Come investire sul Nasdaq? | Rankia: Comunità finanziaria

Come investire sul Nasdaq?

Sul Nasdaq, puoi investire in modo semplice, sia nel mercato generale (attraverso un indice) che in azioni individuali. Tutto quello che devi fare è scegliere lo strumento finanziario che meglio si adatta alle tue esigenze e aprire un conto con un broker.

Nasdaq è il nome del mercato finanziario, più spesso associato alla tecnologia. Perché? Quali sono i vantaggi? E soprattutto, come si può investire in questo mercato?

Questo è ciò di cui parleremo dopo.

Cos'è il Nasdaq?

Il termine Nasdaq è un acronimo. Sta per “National Association of Securities Dealers Automated Quotation”. È un mercato, una borsa. Il più grande degli Stati Uniti dopo il NYSE (New York Stock Exchange).

Il mercato ha anche i suoi “indici rappresentativi” che prendono anche il nome di Nasdaq (si parlerà questo in un momento). Quindi, quando ci chiediamo come investire sul Nasdaq, possiamo riferirci a come investire nelle azioni di questa borsa (Nasdaq Stock Market) o in uno qualsiasi dei suoi indici. L'index investing può essere inteso come “investire nel mercato Nasdaq in generale” (l'indice è una media ponderata dei titoli più significativi e viene utilizzato per misurare l'evoluzione generale del mercato).

Vale la pena notare che il Nasdaq Stock Market non ha una struttura fisica (come il pavimento del New York Stock Exchange), ma si basa su una rete di telecomunicazioni.

Ci sono individui che scambiano azioni tra di loro. Si chiamano “Markets Makers”. Attraverso questa rete, pubblicano i loro prezzi (sia di acquisto che di vendita); allo stesso tempo, possono vedere i prezzi pubblicati da altri “Market Makers” e piazzare ordini di acquisto e vendita.

I cambiamenti di prezzo si riflettono su un grande schermo situato al 4 Times Square (New York).

Una breve storia del Nasdaq per una migliore comprensione

La nascita del Nasdaq, come mercato azionario, avviene quando la Securities Exchange Commission (SEC), il regolatore del mercato azionario negli Stati Uniti, chiese alla National Association of Securities Dealer (NASD) di regolare il mercato OTC(Over The Counter), negli anni 60.

Prima che il Nasdaq vedesse la luce, le azioni delle società potevano essere comprate e vendute in tre modi negli Stati Uniti:

  • Alla Borsa di New York (NYSE).
  • Sulla Borsa Americana (AMEX).
  • Fuori borsa (OTC; “over the counter“: contratti tra due parti, fuori dal mercato ufficiale).

Comprare e vendere azioni OTC non è illegale, ma nemmeno tutte le garanzie di sicurezza, trasparenza, liquidità, ecc. Per questo motivo, la SEC ha chiesto una migliore organizzazione.

Questo portò all'automazione del mercato (da parte della NASD), come già menzionato, e quindi il NASDAQ fu creato nel 1971.

Tuttavia, non gli piaceva una cosa: era ancora un mercato over-the-counter, e quindi secondario. Le aziende che erano quotate su di esso hanno iniziato così perché non avevano accesso a un “vero piano di trading“. In altre parole, la loro ambizione era di entrare nel mercato AMEX, e il culmine era di entrare nel NYSE (la più grande borsa valori).

Per essere quotate in borsa, le aziende devono soddisfare una serie di requisiti. Tuttavia, le condizioni fissate dal NYSE sono molto rigide e rendono difficile per le giovani aziende essere quotate.

Così, molte aziende hanno iniziato ad essere quotate su questo nuovo mercato. Queste erano principalmente aziende tecnologiche e per questo motivo il Nasdaq è sempre stato identificato con la tecnologia. Il commercio elettronico completo ha anche giocato un ruolo importante nell'attrarre le aziende di questo settore.

Ma la National Association of Securities Dealers Automated Quotation (NASDAQ) non voleva essere un mercato di “secondo livello“. Così, nel 1975, ha sviluppato un proprio insieme di regole di quotazione e ha separato i titoli delle aziende più potenti dall'OTC. Nel 1982, le società Nasdaq più potenti si separarono e formarono il Nasdaq National Market.

Infine, nel 1991, i regolatori del mercato azionario hanno riconosciuto le azioni della società Nasdaq come equivalenti alle azioni quotate all'AMEX o al NYSE.

Attualmente, questo mercato è gestito dalla “Nasdaq Stock Market Company” (poi privatizzata). È anche il mercato per eccellenza dove sono quotate le aziende tecnologiche (elettronica, biotecnologia, telecomunicazioni, informatica). Aziende come Microsoft e Intel sono quotate in questa borsa.

Inoltre, la sua popolarità è arrivata con la “grande bolla internet” degli anni '90.

Indici Nasdaq

Come facciamo a sapere come sta cambiando un particolare mercato azionario? ….

Dovremmo guardare tutte le aziende elencate su di esso, analizzarle una per una e fare la media dei movimenti che hanno sperimentato individualmente. In questo modo, avremo un'idea se il mercato, in generale, si è comportato in modo rialzista o ribassista.

Ma c'è un modo più semplice: prendere un insieme di azioni più rappresentative e attraverso il prezzo medio (ponderato, nella maggior parte dei casi) di queste azioni, controllare la loro evoluzione. Questo è ciò che è un indice di borsa.

Come abbiamo già detto, l'investimento nell'indice è come investire nel mercato nel suo insieme. In questo caso, investire nell'indice Nasdaq è come investire in un paniere di azioni composto da una serie di società Nasdaq più rappresentative: seguire l'evoluzione del mercato globale.

Gli indici del Nasdaq sono i seguenti:

  • Nasdaq 100: L'indice Nasdaq 100 è stato creato il 31 gennaio 1985 e consiste nelle 100 maggiori aziende tecnologiche quotate nel “Nasdaq Stock Market” (in realtà 103, dato che 3 delle aziende che lo compongono emettono due classi di azioni). Non include azioni di società finanziarie (o d'investimento); per questo motivo, il Nasdaq 100 è un buon riflesso del settore tecnologico. Sia le aziende statunitensi che quelle straniere possono essere quotate sul “Nasdaq Stock Market (dal 1998). L'indice riflette quindi la performance delle 100 maggiori aziende tecnologiche del mondo.
  • Nasdaq Composite: Questo indice è composto da tutte le società quotate sul mercato Nasdaq. Le azioni di più di 3.000 aziende sono scambiate su questa “borsa elettronica“. Queste possono essere azioni di società finanziarie, di investimento e tecnologiche in generale.
  • Nasdaq Biotechnology: Nasdaq Biotechnology consiste in aziende farmaceutiche e biotecnologiche che sono quotate sul “Nasdaq Stock Market” (e devono essere quotate solo su quel mercato), oltre ad altri requisiti).
  • Nasdaq Financial: include tutte le società finanziarie che sono escluse dal Nasdaq 100.

FOTO

Perché investire nel Nasdaq?

Non tutte le aziende quotate al Nasdaq sono aziende tecnologiche. Ma questo mercato è fortemente orientato verso questo settore. L'indice Nasdaq 100 ha una quota di tecnologia del 54%. Presenta le aziende leader in questo settore in tutto il mondo.

La forte performance delle aziende tecnologiche è tradizionalmente associata alla fase espansiva del ciclo economico. Tuttavia, a causa dei grandi cambiamenti sociali che stiamo vivendo, la tecnologia è sempre più presente nelle nostre vite.

La tecnologia ha applicazioni reali in ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Permettetemi di fare solo alcuni esempi:

  • Trasporti (veicoli sempre meglio equipaggiati in termini di comfort e sicurezza).
  • Telecomunicazioni (reti sociali, nuove forme di intrattenimento e informazione, B2C, B2B, 5G, ecc.)
  • Sanità (robotica, biotecnologia, ecc.).
  • Servizi finanziari (e-banking, Fintech, robo-advisors, Blockchain e criptovalute, ecc.)
  • IT (domotica, cloud computing, intelligenza artificiale, big data, ecc.)

Anche se alcuni analisti e investitori parlano della possibilità che una bolla possa essere creata dalla crescita sperimentata da questo settore negli ultimi anni, la verità è che i profitti registrati dalle aziende tecnologiche e il progresso che possono sperimentare causano il valore di questo tipo di aziende è anche aumentato.

Molte aziende di questo settore sono tra le prime dieci aziende più grandi del mondo:

  • Mela.
  • Microsoft.
  • Amazon.
  • Alphabet (Google).
  • Alibaba.
  • Facebook.

In altre parole, è possibile trovare titoli solidi e ricchi di liquidità con buone posizioni di bilancio nel settore tecnologico.

Inoltre, le “aziende tecnologiche” sono sempre state associate alla volatilità. Questo è in parte vero: la volatilità di questo settore sta lentamente raggiungendo quella di altri settori più maturi; non hanno più lo stesso potenziale di rischio degli anni 1990 e 2000 (quando la bolla dot-com è scoppiata).

Per riassumere quanto detto finora: questa è un'industria con un potenziale di crescita crescente. La perturbazione causata dalla tecnologia sta cambiando questo tipo di business. Non possiamo più parlare del settore venture nel suo insieme, ha aziende stabili.

In ogni caso, le aziende tecnologiche sono caratterizzate dalla necessità di innovazione continua, la qualità del management è un fattore che deve essere studiato:

Questi sono titoli ad alta crescita. Una buona gestione può fare la differenza (e trasformare un'azienda nel nuovo Facebook o Netflix).

Le risorse dovrebbero essere assegnate nel modo più efficiente possibile.

Come investire sul Nasdaq?

Se stai pensando di investire sul Nasdaq, hai un'intera gamma di opzioni a tua disposizione, ognuna con le sue caratteristiche, vantaggi e svantaggi.

Comprare azioni per contanti

È possibile acquistare azioni di una o più società quotate sul mercato Nasdaq. Si può anche creare un paniere di azioni rappresentativo della performance del mercato (se non uguale a nessuno dei suoi indici, allora molto simile). Questa opzione è la più classica e una delle meno rischiose per l'investitore.

Mentre, come menzionato sopra, ci sono azioni che stanno diventando più stabili e la volatilità del settore tecnologico (specifico del Nasdaq) si sta riducendo, non bisogna dimenticare che si tratta di un investimento azionario e il rischio è sempre presente. Uno dei modi migliori per combattere questo è la diversificazione.

Il problema è la mancanza di diversificazione che si può ottenere con questo metodo. Creare un portafoglio di azioni in contanti richiede un alto livello di capitale.

Per questo motivo, a meno che non si disponga di una grande somma iniziale e si possa replicare l'indice nella stessa ponderazione, un investitore deve analizzare i sottosettori in cui si vuole investire così come i singoli titoli per creare il proprio portafoglio.

Esempi di società quotate al Nasdaq (e incluse nel Nasdaq 100) includono:

  • Software: Microsoft, SAP, Oracle, IBM, Symantec, ecc.
  • Hardware: Apple, Samsung.
  • Internet: Facebook, Google.
  • Semiconduttori: Intel, Qualcomm, Infineon Technologies.
  • Commercio elettronico: Amazon, Paypal.
  • Biotecnologia: illumina, Gilead Sciences.

Le società tecnologiche, con l'eccezione di alcune, non offrono tipicamente un alto rendimento da dividendo. Questi tipi di titoli, costretti a sostenere costantemente l'innovazione, devono destinare le proprie risorse alla ricerca, allo sviluppo e all'innovazione. E questo mette una parte dei profitti nelle riserve per intraprendere questi investimenti (che possono essere trasformati in crescita, è qui che entrano in gioco la capacità di gestione e i progetti indirizzabili).

Ecco perché la strategia dei dividendi, che è tipica degli investitori che comprano azioni con contanti, non funziona per investire nel Nasdaq. Il rendimento proviene principalmente dalle plusvalenze generate quando si vendono e si comprano azioni.

Sul lato positivo, è possibile investire nel Nasdaq attraverso singoli titoli e non essere così esposti al settore tecnologico. Ci sono altre società quotate su questo mercato, molte delle quali fanno parte dell'indice Nasdaq 100:

  • Cibo: PepsiCo, Monster Beverages.
  • Prodotti farmaceutici: Mylan, Alexion Pharmaceuticals, Celgene.
  • Automotive: Paccar, O'Reilly Auto Parts.
  • Trasporto: Gruppo American Airlines.

Fondi comuni di investimento

Se vuoi investire direttamente nel Nasdaq attraverso il suo indice o creare un portafoglio diversificato con un'enfasi sui titoli tecnologici quotati al Nasdaq, i fondi comuni offrono una buona alternativa.

In effetti, questi prodotti d'investimento sono progettati per avvicinare il mondo degli investimenti al risparmiatore medio. Investire in fondi è semplice e si ottiene automaticamente un portafoglio completo e diversificato di titoli.

Ci sono fondi indicizzati che replicano la performance degli indici. Questo tipo di fondo comune può essere una buona opzione perché non devono gestire attivamente il portafoglio (a parte il riequilibrio periodico) e quindi hanno commissioni più basse.

Questo rende possibile investire nell'intero mercato Nasdaq attraverso un fondo comune che segue la performance di uno dei suoi indici.

È anche possibile investire nel Nasdaq attraverso “fondi comuni di investimento” a gestione attiva. In questo caso, la performance del mercato stesso non sarà esattamente replicata. Ma se il manager fa un buon lavoro, si può sovraperformare il mercato.

I vantaggi dei fondi comuni possono essere riassunti come segue:

  • Diversificazione perché hai accesso a un portafoglio completo.
  • Gestione professionale.
  • Liquidità assoluta.
  • Vantaggi fiscali (specialmente quando si trasferisce il capitale tra fondi).
  • Futuri finanziari.

Per investire nel Nasdaq attraverso un fondo, tutto quello che devi fare è contattare l'ente di gestione o di marketing del fondo.

Futures e opzioni finanziarie

Un altro modo di investire nel Nasdaq è attraverso strumenti finanziari derivati. Questo tipo di strumento permette di investire direttamente in un indice. Si chiamano derivati finanziari perché sono prodotti che si basano sul prezzo di altre attività (chiamate “sottostanti“).

In altre parole, è possibile investire nel Nasdaq 100 comprando o vendendo futures o opzioni su questo indice. È anche possibile investire in azioni individuali.

Un contratto futures è semplicemente un contratto in cui i termini di acquisto e vendita dell'attività sottostante (come azioni, indici, obbligazioni, materie prime, ecc.) sono fissati oggi, ma la consegna e il pagamento sono effettuati in una data futura. Questi contratti possono essere scambiati su un mercato organizzato a un prezzo specifico.

Le opzioni, d'altra parte, sono uno strumento simile. In questo caso, l'acquirente dell'opzione (o delle opzioni) non è obbligato ad eseguire il contratto (lo è il venditore). A seconda del prezzo del sottostante, può annullare la transazione se ritiene che sia contro il suo interesse finanziario.

Leva

Una certa quantità di denaro deve essere lasciata come margine. L'intero investimento non viene depositato (almeno fino alla scadenza del contratto). Ciò significa che non è necessaria una grande quantità di capitale per prendere grandi posizioni: il capitale può essere moltiplicato. Questo è noto come leva.

Con le opzioni, l'acquirente deve pagare al venditore un premio per il diritto di cancellare il contratto. Se il contratto viene annullato, l'acquirente perderà questo premio (questa sarà la sua perdita massima).

Mentre la leva finanziaria offre l'opportunità di maggiori rendimenti, viene anche con un rischio maggiore per l'investitore. In un mercato finanziario storicamente volatile come il Nasdaq, la gestione del denaro e del rischio deve essere una considerazione fondamentale.

Transazioni brevi e lunghe

La capacità di non dover consegnare beni o pagare un prezzo significa che un investitore può venderli sul mercato senza possederli. L'idea è di ricomprarli più tardi (prima della scadenza) a un prezzo più basso e trarre profitto da un calo dei prezzi. Questo è noto come ‘short trading‘ o ‘apertura di una posizione corta'.

L'operazione inversa, cioè comprare un contratto futures e poi venderlo sul mercato quando il suo valore sale, prima della data di scadenza. Questo si chiama “trading long” o “apertura di una posizione long“.

Con le opzioni, è possibile comprare o vendere opzioni che ti danno il diritto di comprare (opzioni call) o vendere (opzioni put).

Vantaggi e svantaggi

I derivati finanziari sono stati creati per due scopi specifici:

  • Copertura del rischio.
  • Trading (speculazione).

In questo modo, puoi investire in azioni spot e coprire qualsiasi calo del mercato comprando opzioni o futures finanziari (short trading).

È anche possibile investire a breve termine (breve o lungo) e moltiplicare i profitti attraverso la leva finanziaria (senza trascurare la corretta gestione del rischio).

In ogni caso, sia i futures che le opzioni sono strumenti quotati sul mercato ufficiale, quindi il volume di ogni contratto, le date di scadenza e altri dettagli sono standardizzati. Se vuoi fare trading sul Nasdaq, hai meno flessibilità (e anche posizioni più grandi).

CFD

I CFD (Contracts for Difference) sono un tipo di derivati finanziari, ma non sono scambiati su un mercato ufficiale (è un prodotto over-the-counter). Sono quindi prodotti più flessibili, destinati a investimenti a breve termine.

È un contratto tra due parti, un compratore e un venditore. Entrambe le parti decidono di aprire una posizione su qualsiasi attività finanziaria, e quando il commerciante decide di chiuderla, la differenza di prezzo tra i due momenti deve essere scambiata (a beneficio o a svantaggio del commerciante).

Come potete vedere, in nessun momento un bene viene acquisito fisicamente. Le differenze di prezzo che possono esistere tra l'apertura e la chiusura dell'operazione vengono semplicemente liquidate.

L'operazione può essere sia corta che lunga, il che significa che si ha la possibilità di comprare o vendere un CFD: il trader ha l'opportunità di guadagnare sia sul rialzo che sul ribasso del Nasdaq (o dei singoli titoli che possiede). Prendere una posizione corta è facile come prenderne una lunga.

Un altro aspetto importante è che i CFD, a differenza dei futures e delle opzioni, non hanno una data di scadenza. Il trader può tenere la posizione aperta per tutto il tempo che vuole.

Come prodotti derivati, offrono anche una leva. Tuttavia, quando fai trading con un broker con sede in Europa, la leva massima è limitata dalla European Financial Markets Authority (ESMA):

  • 1:20 per i principali indici.
  • 1:5 per la singola azione.

I CFD possono avere come sottostante l'indice Nasdaq o singole azioni quotate su questo mercato. Per fare trading sul Nasdaq attraverso i CFD, tutto quello che devi fare è contattare un broker che offre questi prodotti derivati, avere una piccola quantità di capitale e la capacità di fare trading. Aprire un conto con un broker è un processo semplice e di solito viene fatto completamente online.

È estremamente importante che il broker dove si apre un conto di trading per operare sul Nasdaq sia regolamentato, dato che si tratta di un mercato over-the-counter (OTC).


Guida Analisa tecnica
Guida raccomandata

Guida all´a analisi tecnica

Impara tutto sull'analisi tecnica e porta il tuo trading al livello successivo.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy