aug. 22, 2022Sept. 6, 2022Sept. 13, 2022

Essere attenti ai movimenti del mercato e ai commenti o alle notizie su una società o un’altra potrebbe far sorgere il sospetto di un split, secondo il tuo profilo di investitore potrebbe essere utile se desideri acquisire azioni che prima non consideravi perché sono molto costose, e al di fuori del tuo ambito. Se vuoi conoscere questo e altri argomenti, vieni a trovarci a Rankia Italia.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Guida Analisi Tecnica
Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:
  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'analisi tecnica
  • Come iniziare ad usare l'analisi tecnica

Articoli correlati